SPIRITO LIBERO E INDOMITO. IL FORUM DI CHI NON AMA CANTARE NEL CORO DEI PIU'.

DISCUSSIONI GENERALI - Omosessualità...

Anonymous - Mer Giu 06, 2007 11:51 pm
Oggetto: Omosessualità...
L'omosessualità ho scoperto da poco che è molto diffusa e latente, un mio amico-conoscente mi ha confessato con molto dolore che il figlio trentenne è Gay, io sono rimasto molto colpito dall'espressione del mio amico che denotava dolore e vergogna per il figlio.
Ma nel 2007 è ancora pensabile che queste cose portino delle tragedie nelle famiglie?
Io mi sono imbattuto nel 2001 nel GAY PRIDE di Sydney, per seguire il giro del mondo a vela , e devo dire che tutti si sono divertiti alla grande senza creare nessun problema di ordine pubblico.
Anzi è stato veramente divertente come una nostra sfilata di Carnevale ed erano in 100.000.
Anonymous - Gio Giu 07, 2007 12:10 am
Oggetto:
Citazione:

Io mi sono imbattuto nel 2001 nel GAY PRIDE di Sydney, per seguire il giro del mondo a vela


Si si......dicono tutti così........ Mr. Green
Anonymous - Gio Giu 07, 2007 12:20 am
Oggetto:
Maske70 ha scritto:
Citazione:

Io mi sono imbattuto nel 2001 nel GAY PRIDE di Sydney, per seguire il giro del mondo a vela


Si si......dicono tutti così........ Mr. Green


Scostumato e malpensante, di la nessuno ha osato insinuarlo Mr. Green Laughing Laughing Laughing Laughing Laughing Laughing Laughing

Ho visto che hai fatto danno anche di la, che ti possa inceppare la dillon...
Anonymous - Gio Giu 07, 2007 12:24 am
Oggetto:
Perchè non hai letto ultimamente...... Mr. Green
E dai....dillo che stai facendo outing......io in cava con te ci vengo lo stesso Mr. Green Mr. Green Mr. Green
(dopo tanta tristezza ho voglia di sorridere un po' Sad )
Anonymous - Gio Giu 07, 2007 8:16 am
Oggetto:
merit66 ha scritto:

Scostumato e malpensante, di la nessuno ha osato insinuarlo Mr. Green Laughing Laughing Laughing Laughing Laughing Laughing Laughing

Ho visto che hai fatto danno anche di la, che ti possa inceppare la dillon...


nessuno ha osato insinuarlo ma tutti lo hanno pensato....... Wink e se lo son tenuti dentro...... almeno maske ci ha riso su...... Smile

credo che ci siano ancora delle barriere psicoologiche insormontabili, putroppo la diversità piace poco.

Ciauz

Johndog
Anonymous - Gio Giu 07, 2007 8:34 am
Oggetto:
caro Jd hai perfettamente ragione, lo sperimentiamo quotidianamente proprio noi appassionati di armi. Ogni volta che il discorso cade sulla nostra passione ecco che ci fanno sentire come degli appestati, ci guardano dall'alto in basso perchè siamo "diversi", non "omologati", figurarsi poi sentir parlare di omosessualità!!!!!
Io penso che già il chiamare "diverso" qualcuno sia decisamene poco piacevole, il voler etichettare qualcuno come normodotato, diversamente abile, non vedente, audioleso, e chi più ne ha più ne metta, denota di per sè, anche se allo stato latente, non cosciente, un senso di superiorità che ci dovrebbe derivare dal non essere "diversi" !!
Quello che ho sempre cercato di insegnare ai miei figli è il non etichettare, catalogare le persone in base a quello che possono sembrare, bensì in base a quello che sono, considerarle perciò delle "persone" e basta!!!!!
Anonymous - Gio Giu 07, 2007 9:04 am
Oggetto:
Johndog ha scritto:

nessuno ha osato insinuarlo ma tutti lo hanno pensato....... Wink e se lo son tenuti dentro...... almeno maske ci ha riso su...... Smile

credo che ci siano ancora delle barriere psicoologiche insormontabili, putroppo la diversità piace poco.

Ciauz

Johndog


Parlare di sesso è come parlare di dio(religione), politica e di calcio ti coinvolgono e la tua squadra è sempre la migliore...
Anonymous - Gio Giu 07, 2007 9:22 am
Oggetto:
merit66 ha scritto:
Johndog ha scritto:
[quote="merit66"

nessuno ha osato insinuarlo ma tutti lo hanno pensato....... Wink e se lo son tenuti dentro...... almeno maske ci ha riso su...... Smile

credo che ci siano ancora delle barriere psicoologiche insormontabili, putroppo la diversità piace poco.

Ciauz

Johndog


Parlare di sesso è come parlare di dio(religione), politica e di calcio ti coinvolgono e la tua squadra è sempre la migliore...


e in italia tra politica e calcio siamo messi maluccio. per accettare le diversita' ma veramente non solo a parole ci vuole un apertura mentale che ancora non abbiamo. non mi vorrei sbagliare ma forse c'e' qualche differenza tra provinciali(di cui faccio parte) e abitanti di citta' che forse sono piu' abituati a vedere gente diversa da loro, anche se questo ovviamente non vuole dire accettare!!
Anonymous - Gio Giu 07, 2007 3:51 pm
Oggetto:
Diciamo che è tutto un discorso di apertura mentale; provincia o grande città cambia poco. Io onestamente sono abbastanza neutro nei loro confronti, non mi piacciono molto ma non li condanno come appestati. Devo considerare anche che per alcuni anni ho lavorato gomito a gomito con uno di loro, dichiarato, col quale avevamo stabilito un patto di non belligeranza reciproca e devo dire andavamo anche d'accordo. poi, lui si è dimesso ed ha cominciato a fare la pu[[ana sulle strade. A questo punto ha cominciato a disgustarmi...........per il resto lascio vivere........
Anonymous - Ven Giu 08, 2007 7:11 pm
Oggetto:
Diritti degli omosessuali e i diritti di tutti
di Roberto Casati

Contro natura.

Affidereste l'educazione dei vostri figli a chi vive contro natura? Gli affidereste la vostra e la lora esistenza? Senza nemmeno farvelo presentare per vedere se vi ispira fiducia? Probabilmente l'avete fatto decine di volte. Il pilota dell'aereo su cui ho appena viaggiato, per esempio, tanto naturale non era. Passa un quarto del suo tempo a mille all'ora in un tubo di metallo sospeso tra le nuvole. Non è il solo personaggio contro natura. La maggior parte delle persone che conosco (me compreso) fa cose del tutto innaturali: legge parole scritte centinaia di anni fa da sconosciuti, parla in tempo reale a persone all'altro capo del pianeta, sorpassa Tir, fa zapping alla televisione. Tempo sottratto alle attività per cui l'evoluzione ci ha programmati così bene: raccogliere bacche, copulare, raccogliere altre bacche, mangiare, dormire.

L'esempio è volutamente banale. Serve solo a mostrare che la nozione di "natura" non può reggere da sola il carico morale che si legge nel divieto di fare "cose contro natura".

Per due ragioni. In primo luogo perché è una nozione dai margini confusi e dalla geometria variabile.

I tentativi di circoscriverla hanno dato origine a miti grotteschi, come quello del buon selvaggio che si anniderebbe in ciascuno di noi e che lasciato a se stesso si scatenerebbe nel ciclo spensierato di raccolta bacche, riproduzione e sonno.

Per fortuna non esistono né sembrano essere mai esistiti umani con queste prerogative: lo stato di natura è una finzione culturale.

In secondo luogo, anche se avessimo una nozione chiara e magari scientificamente confermata di che cosa è naturale e che cosa non lo è, potremmo veramente utilizzarla a fini morali? E in che modo? Potremmo ad esempio censurare, condannare o addirittura vietare i comportamenti che risultassero contro natura.

La tentazione di usare la natura come garanzia per la morale è forte:

la natura è inappellabile. E certo molte società, individui e religioni hanno censurato, condannato se non vietato molti comportamenti considerati non naturali.
La sfera sessuale, dagli incerti confini (a cavallo tra l'istinto e la cultura), è sempre stata un bersaglio privilegiato. Certi Stati americani hanno bollato come illegali alcune posizioni dell'amore eterosessuale. Le culture del mondo hanno rapporti più o meno distesi con l'amore omosessuale.

Tutto dipende da quanto circoscritto è il concetto di natura cui si fa ricorso di volta in volta. Se la nozione di natura è "larga", l'omosessualità è del tutto naturale.
Ma se si invoca una naturalità "ristretta" si rischia di dover condannare e vietare anche l'uso dell'auto e dell'aereo, il mandare i propri figli a scuola e forse anche il mantenersi fedeli al proprio partner.

DEVIANZA e malattia.

Quanto la questione sia complessa viene mostrato dalle discussioni sull'ipotesi che l'omosessualità abbia una componente genetica.

Se si rivelasse vero che una certa percentuale della popolazione umana ha predisposizioni omosessuali iscritte nei propri geni, che conclusioni potremmo trarne? I più tolleranti osserverebbero che questo fatto conferisce un aspetto più naturale all'omosessualità.

Alcuni vi vedranno invece una patologia (una "devianza") che rende l'omosessuale un paziente da compatire e forse da assistere.
Questa medicalizzazione delle scelte sessuali non regge a un serio scrutinio. Non ci sono ragioni mediche per difenderla, come non ci sono ragioni mediche per "curare" le persone con gli occhi azzurri (un carattere recessivo).
Se la natura non ci aiuta, le uniche ragioni per cercare di "circoscrivere" l'omosessualità sono culturali. Vediamone alcune.

MINACCE per la società.

Un approccio normativo confuso alla sfera sessuale prende il volo da considerazioni su ciò che è bene e ciò che è male per la società.
(Di passaggio: capita spesso che gli argomenti naturalisti e quelli sociali vengano offerti in tandem persino da chi sostiene che la società si oppone alla natura! Malafede e coerenza non sono necessariamente in buoni rapporti.)
In che cosa consiste questo approccio? Vien detto che "la coppia eterosessuale è il fondamento della società umana", ovvero che, in soldoni, "la società non potrebbe perpetuarsi se tutti fossero omosessuali".

Sarà vero? A rigor di logica, una società di donne omosessuali che procrea in modo assistito e di uomini omosessuali che adotta una parte dei pargoli così procreati è del tutto possibile.
Ma non è questo il punto. Anche se per ipotesi la società traesse un qualche innegabile vantaggio dalla presenza di una percentuale elevata di coppie eterosessuali, in che modo si potrebbe convertire questo fatto in una norma?

Per poter avere valore le norme devono anche essere ragionevolmente implementabili. Si dovrebbero dunque convincere (incoraggiare, obbligare) le coppie omosessuali esistenti a sciogliersi e rifondare coppie eterosessuali?

INCENTIVI e disincentivi.

La via blanda seguita da molte società è finora consistita nell'offrire incentivi alle sole coppie eterosessuali: automaticamente questo dovrebbe produrre un disincentivo alla coppia omosessuale.
Ma non è affatto chiara la logica di questo programma. Forse (se non si tratta semplicemente di una punizione morale senza alcun valore di deterrenza) si spera che una persona, attratta dai benefici che lo stato offre alla famiglia eterosessuale, abbandoni o reprima la propria omosessualità e si convinca a sposarsi e magari a procreare?

La conseguenza più ovvia è invece che molte persone finiscono con il subire, per il semplice fatto di essere omosessuali, una discriminazione sociale.
Questo ha un assai dubbio valore morale. Si noti che questa discriminazione si applica anche alle coppie caste, o alle convivenze tra amici senza alcuno sfondo sessuale.
Claudio Magris in un articolo divertente sul Corriere della Sera di qualche mese fa aveva ironizzato sull'ossessione che porta a vedere in ogni convivenza, compresa quella breve dei viaggi d'affari, un fine sessuale.

IMMORALITÀ .

Se non è natura e non è società, sarà forse una questione di morale? Il problema è che la morale si declina in molti modi - ogni individuo sembra avere la sua. Ed è difficile mettere tutti d'accordo.
Problema complicato in Italia dall'autoproclamata autorità morale della Chiesa, che offrirebbe un punto di vista superiore sulle questioni morali. Ulteriormente complicato dal fatto che la Chiesa non offre particolari aperture verso il mondo omosessuale - senza validi argomenti, a mia conoscenza.

CHIESA, autorità morale e società.

La posizione della Chiesa Cattolica è assai delicata ed è difficile non percepirla come tale.
Da un lato la Chiesa asserisce che la famiglia (orientata alla riproduzione) è il fondamento della società - escludendo automaticamente dalla sfera sociale tutti coloro che una famiglia non l'hanno, o non vogliono averla.

D'altro lato richiede agli ecclesiastici di non formare famiglie.

Si tratta sicuramente di una svista logica: le ragioni addotte per criticare le scelte omosessuali sono esattamente quelle che si possono addurre contro il celibato.
Bisogna scegliere, ma non basta. I due precetti presi insieme implicano che gli ecclesiastici non fanno parte della società.
L'incoerenza, o nella migliore delle ipotesi l'autoesclusione sociale, rendono difficile riconoscere alla Chiesa una qualsiasi autorità morale sulle questioni sessuali.

SESSO e logica.

Ma in che modo si può mai venir urtati alla vista di qualcuno che ha preferenze sessuali diverse dalle proprie?
Difficile capirlo. Le preferenze sessuali dei mariti sono diverse da quelle delle loro mogli - ai primi piace l'eterno femminino, alle seconde il profilo virile (scusate le categorie un po' grossolane). Nessuno è urtato da queste differenze, anzi molti le trovano del tutto auspicabili.

LO SCARTO tra il paese e la sua classe politica.

In fondo le cose che ho scritto qui sopra mi sembrano di poco momento.

A malapena usciamo dal buon senso. Un buon senso che mi è parso di ritrovare in molte discussioni con amici di destra e di sinistra, religiosi e atei, omosessuali ed eterosessuali.

Quello che stupisce è come molti esponenti della classe politica prendano posizioni che sono nettamente meno misurate e tolleranti di quelle dei loro elettori.

"PURTROPPO c'è la Costituzione".

La frase imperitura pronunciata dal Presidente del Consiglio era in realtà una sfumata ironia (così ha dichiarato in seguito Amato).

Ironia o gaffe, è sicuramente un titolo azzecato per un manuale di educazione civica.

Altri libri istruttivi potrebbero recare titoli simili: "Purtroppo ci sono le leggi", "Purtroppo c'è il Codice della Strada", "Purtroppo c'è la buona educazione", "Purtroppo c'è la logica".

"Purtroppo" è la parola che si dovrebbe sbandierare ogniqualvolta qualcuno cercasse di imporre il proprio punto di vista al suo prossimo con armi o atteggiamenti che mostrano come il prossimo in questione sia ritenuto incapace di pensiero e scelte autonome.

Purtroppo c'è quel meraviglioso intreccio di convenzioni e regole che proteggono la libertà di ciascuno. Più che astratti principi legati a un'inesistente natura o a sciocchi precetti nati dalle antipatie per una sessualità che non si condivide, questo intreccio costituisce il tessuto stesso della società e della cultura.

COMING OUT.

Dato che le scelte sessuali sono cosa privata, la battaglia per una tranquilla integrazione degli omosessuali nel tessuto sociale è in realtà una battaglia per i diritti di tutti ad avere gusti e preferenze e a fare scelte che nessuna autoproclamata autorità possa sindacare.

È una battaglia esemplare, che riguarda veramente tutti: omosessuali, eterosessuali, bisessuali, e persone votate alla castità.

Exclamation
Anonymous - Dom Giu 10, 2007 12:38 am
Oggetto:
Era da un pò che non venivo, ma noto che ancora si parla dell'omosessualità. Ho letto l'articolo in questione, ma è un articolo che si riduce ad un cumulo di idiozie. E' ovvio che un omosessuale può fare le stesse cose di un etero, ma chi ha detto mai il contrario; può guidare la macchina, può condurre un treno, può fare benissimo anche la guerra. E' ovvio che abbia gli stessi diritti degli altri, ma che nessuno mi venga a dire che il rapporo omosex è un rapporto pensato dalla natura. Per quanto la lobby degli omosex si sforzi di dimostrare il contrario, è sufficiente conoscere un pò di anatomia e un pò di fisiologia per comprendere come senza ombra di dubbio la natura non abbia mai pensato ad un rapporo di questo genere, in quanto nella sua economia non serve assolutamente a nulla, ma al contrario sarebbe solo un danno. Evitiamo di scendere poi nei particolari di quanto poi questo tipo di rapporto sia, a lungo andare, anche dannoso.
Ma personalmente non entro nel merito delle scelte private, ma prendo una decisa posizione, quando certe scelte possono influire negativamente sull'intera comunità.
Trovo pertanto delinquenziale l'adozione di bambini da parte di coppie gay, in quanto è un sacrosanto diritto del bambino avere un padre e una madre, visto che si parla proprio di diritti. Parlo con cognizione di causa, poiché ho a che fare proprio con adolescenti da una vita, e so i traumi che derivano da una situazione familiare anomala. La moglie di Reagan ebbe a dire una volta: è stata la famiglia a rendere grande questa nazione. Ritengo che la cosa sia senz'altro vera, e ritengo pure che i grandi mali della nostra società derivano proprio dal fatto che qualcuno ha voluto e vuole distruggere la famiglia in modo scientifico. Continuando di questo passo è fuor di dubbio che la nostra civiltà sarà spazzata via proprio da quelle civiltà dove la famiglia costituisce il nerbo della comunità.
Per il resto le dissertazioni da salotto che si vedono in tv, o si leggono sui giornali, spesso pilotate, lasciano il tempo che trovano, poichè con le parole possiamo dimostrare tutto e il contrario di tutto. L'esempio lo danno i nostri politici: quando li sentiamo parlare, sembrano che abbiano tutti ragione, salvo poi a fare i conti con la realtà.
Anonymous - Dom Giu 10, 2007 7:39 am
Oggetto:
Ibis concordo con questa tua bellissima e più che convincente analisi, la sposo in pieno e la condivido totalmente.
Assurdo pensare che ci sia solo una virgola fuori posto, hai ragione anche per quanto riguarda il concetto di famiglia e società: tutte queste deviazioni non fanno altro che minare la vera forza di una Nazione, e nessuno lo capisce.
Parole come tolleranza, biodiversità e quant'altro, dovrebbero trovare dei limiti ben precisi nel momento in cui si va a minare le fondamenta stesse su cui si basa l'intero impianto di un Paese: la famiglia.
Lasciamo stare i diritti di ciascuno ad esprimersi come meglio crede in termini di sessualità, rimane il fatto, e lo sottolineo, che l'omosessualità è contro natura, punto e basta. E' vero che anche nel mondo animale esistono numerosi casi di omosessualità, ma siamo nel campo delle deviazioni, con questo non si dimostra affatto che la natura accetta tali anomalie.
Saluti
Anonymous - Dom Giu 10, 2007 8:48 am
Oggetto:
Accetto l'analisi di Ibis e di Giorgio, ma cerco di affrontare il problema da un punto di vista diverso, assodato che gli omo ci sono, a me interessava capire come le famiglie accettano o meno queste situazioni, il discorso sui diritti è cosi complesso e vasto che onestamente non mi sento di affrontarlo perchè entrano in gioco troppe variabili socio-culturali-economiche.
L'amore di un padre verso un figli è incommensurabile, però la reazione quando si scopre che è gay è sconvolgente... ti chiedi dove hai sbagliato se è colpa dei genitori e ti fai tante di quelle domande che alle volte distruggono le famiglie.
Grazie.
Anonymous - Dom Giu 10, 2007 4:26 pm
Oggetto:
Proprio così Pippo, ho un collega che ha da poco scoperto che al figlio non piacciono le ragazze, lui ci ha fatto un'autentica malattia, con tanto di depressione e cura a suon di psicofarmaci.
Non è però detto che tutti reagiscano nello stesso modo, altri avrebbero forse una reazione diversa, certo che comunque non è entusiasmante scoprire che il proprio figlio "esce" con un ragazzo.
A me non danno fastidio le manifestazioni gay, nei limiti del buon gusto e della legalità, certo che le ultime alle quali abbiamo assistito non sono state un esempio entusiasmante di decenza caro Pippo: due uomini che si toccavano nelle parti intime in una vasca da bagno piena di schiuma non sono uno spettacolo edificante. Poi magari giudicatemi non all'altezza dei tempi, ma io la penso così e non sono disposto a retrocedere di un centimetro.
Per gli aspetti cui ti riferisci Pippo ci vorrebbe uno psicologo, che sia in grado con riscontri scentifici di dare delle risposte, io non posso fornire alcun contributo.
Anonymous - Dom Giu 10, 2007 10:30 pm
Oggetto:
La mia impressione è che si faccia non poca confusione fra una realtà antica quanto il mondo e certe reazioni sicuramente non gradevolissime e decisamente esibizioniste, ma abbondantemente comprensibili quando si leggono le cose (quasi delle $tr*n§@te) che molti di voi hanno scritto...

Se non sapete capire che la libertà di ognuno di essere diverso da un altro sé stesso è un diritto inviolabile e fondamentale non siete diversi da quelli che vogliono proibire l'accesso all'EXA ai minori non accompagnati..

Di più: visto che siete su QUESTO forum, per favore, andate a rileggervi i principi su cui si fonda e verificate se quanto scrivete sia coerente con tali principi.

Non avrete mai diritto alla vostra liberà fin quando non rispetterete la libertà altrui di essere diversi da voi. Pensate a questo prima di aprir bocca e darle fiato..

Evil or Very Mad
Anonymous - Dom Giu 10, 2007 10:47 pm
Oggetto:
CptHook ha scritto:

Non avrete mai diritto alla vostra liberà fin quando non rispetterete la libertà altrui di essere diversi da voi. Pensate a questo prima di aprir bocca e darle fiato..

Evil or Very Mad


bravissimo capitano se non mi fossi incartato con le parole era quello che volevo esprimere qualche posts fa preciso preciso
Anonymous - Dom Giu 10, 2007 10:58 pm
Oggetto:
Grazie Riberix..., quegli sproloqui a vanvera me le fanno girare vorticosamente... Evil or Very Mad
Anonymous - Lun Giu 11, 2007 12:29 am
Oggetto:
la natura non ha previsto né l'omosessualità, né la tecnologia, né la teologia perchè la natura non fà previsioni.
è un continuo evolversi, una serie di tentativi da parte di diverse forme di vita di integrarsi ed evolversi assieme al nostro pianeta secondo le sue leggi.
il problema sostanziale è che a dettar legge vorremmo essere noi.

dopo questo piccolo preambolo su cosa è la natura per me, parliamo di omosessualità.
in primis, è una forma di passione o amore o quantaltro non finalizzata alla mera riproduzione, ma alla soddisfazione dello spirito di chi la pratica, come per alcuni il piacere della compagnia di una bella donna o per mè il poter tirare liberamente con tutto l'arsenale a disposizione.
chi è più malato? io sicuramente, ma non faccio testo, avete mai fatto caso a quando si parla di donne tra uomini? sicuramente avrete incontrato lo spaccatutto, l'intenditore, il porcellun etc.etc.
il nostro rapporto con il gentil sesso è basato soprattutto sul desiderio compulsivo di provare piacere.
e siamo di istinti così animaleschi da cercare partners diverse per ampliare la nostra possibilità di riprodurci.
l'amore omosessuale è invece fine a se stesso, meccanicamente parlando forse non è neanche picevole come l'amore etero, anatomicamente a noi + congeniale, ma sono le stesse identiche pulsioni che spingono gli etero.

e datosi che è sufficente dire di no per respingere una avance non desiderata, qualora capiti di diventare oggetto di interesse, non vedo quale possa essere il problema.

per quanto invece riguarda il discorso delle adozioni, di 6-7 milioni di bambini il cui diritto alla vita viene disatteso per i motivi + vari, quanti sono riuscito a salvarne?
nessuno, eppure faccio parte di una coppia etero con un solo figlio, potrei in teoria adottarne un'altro, magari dal sud africa, dove è certo che senza il mio intervento esso morirebbe.
ed invece io sono stato la causa del decesso di un centinaio di bimbi, questo per colpa del mio disinteresse.
da bravo occidentale la mia coscenza non sente nessun peso, come quella dei +, ma perchè dovrei oppormi ad una adozione gay se questa può salvare una vita?
vivere male è sempre meglio che non vivere?

e poi, diciamocelo, siamo sicuri che una coppia etero sia così normale? e che possa dare un ambiente tranquillo e sereno dove crescere? chi di voi pensa che è meglio lasciarli in orfanotrofio alzi la mano.
Anonymous - Lun Giu 11, 2007 6:57 am
Oggetto:
Io alzo la mano, no, le alzo tutte e due!
Il bello è che non voglio nemmeno insistere nella difesa della mia posizione, per quanto mi sembra già del tutto inespugnabile di suo, mi limito solo a sottolineare che costoro possono fare i cavoli che vogliono, provandoci magari anche gusto visto di chi stiamo parlando, l'importante è che lo facciano ad almeno due leghe dal mio culo
Che spettacoli deprimenti come quello dei gay pride non siano un bel biglietto da visita per un Paese ne sono perfettamente convinto, quindi vi suggerisco fin da ora di non provare a convincermi del contrario con equilibrismi e filosofie del piffero, ma quando mi parlate del loro "diritto" all'adozione, beh, allora vi chiedo se vi ha dato di volta il cervello.
Ma come cavolo fate solo a pensarlo, ve lo immaginate come può crescere un bambino, o una bambina, immersa in una realtà che non è quella naturale? Ah bello lo spettacolo che si presenterebbe quotidianamente agli occhi di questa povera creatura: due uomini, o due donne indifferentemente, che si baciano e si scambiano effusioni, veramente bello, e chissà quanto educativo e costruttivo per il futuro dei piccoli disgraziati.
Sai cosa ti dico Captain? Che in questo cavolo di paese di pulcinella, se siamo nella m...a fino ai capelli lo dobbiamo anche a quelli che la pensano come te, che svendono la "libertà" solo perchè fa trendy.
Ti dirò di più: W Ratzingher e W la Chiesa allora, che ancora mi rappresentano due baluardi invalicabili da queste malsane teorie.
Anonymous - Lun Giu 11, 2007 9:07 am
Oggetto:
Mi rendo conto che chi non vive dentro di sé la propria libertà ha per forza paura della libertà altrui, perché ha paura di una cosa che non conosce.

E questo mi conferma nella mia convinzione che il male più grande da debellare prima di tutti gli altri è L'IGNORANZA...

Sad
Anonymous - Lun Giu 11, 2007 11:21 am
Oggetto:
vorrei dire solo una cosa lo scopo del forum non è convincere qualcuno ma solo esporre le proprie idee in aniera da confrontarle è ovvio che ognuno trarrà le conclusioni del caso, ma se due la pensano in maniera opposta non significa che uno dei due sbagli almeno in questa discussione
Anonymous - Lun Giu 11, 2007 5:10 pm
Oggetto:
il federale ha scritto:

Che in questo cavolo di paese di pulcinella, se siamo nella m...a fino ai capelli lo dobbiamo anche a quelli che la pensano come te, che svendono la "libertà" solo perchè fa trendy .
Shocked Shocked Shocked
La libertà mio caro non è mai stata né trendy né out, la libertà è una condizione mentale che non tutti riescono a raggiungere nel breve lasso di tempo di una vita. E seppure prevista dall'art. 19 della Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Uomo (ogni individuo ha il diritto alla libertà di opinione e di espressione, incluso il diritto di non essere molestato per la propria opinione e quello di cercare, ricevere e diffondere informazioni e idee attraverso ogni mezzo e senza riguardo a frontiere) pochi riescono a metterne in pratica i dettami. Meglio trincerarsi dietro idee preconfezionate e predigerite, meglio il nostro sicuro e caldo angolino che l'ignoto là fuori. Mi chiedo perchè mai tanti poveracci sono morti per la conquista della libertà se poi nessuno la vuole veramente Question Confused

il federale ha scritto:

Ti dirò di più: W Ratzingher e W la Chiesa allora, che ancora mi rappresentano due baluardi invalicabili da queste malsane teorie.

Ma come, non eri contro i gay e i pedofili? Confused
Anonymous - Lun Giu 11, 2007 5:19 pm
Oggetto:
Nikita ha scritto:

il federale ha scritto:

Ti dirò di più: W Ratzingher e W la Chiesa allora, che ancora mi rappresentano due baluardi invalicabili da queste malsane teorie.

Ma come, non eri contro i gay e i pedofili? Confused


Mr. Green Mr. Green Mr. Green
Anonymous - Lun Giu 11, 2007 7:28 pm
Oggetto:
Davanti a manifestazioni di quella cosiddetta libertà di pensiero, come le vostre, che ottengono solo il risultato di minare la società alla base, scelgo il male minore. Tutta la vita è fatta di scelte.
Oggi tra la vostra tolleranza del cavolo ed un bel giro di vite, scelgo quest'ultimo.
Froci e pedofili di m...a si trovano dappertutto cara Nikita, in ogni angolo dove ti giri se ne nasconde uno, ovvio che anche nella Chiesa ce ne siano, anche quella è fatta di uomini.
Anonymous - Lun Giu 11, 2007 7:30 pm
Oggetto:
il federale ha scritto:

Oggi tra la vostra tolleranza del cavolo ed un bel giro di vite, scelgo quest'ultimo.


Peccato che al primo giro di vite i primi a sparire saranno quelli come te, me e gli altri di qui...
Anonymous - Lun Giu 11, 2007 7:40 pm
Oggetto:
non voglio assolutamente pretendere che chicchessia cambi il suo mido di pensare, altrimenti se tutti fossero daccordo con me sai che noia...però federale concedimi che in campo adozioni, come percentuali siamo messi maluccio, il rapporto tra i bimbi che muoiono e quelli che sopravvivono perchè adottati è veramente basso. continuo a ritenere che è meglio un uomo vivo e forse con qualche problema di identità dovuta da genitori strani che un bimbo morto. questo almeno fino a che non si riesca a risolvere il problema della prolificazione incontrollata delle aree depresse.specifico che io non ho adottato e non credo che mai lo farò, ma perchè frenare a priori chi nutre questi sentimenti e questi desideri. basta che i genitori adottanti non siano woody allen e miachael j.
Anonymous - Lun Giu 11, 2007 8:02 pm
Oggetto:
Ugo ti regalerò un uncino appena possibile..., sono sicuro che lo userai benissimo...

Mr. Green
Anonymous - Lun Giu 11, 2007 8:35 pm
Oggetto:
Atteggiamento pressapochista ed estremamente scorretto da parte tua Nikita liquidare la Chiesa come ricettacolo di froci e pedofili, nella Chiesa ci sono anche uomini che sacrificano la loro vita e la dedicano al servizio del prossimo, più di quanto tu ed io potremmo fare se vivessimo 1000 anni.
Questo è il classico luogo comune mia cara, uno stereotipo ritrito che ogni tanto salta fuori come il coniglio dal cilindro del mago Silvan, e la dice lunga sulla reale autenticità della tua convinzione sulla libertà di pensiero e sulla tolleranza delle cosiddette diversità.
Ti posso raccontare per ore quello che ho visto fare da parte di uomini di Chiesa in posti nel mondo dove io non vorrei vivere nemmeno per un giorno, e tu neppure guardarli in cartolina, perchè dovresti tormentarti coi sensi di colpa. anche per avere scritto un'altra delle tue clamorose e plateali cavolate.
Anonymous - Lun Giu 11, 2007 8:51 pm
Oggetto:
lo fanno, chi + chi - tutte le religioni, anche gli atei, e naturalmente tra tutti c'è qualche farabutto.
come uso dire non si può fare di tutta l'erba un fascio,( sempre per il motivo che si supera la dose personale e che il fascismo è proibito.)

dicevamo, i mussulmani detengono il record come religione della propensione ad aiutare il prossimo, per questo motivo si espande a macchia d'olio nei ceti + poveri. se ci aggiungi un pizzico di antisemitismo, regole di condotta ferree e l'avversione per l'omosessualità si capisce come sia arrivato a oltre un paio di miliardi di proseliti.

non nutrendo simpatie particolari verso alcuna religione, forse il cristianesimo attuale ha una immagine che maggiormente si evolve ed adegua ai cambiamenti, è + flessibile e vuole calzare meglio a tutti.

sembra che qualche alto prelato abbia messo in dubbio la castità come condizione sine qua non per essere prelati, questo per combattere tutti i casi in cui si cede alle compulsioni ed alle tentazioni, obbedendo al ragionamento che se sei sazio rinunci + facilmente al dolce.

non vedo una religione migliore di un'altra, ed in materia credo che debba essere massima la libertà di espressione, ed aggiungo, rifacendomi al caso del crocefisso nei luoghi pubblici, che chi voglia ostentare i simboli della propria fede deve poterlo fare, quindi se in un aula o in un ufficio il cristiano appenderà il crocifisso, l'ebreo potrà portare il candelabro ed il mussulmano la mezza luna o qualunque altro simbolo.

infatti non è il negare che dà liberta, è il consentire a tutti.
Anonymous - Lun Giu 11, 2007 8:58 pm
Oggetto:
ps. scusa. ma chi ti dice che possano essere interessati ai tuoi bassifondi, magari non sei il loro tipo. e poi credo che i casi di richiesta di adozione siano mooolto pochi e forse ancora meno quelli che vengono approvati.fermo restando il diritto al di sopra di credo e sessualità, deve essere sempre giudicata l'affidabilità dei soggetti e questo nell'interesse del bambino. credo che un cecci pavone (almeno da quello che appare televisivamente) sia una pesona equilibrata e colta, non lo vedrei una figura sbagliata come padre naturale e nemmeno come padre adottivo. temerei di + i padri di famiglia che di nascosto vanno a trans.
Anonymous - Lun Giu 11, 2007 9:30 pm
Oggetto:
il federale ha scritto:
la dice lunga sulla reale autenticità della tua convinzione sulla libertà di pensiero e sulla tolleranza delle cosiddette diversità.
CUT
anche per avere scritto un'altra delle tue clamorose e plateali cavolate.


Ferma restando la tua mancanza della buona educazione dovuta ad una signora, per la quale sei censurabilissimo Mad , a questo punto posso solo dirti:

mò ssò k@§§i tua...


Lo scoprirai vivendo..., ma sappi che io sono mooolto più morbido...

Mr. Green
Anonymous - Lun Giu 11, 2007 9:38 pm
Oggetto:
Il personaggio televisivo che tu citi, caro Ugo, può anche essere la persona più colta ed equilibrata di questo mondo, ma quando nell'intimità si tuffa con la lingua nella bocca del suo dandy olandese, non offre un bello spettacolo ad una povera creatura in tenera età.
Ma come cavolo fate a fare discorsi di questo tipo, io sono stralunato a dover discutere di queste cavolate signori, è un'obbrobrio il solo doverlo pensare.
Va bene difendere i diritti della persona ma tutto deve rientrare in una logica naturale, quello che con la natura non c'entra un cavolo, come i froci che si sono messi in testa di diventare "genitori", deve essere eliminato, non dico fisicamente, ma certe libertà e diritti gli devono essere preclusi. Punto.
Non parliamo poi della scrematura della feccia umana rappresentata dai pedofili, questi andrebbero castrati e usati come cibo per i coccodrilli del Nilo.
Anonymous - Lun Giu 11, 2007 9:47 pm
Oggetto:
ugo.delgiudice ha scritto:

non vedo una religione migliore di un'altra, ed in materia credo che debba essere massima la libertà di espressione, ed aggiungo, rifacendomi al caso del crocefisso nei luoghi pubblici, che chi voglia ostentare i simboli della propria fede deve poterlo fare, quindi se in un aula o in un ufficio il cristiano appenderà il crocifisso, l'ebreo potrà portare il candelabro ed il mussulmano la mezza luna o qualunque altro simbolo.

infatti non è il negare che dà liberta, è il consentire a tutti
.


Quoto, straquoto e riquoto..., applausi...
Anonymous - Lun Giu 11, 2007 9:53 pm
Oggetto:
Egregio federale, ti sarei comunque grato se volessi ricordare che la tua libertà di esprimere il tuo pensiero non deve andar disgiunta dalla buona educazione che, ne sono certo, ti è stata impartita e che è gradita non solo a me personalmente ma, ne sono certo, anche agli altri contributori.

Quindi, cortesemente, come già detto forse a qualcun altro, tieni a mente che la mancanza di educazione non rafforza l'eventuale scarsezza delle tue argomentazioni ma semmai le indebolisce ulteriormente.

Riterrei un atto di cortesia alla mia persona se mi evitassi di dovermi ripetere.

Grazie.
Anonymous - Lun Giu 11, 2007 10:46 pm
Oggetto:
non credo assolutamente che un qualsiasi genitore compia determinate azioni davanti ai figli, siano essi grandi o piccoli, fanno parte della sfera di intimità che credo sia per tutti sacra fatta eccezione per determinate persone che per depravazione od altro.. ma ci riuniremmo al topic sulla pedofilia.

quindi tutti i tipi di effusioni non codificati da una morale sarebbero condannabili o riprorevoli? tipo le mamme con i bimbi ancora piccini che giocano mentre li cambiano "ma che bel pistolino, di chi è " ed altre amenità che se venissero fraintese porterebbero all'arresto dei genitori, oppure non dovrebbero assistere a determinati programmi, telenovele, dibattiti, reality etc.
non è assolutamente edificante la visione di platinette o gli altri astanti di determinati programmi, ma i più tollerano.

cosa vogliamo fare, una bella crociata moralizzatrice, slogan tipo "la troppa libertà fa male ", un bel giro di vite a tutto quello che si può ritenere moralmente scorretto.

ma cosa è moralmente scorretto? quanto la morale di uno può essere condivisa da tanti e quanto la morale di tanti può prevaricare la morale del singolo?

per esempi per me è educativo insegnare il giusto rapporto con le armi, mio figlio le conosce, le usa in mia presenza e ne cura dalla manutenzione alla ricarica.
secondo la morale di molti non è adeguato ed appropriato dare siffatte conoscenze ad un minore ed il mio modo di pensare sarebbe opinabile.
ma questo stesso atteggiamento ha avuto mio padre nei miei confronti e suo padre nei suoi, è una passione che si tramanda da generazioni e tutti siamo stati iniziati in tenera età e nessuno ha mai abusato della disponibilità o della conoscenza.

scusa se sono caduto nell'ot ma mi capita spesso, dicevamo, quei bravi padri di famiglia che si ritirano a casa dopo esser andati a meretrici, a trans, o con la segretaria, con l'alunna/alunno o quei bravi padri di famiglia che non possono dedicare tempo all'educazione dei propri figli perchè prestano la loro opera nelle patrie galere.

che esempio possono essere queste persone per i loro figli? secondo voi saranno in grado di dare un'educazione o una moralità ai loro figli? ed in cosa posso essere migliori di una coppia di gay?

o siete del parere che anche questa gente non abbia il diritto di essere genitore?
in che modo ritenete di poter convincere vostro figlio ad usare il casco se voi non usate la cintura?

e nel momento che malauguratamente vostro figlio/figlia vi venisse a fare una confessione come quella in oggetto, cosa fate, sbattete la testa contro il muro chiedendovi in cosa avete sbagliato? e dopo non sareste costretti comunque ad accettare il fatto?
Anonymous - Lun Giu 11, 2007 10:48 pm
Oggetto:
E voi non provocatemi, io quando mi fanno incazzare mi esprimo così.
E poi non è la stessa cosa scrivere cavolata e non invece c@&&@t@?
E smettiamola con queste ipocrisie e sotterfugi da terza elementare, qui non penso ci siano utenti che si scandalizzano per una parolaccia, questa a volte serve per rendere più colorita la discussione, una sfumatura dialettica priva di volgarità.
Sono invece fermamente convinto che ad inorridire qualcuno abbiano contribuito di più le vostre teorie garantiste del.. menga!
Tiè.
Anonymous - Lun Giu 11, 2007 10:55 pm
Oggetto:
il federale ha scritto:
Il personaggio televisivo che tu citi, caro Ugo, può anche essere la persona più colta ed equilibrata di questo mondo, ma quando nell'intimità si tuffa con la lingua nella bocca del suo dandy olandese, non offre un bello spettacolo ad una povera creatura in tenera età.
Ma come cavolo fate a fare discorsi di questo tipo, io sono stralunato a dover discutere di queste cavolate signori, è un'obbrobrio il solo doverlo pensare.
Va bene difendere i diritti della persona ma tutto deve rientrare in una logica naturale, quello che con la natura non c'entra un cavolo, come i froci che si sono messi in testa di diventare "genitori", deve essere eliminato, non dico fisicamente, ma certe libertà e diritti gli devono essere preclusi. Punto.
Non parliamo poi della scrematura della feccia umana rappresentata dai pedofili, questi andrebbero castrati e usati come cibo per i coccodrilli del Nilo.

Più tranquillo del solito Laughing Laughing Laughing Laughing
Anonymous - Lun Giu 11, 2007 10:58 pm
Oggetto:
io personalmente non inorridisco, se ti mette a tuo agio non ho niente in contario.
però sempre per amor del dialogo sono in attesa del tuo parere in merito ai quesiti che ho postato in precedenza.
Anonymous - Lun Giu 11, 2007 11:00 pm
Oggetto:
Direi che la durezza di linguaggio sia una prerogativa dei seguaci della dottrina fascista..........d'altro canto il federale nelle sue espressioni non da assolutamente adito ad equivoci..........cio non toglie che anche per il semplice rispetto verso gli altri frequentatori un pelino in più di moderazione non dispiacerebbe.........
Anonymous - Lun Giu 11, 2007 11:49 pm
Oggetto:
forse qui il problema della libertà personale e convivenza si sente maggiormente che su altri argomenti.
per una serie di motivi sono stato abituato a avere un linguaggio moderato, possibilmente comprensibile ed a volte lezioso, colpa dei genitori.
daltro canto posso benissimo comprendere che altri siano maggiormente disinibiti, abituati a parlare con schiettezza ed i termini propri della schiettezza.
è opinione sempre + generalizzata che per far prevalere il proprio pensiero, + che le argomentazioni contino il gridare, prevaricare ed insultare beninteso il riferimento è lo spettacolo che ci mostrano le varie trasmissioni ed i format televisivi, il mio discorso è sul costume in generale e non in particolare.
se posso tollerare che in una trasmissione per la quale direttamente o indirettamente ho pagato si usino terminologie scurrili, si alzi la voce senza motivi apparenti, posso tollerare che un amico che frequenti lo stesso forum utilizzando gli stessi modi?
certo che posso, la mia ragione mi permette di discernere, di vagliare e tenere il senso del discorso (se compiuto e con un ragionamento alla base) alienandolo dal chiassoso concerto di improperi (e questo invece è riferito al forum ed all'altro pianerottolo).
bene o male siamo tutte persone adulte accomunate da una o + passioni, non dobbiamo essere necessariamente daccordo su tutto e non dobbiamo necessariamente starci simpatici.
ricordiamoci solo che noi appariamo per ciò che scriviamo, e se nella vita di tutti i giorni ci comportiamo da persone che hanno ricevuto una seria e apprezzabile educazione, non perchè siamo protetti da un nikname o divisi da centinaia di km possiamo permetterci il lusso di sembrare ineducati, irrispettosi o volgari, perchè comunque quella è l'immagine di noi stessi che trasmettiamo agli altri.
quindi ben venga se federale ha un modo di esprimersi ruspante, se è il suo modo di esprimersi normalmente, ben venga il mio modo pacato e distante se sono davvero così e via discorrendo.
quì come in qualsiasi altro forum nessuno ha pretese di cambiare il mondo o la tua personalità, il meglio che posso ricavarci è rubarti una idea od un concetto, e se questo non ti impoverisce nel contempo arricchisce me.
quindi federale ti invito a smontare pubblicamente tutti i miei concetti come io provo a fare con i tui, e che vinca la logica.
Anonymous - Mar Giu 12, 2007 8:57 am
Oggetto:
Boni bimbi, qui non è un'arena dove combattere, ne nessuno ha da dimostrare qualcosa a qualcun'altro. Le sfide, vere o virtuali non hanno senso in questo contesto dove ognuno ha in primis il diritto/dovere di essere rispettato e rispettare le idee del prossimo. io personalmente non mi schiero ne da una parte ne dall'altra, condividendo alcune cose di ambedue le correnti di pensiero. per quanto riguarda il modo di esprimersi de il federale, pur non condividendolo, ritengo che, essendo i frequentatori di queste stanze tutti maggiorenni e vaccinati, non possa offendere o arrecare danno ad alcuno, se non a lui stesso
Anonymous - Mar Giu 12, 2007 9:40 am
Oggetto:
carissimo ugo ho apprezzato enormemente il tuo post, qui su spirito libero mi trovo bene perchè si può discutere di tutto senza il timore di essere richiamati, certo la buona educazione fa piacere, ma se ci si infervora non tutti riescono a mantenerla, stà a noi capire e sorvolare, anche questo è libertà di espressione...
Anonymous - Mar Giu 12, 2007 10:02 am
Oggetto:
il federale ha scritto:

qui non penso ci siano utenti che si scandalizzano per una parolaccia, questa a volte serve per rendere più colorita la discussione, una sfumatura dialettica priva di volgarità.


Sarebbe il colmo Shocked , ovviamente..., ma è proprio questo il punto, almeno secondo me: il solo sforzo, per esempio, di "auto-bipparsi" un k@§§*! (se mi passate tutti stì neologismi Laughing ) aiuta a controllare maggiormente la virulenza dell'argomentazione e ad affrontare il discorso in termini di incontro e non di scontro.

Questo forum non deve diventare uno di quei luoghi di incontro virtuale dove, come dice Ugo, si passa il tempo ad insultarsi protetti dall'anonimato.

Siamo tutti persone di qualità (sennò non saremmo qui Mr. Green ) e un pò di sforzo di controllare il linguaggio non può fare altro che aggiungere, e non certo togliere, a questa qualità.

Per dirla col grande Principe De Curtis: "Signori si nasce, e noi lo nacquimo!"

Very Happy
Anonymous - Mar Giu 12, 2007 10:39 am
Oggetto:
Voi continuate pure a passare il vostro tempo a pettinare le bambole, io se mi permetti caro Ugo, e se non me lo permetti fa lo stesso perchè me lo permetto da solo, chiuderei qui questa polemica perchè stiamo abbondantemente sconfinando nel ridicolo.
Tutte le volte che l'argomento lo richiede, sia nei contenuti sia nella forma, mi si deve consentire la possibilità di incazzarmi, solo così riesco anche a divertirmi, e non ti chiedo nemmeno scusa, è quello il bello, semplicemente perchè non ritengo che ti si debba alcuna scusa. Se mai sei tu, insieme al tuo compagno di merende, che dovete delle scuse all'uditorio, per aver sostenuto delle idee assurde ed improponibili con motivazioni filisofiche e ingarbugliate che non trovano alcun riscontro nella realtà e nella natura delle cose.
Già, la natura delle cose, il concetto preferito dal Grande Corso, il piccolo caporale, che identificava nella Natura l'espressione stessa del divino, Natura della quale voi, con i vostri discorsi da rincoglionimento precoce, cercate di fare carne di porco.
Per ultimo: sei proprio sicuro che la logica vada sempre accoppiata con quello che è "giusto"?
Anche qui non concordo caro Ugo, non solo, sostengo esattamente il contrario.
Sai di che cosa mi compiaccio e di cui sono fiero ed anche veramente felice?
Di non trovarmi d'accordo con te su nulla.
Anonymous - Mar Giu 12, 2007 11:01 am
Oggetto:
il federale ha scritto:

Sai di che cosa mi compiaccio e di cui sono fiero ed anche veramente felice?
Di non trovarmi d'accordo con te su nulla.


Principalmente devi essere felice che ci sia gente che riconosce il tuo diritto ad esserne felice nonostante il fatto che quello che tu affermi implichi il non riconoscere ad altri il diritto ad esserlo.

Come già detto a Maske: presuntuosa arroganza intellettuale che ti fa credere che solo quello che pensi tu debba avere valore, sotto la pretestuosa specie, da te affermata e smentita da fior di scienziati, del secondo natura.

Probabilmente quella terribile incapacità a dubitare di sé stessi che è un tipico prodotto di insicurezza.

Mio caro amico (non nel senso DC del termine, per carità) secondo me TUTTO quello che esiste sotto stà cappa di cielo E' la Natura ed avviene secondo disegni, se vuoi, più chiaramente, secondo differenti catene di DNA, cioè secondo differenti circuiti elettrici neuronali, diverse organizzazioni di differenze di potenziale fra l'interno e l'esterno delle membrane cellulari.

Come su un circuito stampato l'impulso nervoso viaggia attraverso l'organismo e, per fortuna, i circuiti sono tutti differenti anche se tutti prodotti dalla stessa fabbrica..., il giorno in cui i circuiti fossero tutti uguali, comunque fossero fatti, sarebbe il giorno di Matrix... Cool

Io vivo sereno perché ho preso atto di alcuni "dettagli":

anche se fossi un granello di sabbia nel Sahara sarei sempre più grande di quello che sono in realtà nell'universo che mi circonda;

anche se fossi nato prima di cristo (come Francesco giurerà se richiesto Laughing ) la mia vita sarebbe una infinitesima particella del battito d'ali di un colibrì rispetto all'eternità.

C'è un disegno in tutto ciò?

Per quanto mi riguarda sì: devo rompere i k*g£i*ni a quelli come te!

Mr. Green Mr. Green Mr. Green
Anonymous - Mar Giu 12, 2007 4:15 pm
Oggetto:
Il federale ha scritto

Davanti a manifestazioni di quella cosiddetta libertà di pensiero, come le vostre, che ottengono solo il risultato di minare la società alla base, scelgo il male minore. Tutta la vita è fatta di scelte.
Oggi tra la vostra tolleranza del cavolo ed un bel giro di vite, scelgo quest'ultimo.


Giustissimo, la vita è fatta di scelte ed io ho fatto quella di non dire boiate simili.

Froci e pedofili di m...a si trovano dappertutto cara Nikita, in ogni angolo dove ti giri se ne nasconde uno, ovvio che anche nella Chiesa ce ne siano, anche quella è fatta di uomini.

A parte il fatto che esiste una grande differenza tra “froci” (come molto carinamente li chiami tu, ovvero persone che scelgono di vivere la propria vita affettiva e sessuale come vogliono) e pedofili, mi pare che ti stia contraddicendo non poco. Infatti se da una parte affermi che si pratica troppa “tolleranza del c….o” (cito testualmente) dall’altra dichiari che “la chiesa è fatta di uomini e quindi è ovvio che ce ne siano” (intendendo ovviamente i ben noti froci e pedofili). E il famoso giro di vite? Lo riserviamo solo ai comuni mortali? Intendi forse essere un po’ più tollerante nei confronti della santa madre chiesa perché di tanto in tanto sforna qualche “onesto lavoratore” (è il minimo che ci si dovrebbe aspettare da tale oganizzazione non trovi)? Oppure perché rappresenta “l’ultimo baluardo invalicabile contro queste malsane teorie”?
.
Questo è il classico luogo comune mia cara, uno stereotipo ritrito che ogni tanto salta fuori come il coniglio dal cilindro del mago Silvan, e la dice lunga sulla reale autenticità della tua convinzione sulla libertà di pensiero e sulla tolleranza delle cosiddette diversità.

In quanto a luoghi comuni e stereotipi mio caro Federale credo che tu non sia secondo a nessuno e comunque non credo che tu possa insegnarmi nulla riguardo la libertà di pensiero e la tolleranza, o meglio, rispetto delle diversità che tanto ti disturbano!

Ti posso raccontare per ore quello che ho visto fare da parte di uomini di Chiesa in posti nel mondo dove io non vorrei vivere nemmeno per un giorno, e tu neppure guardarli in cartolina, perchè dovresti tormentarti coi sensi di colpa. anche per avere scritto un'altra delle tue clamorose e plateali cavolate.

Io potrei raccontarti per giorni quello che ho visto fare da parte di uomini e donne di chiesa senza doversi scomodare troppo da casa propria. Ma non mi piace giocare a chi la fa più lontano, è un piacere che lascio volentieri ai maschietti, ovviamente quelli veri, quelli che non devono chiedere. Mai.

Voi continuate pure a passare il vostro tempo a pettinare le bambole…….

Pettinare le bambole…vendere i fiori....
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!



chiuderei qui questa polemica perché stiamo abbondantemente sconfinando nel ridicolo.

Finalmente una cosa su cui mi trovi d’accordo! Twisted Evil

Tutte le volte che l'argomento lo richiede, sia nei contenuti sia nella forma, mi si deve consentire la possibilità di incazzarmi, solo così riesco anche a divertirmi, (CONTENTO TU!) e non ti chiedo nemmeno scusa, è quello il bello, semplicemente perchè non ritengo che ti si debba alcuna scusa.
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

Se mai sei tu, insieme al tuo compagno di merende, che dovete delle scuse all'uditorio, per aver sostenuto delle idee assurde ed improponibili con motivazioni filisofiche e ingarbugliate che non trovano alcun riscontro nella realtà e nella natura delle cose. Shocked

Non sarà che le idee un po’ confuse le abbia tu? Al mio paese si dice che: te la canti e te la soni!

E voi non provocatemi, io quando mi fanno incazzare mi esprimo così.
E poi non è la stessa cosa scrivere cavolata e non invece c@&&@t@?
E smettiamola con queste ipocrisie e sotterfugi da terza elementare, qui non penso ci siano utenti che si scandalizzano per una parolaccia, questa a volte serve per rendere più colorita la discussione, una sfumatura dialettica priva di volgarità.
Sono invece fermamente convinto che ad inorridire qualcuno abbiano contribuito di più le vostre teorie garantiste del.. menga!
Tiè.


A Federà, e dopo sta tirata finale non posso che consegnarti idealmente, a nome del popolo di Spiritolibero, un bel ....

Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

Laughing Laughing Laughing Laughing Laughing Laughing

Anonymous - Mar Giu 12, 2007 4:51 pm
Oggetto:
Dongggggggggg fine round; federale all'angolo con un'occhio nero Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy
Anonymous - Mer Giu 13, 2007 9:09 am
Oggetto:
Ritengo doveroso, da parte mia, approfittare per qualche minuto della vostra pazienza e tentare di fornire alcune spiegazioni agli amici di Spiritolibero su quanto accaduto durante il turbolento sviluppo di questo topic.
In uno dei miei ultimi interventi esprimevo il mio punto di vista in risposta a Nikita, nel mio consueto "stile", magari un pò rude e tipicamente da caserma, ma certamente sincero e privo di fronzoli che ne potessero inquinare il significato, dietro ai quali, a volte, si nascondono opportunismo e falsità in quantità industriale.
Non mi ero accorto e non sapevo, per la verità lo sapevo ma lo avevo anche completamente dimenticato, che Nikita fosse una signora, un amico di buon cuore che da poco ha lasciato questo forum, per motivi che mi auguro siano superabili, ha ritenuto giusto ed opportuno avvisarmi di questa mia involontaria quanto imperdonabile gaffe.
Ho immediatamente provveduto a porgere le mie imbarazzate scuse in via privata all'amica Nikita, ripetutamente ed insistentemente, offrendole nel contempo la mia totale disponibilità a pubblicare le mie circostanziate ammissioni di colpa su queste pagine.
Nikita non ha ritenuto fosse opportuno accettare le mie scuse, ne in forma privata e nemmeno in forma pubblica, lasciando cadere nel vuoto i miei sinceri e dispiaciuti tentativi di chiarimento.
Aggiungo che sono mortificato per quanto è successo, una mia maldestra svista, dovuta soprattutto alla mia totale ignoranza ed inesperienza per quanto riguarda i forum e l'informatica in genere e non la deliberata volontà di offendere chicchesia, figuriamoci una signora, hanno reso possibile che ciò accadesse. Avrei solo desiderato che mi si fosse riconosciuta la possibilità di spiegarlo alla diretta interessata.
Non accetto il tapiro, per il semplice fatto che non ritengo di averne titolo, un premio così tanto ambito non può e non deve essere sprecato, e del resto non ne avrei motivo: le argomentazioni di Nikita in base alle quali io avrei dovuto attapirarmi non aggiungono una virgola a quanto già in precedenza esposto, e non spostano di un millimetro la mia convinzione con quanto ho sostenuto fin quì.
Aggiungo solo che il "collage" dei miei interventi, le postille per intenderci, riportano degli errori sostanziali sui quali si è inteso costruire la requisitoria, quando infatti dico che non ritengo di dovere alcuna scusa, mi riferivo all'utente Ugodelgiudice, e non già a Nikita, trattandosi di due miei diversi e separati interventi ma che il caso vuole opportunamente collegati. In modo strumentale?
Certamente in buona fede.
Detto questo miei cari, e mi scuso per il tempo prezioso che vi ho ulteriormente rubato, penso non esistano più le condizioni per le quali il Federale possa continuare a dialogare con voi, con il mio comportamento censurabile e maleducato, dal linguaggio volgare, ho offeso una signora ed onestamente non credo di potermelo perdonare.
Vi assicuro che è stato un piacere conoscervi, anche se solo in modo virtuale.
Saluti romani a tutti, compagni compresi.
Anonymous - Mer Giu 13, 2007 9:58 am
Oggetto:
Personalmete chi ha' tendenze omosessuali non mi da' nessun fastidio.
L'importante, visto che sono un cultore della gnokka, che rimangano ad almeno 1 mt dalla mia poppa.

saluti

Uber
Anonymous - Mer Giu 13, 2007 10:01 am
Oggetto:
il federale ha scritto:

Detto questo miei cari, e mi scuso per il tempo prezioso che vi ho ulteriormente rubato, penso non esistano più le condizioni per le quali il Federale possa continuare a dialogare con voi, con il mio comportamento censurabile e maleducato, dal linguaggio volgare, ho offeso una signora ed onestamente non credo di potermelo perdonare.


Romanamente parlando:

vattel'à pijà 'n saccoccia e piantala de dì $tr*n§@te!

Chi si astiene dalla lotta... con tutto quel che segue... Wink

A proposito di tapiri poi, non ho mai letto un intervento più attapirato di questo. Laughing

Per quanto riguarda il comportamento, il linguaggio e l'offesa ad una signora devi soltanto batterti il petto privatamente (mea culpa, mea culpa, mea maxima culpa) e imparare finalmente a maltrattare la gente con maggiore eleganza... Mr. Green

E quanto allo stile da caserma diciamo pure che potresti anche fare un pò di "ufficiale e gentiluomo"...

E, se ti può consolare, sappi che non sei il primo che finisce sotto "quel" treno Rolling Eyes ..., tu non lo sapevi Razz ..., adesso hai tutti gli elementi di valutazione per poterti battere alla pari Wink

Saluti compagno sir!

Laughing
Anonymous - Mer Giu 13, 2007 11:41 am
Oggetto:
Caro Federale, accetto e ringrazio per le scuse.

Vogliamo considerare l'argomento morto e sepolto? A volte le migliori amicizie nascono dagli scontri più "violenti" Very Happy

Mi piace "duellare" alla pari e perciò avrei preferito che tu non avessi saputo che sono una signora, compagna di vita di un altro noto del forum Rolling Eyes , ma, si sa, non tutte le ciambelle.....
Perché, nel caso non l'avessi ancora capito, io mi diverto un mondo a "dialogare" con quelli che, come te
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
, se la prendono così a cuore Laughing Laughing.
Anonymous - Mer Giu 13, 2007 7:49 pm
Oggetto:
arieccomi anche se per poco, altra cena con amici e colleghi. sembra mi sia perso gran parte del discorso, ho dato una rapida scorsa, riepilogando mi è sembrato di capire che il federae abbia ritenuto il mio intervento un attacco a lui diretto. me ne dispiaccio, non è assolutamente mia intenzione fare arrabiare nessuno (inquanto ad infervorare, per me è un piacere poter avere lunghi scambi di opinioni)e se percato ho colpa me ne dispiaccio. per quanto riguarda eventuali scuse, non mi è sembrato di trovare accuse a te rivolte che pretendessero tue scuse, la mia voleva essere una disamina della cultura del chiasso che si stà sviluppando intorno a noi. con questo non intendo dire che il federale si faccia condizionare dal linguaggio dei programmi televisivi cercando di assumere atteggiamenti alla sgarbi son sicuro che sia un suo originale pensiero e modo di comportarsi. e comunque sono sempre disposto al confronto, salvo cene di lavoro mi trovi sul ponte.
Anonymous - Mer Giu 13, 2007 8:48 pm
Oggetto:
A federà questa non me la puoi davvero fare e non solo, ti dico che se molli sei un bojaccia e aggiungo di ricordarti i motti del Buonanima, quando affermava " MOLTI NEMICI............." Ora, partendo dal presupposto che qui i nemici sono solamente a livello scherzoso, anche se spesso ti fanno girare le sfere, mi costringi, se lasci il forum, a rivedere la mia opinione sulla tua stimabile persona che, a questo punto, tanto stimabile non riterrei più. Non vado oltre, tra noi ci capiamo, camerata.
Saluti Romani e fatti un sonnellino apportatore di buoni consigli Wink
Anonymous - Mer Giu 13, 2007 9:55 pm
Oggetto:
E poi tutto questo can-can solo perché sei stato ripagato con la tua stessa moneta da una signora..., pensa che non ha neppure infierito..., ed io so di cosa parlo...

Che fai? Alla prima bordata a mitraglia ti vai a rintanare in trincea? Allora ha ragione Chris...

Mr. Green Mr. Green Mr. Green
Anonymous - Gio Giu 14, 2007 3:04 pm
Oggetto:
Va bene, ho capito, i motivi per continuare la pugna sono più che convincenti, mi sentirei un verme abbandonando la trincea nell'ora fatale, mentre sul cielo della nostra Patria batte l'ora delle decisioni irrevocabili.
Quello che mi fa incazzare è che nessuno mi abbia preso sul serio.
Accetto il tapiro.
Anonymous - Gio Giu 14, 2007 3:08 pm
Oggetto:
il federale ha scritto:
Va bene, ho capito, i motivi per continuare la pugna sono più che convincenti, mi sentirei un verme abbandonando la trincea nell'ora fatale, mentre sul cielo della nostra Patria batte l'ora delle decisioni irrevocabili.


Shocked

Citazione:
Quello che mi fa incazzare è che nessuno mi abbia preso sul serio.
Accetto il tapiro.


Questo non è vero..., sennò mica ti rispondevamo..., non ti pare?

Wink
Anonymous - Gio Giu 14, 2007 9:11 pm
Oggetto:
Ricordati il motto caro mio, ricordati il motto : C, O, C Wink e grazie per il complmento sull'altro post; detto da te è un'onore
Anonymous - Gio Giu 14, 2007 10:32 pm
Oggetto:
è un onore aver tenzone con siffatto figuro,
allora che vinca chi ha il pensier più puro,
e come diceva bossi pensando al futuro,
vinceremo noi che c'è l' abbiamo ....
Anonymous - Gio Giu 14, 2007 10:35 pm
Oggetto:
Errore Ugo. Bossi disse "Noi siamo sempre armati"
Anonymous - Sab Giu 16, 2007 10:20 pm
Oggetto:
lo disse dopo aver superato gli anta ed a causa degli infarti non poteva + usare il *****?
Anonymous - Sab Giu 16, 2007 11:29 pm
Oggetto:
Beh, sai, negli anta una volta entrati tendenzialmente non se ne esce più e non è detto, o quantomeno è auspicabile, che perlomeno fino alla fine dei terzi anta il ***** sia una cosa inutile Mr. Green
Anonymous - Dom Giu 17, 2007 12:30 am
Oggetto:
dipende con chi hai deciso di invecchiare, se con lei il tempo non è generoso e tu sei monogamo è inutile anche alla fine dei primi anta.
se invece giochi da libero allora alla fine dei terzi anta ***** e chirurgo saranno tra le tue priorità.
Anonymous - Dom Giu 17, 2007 5:54 pm
Oggetto:
Insomma..., io mi sto avvicinando a grandi passi alla fine dei terzi anta..., devo cominciare a preoccuparmi? Sad

E invece, uomini, maschietti di poca fede, io ancora non vedo motivi di preoccupazione... Cool

(Oddio..., se potessi dal chirurgo ci andrei a farmi togliere un pò del "grembiulino" che mi ostacola in parte la vista di un vecchio e caro "compagno di giochi" Embarassed ..., solo che mi è stato severamente proibito dalla "compagna di giochi"... Laughing Laughing Laughing )
Anonymous - Dom Giu 17, 2007 9:27 pm
Oggetto:
Dunque, per rispondere un po' a tutti:
Ugo, io gioco da libero benchè con la solita compagna di giochi di sempre in un magnifico menage monogamico. Devo riconoscere che il tempo con noi è stato generoso (ma lo abbiamo anche aiutato) sia nella mente che nel fisico, consentendoci di essere ancora agili e fantasiosi.
Hook, tu mi hai sempre detto di avere circa la mia età, mi hai mentito allora dichiarando dieci anni meno (o hai fatto male i conti Very Happy) Infatti la fine dei terzi anta ti porterebbe ad avere 67 anni.................vedi un po' tu................. Wink
In ogni caso, appunto, per adesso motivi di preoccupazione zero e se anche c'è il grembiulino, come dice hook, poco male: io non sono mai stato sportivo per cui, posso anzi essere grato a chi ci aiuta dal piano di sopra, ad avermi mantenuto così
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

Anonymous - Dom Giu 17, 2007 9:38 pm
Oggetto:
Chris Steelhard ha scritto:

Dunque, per rispondere un po' a tutti:
Hook, tu mi hai sempre detto di avere circa la mia età, mi hai mentito allora dichiarando dieci anni meno (o hai fatto male i conti Very Happy) Infatti la fine dei terzi anta ti porterebbe ad avere 67 anni.................vedi un po' tu................. Wink


Surprised ..., io ho cominciato a contare da 0..., 20 + 20 + 20..., in effetti avrei dovuto capire quaranta, cinquanta, sessanta...

Embarassed
Anonymous - Gio Lug 12, 2007 1:59 am
Oggetto:
La libertà di ognuno di noi ha dei limiti, e questo è indiscutibile. Tra l'altro nessuno ha mai pensato di entrare nelle vita privata degli altri, fino a quando però resta privata. Il fatto che sia una realtà antica quanto il mondo cosa significa? Lo è anche l'omicidio, il furto, la pedofilia e chi più nè ha più né metta, e che certe pratiche siano decisamente poco esaltanti è una cosa risaputa. Lo ripeto ancora una volta, evito di entrare in certi particolari che dimostrerebbero ,anche se non c'è bisogno le affermazioni di cui sopra. Ma ognuno, come ho detto, nella sua vita privata può fare quel che vuole, cxxxi suoi, purché rimangano suoi.
Riguardo all'esibizionismo, chi c'è più esibizionista degli organizzatori del gaypride? Chi c'è più esibizionista di quelli che vi hanno partecipato? Ci vuol poco a capire che è solo una manifestazione arrogante nata da una frustrazione per una sessualità vissuta male. Hanno partecipato a questa manifestazione forse noti gay dello spettacolo e dell'arte? Non mi pare. Anzi qualcuno di costoro ha criticato ferocemente certe proposte di legge fatte ad hoc per questi signori, come mai? L'orgoglio gay, non so se ridere o piangere, poiché non capisco come si possa essere orgogliosi di una cosa che manca. Chissà, magari un bel giorno ci sarà la manifestazione dell'orgoglio delle persone cieche, oppure l'orgoglio dei nani. Ma anche queste sarebbero solo frustrazioni camuffate dall'arroganza.
Anonymous - Gio Lug 12, 2007 12:28 pm
Oggetto:
Caro Prof., finalmente ti ritrovo… Very Happy , come mai sì lunga assenza? Hai visto la sorpresa della sezione armi? Giovane e scarna al momento, ma si farà, grazie agli “spiriti belli” che, come te per primo, hanno lasciato TheGunners; anzi, proporrò di nominarti decano dei transfughi… Laughing

E adesso che sei tornato ricominciamo pure a duellare… Mr. Green

Ibis ha scritto:
La libertà di ognuno di noi ha dei limiti, e questo è indiscutibile.


Certo…, il limite è sul confine dell’altrui libertà, presupposto il fatto che tutti hanno diritto ad uguale misura di libertà finché non valicano il confine della libertà altrui.

Citazione:
Il fatto che sia una realtà antica quanto il mondo cosa significa?


Significa che è qualcosa che esiste, che è nata con l’essere vivente, neppure solo con l’umano, dato che è ampiamente presente fra moltissimi mammiferi, siano essi maschi o femmine.

Semplicemente E’ e non è cancellabile, è un fenomeno naturale come la tempesta (anche quella ormonale), come la marea, come l’alba ed il tramonto, come la nascita e la morte.

E’ una delle tante manifestazioni di quel lasso di tempo che intercorre fra questi due eventi e che noi chiamiamo vita.

Diciamo pure che, se c'è una divinità cui attribuire la creazione del tutto, anche l'omosessualità sarebbe una manifestazione del potere della divinità..., o no? Magari vogliamo attribuirla al diavolo?

Citazione:
Lo è anche l'omicidio, il furto, la pedofilia e chi più ne ha più né metta, e che certe pratiche siano decisamente poco esaltanti è una cosa risaputa.


Eh no, mio caro amico, qui dissento: non puoi paragonare l’omosessualità ad un reato; persino la pedofilia può non essere omosessuale, quindi questa tua frase non sta né in cielo né in terra. Come minimo fai una gran confusione.

Cosa e come sia poi risaputo che certe pratiche siano decisamente poco esaltanti me lo devi spiegare meglio.

Citazione:
Riguardo all'esibizionismo, chi c'è più esibizionista degli organizzatori del gaypride?


Per esempio, da alcune mie personali angolazioni, potrei citare le parate militari… Rolling Eyes

Poi almeno alcune processioni religiose (di qualunque religione) con la gente che, per esempio, si flagella o che mette i soldi in mano alla statua del santo per chiedere favori o ringraziare per favori che crede di aver ricevuto…, posso andare avanti se vuoi...

Citazione:
Ci vuol poco a capire che è solo una manifestazione arrogante nata da una frustrazione per una sessualità vissuta male.


Diciamo pure che non è di particolare buon gusto ma, su questo parametro, non diversamente da tutte le carnevalate.

A questo punto riprendo il fatto che, proprio nell’antichità (almeno prima dell’avvento di certe religioni e della loro arroganza e presunzione di essere l’unica verità rivelata dall’unico vero dio), quando quasi ognuno riconosceva all’altro il diritto ai suoi dei, una manifestazione come il gay pride non sarebbe stata necessaria in quanto quasi a nessuno veniva in mente di giudicare e condannare il diritto altrui alla propria sessualità istintiva.

Citazione:
Hanno partecipato a questa manifestazione forse noti gay dello spettacolo e dell'arte?


Potrei dirti che “panza piena non pensa a quella vuota”…, “loro” sono accettati e hanno raggiunto livelli sociali in cui se lo possono permettere.

Faccio un esempio collaterale: personalmente io vorrei la pena di morte per i cocainomani (diciamo pure, in un eccesso di buonismo, pene severissime per i drogati in genere).

Lapo Elkann è chiaramente, dimostratamente, un cocainomane ma, guarda caso, sono mesi che i media ce lo stanno servendo in tutte le salse, gli stanno ricostruendo una verginità, gli fanno una pubblicità spaventosa e fanno il libro Cuore delle sue sofferenze…, come mai?

Semplice, trattasi di ebreo con soldi…, tanti soldi, un domani erediterà la FIAT…, se ci droghiamo tu e io, secondo te a chi k@§§* glie ne frega?
Stesso concetto per il gay pride…

Citazione:
L'orgoglio gay, non so se ridere o piangere, poiché non capisco come si possa essere orgogliosi di una cosa che manca.


E’ l’orgoglio di essere sè stessi e di affermarlo onestamente contro chi ti dà contro per ignoranza. Ricordati il bellissimo finale di quell’intelligentissimo e garbatissimo capolavoro che è “In&Out”, con Kevin Kline e Tom Selleck, quando tutta l’assemblea dei cittadini del paesino si alza in piedi dicendo: “Sono gay!”.
Che cosa è più importante? Che il Prof. Brackett sia gay o che sia un ottimo educatore e un ottimo cittadino?
Quella è la risposta che dà la cittadinanza quando si dichiara gay assieme al suo professore...

Ad una persona di moderata predisposizione all’apertura mentale dovrebbe bastare semplicemente vedere quel film per capire come il problema è tale solo fin quando lo si vuol vedere come tale.

Se nessuno dà addosso agli omosessuali, se nessuno più affermerà che si tratta di pratiche decisamente poco esaltanti, vedrai che i gay pride si spegneranno da soli…, concordo, sono manifestazioni infantili, conseguentemente volgari…, ma perché, certi matrimoni di burini o anche di cittadini, anche di censo elevato, che cosa sono se non volgari e pacchiani esibizionismi?

Citazione:
Ma anche queste sarebbero solo frustrazioni camuffate dall'arroganza.


Che vogliamo fare? Riaprire Reading Gaol e rimandarci Oscar Wilde e compagnia?

Ricordati sempre di Fra Cristoforo: omnia munda mundis...

Wink
Anonymous - Gio Lug 12, 2007 2:45 pm
Oggetto:
A proposito, Prof., vorrei sentire il tuo parere su questo:



Question
Anonymous - Gio Lug 12, 2007 7:14 pm
Oggetto:
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!


Quoto in toto il nostro Cpt!
Anonymous - Gio Lug 12, 2007 7:22 pm
Oggetto:
Nikita ha scritto:
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!


Quoto in toto il nostro Cpt!


Vabbè..., ma tu non fai testo...

Wink
Anonymous - Ven Lug 13, 2007 2:48 pm
Oggetto:
Tu fai solo dell'inutile filosofia caro il mio bel capitano, al nocciolo della questione Ibis ha detto delle sacrosante verità. Punto.
Credo di avere già espresso il mio punto di vista su quest'argomento, e non sarei disposto a cambiarlo di una virgola per via delle tue "aggiunte e varianti", solo un bell'esempio di come sia possibile stravolgere il problema con l'ausilio ed il supporto delle chiacchiere.
Se due froci se ne stanno per i c@zzi loro non mi verrà certo in mente di andarli a cercare, ci mancherebbe solo quella, ma le manifestazioni di indecenza, di vomitevole e schifoso cattivo gusto cui ci hanno "abituato" con le sfilate sulla pubblica piazza.. allo scopo di dimostrare tutto il loro "orgoglio".. beh, in un solo caso potrei digerirle o tollerarle, e sarebbe che dovrei diventare come loro.
Eventualità che mi sento di poter escludere.
Solo in paesi di m&rda, dove i valori, quelli veri, non si sa nemmeno dove stanno di casa possono succedere ste cose, grazie a tutti quei degenerati e pervertiti senza Dio, come se non bastasse anche comunisti, che davanti a queste porcherie hanno pure la faccia come il culo di parlare di.. "espressioni di libertà".
Ma fatemi il piacere di accordare il violino, si sentono le stonature fino quà.
Anonymous - Ven Lug 13, 2007 6:20 pm
Oggetto:
il federale ha scritto:
Tu fai solo dell'inutile filosofia


Possibile, della filosofia si è sempre detto che è quella cosa con la quale o senza la quale il mondo rimane tale e quale... Mr. Green

Citazione:
Credo di avere già espresso il mio punto di vista su quest'argomento, e non sarei disposto a cambiarlo di una virgola


La differenza fra noi è proprio questa: che io riconosco a tutti il diritto di dire delle $tr*n§@te e tu solo ad alcuni che dicano le stesse che dici tu..., quelle degli altri non ti stanno bene..., parafrasando il grande Duca de la Rochefoucauld potrei dire che "le $tr*n§@te degli altri ti sono odiose perché offendono le tue..."

Diciamo pure che è quella che a me sembra arroganza intellettuale (oltre che illusione): sentirsi depositari di una sola ed assoluta verità...

Citazione:
le manifestazioni di indecenza, di vomitevole e schifoso cattivo gusto cui ci hanno "abituato" con le sfilate sulla pubblica piazza..


Nella mia risposta ad Ibis a proposito della religione ho dimenticato di aggiungere il terzo grande maestro: Voltaire. Inutile citare quello che lui dice a proposito della libertà...

Io non ho detto di condividere o apprezzare certe manifestazioni, se non altro per motivi di gusto; ho detto solo che se non si rimuovono le cause di certi fenomeni se ne vedranno sempre gli effetti..., ho peraltro il timore che vediamo diversi metodi di rimozione delle cause... Rolling Eyes

Tanto per fare un esempio le manifestazioni di Emmeline Pankhurst ai primi del '900 venivano disperse dalla polizia..., erano considerate scandalose e ancor oggi, nei paesi in cui vige la sharia, le donne non hanno diritti..., sono tutte facce della stessa medaglia...

Citazione:
Solo in paesi di m&rda, dove i valori, quelli veri, non si sa nemmeno dove stanno di casa


Ti sarei grato che tu mi nominassi qualche paese che tu ritieni ospitare i "valori veri" e mi definissi anche "valore vero" e il certificato di autenticità con firma e credenziali del certificatore.

Citazione:
Ma fatemi il piacere di accordare il violino, si sentono le stonature fino quà.


Forse qualcuno dirige male l'orchestra, pretendendo che tutti suonino la stessa nota...

Wink
Anonymous - Ven Lug 13, 2007 6:46 pm
Oggetto:
il federale ha scritto:
Se due froci se ne stanno per i c@zzi loro non mi verrà certo in mente di andarli a cercare, ci mancherebbe solo quella, ma le manifestazioni di indecenza, di vomitevole e schifoso cattivo gusto cui ci hanno "abituato" con le sfilate sulla pubblica piazza..
....Solo in paesi di m&rda, dove i valori, quelli veri, non si sa nemmeno dove stanno di casa possono succedere ste cose, grazie a tutti quei degenerati e pervertiti senza Dio, come se non bastasse anche comunisti, che davanti a queste porcherie hanno pure la faccia come il culo.....


Alla faccia della mentalità aperta e del rispetto delle altrui scelte! Shocked Certo che mi sarei aspettata qualcosa di diverso da un forum che si intitola SPIRITO LIBERO E INDOMITO, forse era meglio chiamarlo RETROGRADO E BACCHETTONE! Confused

"Non c'è vocabolo di cui non si sia oggi fatto così largo abuso come di questa parola: libertà. Non mi fido di questo vocabolo, per la ragione che nessuno vuole la libertà per tutti; ciascuno la vuole per sé". (Otto von Bismarck)
Anonymous - Ven Lug 13, 2007 6:56 pm
Oggetto:
Sempre e solo filosofia Hook, perdi sempre di vista il nocciolo della questione, ma secondo me lo fai apposta per soddisfare la tua insaziabile reputazione di bastian contrario.
Tu dici che sarebbe necessario rimuovere le cause per curarne gli effetti.
E lo vedi che su qualcosa riusciamo ad andare d'accordo?
Io ce l'avrei la "cura" per risolvere il problema alla radice sai? Un metodo semplice ed economico, causa ed effetto sparirebbero come per incanto in una nuvoletta di fumo...
Anonymous - Ven Lug 13, 2007 7:04 pm
Oggetto:
il federale ha scritto:
Sempre e solo filosofia Hook, perdi sempre di vista il nocciolo della questione,


Io veramente non credo di aver capito come tu vedi il nocciolo della questione..., e dubito che lo sappia anche tu...

Citazione:
ma secondo me lo fai apposta per soddisfare la tua insaziabile reputazione di bastian contrario.


Sono state le minoranze di bastian contrari quelle che hanno mandato avanti il mondo...

Citazione:
Io ce l'avrei la "cura" per risolvere il problema alla radice sai? Un metodo semplice ed economico, causa ed effetto sparirebbero come per incanto in una nuvoletta di fumo...


Appunto..., con questa "cura" un bel giorno qualcuno si sentirà legittimato a far sparire in una nuvoletta di fumo anche quelli come te e come me...

Evil or Very Mad
Anonymous - Ven Lug 13, 2007 7:21 pm
Oggetto:
Ti piace giocare a rincorrerti nei labirinti di parole da te stesso creati, al punto che ti ci perdi, almeno usa il filo di Arianna per ritrovare l'uscita.
E' proprio quello il punto: tu pensi di poter evitare il rischio di finire in nuvoletta di fumo solo perchè ti arrabatti a rivendicare il diritto ad esprimere il proprio pensiero per tutti?
Quelli in principio fanno finta di accontentarsi di un loro piccolo spazio, poi poco per volta ce li ritroviamo sempre più invadenti e arroganti nelle loro sporche pretese.
Oggi le coppie di fatto, domani vogliono adottare dei figli!.. Calci nel culo a due a due fin che diventano dispari gli darei.
Riuscendo inspiegabilmente a rimanere serio, ti ricordo che tu hai avuto la sfrontatezza, insieme a qualche altro tuo compagno di merende, per fortuna pochi, di rivendicare il diritto al libero pensiero anche per quella razza di schifosissimi vermi infami di pedofili, caro il mio Captain. (ma mi sa tanto che se non la smetti di sparare ca§§ate, prima o poi proporrò una revisione al tuo grado..)
Se non vuoi correre questo rischio, dicevo, quello di finire in nuvoletta di fumo, c'è un solo metodo: arrivare per primi e disporre di più benzina, e soprattutto non lasciare l'iniziativa agli altri.
A Nikita posso solo rispondere che mi preferisco bacchettone piuttosto che sponsor di queste categorie di subumani, che se fosse per me dovrebbero essere estirpati dalla faccia della terra come i topi.
Anonymous - Ven Lug 13, 2007 9:01 pm
Oggetto:
nessuno pretende che tu sponsorizzi il prossimo gay pride, però non sarebbe una cattiva idea, sai che risonanza.. e tutti li che si fanno il cu@@lo per farti pubblicità!
senonchè oltre che avere dei credo, una propria cultura o modo di vedere le cose, noi tutti siamo e facciamo anche altro.
e vogliamo essere liberi di fare tutto quello che nei limiti della legalità e del rispetto reciproco.
io personalmente, oltre ad essere un misero bancario mi diletto nel fare coltelli, piccoli lavori di falegnameria, piccoli lavori di meccanica. sono appassionato di 1000 cose e ne porto a termine 10.
sessualmente mi piacciono le misure xxxl qualcuno può trovarlo disgustoso, ma a me piacciono e tanto mi basta.
tra i miei amici annovero anche 1 gay e alcuni extracomunitari, oltre che preti e naturalmente tutti voi del forum.
per quel che sono e siamo, posso trovare 10.000 persone che non tollerano una singola sfaccettatura del mio essere e ne conosco tante che non ne tollerano quasi nessuna.
ma nessuno deve obbligarmi a non essere quel che sono, non tollero che chicchessia possa venirmi a dire questo è sbagliato, non devi farlo se quello che faccio è legale.
e ritengo che questo possa dare fastidio anche al federale, sei io volessi obbligarti ad essere gayo, come minimo mi ritroverei fori che partono dal 22 al 50 bmg.
Anonymous - Ven Lug 13, 2007 9:46 pm
Oggetto:
il federale ha scritto:
Ti piace giocare a rincorrerti nei labirinti di parole da te stesso creati, al punto che ti ci perdi, almeno usa il filo di Arianna per ritrovare l'uscita.


Diciamo pure che sei rimasto a corto di argomenti logici..., perché è quello che, o prima o poi, succede a chi parla per cliché..., però, per il poco che ti conosco, mi dispiace credere che, oltre a parlare, tu pensi anche per cliché..., perché è questo quello che fai...

Citazione:
Se non vuoi correre questo rischio, dicevo, quello di finire in nuvoletta di fumo, c'è un solo metodo: arrivare per primi e disporre di più benzina, e soprattutto non lasciare l'iniziativa agli altri.


E quand'anche fosse? Non mi dò tanta importanza e neppure mi prendo tanto sul serio..., non ne valgo la pena...

Citazione:
mi preferisco bacchettone piuttosto che sponsor di queste categorie di subumani, che se fosse per me dovrebbero essere estirpati dalla faccia della terra come i topi.


Avvisami il giorno che deciderai di aprire le cateratte del cielo..., vedrò di sigillare bene la barchetta..., e mi porterò anche un paio di rospacci, simili a te ma gay...

Mr. Green
Anonymous - Ven Lug 13, 2007 9:52 pm
Oggetto:
CptHook ha scritto:
mi porterò anche un paio di rospacci gay...


Hummmmmmmmm da quando ti sei comprato quella muta mi preoccupi.......... Rolling Eyes Very Happy
Anonymous - Ven Lug 13, 2007 10:00 pm
Oggetto:
Chris Steelhard ha scritto:

Hummmmmmmmm da quando ti sei comprato quella muta mi preoccupi.......... Rolling Eyes Very Happy


Finché è tranquilla la mia miglior metà voialtri non avete di che preoccuparvi..., e comunque siete parecchio brutti..., nessuno di voi assomiglia a Brad Pitt... (manco io, se è per questo... Rolling Eyes )

Mr. Green
Anonymous - Ven Lug 13, 2007 10:23 pm
Oggetto:
e menio male....si,si menomale!
Anonymous - Mer Lug 18, 2007 12:15 am
Oggetto:
CptHook ha scritto:
A proposito, Prof., vorrei sentire il tuo parere su questo:



Question

Niente di particolare, è solo una provocazione per dire che è inaccettabile esere un gay. Qualche volta scappa anche a me che è preferibile persino un Totò Riina a Prodi.
Anonymous - Mer Lug 18, 2007 1:34 am
Oggetto:
Citazione:

Certo…, il limite è sul confine dell’altrui libertà, presupposto il fatto che tutti hanno diritto ad uguale misura di libertà finché non valicano il confine della libertà altrui.

Il limite in questione è stato abbondantemente superato, sia con la proposta di dare in adozione dei bambini a coppie gay violando i diritti del bambino, sia con la proposta di dare le case alle cosiddette coppie di fatto violando i diritti di una coppia naturale che poi è quella da cui dipende la società, e non si possono mettere sullo stesso piano le due cose. Ricordati, se non si fanno figli chiudono le scuole, chiudono un sacco di altre cose con la conseguente perdità di posti di lavoro, e conseguenza più grave che tutti possiamo vedere: le pensioni che stanno diventando un grosso problema, e una delle cause principali è il calo della natalità. E tu vuoi mettere le due cose sullo stesso piano, ma neanche per sogno!
Citazione:

Significa che è qualcosa che esiste, che è nata con l’essere vivente, neppure solo con l’umano, dato che è ampiamente presente fra moltissimi mammiferi, siano essi maschi o femmine.

Semplicemente E’ e non è cancellabile, è un fenomeno naturale come la tempesta (anche quella ormonale), come la marea, come l’alba ed il tramonto, come la nascita e la morte.

E’ una delle tante manifestazioni di quel lasso di tempo che intercorre fra questi due eventi e che noi chiamiamo vita.

Diciamo pure che, se c'è una divinità cui attribuire la creazione del tutto, anche l'omosessualità sarebbe una manifestazione del potere della divinità..., o no? Magari vogliamo attribuirla al diavolo?

Sicuramente che esiste da sempre come tantissime altre cose, ma questo non significa che è da approvare. Vorrei sapere dove hai letto dei mammiferi con questa deviazione, Torno a ripetere che ho studiato zoologia e non ho mai letto niente del genere. Te lo dico io cos'è: è solo un'altra trovata di quelli che vorrebbero imporci le loro teorie. Un animale del genere sarebbe cancellato nella lotta per l'esistenza. Quando succede una cosa del genere è solo un comportamento istintivo, quando un cane non trova una cagna sfoga magari su uno dello stesso sesso, niente di più. A parte che l'omosessuale secondo alcuni testi di medicina nasce tale, mentre altri tipi di omosessualità sono di origine psicologica oppure occasionali(carceri, collegi,ecc.) non vedo come un animale possa essere omosessuale per motivi psicologici, e in ogni caso non servirebbe alla comunità. I gatti eliminano senza pietà i piccoli che hanno una qualsiasi anomalia opuure li abbandonano. Certamente l'omosessualità fa parte della natura, ma anche le malattie e tante altre cose che belle non sono fanno parte della natura, non mi sembra che ci sai qualcuno disposto ad accettarle passivamente.
Citazione:

Eh no, mio caro amico, qui dissento: non puoi paragonare l’omosessualità ad un reato; persino la pedofilia può non essere omosessuale, quindi questa tua frase non sta né in cielo né in terra. Come minimo fai una gran confusione.

Cosa e come sia poi risaputo che certe pratiche siano decisamente poco esaltanti me lo devi spiegare meglio

Nella nostra cultura non lo è, ma prova a dirlo ai mussulmani. Non faccio alcuna confusione in quanto volevo solo dire che è una deviazione come tante altre, meno dannosa, ma sempre deviazione è.
Per rispondere alla tua ultima domanda dovrei scendere in particolari, appunto poco esaltanti. Ti dico solo una cosa, il nostro corpo non è fatto per quel tipo di rapporto, e le conseguenze sono di varia natura. Te lo dico con assoluta certezza, anche se non ce ne sarebbe bisogno, poichè sto parlando con una persona che considero abbastanza intelligente.
Citazione:

Per esempio, da alcune mie personali angolazioni, potrei citare le parate militari…

Poi almeno alcune processioni religiose (di qualunque religione) con la gente che, per esempio, si flagella o che mette i soldi in mano alla statua del santo per chiedere favori o ringraziare per favori che crede di aver ricevuto…, posso andare avanti se vuoi...

No credo proprio che si possano paragonare le parate militari a un gaypride, poi se uno è antimilitarista può anche criticarle dal suo punto di vista. In ogni caso sono manifestazioni che ci sono sempre state con un preciso significato.
Riguardo alle processiomi religiose, anche qui devo dire che hanno un preciso significato, ma che la religione non si riduce certamente solo a questo, ma è una cosa molto, ma molto più complessa. E visto che da un'altra parte tu citi Voltaire, ti dirò che proprio questo signore, da mangiapreti che era, disse in modo inequivocabile che niente poteva sostituire la funzione sociale della religione.
Citazione:

Diciamo pure che non è di particolare buon gusto ma, su questo parametro, non diversamente da tutte le carnevalate.

A questo punto riprendo il fatto che, proprio nell’antichità (almeno prima dell’avvento di certe religioni e della loro arroganza e presunzione di essere l’unica verità rivelata dall’unico vero dio), quando quasi ognuno riconosceva all’altro il diritto ai suoi dei, una manifestazione come il gay pride non sarebbe stata necessaria in quanto quasi a nessuno veniva in mente di giudicare e condannare il diritto altrui alla propria sessualità istintiva.

Sessualità istintiva? Beh, se dovessi dare sfogo alla mia sessualità istintiva, comincerei a palpare qualche bel sedere di mio gradimento, ma non credo che me lo lascerebbero(giustamente) fare.
Citazione:

Potrei dirti che “panza piena non pensa a quella vuota”…, “loro” sono accettati e hanno raggiunto livelli sociali in cui se lo possono permettere.

Faccio un esempio collaterale: personalmente io vorrei la pena di morte per i cocainomani (diciamo pure, in un eccesso di buonismo, pene severissime per i drogati in genere).

Lapo Elkann è chiaramente, dimostratamente, un cocainomane ma, guarda caso, sono mesi che i media ce lo stanno servendo in tutte le salse, gli stanno ricostruendo una verginità, gli fanno una pubblicità spaventosa e fanno il libro Cuore delle sue sofferenze…, come mai?

Semplice, trattasi di ebreo con soldi…, tanti soldi, un domani erediterà la FIAT…, se ci droghiamo tu e io, secondo te a chi k@§§* glie ne frega?
Stesso concetto per il gay pride…

Non è questo il motivo, ma il fatto che a un certo livello esistono persone intelligenti, che conoscono i loro limiti. Di gay ne conosco qualcuno pure io, anzi qualcuno mi è pure amico, ma sono persone di un certo spessore che non parteciperebbero mai a manifestazioni del genere. Hanno fatto le loro scelte, ma intelligentemente non ne parlano, poiché sanno che personamente non le condivido. Io d'altra parte li accetto tranquillamente in quanto per il resto sono come le altre persone, fanno il loro lavoro come tutti gli altri,e quindi il problema dove sta?
Riguardi a Lapo Elkman, dovresti ricordarti che la legge non è stata mai uguale per tutti.
Citazione:

E’ l’orgoglio di essere sè stessi e di affermarlo onestamente contro chi ti dà contro per ignoranza. Ricordati il bellissimo finale di quell’intelligentissimo e garbatissimo capolavoro che è “In&Out”, con Kevin Kline e Tom Selleck, quando tutta l’assemblea dei cittadini del paesino si alza in piedi dicendo: “Sono gay!”.
Che cosa è più importante? Che il Prof. Brackett sia gay o che sia un ottimo educatore e un ottimo cittadino?
Quella è la risposta che dà la cittadinanza quando si dichiara gay assieme al suo professore...

L'orgoglio è semplicemente fuori luogo. Per vari motivi che ho specificato altrove non servono affatto alla società, come servono invece le coppie che fanno figli, e quindi su che cosa posa questo orgoglio? Se un Zeffirelli è orgoglioso, lo è a buon diritto, perché è uno che sa fare benissimo il proprio lavoro e non per altro, e pertanto come per il prof. Brackett non si può dire assolutamente nulla. Ma guarda caso, proprio un Zeffirelli poi critica certe esternazioni di cattivo gusto, e questo no n può che rendermelo simpatico. Stai tranquillo che nessuno va a guardare la vita privata di una 'altra persona(a meno che non abbia niente da fare), se questa persona fa bene il proprio lavoro, facendo appunto un netto distinguo tra lavoro e vita privata.
Citazione:

Che vogliamo fare? Riaprire Reading Gaol e rimandarci Oscar Wilde e compagnia?
Ricordati sempre di Fra Cristoforo: omnia munda mundis...

A parte che Oscar Wilde(scrittore da me molto apprezzato)se l'è voluta, niente di tutto questo.
Anonymous - Mer Lug 18, 2007 6:19 pm
Oggetto:
Capitano ai secondi con un.. no, due occhi neri.
Minchia come te le ha suonate, l'hai trovato l'osso eh?
Anonymous - Mer Lug 18, 2007 7:03 pm
Oggetto:
E' una vecchia discussione fra me e Ibis che, ovviamente, non ci vedrà mai trovare un accordo...

...è una questione di valori che si privilegiano:

se la Libertà, intesa come valore universale, Libertà che è tale finché non sconfina nell'altrui libertà, sia da difendere a tutti i costi perché non si possono fare discriminazioni sulla libertà altrui se si vuole il rispetto della propria...

...oppure se ci si ritiene tanto bravi, capaci, intelligenti, brillanti, e chi più ne ha più ne metta, da poter distinguere e definire esattamente il male dal bene e giudicare in conseguenza.
Siccome anche il diavolo usa citare le sacre scritture mi limiterò da dire "non giudicare se non vuoi essere giudicato"..., al riguardo l'accenno di Ibis a come la vedono i mussulmani, è abbastanza illuminante..., a parte che anche loro non scherzano affatto in materia, tutt'altro..., quindi anche lì si predica bene e si razzola male.

L'amico Prof. è andato abbastanza fuori tema in quanto io non ho parlato di fatti contingenti legati all'eventuale aumento dell'omosessualità, vedi diminuzione delle nascite e conseguente carenza di giovani lavoratori che pagheranno le nostre pensioni.

Ridurre una discussione sulla libertà a problemi di questo genere è, a dire proprio poco e ad essere molto gentili (non come una mia conoscenza quando dissente da qualcuno) appunto RIDUTTIVO...

Nè ho mai tirato in ballo il problema delle case ad alcuni sì e ad altri no..., tralascio l'adozione dato che anche su questo abbiamo versato fiumi di bit..., anche qui è questione di punti di vista e di approccio al problema..., io parlo di ciò che vedo funzionare, ma non voglio dilungarmi su questo.

Il fatto poi che l'omosessualità esista significa semplicemente che, piaccia o meno, non se ne può negare l'oggettiva esistenza né, men che meno, che la si possa risolvere nascondendola come spazzatura sotto il tappeto della "morale comune".

Gli studi di zoologia dell'amico Ibis forse sono un pò datati; basta cercare in rete per trovare e, andando fuori dall'Italia, basta leggere quell'insigne studioso che è stato Konrad Lorentz.

Le affermazione di Ibis che l'omosessualità non faccia parte della natura in quanto contro il codice naturale di continuazione della specie è esatta ma, almeno stando a Lorentz e altri, l'omosessualità animale è molto meno sessuale di quanto si pensi.

Risulterebbe invece legata ad un bisogno di "farsi compagnia", una forma di mutuo soccorso, se volete anche di "amicizia". Personalmente non ci trovo niente di male.

Discutiamo invece l'uso della parola "deviazione" applicato al concetto di omosessualità:

se intendiamo la "deviazione" come scostamento da un valore statistico possiamo anche essere d'accordo. Statisticamente e, se vogliamo, anche finalisticamente, in funzione del "progetto" della natura (riproduzione/continuazione) l'essere vivente omosessuale "devia" dal progetto.

Però, e questo è il punto: se esiste, come di fatto esiste l'omosessualità, non si può parlare di deviazione in altri termini proprio perché E', esiste, è comunque scritta da qualche parte, in misura maggiore o minore, nel codice genetico degli esseri viventi.

Non è un atto volontario dell'individuo ma una manifestazione di "diversità" genetica e, forse, anche psichica che alcuni esprimono ed altri reprimono, per i più svariati motivi.

Gli animali, non avendo il problema della masturbazione mentale e il terrore di quello che dirà la gente, se si sentono omosessuali fanno gli omosessuali senza crearsi problemi.

Quanto all'argomentazione "funzionale" addotta da Ibis, che il corpo umano non sia fatto per il rapporto omosessuale, la trovo alquanto assurda dato che uomini con uomini e donne con donne riescono comunque ad avere attività sessuali piacevolissime.
E, se anche a qualcuno darà fastidio sentirlo, molti uomini estremamente "maschi" spesso e volentieri apprezzano di essere sodomizzati da donne...
... cosa significa? Che la sessualità è una cosa e la riproduzione un'altra e, al riguardo, possiamo anche andare a scomodare Platone...

Quindi, tornando a bomba, io sono quello che De Crescenzo chiama "un uomo di libertà"..., quindi non permetto mai alla mia libertà di sconfinare in quella altrui finché quella altrui non sconfina nella mia.

Non mi ritengo in diritto di giudicare la libertà altrui perché non voglio che si rompano i k*g£i*ni alla mia...

Quanto all'affermazione voltairiana della funzione sociale della religione posso solo obiettare che si dice lo stesso del calcio..., sono linimenti per facilitare la tosatura del gregge...

Quanto ai gay-pride, l'ho detto e lo ripeto, sono manifestazioni di cattivo gusto, che io trovo logiche finché si parlerà dell'omosessualità nei termini in cui lo fa Ibis e tanti altri..., ad ogni azione corrisponde una reazione..., tutto qui...

Ma se si comincia a discriminare la libertà per una cosa si continuerà a discriminarla per altre..., e quanto al figlio mafioso piuttosto che gay:

NO!!! Mio caro Prof. questa spero proprio che tu non la pensi... ma se la pensi veramente allora sei deviato tu, non gli omosessuali...

Exclamation
Anonymous - Mer Lug 18, 2007 9:52 pm
Oggetto:
Ibis ha scritto:
Niente di particolare, è solo una provocazione per dire che è inaccettabile esere un gay. Qualche volta scappa anche a me che è preferibile persino un Totò Riina a Prodi.


E' una scelta fra due uguali...

Wink
Anonymous - Mer Lug 18, 2007 10:03 pm
Oggetto:
Ibis ha scritto:

A parte che l'omosessuale secondo alcuni testi di medicina nasce tale,


Appunto..., se è così allora che diritto hai di condannarlo?

Ibis ha scritto:
Certamente l'omosessualità fa parte della natura, ma anche le malattie e tante altre cose che belle non sono fanno parte della natura, non mi sembra che ci sia qualcuno disposto ad accettarle passivamente.


Fondamentalmente sono gli etero a condannare gli omo e non viceversa...


Ibis ha scritto:
Nella nostra cultura non lo è, ma prova a dirlo ai mussulmani.


Mussulmani, o meglio, fondamentalisti o integralisti islamici, quelli che vorrebbero la sharia, cioè che per un puro concetto di potere vorrebbero tenere le donne rinchiuse...

Ibis ha scritto:
Sessualità istintiva? Beh, se dovessi dare sfogo alla mia sessualità istintiva, comincerei a palpare qualche bel sedere di mio gradimento, ma non credo che me lo lascerebbero (giustamente) fare.


Finché il bel sedere è consenziente dov'è il problema? Wink

Ibis ha scritto:
A parte che Oscar Wilde (scrittore da me molto apprezzato)se l'è voluta, niente di tutto questo.


Cosa intendi con "se l'è voluta"?

Question
Anonymous - Mer Lug 18, 2007 10:16 pm
Oggetto:
c'è un orgoglio anche nell'essere mafiosi.così come c'è nell'appartenere alle forze dell'ordine, e allora? possiamo ritenere moralmente + qualificato un corrotto politicante piuttosto che un onesto gay per un'adozione? (non esistono prove certe di onestà da parte dei gay, mentre per i politicanti non esistono prove del contrario).io per esempio sono orgogliosamente anche filoborbonico.ma la domanda che mi pongo rileggendo tutti i precedenti post è la seguente: è mai possibile che tutte le coppie di gay abbiano richiesto ed ottenuto bimbi in affido? è mai possibile che questi bimbi non siano stati proposti prima a coppie di normali genitori?e ammesso che per i gay diventi uno status simbol esibire i propri pargoli, quante possibilità ci sono che non esistano + sulla terra bimbi adottabili? e quale sarebbe il male minore per un bimbo ruandese di 11 anni magari anche sieropositivo, morire per strada od essere amorevolmente curato da due papà o mamme ?se le coppie etero hanno tanto amore da dare ai diseredati, cosa ci fanno ancora nelle case famiglie bimbi portatori di handicap, minorenni disadattati che deliquono, milioni di bombi che muoiono nei paesi poveri. potrei capire il disappunto se venisse preferita una famiglia gay ad una normale con pari requisiti,ma ci sono bimbi che nessuna famiglia normale vuole e forse neanche una gay.proporrei quindi a tutti coloro i quali sono contrari all'adozione di bimbi da parte di gay di adottare tutti i bimbi disponibili in maniera da non lasciargliene a disposizione.
Anonymous - Mer Lug 18, 2007 10:23 pm
Oggetto:
Grazie Ugo...

Very Happy
Anonymous - Mer Lug 18, 2007 10:40 pm
Oggetto:
aggiungerei, che sarei orgogliosissimo di poter girare per il paese con la doppietta a tracolla e le pietta in fondina, non perchè mi senta poco protetto dalle forze dell'ordine, ma perchè trovo esteticamente + piacevole l'iglesina ricamata sulla doppietta e le venature dei suoi legni del rolex che esibisce l'imecillone di turno. alle spalle del mio box troneggia un calendario con armi fini raffigurate sopra, sulla scrivania del direttore quello di padre pio. ognuno esibisce quello in cui crede.
Anonymous - Gio Lug 19, 2007 1:09 am
Oggetto:
Bene, vediamo un pò di rispondere al post fiume di Hook. Cominciamo col dire che non mi sono mai sognato di limitare la libertà degli altri, nonostante sia una cosa non facile da gestire, e su questo si potrebbe innestare un'altra discussione fiume. Al contrario sono state proprio certe persone di cui tu prendi le difese a spada tratta che più volte hanno tentato di imporre certe pratiche, anche con il ricatto, a quelli come me, nei cinema, sui mezzi pubblici, etc. Al riguardo potrei raccontare qualche episodio, ma evitiamo. Spero di essere stato chiaro sulla parola libertà. Se ognuno sta al proprio posto, stai tranquillo che nessuno gli dirà niente.
Riguardo poi alla capacità di distinguere il male dal bene, ci dovrà pure essere una distinzione, altrimenti sarebbe(e ci siamo quasi)il caos totale. Il relativismo esaperato porterà alla distruzione, e questo è una cosa certa. La cosa più idiota è, che questo relativismo prende le mosse dalla teoria della relatività di Einstein, e chi lo fà denota ignoranza totale sull'argomento, in quanto la teoria della relatività non ha niente a che vedere con il relativismo. Stai tranquillo che esistono quelli così bravi da poter distinguere il bene dal male, certo non sono tanti, ma la cosa più sorprendente è che parlano la stessa lingua, a destra e a sinistra. E' di questi giorni la critica di Umberto Eco contro un certo tipo di mentalità, e si sa che Eco sta a sinistra, ma guarda caso ha detto le stesse cose che direbbe un uomo di destra.
Riguardo i fatti contingenti sostengo che una coppia gay non può avere gli stessi diritti di una coppia che mette al mondo figli, e pertanto se c'è a disposizione una casa ne ha diritto la seconda e non la prima. E voglio tralasciare dal punto di vista del diritto il caos che deriverebbe da certe norme che rasentano la follia. Proprio con i figli i mussulmani si stanno impadronendo dell'Europa senza sparare un colpo di fucile, provate a parlare loro delle coppie gay. Sono cose che non possono funzionare, e qualche paese cosiddetto più avanzato se ne sta accorgendo.
Riguardo a Lorenz, che è stato un etologo, lo conoscevamo pure ai nostri tempi. Personalmente ho letto "l'anello di re Salomone". Ora se tu mi dici in quale libro Lorenz parla di omosessualità degli animali, corro subito a comprarlo, così potrò risponderti un pò meglio su questa presunta omosessualità animale, che sono solo deviazioni comportamentali dovute a fatti contingenti, come succede nelle carceri. Non ho mai affermato che l'omosessualità non faccia parte della natura, ma ho solo sostenuto che non serve all'economia della natura, sono due cose totalmente diverse. Ho anzi detto che fà parte della natura come tantissime altre deviazioni, altrimenti se non è una deviazione non lo è neppure la pedofilia, poiché anch'essa esiste da che mondo e mondo.
Che il corpo non sia fatto per quel tipo di rapporto non è affatto una cosa assurda. A parte alcuni artifici che bisogna mettere in atto, e questo già di per se è sufficiente, esistono delle conseguenze più o meno gravi. In privato se capiterà di incontrarci ancora te le dirò. Che poi esistono i cosiddetti maschi a cui piace essere sodomizzati, può solo provare che la cosa non è altro che un vizio, come lo è la sigaretta, il bere, la droga, etc. Tutte cose che bene no fanno.
Poi paragonare il calcio alla religione, capitano! Ho già detto in qualche altro post che sono stati reigiosissimi uomini di intelligenza e cultura non comune, che non fanno certamente parte del gregge, come è invece per il calcio.
I gaypride non sono affatto una reazione, poichè l'omosessualità non è certamente un argomento su cui discuterci una serata, alla maggior parte delle persone non gliene frega proprio niente, quindi reazione a che cosa? Forse dovrebbero reagire gli eterosessuali che quasi quasi esserlo è diventato una colpa, ma non scherziamo dai!
Ti piaccia o no considererei una grande tragedia avere un figlio omosessuale, e per questo sono disposto a passare per deviato, in quanto prima di tutto devo rispondere alla mia coscienza, il resto ha poca importanza.
Anonymous - Gio Lug 19, 2007 1:27 am
Oggetto:
Citazione:

Appunto..., se è così allora che diritto hai di condannarlo?

E chi li condanna?
Citazione:

Fondamentalmente sono gli etero a condannare gli omo e non viceversa...

Ne sei certo di questa affermazione? Anche a questo proposito potrei raccontarti qualche episodio di intolleranza nei riguardi di etero. Avremmo dovuto prendere a calci nel sedere queste persone, ma siamo stati molto più tolleranti di loro.
Citazione:

Mussulmani, o meglio, fondamentalisti o integralisti islamici, quelli che vorrebbero la sharia, cioè che per un puro concetto di potere vorrebbero tenere le donne rinchiuse...

Nessuno forse più di me li detesta, ma continuando così l'avranno vinta, e non lo dico io. E' fresca di questi giorni un'intervista ad uno scrittore tedesco di cui non ricordo il nome il quale ha scrtto un libro sulla falsariga della Fallaci.
Citazione:

Finché il bel sedere è consenziente dov'è il problema?

Certamente!
Citazione:

Cosa intendi con "se l'è voluta"?

E' un brutto episodio che fa parte della vita di questo scrittore, il quale ebbe un rapporto con il figlio di una persona importante. Se Oscar Wilde avesse fatto meno il gradasso sicuro di averla vinta anche in tribunale, probabilmente non avrebbe sofferto l'onta del carcere.
Anonymous - Gio Lug 19, 2007 1:40 am
Oggetto:
Citazione:

c'è un orgoglio anche nell'essere mafiosi.così come c'è nell'appartenere alle forze dell'ordine, e allora? possiamo ritenere moralmente + qualificato un corrotto politicante piuttosto che un onesto gay per un'adozione? (non esistono prove certe di onestà da parte dei gay, mentre per i politicanti non esistono prove del contrario).io per esempio sono orgogliosamente anche filoborbonico.ma la domanda che mi pongo rileggendo tutti i precedenti post è la seguente: è mai possibile che tutte le coppie di gay abbiano richiesto ed ottenuto bimbi in affido? è mai possibile che questi bimbi non siano stati proposti prima a coppie di normali genitori?e ammesso che per i gay diventi uno status simbol esibire i propri pargoli, quante possibilità ci sono che non esistano + sulla terra bimbi adottabili? e quale sarebbe il male minore per un bimbo ruandese di 11 anni magari anche sieropositivo, morire per strada od essere amorevolmente curato da due papà o mamme ?se le coppie etero hanno tanto amore da dare ai diseredati, cosa ci ...

Intanto i mafiosi di cui dovrebbe essere provato l'orgoglio non fanno cortei, se poi lo fossero lo sarebbero a buon diritto in quanto fanno capo ad una organizzazione molto potente che ha le mani in pasta dappertutto. Attenzione non li sto difendendo, e quindi non fraintendiamo.
Per fortuna ancora in Italia non esiste alcuna norma che prevede l'adozione di bambini da parte di coppie gay. Sarebbe una grande tragedia, a parte la violenza che si fà al bambino, il quale come tanti altri avrebbe dirittto ad una coppia normale. Tralasciamo poi i danni sul piano psicologico; chi come me ha fatto l'insegnante sa benissimo i seri rischi a cui si va incontro. Stiamo parlando di esseri umani e non di giocattoli che servirebbero solo a soddisfare l'egoismo di presone prive di coscienza. Guarda caso, contro questa eventualità si sono schierati anche persone omosex.
Anonymous - Gio Lug 19, 2007 4:53 pm
Oggetto:
Mi rendo conto, leggendo i kilometrici posts, che al giorno d'oggi, esistono ancora forti e radicati pregiudizi e una più o meno latente paura dell'omosessualità, anche in un contesto aperto e culturalmente avanzato come quello dei paesi occidentali.

Ci si arrampica sugli specchi per dimostrare che il corpo dell’uomo e della donna sono fatti per “procreare”, per “accoppiarsi” secondo certi canoni stabiliti dalla natura (secondo alcuni) o dal padreterno (secondo altri). Che non è giusto fare questo, non è “normale” fare quest’altro, così va bene, ma colà è aberrante…..

Una battuta mi sorge spontanea, ma sono una signora e lascio alla fantasia di ognuno immaginare quale.

Ma stiamo scherzando?

Frasi come
Io d'altra parte li accetto tranquillamente in quanto per il resto sono come le altre persone, fanno il loro lavoro come tutti gli altri,e quindi il problema dove sta”
mi fanno inca§§are da morire. Mai sentito niente di più razzista!!

"Sono come le altre persone”: perché esiste forse una categoria di persone “normali” e una di persone “anormali”?

E chi l'ha stilata sta hit parade? Ragazzi qui si sta parlando di esseri umani, non di mucche, pecore, cavalli e così via.

“I gatti eliminano senza pietà i piccoli che hanno una qualsiasi anomalia oppure li abbandonano”. Shocked

Benissimo, allora cominciamo ad eliminare gli omosessuali e con loro anche i nostri figli, quelli che non ci sono venuti perfetti, magari potremmo decidere di eliminare tutti quelli che non raggiungono una certa altezza, oppure che superano un certo peso, e perché no, quelli che non hanno gli occhi azzurri! Non parliamo poi di quei bambini nati con qualche difettuccio genetico,

Certamente l'omosessualità fa parte della natura, ma anche le malattie e tante altre cose che belle non sono fanno parte della natura, non mi sembra che ci sai qualcuno disposto ad accettarle passivamente.

Non ho parole!!! Sicuramente io non sono disposta ad accettarle passivamente tante cavolate.

Ricordati, se non si fanno figli chiudono le scuole, chiudono un sacco di altre cose con la conseguente perdità di posti di lavoro, e conseguenza più grave che tutti possiamo vedere:....

Gli omosessuali esistono da sempre, in ogni categoria animale, e questo non ne ha mai compromesso la specie. Non saranno i gay a mettere a rischio l'umanità. I paesi in cui l'omosessualità è pienamente accettata e integrata nella società, come in Olanda, la natalità e i matrimoni eterosessuali sono decisamente superiori rispetto alla bigotta e razzista Italia.

Niente di particolare, è solo una provocazione per dire che è inaccettabile esere un gay.

A Nikita posso solo rispondere che mi preferisco bacchettone piuttosto che sponsor di queste categorie di subumani, che se fosse per me dovrebbero essere estirpati dalla faccia della terra come i topi

I maschi etero (non tutti, ma alcuni) sono spesso insicuri di sè anche se magari esternamente appaiono forti, sicuri e per questo si uniformano alla massa che è sempre lì a giudicarli. Per questa paura di apparire diversi agli altri e l'insicurezza insita in loro stessi finiscono con l'avere paura del diverso.

Avete notato che quando si parla di omosessualità si pensa subito a quella maschile? Perché? Le donne non alzano tanto polverone sull’argomento, non stanno lì col fucile spianato pronte a sparare su quelle che hanno fatto una scelta (legittima) di vita. Cosa c’’è nella omosessualità maschile che fa tanto paura agli uomini?

Ho letto da qualche parte che (cito testualmente) "la paura dei maschi etero è quella di riscoprire in loro le radici profonde del desiderio omoerotico insito in ogni essere umano. Il modo migliore per esorcizzare questo pericolo è quello di aggredire chi apporta una verità per loro terribile e destabilizzante: non esiste il machismo, non vi è nessun vero maschio, nessun vero scopatore di femmine, nessuna identità di genere immutabile da difendere, nessun monolitismo mentale che non sia soltanto l'ennesima illusione…."

Non sarà che tutta questa “omofobia”, (letteralmente "paura dello stesso") nasconda la repulsione per chi è simile a voi? Twisted Evil
Anonymous - Gio Lug 19, 2007 5:01 pm
Oggetto:
Mr. Green Mr. Green Mr. Green Mr. Green Mr. Green
Anonymous - Gio Lug 19, 2007 8:23 pm
Oggetto:
mi permetto di far notare che al mondo non esiste niente di maggiormente contronatura dell'uomo.
infatti l'uomo è l'unico essere che si rifiuta di adattarsi ad essa ma cerca di plasmarla.
l'uomo si detta un codice morale che aliena i suoi istinti naturali, adotta leggi che esulano quelle della natura ed ad essa si considera superiore.
perfino l'istinto di sopraffazione, di caccia e la violenza cerca di reprimere, quindi sono convinto che parlando di specie umana si intenda una specie in conflitto con la natura.
partendo da questa premessa come posso non considerare contro natura una qualsiasi espressione dell'essere umano?
Anonymous - Gio Lug 19, 2007 9:35 pm
Oggetto:
Ugo sei un GRANDE...

Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

Anonymous - Ven Lug 20, 2007 1:33 am
Oggetto:
Citazione:

Mi rendo conto, leggendo i kilometrici posts, che al giorno d'oggi, esistono ancora forti e radicati pregiudizi e una più o meno latente paura dell'omosessualità, anche in un contesto aperto e culturalmente avanzato come quello dei paesi occidentali.

Ci si arrampica sugli specchi per dimostrare che il corpo dell’uomo e della donna sono fatti per “procreare”, per “accoppiarsi” secondo certi canoni stabiliti dalla natura (secondo alcuni) o dal padreterno (secondo altri). Che non è giusto fare questo, non è “normale” fare quest’altro, così va bene, ma colà è aberrante…..

Noto che la parola cultura si usa sempre a sproposito, ovviamente secondo i canoni imposti dai padroni del vapore. I paesi occidentali sono molto avanzati dal punto di vista tecnologico mentre in tante altre cose non sono avanzati affatto. In quanto ad arrampicarsi sugli specchi, ma da che pulpito viene la predica! Ma veramente vorresti andare contro la scienza, contro la medicina, contro l'anatomia, ma stai veramente delirando, e vorresti contestare certe affermazioni fatte da un addetto ai lavori. Non esiste alcun dubbio che certe parti del corpo non sono fatte per certe cose, ed è facilmente dimostrabile, ma mi pare che qui ci si comporta come i peggiori marxisti, che vorrebbero negare la luce del sole. Ma tu ne hai idea quali potrebbero essere le conseguenze di certi rapporti, ne sei a conoscenza? A giudicare da quello che scrivi direi proprio di no.
Citazione:

mi fanno inca§§are da morire. Mai sentito niente di più razzista!!

"Sono come le altre persone”: perché esiste forse una categoria di persone “normali” e una di persone “anormali”?

E chi l'ha stilata sta hit parade? Ragazzi qui si sta parlando di esseri umani, non di mucche, pecore, cavalli e così via.

Mi pare che stai continuando a sproloquiare dando giudizi del tutto gratuiti. Ti consiglio di andare a guardare sul vocabolario il significato della parola razzista, e questo indipendentemente dal fatto che sia razzisti che antirazzisti non sono depositari di alcuna verità, pertanto le ragioni dell'uno valgono quanto le ragioni dell'altro. Non condividere certe scelte non significa affatto essere razzisti, non diciamo sciocchezze. Ma di quale hit-parade stai parlando? chi l'avrebbe compilata?
Prima di rispondere un'altra volta, leggi bene i posts e pensaci un poco.
Citazione:

Benissimo, allora cominciamo ad eliminare gli omosessuali e con loro anche i nostri figli, quelli che non ci sono venuti perfetti, magari potremmo decidere di eliminare tutti quelli che non raggiungono una certa altezza, oppure che superano un certo peso, e perché no, quelli che non hanno gli occhi azzurri! Non parliamo poi di quei bambini nati con qualche difettuccio genetico,

Come sopra, se non hai capito l'esempio fatto perché rispondi cose che non stanno né in cielo né in terra? Forse qualcuno ha proposto di eliminare queste persone? Mi dici chi è stato per favore?
Citazione:

Non ho parole!!! Sicuramente io non sono disposta ad accettarle passivamente tante cavolate.

Dove sarebbero le cavolate? Non sei stata tu e qualche altro che avete affermato che l'omosessualità è una cosa che è sempre esistita? Perché, le malattie non fanno parte della natura? Dove sta il problema?
Citazione:

Gli omosessuali esistono da sempre, in ogni categoria animale, e questo non ne ha mai compromesso la specie. Non saranno i gay a mettere a rischio l'umanità. I paesi in cui l'omosessualità è pienamente accettata e integrata nella società, come in Olanda, la natalità e i matrimoni eterosessuali sono decisamente superiori rispetto alla bigotta e razzista Italia.

Vorrei sapere quando hai visto questi animali omosessuali? Addirittura in qualsiasi categoria animale, qualche esempio per favore. Dipoi vai a studiarti cos'è la selezione naturale di darwiniana memoria e capirai perché una determinata specie non viene compromessa da fattori negativi. Riguardo all'Olanda, ti consiglierei di calarti meglio dentro questa realtà, forse ti accorgerai proprio come questi paesi cosiddetti avanzanti stanno cominciando a capire di avere imboccato una strada sbagliata. Riguardo alla natalità hai senz'altro ragione. Infatti gli italiani sono sempre i primi a copiare le cose sbagliate ed a peggiorarle. Riguardo al razzismo, forse non sei a conoscenza che le prime moschee date alle fiamme sono state proprio in Olanda, ma non senza una buona ragione.
Citazione:

I maschi etero (non tutti, ma alcuni) sono spesso insicuri di sè anche se magari esternamente appaiono forti, sicuri e per questo si uniformano alla massa che è sempre lì a giudicarli. Per questa paura di apparire diversi agli altri e l'insicurezza insita in loro stessi finiscono con l'avere paura del diverso.

Avete notato che quando si parla di omosessualità si pensa subito a quella maschile? Perché? Le donne non alzano tanto polverone sull’argomento, non stanno lì col fucile spianato pronte a sparare su quelle che hanno fatto una scelta (legittima) di vita. Cosa c’’è nella omosessualità maschile che fa tanto paura agli uomini?

Ho letto da qualche parte che (cito testualmente) "la paura dei maschi etero è quella di riscoprire in loro le radici profonde del desiderio omoerotico insito in ogni essere umano. Il modo migliore per esorcizzare questo pericolo è quello di aggredire chi apporta una verità per loro terribile e destabilizzante: non esiste il machismo, non vi è nessun vero maschio, nessun vero scopatore di femmine, nessuna identità di genere immutabile da difendere, nessun monolitismo mentale che non sia soltanto l'ennesima illusione…."

Non sarà che tutta questa “omofobia”, (letteralmente "paura dello stesso") nasconda la repulsione per chi è simile a voi

Oddio! Che cumulo di sciocchezze prese da qualche manuale di psicologia. Se questi signori andassero a lavorare come fanno tanti altri, invece di sfornare continue sciocchezze. la società ne trarrebbe un gran vantaggio. Solo Pinochet ebbe questa buona idea mandandoli tutti a casa. Anch'io sono stato una vittima di questi ciarlatani per il lavoro che ho svolto sin ora. Una volta uno di questi signori pieni di boria entrò da solo in una classe credendo di far non so cosa con la propria scienza, ma ne uscì dopo un minuto con i capelli rizzati. Un altro invece, sicuramente più intelligente, mi disse di fare tutto il contrario di quello che aveva detto, ma non era necessario che me lo dicesse.
Ma pensi veramente che le persone abbiano tutta questa paura dell'omosessualità? Ma stai scherzando? Ma pensi veramente che con tutto quello che c'è da fare la gente pensi all'omosessualità? Ma alla gente non gline frega proprio niente, e se se ne parla è solo perchè i massmedia, che come vedo sono riuscirti a condizionare le menti con il bombardamento continuo, hanno tirato fuori questo tema, che sicuramente a qualcuno deve fare comodo. Ma anni fa, questo era un argomento che nessuno toccava mai, poiché assolutamente privo di importanza.
Anonymous - Ven Lug 20, 2007 2:20 am
Oggetto:
Citazione:

mi permetto di far notare che al mondo non esiste niente di maggiormente contronatura dell'uomo.
infatti l'uomo è l'unico essere che si rifiuta di adattarsi ad essa ma cerca di plasmarla.
l'uomo si detta un codice morale che aliena i suoi istinti naturali, adotta leggi che esulano quelle della natura ed ad essa si considera superiore.
perfino l'istinto di sopraffazione, di caccia e la violenza cerca di reprimere, quindi sono convinto che parlando di specie umana si intenda una specie in conflitto con la natura.
partendo da questa premessa come posso non considerare contro natura una qualsiasi espressione dell'essere umano?

Fammi capire, l'uomo è contro natura? E chi sarebbe invece con la natura? Se leggi bene quello che hai scritto, noterai che ci sono delle contraddizioni. Infatti poi scrivi che l'uomo si sente superiore e adotta leggi che esulano quelle della natura. Ed infatti una coppia omo esula proprio le leggi della natura, poichè una coppia di questo genere, come ho già detto, non serve all'economia della natura, anzi è solo dannosa.
Ma poi vorresti proprio che l'uomo seguisse i suoi istinti naturali, parlando di sopraffazione, di caccia, etc. La prima vittima potresti essere anche tu, e questo che vorresti? Si dà invece il caso che l'uomo, in generale è dotato di una intelligenza e razionalità suoeriore a tutti gli altri animali, a meno che qualcuno non mi dimostri che qualche animale abbia composto la sinfonia "corale" o altro. La razionalità ha imposto all'uomo di dettarsi delle regole, ma questo non succede solo tra gli uomini, ma anche in alcune categorie di animali(animali sociali) che vivono in gruppi. Prova a guardare com'è strutturato un gruppo di babbuini e ti accorgerai come tutti obbediscano a delle regole precise. Mi pare altresì una cosa più che logica che in gruppo più o meno numeroso ci siano delle regole. Ti rendi conto cosa succederebbe senza alcuna regola?
Inoltre tutti gli animali cercano di plasmare la natura a loro vantaggio, gli esempi sono tanti, ma l'uomo in questo lavoro riesce meglio di tutti gli altri, con conseguenze spesso negative. Ma di questo ce ne siamo accorti proprio perché possediamo la razionalità, e di conseguenza stà a noi aggiustare il tiro.
Per il resto queste tue affermazioni sembrano solo dei sofismi che non dimostrano assolutamente nulla. Personalmente non ho alcun istinto di sopraffazione, né di violenza, o altro, e pertanto non devo reprimere(per fortuna) proprio nulla. Penso inoltre che una buona parte del genere umano sia fatto nello stesso modo. Voglio sperare che anche tu sia fatto nello stesso modo, sennò cosa vuoi che ti dica, prova a non reprimere più i tuoi istinti, ed ad agire secondo natura. Provaci, e vedi che cosa può accadere.
Anonymous - Ven Lug 20, 2007 7:48 am
Oggetto:
Bravo Captain, ma potevi anche finire la frase, visto che hai ritenuto di mettere i puntini di sospensione..
Sei un GRANDE..,. PARACULO, o PARAGNOSTA, come preferisci.
Pressochè impossibile aggiungere qualcosa di veramente inedito dopo l'intervento di Ibis, se non sottolineare che un simile, immenso cumulo di stupidaggini, per non dire di peggio, non riuscivo a leggerlo da una vita. Complimenti Ugo!
Se fossi in te, e non credo ti rimangano alternative valide, mi andrei a rileggere bene, ma bene, la tale concentrazione di ston§ate che hai scritto, e poi chiederei scusa adducendo un motivo qualsiasi, che ne sò, eri stanco, soprapensiero, stressato, ce ne sono..
Non è la prima volta che riesci ad infilare tante ca§§ate in un colpo solo, si capisce che in questa pratica sei un campione, ma guarda che questa volta hai davvero superato, verso il basso ovviamente, ogni presunto limite all'intelligenza.
E complimenti anche a Nikita, con tutto il rispetto dovuto nei confronti di una signora, che, se è riuscita a fare tutto da sola, ma da quelle parti sò che c'è una bella sinergia per cui il potenziale per scrivere puttanate in quantità industriale è infinita, è meritevole pure lei, a pari punteggio, di ben figurare sul podio insieme a Ugo il GRANDE..
Bene, adesso che Ibis vi ha gonfiato tutti e tre come delle zampogne (ma è già Natale?), prendetevi una pausa di riflessione e fatevi medicare le evidentissime ammaccature che ne avete riportato, avete tanto di quel cerotto che siete praticamente irriconoscibili.
Riposati Hook, lasciaci pensare che potrebbe essere colpa del caldo..
Anonymous - Ven Lug 20, 2007 9:03 am
Oggetto:
Federale..., depongo un attimo il mantello del mio tradizionale aplomb per mandarti a k@g@re, ritenendo che tu abbia un eccesso di materia fecale al cervello che ti offusca la peraltro, a volte, non indifferente cultura ed intelligenza... Cool

Parafrasandoti posso dire che non ho mai letto un cumulo di $tr*n§@te più grosso di quelle che sparate tu e Ibis... Shocked

Soprattutto, tristemente mi rendo conto che la vera libertà è solo di e per quei pochi che sono abbastanza forti da non temerla e possono quindi permettersi di rispettarla..., e che persino persone molto colte ed intelligenti possono essere estremamente limitate al riguardo...

Rolling Eyes

Dubito che, su queste basi, continuare questa discussione possa portare da qualche parte...

Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

Anonymous - Ven Lug 20, 2007 10:09 am
Oggetto:
Però, ripensandoci, un paio di cosette ho ancora da aggiungerle, e questa volta sul piano pratico, adeguandomi in questo ad Ibis che non riesce a separare il discorso relativo alla libertà da qualche eventuale, generica e minimale implicazione pratica.

Vorrei ricordarvi il caso recente di quel ragazzino che si è suicidato perché i compagni lo definivano omosessuale.

L'enorme inciviltà educazionale che salta agli occhi da questa amarissima vicenda dovrebbe essere già sufficiente ad evidenziare tutto il male che deriva dalla mentalità sottesa ai ragionamenti che ho letto in questi posts e mi domando come qualcuno di voi avrebbe gestito il problema se avesse avuto un figlio omosessuale.

Posso solo ringraziare le eventuali divinità perché non ciò è accaduto, ma non per voi, bensì per quella povera creatura che avrebbe avuto la disgrazia di esservi figlio.

Poi ritorno una volta di più sul caso della Prof. di Palermo per evidenziarne due punti:

1) - una educatrice che coglie l'inciviltà di un suo allievo, inciviltà patentemente originatesi nell'ambiente familiare di tale incolpevole imbecille, viene perseguita, con gran danno della civile convivenza e dell'immagine dell'educazione, nonché gran sperpero di tempo e denaro pubblici (stò sostituto non c'ha un k@§§* da fare);

2) - una famiglia di provati incivili (stante sia il comportamento del figlio sia la denuncia alla Prof.) riprova una volta di più la propria inciviltà e la propria inadeguatezza a vivere in una società civile esibendo un ignobile cartello che inneggia "meglio un figlio mafioso che gay"
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!


In cosa sono costoro migliori di un integralista islamico? Forse sono peggiori, perché il fanatico islamico condanna l'omosessualità ma anche la delinquenza, mentre costoro non solo inneggiano alla malavita ma non vengono neppure perseguiti, come invece si fa per la Prof.

Vi rendete conto di che razza di perversione stiamo parlando?

Allora vogliamo dire che si deve essere liberi di inneggiare alla delinquenza ma non all'omosessualità?

Un gay-pride può essere una manifestazione di cattivo gusto; quel cartello inneggia ad una delle peggiori forme di delinquenza organizzata!

Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

Anonymous - Ven Lug 20, 2007 3:58 pm
Oggetto:
Mi rendo conto che quando non si vuole capire ci si "attacca" anche alla virgola messa qui anzichè là. Quando si ha una mentalità così gretta e retrograda si rischia di andare in confusione mentale al solo dubitare che qualcun altro possa non pensarla come voi. La prosopopea che traspare dal lungo discorso dei cari colleghi di forum non ammette repliche, o almeno così dovrebbe essere, ma a me sembra pittosto
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!


Io forse non sarò un insigne professore, ma un pochino ho studiato (medicina e psicologia e, tanto per rassicurare il nostro prof., Darwin l'ho letto pure io, incredibile, ma vero!!).

"Ti consiglio di andare a guardare sul vocabolario il significato della parola razzista, e questo indipendentemente dal fatto che sia razzisti che antirazzisti non sono depositari di alcuna verità, pertanto le ragioni dell'uno valgono quanto le ragioni dell'altro. Non condividere certe scelte non significa affatto essere razzisti, non diciamo sciocchezze...." Shocked Shocked

I peggiori razzisti sono proprio quelli che, come te, negano di esserlo (a parole ovviamente, mentre nei fatti, beh ... vatti a rileggere quello che scrivi Mad )
Atteggiamenti "razzisti" (per fatti miei che non mi va di discutere in questa sede) l'ho provati sulla mia pelle quindi so' di cosa parlo al contrario di tanti che blaterano, blaterano, ......

Mi piacerebbe sviluppare il discorso relativo al patrimonio di conoscenze, affetto, creatività, ingegno, rappresentati dall'essere umano che nulla hanno a che vedere con le scelte sessuali, potremmo parlare di "anima" di essenza dell'essere umano, ma a che pro se poi il tutto si riduce a

.."mi preferisco bacchettone piuttosto che sponsor di queste categorie di subumani, che se fosse per me dovrebbero essere estirpati dalla faccia della terra come i topi "

Quindi cari signori mi permetto di dire che di cavolate voi ne avete dette a vagonate!

"E complimenti anche a Nikita, con tutto il rispetto dovuto nei confronti di una signora, che, se è riuscita a fare tutto da sola, ma da quelle parti sò che c'è una bella sinergia per cui il potenziale per scrivere puttanate in quantità industriale è infinita, è meritevole pure lei, a pari punteggio, di ben figurare sul podio insieme a Ugo il GRANDE.. "

Il fatto di trovarmi in compagnia di altri due cazzari come il Capitano e Ugo del Giudice non può che farmi piacere caro Federale dal momento che li stimo entrambi, il primo perché l'ho sposato (e lo rifarei cento volte Wink ) e l'altro perché, leggendo ciò che scrive, non posso che apprezzarlo Razz .

Ce ne fossero di più di uomini simili quanto meglio si starebbe in questo mondo! Evil or Very Mad

"Bene, adesso che Ibis vi ha gonfiato tutti e tre come delle zampogne (ma è già Natale?), prendetevi una pausa di riflessione e fatevi medicare le evidentissime ammaccature che ne avete riportato, avete tanto di quel cerotto che siete praticamente irriconoscibili. "

Purtroppo chi ne esce a pezzi da tutta questa discussione siete proprio voi e non ve ne rendete conto Sad
Anonymous - Ven Lug 20, 2007 5:20 pm
Oggetto:
A vedere da come vi siete inca§§ati sembra proprio il contrario mia cara.
Anche, e soprattutto, parlo per me, perchè al sottoscritto non gliene fotte una beata fava di come la pensano i radicali di m.. come voi.
Ben ci stà il signor Vladimiro Guadagno, noto Luxuria, a Montecitorio.
Dovreste andarne orgogliosi: una categoria di bistrattati, poveri indifesi dalle ingiustizie che mentalità grette e ottuse come la mia vogliono relegare ai margini della società, finalmente hanno il loro angelo custode in parlamento, che "lavorerà" tutto l'anno, a spese del contribuente, per organizzare spettacoli indecenti nel nostro ca§§o di paese ed altrove.
Ci stò a capire che esistono e non si possono più fare i roghi sulla pubblica piazza (ah che bei tempi..), ma da lì a consentire loro di manifestare il proprio "orgoglio" in modo così arrogante e disgustoso, beh, mi ci perdo.
Piuttosto avrei preferito che qualcuno di lor signori mi spiegasse il motivo per il quale Ugo il GRANDE si è meritato sul campo tale riconoscimento.
Vi confesso che sono allibito: ma avete letto bene quante e quali puttanate sono contenute in così poche righe?
Se poi tutto è dovuto al nervosismo che vi opprime per essere stati così elegantemente messi alle corde da Ibis, e gli siete riconoscenti per il fatto che è intervenuto in vostro aiuto, beh, allora ditelo.
Hook, di solito sei palloso e noioso come Nonna Papera, ma quando ti inca§§i riesci ad essere più divertente di Stanlio e Ollio.
Ti dibatti in un palmo d'acqua senza renderti conto di aver superato da un pezzo il senso del ridicolo.
E poi mi piacerebbe finirla con la storia di attribuire al termine "razzista" un contenuto ed un significato sempre e solo negativo.
Ci sono dei casi in cui io mi sento pienamente razzista, in modo consapevole e convinto, con orgoglio, che fa sempre comunque meno schifo di un'altro tipo di.. "orgoglio".
Vergognatevi.
Anonymous - Ven Lug 20, 2007 5:46 pm
Oggetto:
Caro Fed, non mi hai mai visto ink@§§@zz@t*... anche perché non mi succede mai quando mi rendo conto che non serve..., e questo è uno di quei casi... Wink

Ho già detto che, come al solito, si perde di vista il concetto generale andando a guardarne singole manifestazioni particolari..., di solito tipico di quando si scarseggia di argomenti.

C'è il solo guaio che andando ad ammazzare la formica non si vede la tigre in agguato...

Alla signora Guadagno (uso il femminile in quanto rispetto la scelta di sentirsi donna) io posso criticare l'eventuale cattivo uso del pubblico denaro che tu citi, solo in quanto posso non condividere le priorità politiche ma, se è per questo, più o meno tutti i nostri politici fanno lo stesso, cioè fondamentalmente tutti pensano ai k@§§i propri e se ne fottono delle priorità del paese.

Conseguentemente la signora in oggetto non è né migliore né peggiore dei suoi colleghi e pertanto il mio giudizio sarà limitato alla sua azione politica e non ad altro.

Anche io sono razzista: odio gli intellettualmente disonesti. Non odio più nemmeno i cretini, per due motivi:

1) non hanno scelto di nascere cretini e non si rendono conto di essere cretini (sennò sarebbero già un pezzo avanti);

2) non sono stati loro a prendersi gli stessi diritti degli intelligenti, sono stati appunto gli intellettualmente disonesti che, per i propri fini, glieli hanno dati.

Detto questo, come d'altronde detto anche precedentemente, per quanto mi riguarda vi lascio tranquillamente il campo dato che, a mio parere, non c'è opportunità di dialogo ma solo di monologhi.

Ergo, cantatevela e suonatevela da soli..., come si dice a Roma: "Pò ffà sangua nà rapa?"

Mr. Green
Anonymous - Ven Lug 20, 2007 6:09 pm
Oggetto:
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!


Chissà perchè appena letto il penultimo post invece di inca§§armi mi è venuto da ridere Laughing Laughing Laughing

Mi ricorda tanto una canzoncina vecchia di alcuni lustri il cui ritornello faceva così:

Arriva la bomba che scoppia e rimbomba
ah ah si tratta di me
dai reggiti forte che spacco le porte
ah ah arrivo da te


Vabbè, una cosa l'ho capita: coi sordi non si ragiona, bisognerebbe conoscere il linguaggio dei segni, ma .... avete vinto. Troppe cavolate tutte insieme non le reggo. Vi saluto con un sonetto di Trilussa:

È stato ar fronte, sì, ma cór pensiero, però te dà le spiegazzioni esatte de le battaje che nun ha mai fatte, come ce fusse stato per davero. Avressi da vedé come combatte ne le trincee d'Aragno! Che gueriero! Tre sere fa , pe' prenne er Montenero, ha rovesciato er cuccomo del latte! Cór su' sistema de combattimento trova ch'è tutto facile: va a Pola, entra a Trieste e te bombarda Trento. Spiana li monti, sfonna, spara, ammazza... -- Per me -- barbotta -- c'è una strada sola... E intigne li biscotti ne la tazza. (L'EROE AR CAFFÈ dicembre 1916)
Anonymous - Ven Lug 20, 2007 11:20 pm
Oggetto:
ritornando sul discorso dell'uomo e del suo andare contronatura credo che nessuno di voi possa negare che tendiamo a volerci distinguere dai babbuini succitati, non ci accontentiamo di sopravvivere come tutte le altre specie fanno.
(apro una parente, la zia, anche alcune specie di scimmie per socializzare fanno sesso di gruppo e non badano al sesso di chi gli stà davanti) quindi se dite che il sesso omosessuale è contronatura si può anche asserire che è perfettamente umano.
come è umano lottare contro il tempo, 100 anni fà vivevamo ad un ritmo, oggi il nostro ritmo è 200 volte più veloce.
200 anni fà eravamo molto + vicini alla natura di oggi, e quindi eravamo molto + bestie, negli istinti e nei comportamenti sociali.
lo spirito di sopraffazione sopravvive tuttoggi, e come si può intuire quello violento alberga negli strati sociali più bassi o meno acculturati.
quale è il nostro attuale scopo nella vita?
cosa ha veramente valore di quello che possediamo, e cosa ha veramente senso possedere? 30.000 euro di auto? 50.000 di auto? tanto a + di 130 kmh non puoi andare, che te ne fai?
400.000 euro di casa ? gioielli e opere d'arte? e vivere poi barricato con la paura che ti rubino il superfluo?
ed a quale scopo accumulare ricchezze o beni che non ti riesci a godere?

questo è l'uomo attuale, una serie di ragionamenti fini a se stessi.
e come, circondato da tutta questa follia umana io posso pensare di condannare una categoria di persone che forse fanno male e solo a se stessi?
allora condanniamo chiunque ostenti una macchina di un certo pregio, chi fuma, chi spara.
sono tutte cose effimere e contronatura. nessuna è meglio o peggio dell'altra, se vogliamo guardare il mondo con gli occhi di un semplice animale, l'amore omossessuale è infruttifero ed inutile come l'arte.
per un cane la gioconda è stato un inutile spreco di tempo e materiali.
se invece vogliamo guardare il mondo che ci circonda con occhi umani allora possiamo cogliere lo spettacolo di un tramonto sul mare, di un'alba nei boschi, la musica classica o jazz o pop.
Anonymous - Ven Lug 20, 2007 11:23 pm
Oggetto:
e gli occhi umani sono diversi tra loro, nessuno vedrà esattamente quello che vedi tù
u o proverà esattamente quello che provi tu. quindi perchè le mie emozioni od i miei istinti devono essere più giusti dei tuoi?
Anonymous - Ven Lug 20, 2007 11:32 pm
Oggetto:
Avevo detto che la finivo di replicare ma mi vergognerei di me stesso se ti facessi mancare il mio:

QUOTONE!!!

Very Happy
Anonymous - Sab Lug 21, 2007 12:59 am
Oggetto:
La discussione ha preso una piega poco felice, al limite dell'offesa personale, ma personalmente non perderò la calma, e se questo era l'obiettivo non ci siamo proprio. Qui invece di contestare alcune argomentazioni si sa dire solo che sono razzista, che dico stronzate e così via. Capisco che alcune argomentazioni non si possono contestare e allora ci si comporta come i nostri signori governanti, i quali più volte presi in castagna, sanno solo rispondere con insulti, come d'altra parte facevano quando erano all'opposizione, in quanto loro sono unti dal Signore e quindi la verità è nelle loro mani, e nello stesso modo ci si comporta in questo forum; non si ammettono repliche, non si ammettono idee o concetti diversi, concetti che tra l'altro si basano spesso su leggi scientifiche, quando addirittura si vuole contestare l'anatomia oppure si va a dire che l'omosessualità è presente in tutte le categorie(termine errato)animali. Adesso veniamo a noi.
Citazione:

I peggiori razzisti sono proprio quelli che, come te, negano di esserlo (a parole ovviamente, mentre nei fatti, beh ... vatti a rileggere quello che scrivi )
Atteggiamenti "razzisti" (per fatti miei che non mi va di discutere in questa sede) l'ho provati sulla mia pelle quindi so' di cosa parlo al contrario di tanti che blaterano, blaterano, ......

Non credo che tu mi conosca come del resto anch'io, solo che personalmente evito di etichettare. Non ho bisogno di rileggere quello che scrivo, perché le cose che scrivo prima le penso. Le cose sono due, o non hai consultato il dizionario, oppure lo hai consultato e sei rimasta scornata. Secondariamente il razzista e l'antirazzista sono due persone che la pensano diversamente, e come ho già detto i princìpi di uno valgono quanto quelli dell'altro. Il sottoscritto da te definito razzista frequenta e parla tranquillamente con gli omosessuali da prima che tu nascessi, quando la maggior parte delle persone li trattava come appestati. Con loro vado tranquillamente a mare, a teatro etc. senza alcun problema, ma sul tema della sessualità la pensiamo in modo differente. Se questo è razzismo, ebbene sono razzista.
Citazione:

Mi piacerebbe sviluppare il discorso relativo al patrimonio di conoscenze, affetto, creatività, ingegno, rappresentati dall'essere umano che nulla hanno a che vedere con le scelte sessuali, potremmo parlare di "anima" di essenza dell'essere umano, ma a che pro se poi il tutto si riduce a

Mi pare che siete stati voi a parlare di scelte sessuali e a difenderle a spada tratta, mentre personalmente ho affermato che a parte le scelte sessuali sono persone come le altre, ce ne sono di mediocri, di intelligenti, di geni etc. Ho affermato che se fanno bene il loro lavoro, citando anche Zeffirelli, sono meritevoli di ammirazione. Ma per aver detto che sono persone come le altre mi sono beccato del razzista.
Citazione:

Purtroppo chi ne esce a pezzi da tutta questa discussione siete proprio voi e non ve ne rendete conto

Mi sono controllato e sono tutto intero, non saranno certo i vostri argomenti che poggiano su basi molto fragili a farmi impressione, ci vuol altro. In ogni caso sono a vostra disposizione.
Anonymous - Sab Lug 21, 2007 1:51 am
Oggetto:
Citazione:

ritornando sul discorso dell'uomo e del suo andare contronatura credo che nessuno di voi possa negare che tendiamo a volerci distinguere dai babbuini succitati, non ci accontentiamo di sopravvivere come tutte le altre specie fanno.
(apro una parente, la zia, anche alcune specie di scimmie per socializzare fanno sesso di gruppo e non badano al sesso di chi gli stà davanti) quindi se dite che il sesso omosessuale è contronatura si può anche asserire che è perfettamente umano.

Quanto meno hai il pregio di rispondere con altri argomenti e non con insulti. Nessuno ha parlato di contronatura, ma solo che un certo tipo di rapporto non interessa all'economia della natura, spero di non ripeterlo più. In ciò che ho scritto non ho paragonato l'uomo ai babbuini o ad altri animali, ma ho solo parlato di regole. Quali sarebbero poi queste scimmie che non badano al sesso di chi gli sta davanti ed eventualmente perché non facciamo come loro, così tanto per vedere cosa succede poi, per farsi eventualmente quattro risate.
Citazione:

questo è l'uomo attuale, una serie di ragionamenti fini a se stessi.
e come, circondato da tutta questa follia umana io posso pensare di condannare una categoria di persone che forse fanno male e solo a se stessi?
allora condanniamo chiunque ostenti una macchina di un certo pregio, chi fuma, chi spara.
sono tutte cose effimere e contronatura. nessuna è meglio o peggio dell'altra, se vogliamo guardare il mondo con gli occhi di un semplice animale, l'amore omossessuale è infruttifero ed inutile come l'arte.
per un cane la gioconda è stato un inutile spreco di tempo e materiali.
se invece vogliamo guardare il mondo che ci circonda con occhi umani allora possiamo cogliere lo spettacolo di un tramonto sul mare, di un'alba nei boschi, la musica classica o jazz o pop

Hai detto una cosa giusta, è una categoria di persone che fà soprattutto male a se stessa. Tutti quelli che conoscono vivono male il loro stato, e non certo perché non sono accettati, questa è una grossa idiozia. In ogni caso chi ha parlato di condannare?
Contesto in parte quello che dici dopo, quando citi degli oggetti che definisci contronatura. Da che mondo e mondo l'uomo cerca la vita comoda, e d'altra parte quando tu parli di ascoltare musica, sono proprio alcuni degli oggetti di cui tu parli che ci consentono di poterla ascoltare. Cent'anni fa non era certo così. Secondariamente affermi che l'atto omosessuale è inutile come l'arte. Assolutamente non vero, l'arte ci aiuta a vivere poiché è un forte punto di riferimento per moltissime persone. Conosco una persona che si è salvata dalla depressione con la musica, ma di esempi del genere se ne possono citare tanti. Caro Ugo, se non vuoi paragonare un babbuino ad un uomo non lo devi fare neppure col cane, al quale non interessa certo la gioconda, che invece interessa a tante persone le quali sarebbero felicissime di poterla ammirare.
Citazione:

e gli occhi umani sono diversi tra loro, nessuno vedrà esattamente quello che vedi tù
u o proverà esattamente quello che provi tu. quindi perchè le mie emozioni od i miei istinti devono essere più giusti dei tuoi?

Le frasi ad effetto servono a ben poco, e se volessimo mettere in pratica quanto si evince da quella che scrivi ci sarebbe solo il caos, in quanto tutti avrebbero diritto ad agire secondo i loro istinti, visto che non si può fare una classifica. Non è così semplice e così comodo. Da che mondo è mondo sono esistite sempre delle regole, e la stessa natura sottostà a queste regole. Pensate cosa potrebbe succedere se improvvisamente il sole invece di sorgere ad est(esempio che faccio spesso)sorgesse ad ovest? Sicuramente una catastrofe di proporzioni bibliche. La stessa cosa vale per gli uomini, e noi stessi possiamo constatare quello che succede anche nelle piccole cose, figuriamoci in quelle grandi che coinvolgono tutta l'umanità. Spesso le regole non piacciono, e allora si invoca la libertà dando a questa parola soltanto un significato di comodo, mentre le variabili sono tante.
Anonymous - Sab Lug 21, 2007 2:02 am
Oggetto:
Citazione:

Vabbè, una cosa l'ho capita: coi sordi non si ragiona, bisognerebbe conoscere il linguaggio dei segni, ma .... avete vinto. Troppe cavolate tutte insieme non le reggo. Vi saluto con un sonetto di Trilussa:

Eppure dovrebbe essere una cosa facile contestare le cavolate, ma non sei capace di fare una cosa così semplice e vorresti ragionare che è una cosa molto difficile.
Anonymous - Sab Lug 21, 2007 2:30 am
Oggetto:
Citazione:

Vorrei ricordarvi il caso recente di quel ragazzino che si è suicidato perché i compagni lo definivano omosessuale.

Certo, poi c'è il ragazzino che si suicida perché prende un brutto voto, un'altro perché il padre gli proibisce di andare in discoteca etc. Sono cose che nelle scuole sono sempre successe e qualche volta hanno un esito purtroppo fatale sulle menti fragili. Ricordo che quando facevo la scuola media c'era un mio compagno che era una vittima in quanto gli altri gli dicevano che era gay, e questo negli anni 50 quando la cosa era tabù, ma non si è suicidato. Anche in una classe che ho avuto alcuni ragazzi davano del pedofilo ad una compagno, Ma anche in questo caso non si è suicidato nessuno. Non che che questi atti vadano giustificati; io li punirtei in modo esemplare, ma sono cose che sono sempre successe e che sempre succederanno, soprattutto per l'educazione sbagliata data dalla famiglia.
Citazione:

Poi ritorno una volta di più sul caso della Prof. di Palermo per evidenziarne due punti:

Questo caso c'entra poco con quello di cui stiamo discutendo ma rientra in un tema molto importante che è quello dello sfascio della scuola. Avrei voluto vedere cosa sarebbe successo se la stessa punizione l'insegnante l'avesse data per un altro motivo, magari più grave. Probabilmente sarebbe stata condannata, e vi assicuro che nella scuola ne succedono di tutti i colori.
Citazione:

In cosa sono costoro migliori di un integralista islamico? Forse sono peggiori, perché il fanatico islamico condanna l'omosessualità ma anche la delinquenza, mentre costoro non solo inneggiano alla malavita ma non vengono neppure perseguiti, come invece si fa per la Prof

Non c'è alcun reato in una frase di questo genere, che esprime solo un modo di pensare giusto o sbagliato che sia, e quindi chi li dovrebbe perseguire? Il paragone poi coll'integralista islamico c'entra come i cavoli a merenda. Ma poi non dici sempre che sei per la libertà di pensiero, citi anche Voltaire in qualche post, e poi tuoni contro chi la pensa diversamente da te.
Anonymous - Dom Lug 22, 2007 1:28 am
Oggetto:
Citazione:

Alla signora Guadagno (uso il femminile in quanto rispetto la scelta di sentirsi donna) io posso criticare l'eventuale

Non mi ero accorto di questa chicca relativa al signor Guadagno, perché così risulta all'anagrafe e pertanto così lo definisco. Così come io risulto col mio nome e cognome anche se mi piacerebbe essere Napoleone Bonaparte. Per la "par condicio" dovresti rispettare anche le mie scelte, e quindi ti dovresti adoperare per farmi avere un trono, una corona ed un impero. Personalemnte il mio rispetto va a coloro che accettano lo stato in cui si trovano in modo dignitoso ed evitano carnevalate tipo petto siliconato o altro. Anche qui si tratta di onestà intellettuale.
Anonymous - Dom Lug 22, 2007 1:32 pm
Oggetto:
Mi attengo alla decisione presa di non rispondere ulteriormente in quanto trattasi di monologhi fra sordi. Mancano le premesse per un dialogo.
Anonymous - Lun Lug 23, 2007 12:11 am
Oggetto:
Citazione:

Mi attengo alla decisione presa di non rispondere ulteriormente in quanto trattasi di monologhi fra sordi. Mancano le premesse per un dialogo.

No problem! La tua volontà sarà rispettata.
Anonymous - Lun Lug 23, 2007 9:45 am
Oggetto:
ugo.delgiudice ha scritto:

sono tutte cose effimere e contronatura. nessuna è meglio o peggio dell'altra, se vogliamo guardare il mondo con gli occhi di un semplice animale, l'amore omossessuale è infruttifero ed inutile come l'arte.


Se permette l'Arte è la nostra storia, rinnegare l'Arte è come non riconoscere da dove veniamo Rolling Eyes
L'Arte è un po' come la poesia e la musica, senza come si fa a vivere senza essere dei Bruti?
Evidentemente qualcuno vi riesce Rolling Eyes
Non mi azzardo a discutere sul tema del topic ,tanto è inutile Crying or Very sad
Anonymous - Lun Lug 23, 2007 9:50 am
Oggetto:
ugo.delgiudice ha scritto:

sono tutte cose effimere e contronatura. nessuna è meglio o peggio dell'altra, se vogliamo guardare il mondo con gli occhi di un semplice animale, l'amore omossessuale è infruttifero ed inutile come l'arte.


godofwar ha scritto:

Se permette l'Arte è la nostra storia, rinnegare l'Arte è come non riconoscere da dove veniamo Rolling Eyes
L'Arte è un po' come la poesia e la musica, senza come si fa a vivere senza essere dei Bruti?
Evidentemente qualcuno vi riesce Rolling Eyes
Non mi azzardo a discutere sul tema del topic, tanto è inutile Crying or Very sad


Ovviamente Ugo ha voluto esprimere un paradosso fortemente logico..., però se tu hai voglia di aprire una discussione sul tema dell'arte io ti seguo volentieri...

Very Happy
Anonymous - Lun Lug 23, 2007 11:35 am
Oggetto:
Adesso una delle più grosse puttanate che io sia mai riuscito a sentire, si può anche chiamare "paradosso fortemente logico.."
Hai ragione tu: sei riuscito a superare abbondantemente la soglia del ridicolo, sei patetico.
Facciamo una petizione perchè diventi una specialità olimpica, dal momento che dobbiamo prendere atto essere diventato uno sport molto praticato: l'arrampicata sugli.. specchi!
Anonymous - Lun Lug 23, 2007 11:41 am
Oggetto:
Sorprendente come una persona intelligente e colta possa essere così assordata dal suono delle parole da non capirne il significato...
... però, ti dirò, pur essendo un argomento estremamente interessante da sviluppare, chissà perché non ho voglia di farlo..., fondamentalmente perché è inutile tentare di discutere con chi non sa predisporsi ad ascoltare ma soltanto a sentire...

Neutral
Anonymous - Mar Lug 24, 2007 12:47 am
Oggetto:
Citazione:

Se permette l'Arte è la nostra storia, rinnegare l'Arte è come non riconoscere da dove veniamo
L'Arte è un po' come la poesia e la musica, senza come si fa a vivere senza essere dei Bruti?
Evidentemente qualcuno vi riesce
Non mi azzardo a discutere sul tema del topic ,tanto è inutile

Anch'io ho contestato l'affermazione di Ugo. Ma in tutta questa discussione mi pare di aver capito una cosa. Quando conviene siamo come tutti gli altri animali, quando non conviene invece apparteniamo al genere umano.
Anonymous - Mar Lug 24, 2007 1:16 am
Oggetto:
bellissimo quando le discussioni si innalzano di livello. sicuramente la mia frase voleva essere d'effetto e mi fà piacere avere di fronte chi mi dà filo da torcere.

la mia tesi è che l'uomo in se stesso prevarica la natura per tendere al superuomo, dimenticandosi che per il 60 % il suo ego raggiona col cervello di un animale, che pur evolutosi sempre tale rimane negli istinti.
ammesso che la tesi abbia un fondamento, identificherei una categoria di uomini che rifuggono l'istintività e una categoria nella quale la componente animale primeggia.

parlando di sesso, ritengo che gusti e tendenze siano poco istintivi e maggiormente condizionati dai vari contesti in cui si è cresciuti ed in cui si sono svolte le proprie esperienze (bellina una canzone di federico salvatore "sulla porta");
certo oggigiorno è a portata di mano ( Very Happy ) una vastissima letteratura che con l'arte ha poco a che fare ed essa spazia in tutti i campi esplorabili dell'eros. vediamo (fino a diventare ciechi Shocked ) quindi che l'omosessualità in effetti è una perversione mediocre rispetto a ben più pesanti forzature.

la differenza è che difficilmente il commercialista tal dei tali andrebbe in giro vestito di pelle nera con la sua dama a fustigarlo per strada, cercherebbe di nasconderlo a tutti, così come il guardone o altri tipi di perversioni.
l'omosessuale invece si ritiene al disopra della semplice perversione, vuole ostentare il suo compagno/a come un coniuge e vorrebbe godere di diritti pari a quelli delle coppie etero.

la cosa trascende il mero atto sessuale e cerca di innalzarsi a ostentazione di un sentimento. se fosero una coppia di fidanzatini diciottenni etero ci farebbero commuovere vedendoli seduti sulla panchina a scambiarsi effusioni o in giro mano nella mano.
ma i ragazzini diciottenni non sanno niente dell'essere romantici. ormai è una cosa che in molti rifuggono eccezion fatta per i gay.
Anonymous - Mar Lug 24, 2007 1:26 am
Oggetto:
perverso è invece l'avvocato che và a trans prima di rientrare a casa o il dentista che va a santodocubapuchet a minorenni, tutto naturalmente tenendo ben nascosti i propri gusti.

costoro non ostentano anzi, godono dell'ombra che li circonda, lottando per rimanere il più nascosti ed inosservati possibili.

questa dualità dell'io, la forte contrapposizione tra apparenza e bassezze ha generato i mostri dei nostri tempi.

perchè concentrandoci a relegare il 60% del nostro essere animali nel fondo dell'animo lì ristagna e fermenta, fino ad esplodere in compulsioni irrefrenabili.

non credo che succeda la stessa cosa alla coppia gay dichiarata.
Anonymous - Mar Lug 24, 2007 1:30 am
Oggetto:
non a quelli che vivono alla luce del sole, per loro credo che sia un classico rapporto di coppia (che palle...). volete invece mettere le compulsioni di un prete,nel buio di un confessionale, dopo averne sentite di cotte e di crude...
Anonymous - Mer Lug 25, 2007 1:18 am
Oggetto:
Citazione:

la mia tesi è che l'uomo in se stesso prevarica la natura per tendere al superuomo, dimenticandosi che per il 60 % il suo ego raggiona col cervello di un animale, che pur evolutosi sempre tale rimane negli istinti.
ammesso che la tesi abbia un fondamento, identificherei una categoria di uomini che rifuggono l'istintività e una categoria nella quale la componente animale primeggia

Non ho mezzi per controllare la verdicità delle percentuali da te stilate. La tematica è molto complessa e con parecchie implicazioni. Certamente insieme a tutto ciò che è materia vivente, e quindi non solo animali, l'uomo ha moltissime funzioni, ma nel contempo per intelligenza si mette al di sopra di tutto e di tutti, questo credo sia una cosa indiscutibile. La conseguenza è che per certi versi si allontana da quelle che sono le leggi della natura, ed infatti l'uomo non obbedisce certamente alle leggi della selezione naturale. Un esempio pratico, ci viene dall'Africa, continente che prima della colonizzazione europea manteneva costante il numero degli abitanti, che per l'appunto sottostavano alle leggi della selezione naturale. Non credo che oggi ci sia uno di noi che sia disposto ad assoggettarsi a queste leggi, e mi pare anche giusto e logico. Ricordiamoci cosa facevano gli spartani, chi sarebbe disposto a fare una cosa del genere? E' inutile ripeterlo, ma l'uomo è un animale particolare, abbastanza lontano per certi versi da tutti gli altri animali. Ora, non saprei dirti qual'è il limite in ciascuno di noi dell'animalità, e quanti di noi comprimono l'istintività, e di quali e di quanti istinti.
Citazione:

quindi che l'omosessualità in effetti è una perversione mediocre rispetto a ben più pesanti forzature.

Su questo hai senz'altro ragione.
Citazione:

come un coniuge e vorrebbe godere di diritti pari a quelli delle coppie etero.

E qui casca l'asino! E infatti esistono anche gay che su questo non sono affatto d'accordo.
Citazione:

la cosa trascende il mero atto sessuale e cerca di innalzarsi a ostentazione di un sentimento. se fosero una coppia di fidanzatini diciottenni etero ci farebbero commuovere vedendoli seduti sulla panchina a scambiarsi effusioni o in giro mano nella mano.

Hai detto bene, infatti la considero semplice ostentazione in cui il sentimento c'entra ben poco. I veri sentimenti non si ostentano in quanto dobbiamo dimostrarli solo a noi stessi.
Citazione:

perverso è invece l'avvocato che và a trans prima di rientrare a casa o il dentista che va a santodocubapuchet a minorenni, tutto naturalmente tenendo ben nascosti i propri gusti.

costoro non ostentano anzi, godono dell'ombra che li circonda, lottando per rimanere il più nascosti ed inosservati possibili.

questa dualità dell'io, la forte contrapposizione tra apparenza e bassezze ha generato i mostri dei nostri tempi.

perchè concentrandoci a relegare il 60% del nostro essere animali nel fondo dell'animo lì ristagna e fermenta, fino ad esplodere in compulsioni irrefrenabili.

non credo che succeda la stessa cosa alla coppia gay dichiarata.

Le perversioni della sfera sessuale, se così vogliamo chiamarle, riguardano anche i gay, ed evitiamo di raccontare particolari. Da che cosa derivino certe deviazioni non è facile dirlo, forse ci vorrebbe un bravo psicanalista, ma per fortuna non tutti si fanno prendere la mano. Tu dici che sono delle pulsioni represse che poi esplodono, è anche possibile e probabile, ma come mai non esplodono per tutti? Le conseguenze di queste pulsioni, non di rado sfociano in tragedie. Nella mia città, in questi anni, due gay sono stati uccisi. Anche in altre città ci sono stati omicidi di questo genere. In altri casi, certi tipi di deviazione derivano perlopiù da impotenza.
Per il resto ci vorrebbe per l'appunto un psicanalista.
Citazione:

non a quelli che vivono alla luce del sole, per loro credo che sia un classico rapporto di coppia (che palle...). volete invece mettere le compulsioni di un prete,nel buio di un confessionale, dopo averne sentite di cotte e di crude...

Non capisco la puntualizzazione a riguardo del classico rapporto di coppia, forse lo trovi noioso? Riguardo al prete posso solo dire che ci sono preti e preti, così come ci sono medici e medici, avvocati e avvocati etc. etc.
Anonymous - Gio Lug 26, 2007 10:56 am
Oggetto:
SPIGOLATURE - 1a


il federale ha scritto:
ti arrabatti a rivendicare il diritto per tutti ad esprimere il proprio pensiero


ugo.delgiudice ha scritto:
nessuno pretende che tu sponsorizzi il prossimo gay pride
CUT
Sennonché, oltre che avere dei credo, una propria cultura o modo di vedere le cose, noi tutti siamo e facciamo anche altro. e vogliamo essere liberi di fare tutto quello che facciamo nei limiti della legalità e del rispetto reciproco.
CUT
tra i miei amici annovero anche 1 gay e alcuni extracomunitari, oltre che preti, anche tutti voi del forum.
CUT
ma nessuno deve obbligarmi a non essere quel che sono, non tollero che chicchessia possa venirmi a dire questo è sbagliato, non devi farlo se quello che faccio è legale.
e ritengo che questo possa dare fastidio anche al federale, se io volessi obbligarti ad essere gayo, come minimo mi ritroverei fori che partono dal 22 al 50 bmg

Anonymous - Gio Lug 26, 2007 11:00 am
Oggetto:
Domande che non hanno ricevuto risposta:


ugo.delgiudice ha scritto:
possiamo ritenere moralmente + qualificato un corrotto politicante piuttosto che un onesto gay per un'adozione?
(non esistono prove certe di onestà da parte dei gay, mentre per i politicanti non esistono prove del contrario).

è mai possibile che tutte le coppie di gay abbiano richiesto ed ottenuto bimbi in affido?è mai possibile che questi bimbi non siano stati proposti prima a coppie di normali genitori?

quante possibilità ci sono che non esistano + sulla terra bimbi adottabili?
quale sarebbe il male minore per un bimbo ruandese di 11 anni, magari anche sieropositivo, morire per strada od essere amorevolmente curato da due papà o mamme?

se le coppie etero hanno tanto amore da dare ai diseredati, cosa ci fanno ancora nelle case-famiglia bimbi portatori di handicap, minorenni disadattati che delinquono, milioni di bimbi che muoiono nei paesi poveri?

proporrei quindi a tutti coloro i quali sono contrari all'adozione di bimbi da parte di gay di adottare tutti i bimbi disponibili in maniera da non lasciargliene a disposizione

Anonymous - Gio Lug 26, 2007 11:33 am
Oggetto:
Perle di saggezza.

Ibis ha scritto:
Stai tranquillo che esistono quelli così bravi da poter distinguere il bene dal male, certo non sono tanti, ma la cosa più sorprendente è che parlano la stessa lingua, a destra e a sinistra.


Se tu e il federale siete fra costoro mi domando perché non potremmo esserci Nikita, Ugo e io..., però se pensate che non ci siamo mi piacerebbe che me ne spiegassi le cause e gli eventuali rimedi per essere ammessi nella schiera eletta...

Ibis ha scritto:
Anche in una classe che ho avuto alcuni ragazzi davano del pedofilo ad una compagno, Ma anche in questo caso non si è suicidato nessuno. Non che questi atti vadano giustificati; io li punirei in modo esemplare, ma sono cose che sono sempre successe e che sempre succederanno, soprattutto per l'educazione sbagliata data dalla famiglia.


Mi domando chi ha educato la famiglia..., forse questo ha qualcosa a che vedere?

Ibis ha scritto:
tema molto importante che è quello dello sfascio della scuola.


Ibis ha scritto:
Non c'è alcun reato in una frase di questo genere (meglio un figlio mafioso che gay - N.d.H.), che esprime solo un modo di pensare, giusto o sbagliato che sia, e quindi chi li dovrebbe perseguire?
CUT
Ma poi non dici sempre che sei per la libertà di pensiero, citi anche Voltaire in qualche post, e poi tuoni contro chi la pensa diversamente da te.


A proposito della giornata del cosiddetto orgoglio pedofilo io ho scritto, a suo tempo, che se la manifestazione configurava il reato di apologia di reato o istigazione a delinquere non doveva essere permessa in quanto contraria alla legge.

Fino a prova contraria ad oggi in Italia non è reato essere omosessuale, lo è la pedofilia e, principalmente, è reato grave essere mafioso.

Ergo, chi di fatto inneggia ad un reato compie egli stesso un reato.

Quel cartello era un reato ma, principalmente, era una manifestazione plateale dell'ignoranza abissale di certe persone... , la causa?

Ibis ha scritto:
soprattutto per l'educazione sbagliata data dalla famiglia


Ripeto: chi ha educato la famiglia?

ugo ha scritto:
come un coniuge e vorrebbe godere di diritti pari a quelli delle coppie etero.


Ibis ha scritto:
E qui casca l'asino! E infatti esistono anche gay che su questo non sono affatto d'accordo.


Anche lì casca l’asino…, infatti esistono anche moltissimi etero che non sono affatto d’accordo col negare ai gay gli stessi diritti..., chi ha ragione?

Chi rispetta il diritto altrui finché viene rispettato il proprio, oppure chi si arroga il diritto di limitare i diritti degli altri anche quando questi non violano alcuna legge? Exclamation
Anonymous - Gio Lug 26, 2007 12:24 pm
Oggetto:
CptHook ha scritto:
Perle di saggezza.

.... omissis

Exclamation


Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

Anonymous - Ven Lug 27, 2007 1:12 am
Oggetto:
Citazione:

Se tu e il federale siete fra costoro mi domando perché non potremmo esserci Nikita, Ugo e io..., però se pensate che non ci siamo mi piacerebbe che me ne spiegassi le cause e gli eventuali rimedi per essere ammessi nella schiera eletta...

Mi pare di averlo spiegato. Esistono temi dove certe persone sia di destra che di sinistra parlano la stessa lingua. Non mi pare che voi siate tra questi.
Citazione:

Mi domando chi ha educato la famiglia..., forse questo ha qualcosa a che vedere?

A che vedere con cosa? Spiegati meglio.
Citazione:

Ergo, chi di fatto inneggia ad un reato compie egli stesso un reato.

Quel cartello era un reato ma, principalmente, era una manifestazione plateale dell'ignoranza abissale di certe persone... , la causa?

Domandalo ad una persona di legge e vedi cosa ti risponde. Secondariamente se alcune persone credono in certi valori(e poi si parla di deserto di valori)non vedo come tu possa dare loro dell'ignorante. Per te potrà essere pure una bella cosa avere un figlio gay, per altri no. Chi ha ragione? Forse madre natura può risponderti in modo esatto.
Citazione:

Anche lì casca l’asino…, infatti esistono anche moltissimi etero che non sono affatto d’accordo col negare ai gay gli stessi diritti..., chi ha ragione?

Sapendo a quali parrocchie appartengono di certo non me ne meraviglio. Se sono tutti come quella persona intelligente che ebbe a dire: vogliamo creare una nuova umanità, beh un'affermazione del genere si commenta da se. Infatti tutti possiamo vedere "l'umanità" che sta venendo fuori. Chi ha ragione? Sicuramente quelli da cui dipende e da cui ha sempre dipeso la società, quelli, a cui noi compresi dobbiamo la vita e tutto il resto, mi sembra che chi accampa diritti dovrebbe avere pure dei doveri. Potrei domandare a mia volta: chi ha ragione? Hai ragione tu oppure ha ragione quello che preferirebbe il figlio mafioso?
Se vuoi poi potresti pure domandare a quelli che vivono in quei paesi dove hanno da tempo adottato certe norme, e così vedrai che cosa hanno apportato di buono certi stili di vita, in quei paesi dove stanno cominciando a fare un'autocritica.
Ho già detto una volta che l'uomo moderno è solo un gran presuntuoso ed arrogante, il quale crede di poter cambiare regole che esistono dalla notte dei tempi. Tutti i tentativi volti a sostituire la famiglia tradizionale, con i suoi pregi e difetti, sono tutti miseramente naufragati con tutte le conseguenze del caso. Per non parlare di quei valori(veri)che stanno scomparendo, uno tra tutti e tra i più aberranti: l'abbandono dei genitori in una casa di riposo. Impensabile una volta una cosa di questo genere, i vecchi stavano in casa sino a quando non se ne andavano. Ma evidentemente a te piace così. Su una cosa puoi stare comunque tranquillo: questo tipo di società sarà spazzato via, è solo questione di tempo.
Citazione:

Chi rispetta il diritto altrui finché viene rispettato il proprio, oppure chi si arroga il diritto di limitare i diritti degli altri anche quando questi non violano alcuna legge?

E allora ti domando chi ha stabilito questi diritti, fermo restando che non esistono diritti senza doveri. A meno che non ragioniamo come un personaggio di de Sade, e cioé che tutti hanno diritto a tutto, compresi gli assassini , gli stupratori etc. Infatti questo personaggio giustifica con ragionamenti capziosi tutto e tutti. Per il resto ho già specificato che nella vita privata ognuno è libero di fare quello che vuole, nessuno limita questo diritto.
Anonymous - Ven Lug 27, 2007 2:04 am
Oggetto:
Riguardo poi alle domande che non hanno ricevuto risposta, potrei dire la stessa cosa visto che a molte mie affermazioni non si è risposto, ma comunque ti rispondo subito, nonostante sia convinto che a domande che seguono la scia di questo sciocco buonismo che ha invaso e pervaso la società non vale la pena neppure rispondere.
Il politico personalmente io lo considero solo per quello che è capace di realizzare, pertanto ad un politico onesto(ammesso che ce ne siano)e cretino preferisco un politico disonesto e capace, sono molto pragmatico come ho spiegato tempo fa. Riguardo al gay, ti posso rispondere solo che un gay onesto non adotterebbe mai bambini. Al resto credo che abbia risposto in modo piuttosto drastico Rosy Bindi. Se vuoi che poi ti risponda personalmente, ti posso solo dire che dei bimbi che nascono nel Ruanda non me ne può frega' de meno(ho scritto giusto?). Non ho alcun dovere di caricarmi dei guai che avvengono in altri parti del mondo, anche perché non ne sono responsabile. Io ne ho messi al mondo due, perché più di due non ne potevo allevare senza far patire a loro qualche privazione.
La considerazione finale, tra l'altro di pessimo gusto, non merita più delle altre risposta alcuna, anche per quello che ho specificato prima.
Termino per il momento con una domanda: e' meglio una società ordinata o è meglio una torre di Babele? Considerando il fatto che la suddetta torre ha fatto una brutta fine, qual'è il male minore?
Anonymous - Ven Lug 27, 2007 10:21 am
Oggetto:
[quote="Ibis"]
Citazione:

Ma in tutta questa discussione mi pare di aver capito una cosa. Quando conviene siamo come tutti gli altri animali, quando non conviene invece apparteniamo al genere umano.


quoto... al suo interno dice tutto.
Anonymous - Ven Lug 27, 2007 1:03 pm
Oggetto:
Hook ha scritto:
Se tu e il federale siete fra costoro mi domando perché non potremmo esserci Nikita, Ugo e io..., però se pensate che non ci siamo mi piacerebbe che me ne spiegassi le cause e gli eventuali rimedi per essere ammessi nella schiera eletta...


Ibis ha scritto:
Mi pare di averlo spiegato. Esistono temi dove certe persone sia di destra che di sinistra parlano la stessa lingua. Non mi pare che voi siate tra questi.


Ergo, solo quelli che parlano la stessa lingua costituiscono la schiera eletta, cioè solo quelli che la pensano come voi, giusto?

-------------------------------------------------------------------------------------

Hook ha scritto:
Mi domando chi ha educato la famiglia..., forse questo ha qualcosa a che vedere?


Ibis ha scritto:
A che vedere con cosa? Spiegati meglio.


Domandavo se ha a vedere con lo sfascio della scuola di cui tu parli…, perché se ormai abbiamo l’ignoranza dilagante che abbiamo è pensabile che anche la scuola non abbia saputo fare il suo mestiere…, d’altronde mi pare di aver sentito stamani per radio che la maturità di quest’anno sia stata una waterloo col 50% di “caduti”…

-------------------------------------------------------------------------------------

Hook ha scritto:
Ergo, chi di fatto inneggia ad un reato compie egli stesso un reato.
Quel cartello era un reato ma, principalmente, era una manifestazione plateale dell'ignoranza abissale di certe persone... , la causa?


Ibis ha scritto:
Domandalo ad una persona di legge e vedi cosa ti risponde.


Eccoti servito:

Citazione:
l’apologia si caratterizza per l’estremo tentativo di diffondere nuove ideologie ritenute diffusamente illecite o contrarie all’ordinamento giuridico instaurato (così da essere, potenzialmente capace e intrinsecamente finalizzata – se ripetuta, divulgata e non adeguatamente repressa – a mutare la concezione sociale dei fatti sostenuti).
Dal punto di vista giuridico l’apologia di reato può definirsi come quel delitto, genericamente previsto dall’ultimo comma dell’art. 414 c.p. che punisce colui il quale pubblicamente esalta e/o manifesta la correttezza e la giustificabilità di atti ritenuti illeciti dall’ordinamento giuridico.
Art. 303 c.p.p. Pubblica istigazione e apologia.
<omissis>
La stessa pena si applica a chiunque pubblicamente fa l'apologia di uno o più fra i delitti indicati nell'articolo precedente.


-------------------------------------------------------------------------------------

Ibis ha scritto:
Secondariamente se alcune persone credono in certi valori (e poi si parla di deserto di valori) non vedo come tu possa dare loro dell'ignorante. Per te potrà essere pure una bella cosa avere un figlio gay, per altri no..


Certo, perché la mafia adesso è diventata un valore…, ma ti rendi conto di che $tr*n§@t@ stai dicendo? Ti rendi conto che ti stai arrampicando su uno specchio?

Certo che se devo scegliere fra un figlio omosessuale onesto ed un figlio eterosessuale delinquente io so come scegliere…, è la tua scelta che mi preoccupa…, e soprattutto la cieca ostinazione con cui ti ostini a difenderla…, possibile che come persona di cultura, come educatore, non riesci a renderti conto della follia di quello che sostieni?

Se questo è il pensiero di un educatore allora posso credere anche a quello che ho sentito ieri, di una professoressa indagata perché avrebbe discriminato un ragazzo presunto omosessuale..., per ora non voglio crederlo, voglio prove certe, ma certo che sentendoti (s)ragionare è almeno lecito il dubbio...

Segue...
Anonymous - Ven Lug 27, 2007 3:43 pm
Oggetto:
Ibis ha scritto:
Chi ha ragione? Forse madre natura può risponderti in modo esatto.


E questa è un’altra bella arroganza intellettuale. Perché la natura l’hai creata tu e tu solo sai quale sia il suo disegno, il suo piano e, principalmente, solo tu sai quello che è giusto e quello che non lo è all’interno del piano?

Il fatto che le cose esistano per te non conta, conta il fatto che tu e altri le riteniate sbagliate…, ribadisco, se non è questa arroganza intellettuale e presunzione estrema allora proprio non so come definirla…

Se l’omosessualità esiste, esiste, l’ha creata la natura, l’ha voluta dio, vedi tu…, è certo che c’è e quindi E’ DENTRO la natura e non fuori come qualcuno vorrebbe arrogarsi il diritto di far credere

-------------------------------------------------------------------------------------

CptHook ha scritto:
Anche lì casca l’asino…, infatti esistono anche moltissimi etero che non sono affatto d’accordo col negare ai gay gli stessi diritti..., chi ha ragione?


Ibis ha scritto:
Sapendo a quali parrocchie appartengono di certo non me ne meraviglio.


Rieccoci ai soliti depositari della verità…

-------------------------------------------------------------------------------------


Ibis ha scritto:
Potrei domandare a mia volta: chi ha ragione? Hai ragione tu oppure ha ragione quello che preferirebbe il figlio mafioso?


Finché essere mafiosi significherà essere parte di una organizzazione dedita a varie attività criminali organizzate contrarie alle leggi, la risposta a me sembra ovvia…, poi vedi tu…

-------------------------------------------------------------------------------------

Ibis ha scritto:
Ho già detto una volta che l'uomo moderno è solo un gran presuntuoso ed arrogante, il quale crede di poter cambiare regole che esistono dalla notte dei tempi.


Se non ci fossero stati quelli che hanno lottato per cambiare, il mondo starebbe ancora all’età della pietra.

-------------------------------------------------------------------------------------

CptHook ha scritto:
Chi rispetta il diritto altrui finché viene rispettato il proprio, oppure chi si arroga il diritto di limitare i diritti degli altri anche quando questi non violano alcuna legge?


Ibis ha scritto:
E allora ti domando chi ha stabilito questi diritti, fermo restando che non esistono diritti senza doveri.


Ho parlato di diritti di chi non viola alcuna legge.
Anonymous - Ven Lug 27, 2007 11:20 pm
Oggetto:
mazza e quanto scrivete, non riesco a starvi dietro.prendo a casaccio qualche pezzo dei vs discorsi come spunto, non ne abbiate a male. partiamo dal presupposto che io sono a favore della più dura e cruenta selezione naturale e mi duole avere la certezza che non saremo noi occidentali a sopravvivere (troppo abbituati alle comodità, nessuna selezione genetica ed assenza di valori aggreganti). al contrario una alta natalità e durissime condizioni di vita selezionano i migliori riproduttori. quindi probabilmente tra 1000 anni il mondo sarà abitato da ruandesi. sicuramente non ci saranno discendenti diretti dei ns gay a meno che l'inseminazione artificiale o il vitro diventi economico ed accessibile a tutti, ma neanche i ns deboli figli (moralmente e dal punto di vista degli anticorpi) hanno un futuro radioso.chiusa la parentesi torniamo in topic. si trovo la vita di coppia noiosa ed immagino cosa possa diventare la vita di una coppia gay.(se non la trovassi noiosa adesso avrei di meglio da fare Laughing )non avendo molte certezze e men che meno punti fermi, sarei curiosissimo di capire da cosa sorgono le vostre certezze.gay contro natura? e perche? se la natura non riesce a porci un freno con le malattie o le catastrofi si adatta e diventa subdola,da un lato rende l'uomo meno fertile e dall'altro fa si che non si riproduca per motivi economici religiosi o di gusti sessuali. sarebbe geniale.sopravviveranno quelli che vivono in condizioni che noi giudiceremmo misere, ma che sono molto più in linea con i dettami della natura.
Anonymous - Ven Lug 27, 2007 11:36 pm
Oggetto:
consideriamo che comunque prima chi era tendezialmente gay era comunque costretto a condurre una vita sociale impeccabilmente morale e spesso era costretto a mascherarsi dietro un matrimonio e qualche volta metteva al mmondo anche qualche figlio.ancora prima della religione cristiana se ricordo bene era normale in molte civiltà. possiamo asserire che l'omosessualità ha camminato al fianco della civiltà?non ho idea di cosa ne pensassero i mesopotami ma per gli ellenici non era un problema e nemmeno per i romani. meglio mafioso o gay ? e se ti capitasse un figlio che è tutte e due le cose? ad esempio il classico macho latino tutto in pelle che sbulleggia in giro e la sera cerca qualcuno in un gay bar.e poi cosa c'è di meno mascolino del classico" bacio" tra homini d'onore? magari ci prendono gusto.. e poi via con la coppola fuxia, i panciotti con strass etc etc.cosa vi rende sicuri della sessualità dei mafiosi? anche perchè non credo che in latitanza si possano permettere compagnia femminile e la carne debole è..
Anonymous - Sab Lug 28, 2007 12:01 am
Oggetto:
educazione?quale? e chi può insegnare cosa? io posso cercare di trasmettere quel poco che sono. i maestri ed i professori hanno l'incarico di illustrare l'umano progredire ed i rudimentali "come si fa". sono del parere che si impara "ad essere" dalla società che ci circonda, io cerco di elevarmi verso i miei ideali (mio padre e mio zio) e tenendo sempre ben presente la loro fallace umanità. è naturale che se avessi vissuto in un contesto di famiglia dedita ad attività illecite avrei imparato altro, come il prevaricare, imporre l mia volontà con tutti i mezzi possibili, prendere tutto quello che voglio etc.spesso penso al futuro di jr, incastrato tra un presente di certezze che diventeranno sempre meno certe e orizzonti che si avvicinano a grandi passi, e non tutti sereni.in quale paesaggio lo vedrò tra 10 anni? e quanto sarà colpa o merito mio? poi penso a cosa sia effettivamente importante o necessario, cosa possa essere vivere bene; una vita piena di soldi? una vita piena d'amore?una vita avventurosa ed al limite? una vita noiosissima da impiegato? e voi cosa vorreste veramente per i vostri figli? come si riesce ad essere sicuri che tuo figlio sarà + felice con una compagna a fianco che da solo o con un compagno? per esempio io sono tendelziamente misantropo, ma se non mi fossi sposato non avrei avuto mio figlio. è stato un bene? immaginate per sbaglio che mio figlio o vostro figlio un girno si riveli una catastrofe per l'umanità?o viceversa, se non avendolo fatto vi domandereste se avrebbe potuto essere un premio nobel od il salvatore dell'umanità?così come non mi è dato sapere cosa avrebbe potuto essere o cosa sarà,l'unico augurio mche posso fargli è di essere felice ed in pace con se stesso, il resto non credo possa contare.
Anonymous - Sab Lug 28, 2007 12:26 am
Oggetto:
in tutto il discorso ho commesso errori di battitura e mi son contraddetto almeno una volta, non per incoerenza ma perchè scrivo di getto e rileggo dopo aver postato, scusatemi.veniamo a voi, voglio saggiare la vostra certezza nel considerare in maniera così negativa l'omosessualità.abbiamo detto e credo concordiamo sul fatto che ci sono diversi modi di essere omosessuali (così come l'essere etero), c'è il buffone e c'è la persona seria, il plateale e il discreto. scartiamo a priori il buffone ed il plateale sia dagli etero che dai gay. prendiamo gli etero ed i gay discreti, quelli che conducono una vita moderata , senza eccessi. coppie normali che vivono la loro quotidianità, con parenti alle loro spalle.quanto tempo dedicheranno alle effusioni? dicerto non tutta la giornata tutti i giorni.bene, loro sono gay od etero solo in quel periodo di tempo (dai dieci minuti alle due ore per chi è più fortunato)in cui compiono i loro atti sessuali, per il resto del tempo cosa sono?quattro individui normalissimi, con una vita fatta di lavoro, soddisfazioni e dolori.puoi anche mischiarli tra di loro, non ti accorgeresti di nulla. quindi noi possiamo giudicarli per quei dieci minuti? a questo punto potremmo giudicare chiunque anche per i dieci minuti che rimane seduto in bagno (il primo pensiero che viene è"mazza cvhe disgustosi che siete, ma che ve siete magnati?)immaginatevi il vostro partner li seduto, intento in una rumorosa meditazione su quel che siamo e dove andiamo.. lo/la giudichereste solo per quei 10 minuti? o pensereste che è molto altro,una getilezza, il caffè la mattina già pronto quando ti alzi,i vestiti preparati come desideri tù il pranzetto particolare,LO STIPENDIO, ESSERE PORTATI A FARE LA SPESA, LO SHOPPING, LUI CHE SOPPORTA PAZIENTE CHE TI SBRIGHI A PREPARARTI CHE è TARDI, LEI CHE SOPPORTA LA TAVOLETTA ALZATA E LA BIANCHERIA SPARSA PER CASA etc,etc,etc,.no, una persona è molto di più di un credo religioso, un'idea politica o un gusto sessuale.
Anonymous - Sab Lug 28, 2007 1:47 am
Oggetto:
Citazione:

Ergo, solo quelli che parlano la stessa lingua costituiscono la schiera eletta, cioè solo quelli che la pensano come voi, giusto?

Quelli che vedono le cose per come realmente sono non necessariamente devono essere eletti. Ma poi che problemi hai, il tempo galantuomo ti risponderà se eravamo eletti o meno. Non ci vuole poi molto, anzi si può dire che sta già rispondendo. Coloro che vogliono certe cose sono gli stessi dell'indulto. e cioé quelli che hanno liberato un sacco di delinquenti, sono gli stessi della droga libera, sono gli stessi che vorrebero disarmare i cittadini etc. etc. Ma è possibile che tutto questo non ti suggerisca niente?
Citazione:

Domandavo se ha a vedere con lo sfascio della scuola di cui tu parli…, perché se ormai abbiamo l’ignoranza dilagante che abbiamo è pensabile che anche la scuola non abbia saputo fare il suo mestiere…, d’altronde mi pare di aver sentito stamani per radio che la maturità di quest’anno sia stata una waterloo col 50% di “caduti”…

Anche, lo sfascio della scuola non l'hanno voluto certo gli operatori, almeno buona parte degli operatori, ma l'hanno voluto le stesse persone di cui sopra. In ogni caso episodi tipo quello a cui ti riferisci sono sempre successi, anche quando la scuola funzionava.
Citazione:

Eccoti servito:

Non ci siamo affatto, io ti ho chiesto di domandare ad un uomo di legge e non di trovare la legge sull'apologia di reato, in quanto nella frase incriminata non c'è alcuna apologia di reato. Chi ha pronunziato quella frase considera tutte e due le cose negativa, ma una la considera più negativa dell'altra.
Citazione:

Rieccoci ai soliti depositari della verità…

La verità viene solo dall'esperienza di secoli. L'aver voluto cancellare quell'esperienza per presunzione ed arroganza ha dato sinora solo risultati negativi. Quelli che invece credono di essere depositari della verità sono proprio le parrocchie a cui mi riferisco e che hanno prodotto lo sfascio che noi tutti possiamo vedere. Ho già scritto sopra tutto quello che queste parrocchie hanno prodotto e quello che ancora vorrebbero fare.
Citazione:

Certo, perché la mafia adesso è diventata un valore…, ma ti rendi conto di che $tr*n§@t@ stai dicendo? Ti rendi conto che ti stai arrampicando su uno specchio?

Forse non mi sono spiegato, i valori a cui mi riferivo e a cui si riferiva quella persona non sono la mafia, ma l'eterosessualità, tanto da fargli profferire quella frase.
Citazione:

Certo che se devo scegliere fra un figlio omosessuale onesto ed un figlio eterosessuale delinquente io so come scegliere

Per quanto mi riguarda sono tutte e due tragedie per chi crede in determinati valori legati all'eterosessualità e che non sto qui ad elencare, il piacere di diventare nonno ad esempio. Ma evidentemente per te questi non sono valori, non li hai mai provati, o che so. Probabilmente l'omosessuale onesto darebbe meno problemi, se la vediamo dal lato pratico. Ma poi perchè ti ostini sempre a parlare di gay onesto, quando queste persone prima di ogni cosa dovrebbero essere onesti con se stessi, e quanti ce ne saranno?
Citazione:

Finché essere mafiosi significherà essere parte di una organizzazione dedita a varie attività criminali organizzate contrarie alle leggi, la risposta a me sembra ovvia…, poi vedi tu…

Anche gli omosessuali hanno costituito una lobby e non certo a scopi filantropici. Se poi pensiamo ai danni da l punto di vista sociale, che col tempo potrebbero diventare drammatici, se si adottassero certe norme a dir poco infami, c'è da chiedersi a questo punto cosa sarebbe meglio.
Citazione:

Se non ci fossero stati quelli che hanno lottato per cambiare, il mondo starebbe ancora all’età della pietra.

Infatti abbiamo visto certe lotte tipo quella del 17 in Russia quali cambiamenti positivi ha apportato, poi se prendiamo altre lotte le cui conseguenze sono che dobbiamo aver paura anche in casa, forse era meglio che ci fermavamo a 50 fa. Dire che il nuovo è sempre meglio del vecchio è un'affermazioni priva di qualsiasi fondamento, a meno che non ci riferisca al mondo tecnologico. Riguardo l'animo umano si sa tutto da millenni e millenni.
Citazione:

E questa è un’altra bella arroganza intellettuale. Perché la natura l’hai creata tu e tu solo sai quale sia il suo disegno, il suo piano e, principalmente, solo tu sai quello che è giusto e quello che non lo è all’interno del piano?

Il fatto che le cose esistano per te non conta, conta il fatto che tu e altri le riteniate sbagliate…, ribadisco, se non è questa arroganza intellettuale e presunzione estrema allora proprio non so come definirla…

Se l’omosessualità esiste, esiste, l’ha creata la natura, l’ha voluta dio, vedi tu…, è certo che c’è e quindi E’ DENTRO la natura e non fuori come qualcuno vorrebbe arrogarsi il diritto di far credere

Certamente che si conosce il disegno della natura(che non ho creato). La continuità della specie fà parte di questo disegno e per far si che questo disegno si realizzi necessità l'individuo eterosessuale. E anche se c'è differenza tra sesso e procreazione, una cosa è certa, e cioè che anche il desiderio sessuale è legato alla procreazione. Nessuno può affermare il contrario. Immaginiamoci se fossimo tutti omosessuali, che cosa succederebbe. Ma qualche cretino potrebbe pure dire: c'è la fecondazione in provetta. Ma a parte che rimane sempre una riproduzione sessuata, che mondo sarebbe, che umanità ne verrebbe fuori? E meglio non pensarci.
Ancora una volta ripeti che l'omosessualità esiste, ma cosa vuol dire? Esistono tantissime cose che sono negative, ed è giusto che esistano, altrimenti come potremmo apprezzare certe cose se non esistessero differenze. Il buon Dio, per chi crede ha pensato anche a questo.
Anonymous - Sab Lug 28, 2007 2:09 am
Oggetto:
Citazione:

mazza e quanto scrivete, non riesco a starvi dietro.prendo a casaccio qualche pezzo dei vs discorsi come spunto, non ne abbiate a male.

Probabilmente noi occidentali scompariremo, ma non c'entra la selezione naturale, i motivi sono ben altri. Roma non finì certo per la selezione naturale, ma per la decadenza dei costumi.
Citazione:

meno punti fermi, sarei curiosissimo di capire da cosa sorgono le vostre certezze.gay contro natura?

Qualsiasi testo di zoologia può risponderti, tanto diranno tutti la stessa cosa. Se poi non ti basta, leggiti anche qualche testo di anatomia umana. E se ancora non sei contento, magari qualche testo di fisiologia. Forse ti meraviglierai della perfezione con cui la natura ha provveduto ai fini della continuità della specie, favorendo con ogni mezzo un certo tipo di rapporto, mentre in altri tipi di rapporto tutto questo non esiste, tralasciando le possibili conseguenze.
Anonymous - Sab Lug 28, 2007 3:04 am
Oggetto:
Citazione:

consideriamo che comunque prima chi era tendezialmente gay era comunque costretto a condurre una vita sociale impeccabilmente morale e spesso era costretto a mascherarsi dietro un matrimonio e qualche volta metteva al mmondo anche qualche figlio.

L'omosessuale, se tale è dalla nascita, non può mettere al mondo alcun figlio, ne fingersi etero, perché è una cosa impossibile.
Citazione:

anche qualche figlio.ancora prima della religione cristiana se ricordo bene era normale in molte civiltà. possiamo asserire che l'omosessualità ha camminato al fianco della civiltà?non ho idea di cosa ne pensassero i mesopotami ma per gli ellenici non era un problema e nemmeno per i romani.

Se parlamo di cose "normali" prima della religione cristiana, ci dobbiamo mettere altre cose, tipo la schiavitù, il padre padrone etc. Questo tipo di rapporto presso i romani era solo una specie di rituale a cui dovevano sottostare i giovani. Se poi vuoi che ritorni in voga, beh vedi tu. La stessa cosa si può dire per i greci, ma certamente non si può dire che fosse una bella cosa. Esiste un famoso dipinto che ritrae i soldati greci prima della battaglia delle termopili, metà di questi sono con la barba e sono veterani, mentre l'altra metà sono imberbi. L'interpretazione viene ovvia, una specie di antico nonnismo che poco ha a che vedere con l'omosessualità. E anche il fatto che esista da che momdo e mondo cosa vuol dire? Ma da che mondo e mondo nessuno ha mai pensato di dare ad una coppia gay lo status di una coppia etero, neppure nell'antica Grecia.
E se fosse successo questo, e se fosse successo quest'altro? Che cosa si può rispondere. Tutto può succedere, vedendo facendo. Come diceva il poeta latino Orazio: sono un uomo, e nulla della sfera dell'umano mi è estraneo.
Citazione:

educazione?quale? e chi può insegnare cosa? io posso cercare di trasmettere quel poco che sono. i maestri ed i professori hanno l'incarico di illustrare l'umano progredire ed i rudimentali

Mi pare che tu faccia un pò di confusione. Quello che dici porta solo al nichilismo e quindi a niente. Il fatto che si possa sbagliare non ci deve certo esimere dall'agire. Mi sembra un'ottima scusa per scrollarci di dosso le nostre responsabilità
Citazione:

in tutto il discorso ho commesso errori di battitura e mi son contraddetto almeno una volta, non per incoerenza ma perchè scrivo di getto e rileggo dopo aver postato, scusatemi.veniamo a voi, voglio saggiare la vostra certezza nel considerare in maniera così negativa l'omosessualità.abbiamo detto e credo concordiamo sul fatto che ci sono diversi modi di essere omosessuali

Anche qui c'è un pò di confusione, comunque veniamo a noi. Mi sembra di avere già chiarito che a me non importa un fico secco se due vivono sotto lo stesso tetto, la vita privata delle persone non mi interessa. Se un mio collega è gay non mi interessa, purché in classe faccia l'insegnante e non l'insegnante gay, che sono due cose differenti. Una volta mi capitò in una scuola un collega il quale faceva odore di fondotinta ad una metro di distanza per quanto se ne era caricato. Non si sapeva se ridere o piangere, tanto la cosa era di pessimo gusto. Oltetutto aveva una bruttissima pelle e tutto quel mascherone sopra la rendeva ancor più evidente. Una ridicola forzatura sicuramente indegna di una persona intelligente. Al contrario in un'altra scuola ne capitai un'altro di una compostezza esemplare, faceva bene il suo lavoro e nessuno se ne sarebbe mai accorto se non si fosse venuti a conoscenza di alcuni fatti che evidenziavano senza equivoci le sue tendenze sessuali. Anche tra i gay, visto che sono esseri umani come tutti gli altri ci sono le persone intelligenti e ci sono gli imbecilli. Quindi il problema dove sta?
Citazione:

tc,.no, una persona è molto di più di un credo religioso, un'idea politica o un gusto sessuale.

Perché qualcuno l'ha messo in dubbio? Naturalmente quando non fà di certe scelte una ragione di vita, quindi quanto affermi non può valere per tutti.
Anonymous - Sab Lug 28, 2007 9:05 pm
Oggetto:
asserendo che non ti interssano le manifestazioni di bubbio gusto (credo sarebbe lo stesso vedere girare per le classi il preside in tenuta sado maso o una professoressa in tenuta da pastorella), mi sembra di capire che quello che non tolleri è l'ostentazione, non il fatto in se stesso. e su questo mi trovi concorde, mi trovi concorde anche sul fatto che in passato si praticavano atti che ad oggi consideriamo poco civili, forse in futuro verranno considerati allo stesso modo alcuni nostri comportamenti. provo a metterti in difficoltà: in america la schiavismo ha portato ad una guerra civile che contrappose chi riteneva gli schiavi degni di diritti umani e chi li reputava una razza da sfruttare; (è vero che i motivi furono anche altri, ma la scusa storica ufficiale è questa e molti hanno combattutto credendo che fosse un loro diritto avere degli schiavi) era quindi considerato da una certa parte della popolazione un abominio considerare un nero simile ad un bianco con medesimi diritti, e questo fino a metà 900. oggi ci viene detto che era sbagliato, noi diamo per assunto che è sbagliato considerare inferiore una persona per il colore della pelle, gli riconosciamo tutti i diritti. la donna fino ad un certo punto del secolo scorso era posta un gradino sotto l'uomo, in alcuni posti anche due o 3, in altri ancora oggi; naturalmente considererai che non era una cosa giusta od edificante, l'uomo ha fatto passi da gigante in materia di giustizia sociale, eguaglianza e rispetto del prossimo; l'omosessualità è la nuova frontiera della giustizia sociale. possiamo ribbellarci a questo progresso, ma ci parificheremmo agli schiavisti, ai maschilisti ed a tutti gli intolleranti ed intransigenti.
Anonymous - Sab Lug 28, 2007 9:11 pm
Oggetto:
apro una parente (la nonna). nelle varie epoche ci sono stati fenomeni sociali come schiavitù, persecuzioni e guerre di religione, è secondo voi corretto dire che erano giuste se viste nel contesto storico in cui si sono svolte?
Anonymous - Sab Lug 28, 2007 9:19 pm
Oggetto:
altra parente, (questa volta la zia) la natura ha un suo piano, nel piano la casualità gioca un ruolo predominante, assieme alla selezione naturale. infatti l'uomo è sopravvissuto diventando quello che è oggi grazie a questi due fattori, l'intelligenza ha permesso a chi ne era in possesso di superare tutti gli ostacoli posti dalla natura per selezionare il più forte, e la donna ha iniziato ad essere affascinata più che dal capobranco, da quello che accumulava più beni.questo ha reso l'uomo quello che è.
Anonymous - Sab Lug 28, 2007 9:52 pm
Oggetto:
per poter avere un perfetto controllo sulla predominanza di una specie su un'altra, la natura ha creato il mascio e la femmina su quasi tutte le specie viventi, con qualche eccezione (due o tre specie di anfibi, qualche tipo di verme e gli organismi unicellulari. per poter regolare ulteriormente la riproduzione ha inventato il piacere, collegandolo in maniera quasi indissolubile all'atto sessuale, in maniera di indurci alla riproduzione. maggiore è la disponibilità di cibo e maggiore è l'espansione di una specie, diminuendo il cibo diminuisce la popolazione obbedendo alla selezione naturale della specie, comunque è dimostrato che anche l'istinto riporduttivo nelle altre specie animali diminuisce.nell'uomo, non diminuisce, anzi, le classi più povere e con meno disponibilità di cibo si riproducono con maggior frequenza, perchè consorziandosi in passato producevano più cibo.adesso l'essere umano ha discinto il piacere dalla riproduzione, ricercando prevalentemente il primo ed evitando la seconda.è naturale che in questo contesto, con un così evidente errore nel proggetto evolutivo dell'uomo, l'atto sessuale perda di ogni significato naturale. infatti nella sua vita di coppia mediamente un uomo ed una donna fanno sesso con l'intento di riprodursi una o due volte. tutto il resto dei rapporti sessuali è finalizzato esclusivamente alla ricerca del piacere.ed anche lo stimolo cambia con il corso degli anni, cose che ti facevano uscir matto prima poi sono passate in secondo piano rispetto ad altri stimoli, sempre più spesso non legati ai richiami morfologici del partner, ma a precise fantasie sessuali che con la naturalità del gesto riproduttivo non hanno nulla a che fare. se ritenete innegabili questi concetti allora converrete che per l'uomo sesso e natura seguono due cammini differenti, quindi non si può invocare l'innaturalità dell'atto omosessuale senza riconoscerne il 99 % degli altri atti delle persone normali, neanche glia atti di questi ultimi sono naturali perche prescindono lo scopo e spesso vengono praticati im modi simili a quelli omosessuali, quindi se morfologicamente un apparato non è adatto al rapporto omosessuale, non lo è neanche per il rapporto etero, e tutti noi maschietti ci tireremmo una grossa martellata sui cosiddetti rinunciado a certe pratiche.
Anonymous - Dom Lug 29, 2007 1:34 am
Oggetto:
Citazione:

asserendo che non ti interssano le manifestazioni di bubbio gusto (credo sarebbe lo stesso vedere girare per le classi il preside in tenuta sado maso o una professoressa in tenuta da pastorella), mi sembra di capire che quello che non tolleri è l'ostentazione, non il fatto in se stesso.

Non tollero in publico le effusioni di una coppia etero, figurati se posso tollerare quelle di una coppia gay.
Citazione:

in america la schiavismo ha portato ad una guerra civile che contrappose chi riteneva gli schiavi degni di diritti umani e chi li reputava una razza da sfruttare

Il problema è molto complesso e non è certamente facile dare risposte definitive. La guerra civile america na contrappose due mondi totalmente diversi nonostante facessero parte della stessa nazione. Culturalmente il sud era nettamente superiore, ma quello di cui sono convinto è che la guera non fu fatta per liberare i negri, prova ne sia che al giorno d'oggi ai i ghetti neri e il razzismo sono al sud quanto al nord. Praticamente ai nordisti liberare i negri non importava proprio, come importavano invece le ricchezze del sud. Un pò come la nostra storia, che ci insegna la favola dell'unità d'Italia, mentre in effetti fu solo una guerra di conquista da parte del Piemonte e di casa Savoia. Riguardo ai neri d'America erano e sono tuttora rimasti all'ultimo gradino della società americana, superati persino dai coreani che sono giunti in questo paese molto dopo di loro, ma questo è un altro discorso.
Citazione:

naturalmente considererai che non era una cosa giusta od edificante, l'uomo ha fatto passi da gigante in materia di giustizia sociale, eguaglianza e rispetto del prossimo; l'omosessualità è la nuova frontiera della giustizia sociale. possiamo ribbellarci a questo progresso, ma ci parificheremmo agli schiavisti, ai maschilisti ed a tutti gli intolleranti ed intransigenti.

Vedi spesso i risultati si vedono dopo molto tempo, e quindi andrei molto cauto sul discorso della giustizia sociale, una cosa che non tutti vedono allo stesso modo. Suggerirei a proposito di leggiucchiarsi "la repubblica" di Platone, per rendersi facilmente conto di come più di 2000 anni fa questo filosofo descrive una situazione come quella odierna, avvertendo anche che quando le cose superano un certo limite comincia a serpeggiare la tirannide. Le vicende umane sono a forma di parabola, che può essere alta quanto si vuole, ma prima o poi ci sarà la discesa. Anche la parola progresso è fuori luogo, in quanto il progresso riguarda solo la tecnologia, ma dal punto di vista umano non si è fatto alcun progresso, poichè se si parla di qualità di vita era molto meglio molti anni fa, quando persino i delinquenti avevano un codice d'onore, e chi avesse scippato una povera vecchietta non l'avrebbe passata liscia.
Concludendo, perchè il discorso sarebbe molto lungo, riguardo l'omosessualità non c'è alcun progresso ne alcuna giustizia sociale, in quanto se è come dici tu, che esisteva nell'antica Grecia ed era una cosa normale, non so di quale progressi si debba parlare. Secondariamente oggi muove tutto il dio denaro, e pertanto se c'è gente che spinge in determinate direzioni non lo fà certo per giustizia sociale, ma solo per averne un tornaconto ed in questo senso usa l'omosessualità. Prova ad immaginare a quanto e quale "businness" possa dare origine tutto questo. Naturalmente i mali che ne possono derivare a livello sociale non interessano a questa gente, prima di tutto il "businness".
Citazione:

apro una parente (la nonna). nelle varie epoche ci sono stati fenomeni sociali come schiavitù, persecuzioni e guerre di religione, è secondo voi corretto dire che erano giuste se viste nel contesto storico in cui si sono svolte?

Bisognerebbe vedere le cose una alla volta. Oggi come tu hai detto diamo per scontate certe cose. Io direi invece che ce li hanno imposte senza alcuna possibilità di contestarle, ce li hanno inculcate sin da bambini tramite la scuola tramite i massmedia etc. etc. Ha vinto una certa tendenza, tutto qua, ma di scontato secondo me non c'è proprio niente. Se avese vinto un'altra tendenza sarebbero state scontate cose totalmente diverse. Il tempo darà una risposta a tutto, come è stato ad esempio per il comunismo. Ci sono voluti più di 50 anni, ma alla fine questa perversa ideologia è stata smascherata, e chi come me l'ha combattuto non può che gloriarsene.
Citazione:

altra parente, (questa volta la zia) la natura ha un suo piano, nel piano la casualità gioca un ruolo predominante, assieme alla selezione naturale. infatti l'uomo è sopravvissuto diventando quello che è oggi grazie a questi due fattori, l'intelligenza ha permesso a chi ne era in possesso di superare tutti gli ostacoli posti dalla natura per selezionare il più forte, e la donna ha iniziato ad essere affascinata più che dal capobranco, da quello che accumulava più beni.questo ha reso l'uomo quello che è.

Infatti avevo specificato precedentemente che l'uomo, è pur sempre un animale, ma si distacca per molte cose dagli altri esseri che costituiscono il suo stesso regno.
Citazione:

per poter avere un perfetto controllo sulla predominanza di una specie su un'altra, la natura ha creato il mascio e la femmina su quasi tutte le specie viventi,

Calmiamoci, hai aperto un tema molto vasto che non si può esaurire in due parole. Dovremmo parlare pure di biocenosi, di nicchia ecologica, di catena alimentare,etc. Ci vorrebbe un ponderoso volume per far ciò. Detto questo cercherò di essere sintetico. I meccanismi messi in atto dalla natura sono molto vari, e non si riducono solo a quelli da te elencati. Si differenziano molto da specie a specie. Ad esempio alcuni vertebrati quando c'è mancanza di cibo non si accoppiano, altri quando aumentano di numero, addirittura si "suicidano" come fà il lemming. La perfezione dei meccanismi della natura è sorprendente, tanto da far pensare ad una mente superiore
Citazione:

le classi più povere e con meno disponibilità di cibo si riproducono con maggior frequenza, perchè consorziandosi in passato producevano più cibo

Quello a cui ti riferisci riguardava soprattutto le campagne, dove il numero rappresentava un forza lavoro e di conseguenza una maggiore produzione.
Citazione:

producevano più cibo.adesso l'essere umano ha discinto il piacere dalla riproduzione, ricercando prevalentemente il primo ed evitando la seconda.è naturale che in questo contesto, con un così evidente errore nel proggetto evolutivo dell'uomo, l'atto sessuale perda di ogni significato naturale.

L'atto sessuale non perde alcun significato, caso mai siamo noi a farglielo perdere. In ogni caso serve per la continuità della specie, a meno che non vogliamo scomparire, ma sinora questo non è successo, grazie appunto a questo atto.
Citazione:

tutto il resto dei rapporti sessuali è finalizzato esclusivamente alla ricerca del piacere.ed anche lo stimolo cambia con il corso degli anni, cose che ti facevano uscir matto prima poi sono passate in secondo piano rispetto ad altri stimoli, sempre più spesso non legati ai richiami morfologici del partner, ma a precise fantasie sessuali che con la naturalità del gesto riproduttivo non hanno nulla a che fare

E' stato sempre così, la ricerca del piacere è ne più e ne meno come era secoli fà. Esstono molti docunenti che provano quanto ho affermato. L'uomo moderno in questo non ha scoperto proprio nulla.
Citazione:

l'innaturalità dell'atto omosessuale senza riconoscerne il 99 % degli altri atti delle persone normali, neanche glia atti di questi ultimi sono naturali perche prescindono lo scopo e spesso vengono praticati im modi simili a quelli omosessuali, quindi se morfologicamente un apparato non è adatto al rapporto omosessuale, non lo è neanche per il rapporto etero, e tutti noi maschietti ci tireremmo una grossa martellata sui cosiddetti rinunciado a certe pratiche.

Ma chi ha detto che è innaturale, ribadendo il fatto che un determinato apparato non è fatto per quello scopo. Per quanto riguarda noi maschietti non credo che sia sempre facile trovare un partner disponibile per questo tipo di rapporto. In ogni caso per noi maschietti è una variante e non la regola. Questo rapporto, se prolungato nel tempo può provocare anche dei danni,e questo riguarda soprattutto i gay per i quali vale solo questo tipo di rapporto, che anche dal punto di vista igienico sanitario non mi sembra il top. Infatti un rapporto del genere se non è protetto, e quindi bisogna ricorrere ad un mezzo che in natura non esiste, a meno che non inventino l'albero dei profilattici magari con la manipolazione genetica, anche facendolo una sola volta può provocare seri guai. Ho degli amici che hanno smesso di praticarlo perché scottati, avendo contratto infezioni dure a scomparire. Evito per decenza di raccontare quello che è accaduto poi ad un noto gay della mia città, un episodio poco edificante, cose che succedono quando si fà del sesso l'unico scopo della proria vita. Potrei aggiungere dell'altro, ma lungi da me convincere chicchessia ad evitare certe pratiche, mi limiterò a citare un detto latino:"est modus in rebus".
Anonymous - Lun Lug 30, 2007 10:29 am
Oggetto:
Ibis ha scritto:
un politico onesto (ammesso che ce ne siano)
CUT
Al resto credo che abbia risposto in modo piuttosto drastico Rosy Bindi.


Su un punto siamo in accordo: l’esistenza del politico onesto…, anche alla signora in questione non difetta l’opportunismo politico…

Ibis ha scritto:
Riguardo al gay, ti posso rispondere solo che un gay onesto non adotterebbe mai bambini.


Mi fa piacere constatare che continui ad attingere a piene mani al tuo deposito di verità universali rivelate a te solo…, ne consegue che i gays che conosco io sono ancor più disonesti, perché hanno deciso di avere figli (manco adottarli, proprio fecondazione di una signora gay col seme di un medico gay) e allevarli, forse non meglio ma sicuramente non peggio di altre coppie…, almeno a quanto mi è dato sapere e vedere...

Ibis ha scritto:
Se vuoi che poi ti risponda personalmente, ti posso solo dire che dei bimbi che nascono nel Ruanda non me ne può frega' de meno (ho scritto giusto?).


Giusto per quanto ti riguarda, ma se a te dei predetti bimbi “nun te ne po’ fregà de meno”, mi spieghi che k@§§* te ne frega a te se qualcun altro vuole invece adottarli? Mica obbliga te a farlo…, tanto più che tu non hai:

Ibis ha scritto:
alcun dovere di caricarmi dei guai che avvengono in altri parti del mondo, anche perché non ne sono responsabile.


Appunto…, perché allora aggiungerti il guaio di continuare a preoccuparti di quello che gli altri vogliono fare se lo vogliono fare per motivi e con intenzioni oneste e legali?
Oppure, dato che appartieni all'eletta schiera dei depositari della verità assoluta sai già in partenza che le motivazioni sono immonde ed illegali?

Ibis ha scritto:
Termino per il momento con una domanda: e' meglio una società ordinata o è meglio una torre di Babele? Considerando il fatto che la suddetta torre ha fatto una brutta fine, qual'è il male minore?


Rispondo con una domanda: ma chi ha detto solo a te e solo a quelli che la pensano come te che è giusto quello che pensate?

Nessuno vi ha detto che la vita del mondo va comunque avanti per prova ed errore e che senza provare un errore non si può provare una soluzione, e tutto questo in un divenire continuo?
Anonymous - Lun Lug 30, 2007 11:12 am
Oggetto:
ugo.delgiudice ha scritto:
educazione?quale? e chi può insegnare cosa? io posso cercare di trasmettere quel poco che sono.


Esatto…

Ugo ha scritto:
sono del parere che si impara "ad essere" dalla società che ci circonda


Secondo me si impara dalle persone che riescono ad “impressionare” la lastra fotografica della ns. coscienza…, nella mia vita ci sono stati diecine di professori e professoresse ma meno di cinque di loro hanno avuto una reale influenza su di me, a meno che non si voglia considerare quelli che non valevano come esempi deteriori da non seguire…

Ugo ha scritto:
e voi cosa vorreste veramente per i vostri figli?
CUT
così come non mi è dato sapere cosa avrebbe potuto essere o cosa sarà, l'unico augurio che posso fargli è di essere felice ed in pace con sé stesso, il resto non credo possa contare.


Già…, la cosa più semplice, la soluzione ottimale…, che non è mai la prima e/o la più facile di quanto possiamo prospettarcene…

Ugo ha scritto:

no, una persona è molto di più di un credo religioso, un'idea politica o un gusto sessuale.


Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

Anonymous - Lun Lug 30, 2007 11:27 am
Oggetto:
Ibis ha scritto:
Chi ha pronunziato quella frase considera tutte e due le cose negativa, ma una la considera più negativa dell'altra.


Più che pronunziata era scritta su un bel cartello orgogliosamente esibito (a proposito, a quando un Mafia Pride?)

Certo che considera una cosa più negativa dell’altra! Solo che considera meno negativo l’essere un delinquente abituale inserito in un’organizzazione che mina, questa sì, la società!

E la prova di quanto mini la società è anche in quel cartello e nel fatto che venga esibito da chi, una volta di più, non vuole accettare che un figlio deficiente, che prevarica un compagno di scuola per l’idiozia congenita che gli deriva dalla famiglia, sia giustamente punito in maniera adeguata.

Ibis ha scritto:
il piacere di diventare nonno ad esempio.


Piacere tutto tuo…, magari ad un figlio potrebbe non fregargliene una benemata f@v@…, mi ricorda il discorso di una cretinetta con cui son stato in giovane età, che mi disse papale papale che se fossi stato sterile non mi avrebbe sposato…, sterile non sono ma certo non l’ho sposata…,

Ibis ha scritto:
Ma poi perché ti ostini sempre a parlare di gay onesto, quando queste persone prima di ogni cosa dovrebbero essere onesti con se stessi, e quanti ce ne saranno?


Questa me la spieghi, per favore…, perché suona male…

Ibis ha scritto:
Infatti abbiamo visto certe lotte tipo quella del 17 in Russia quali cambiamenti positivi ha apportato, poi se prendiamo altre lotte le cui conseguenze sono che dobbiamo aver paura anche in casa, forse era meglio che ci fermavamo a 50 fa. Dire che il nuovo è sempre meglio del vecchio è un'affermazione priva di qualsiasi fondamento, a meno che non ci riferisca al mondo tecnologico. Riguardo l'animo umano si sa tutto da millenni e millenni.


Anche qui la tua solita presunzione di depositario della verità, come se socialismo e comunismo non avessero dato alcunché alla storia ed alla vita dell’uomo e solo il capitalismo fosse la soluzione.

Il nuovo non è mai migliore o peggiore, ma semplicemente diverso ed è proprio al cambiamento che l’uomo è maggiormente restio, ed è proprio il cambiamento che manda avanti il mondo…

Quanto all’animo umano mi fa piacere apprendere che ci sia chi sa già tutto da millenni…, si vede proprio che io sono rimasto a oltre 2 millenni fa, al buon vecchio Socrate che affermava solo di non sapere…

Ibis ha scritto:
L'omosessuale, se tale è dalla nascita, non può mettere al mondo alcun figlio, né fingersi etero, perché è una cosa impossibile.


Quante certezze una volta di più…, che invidia che ho…, quanto vivrei meglio anche io con tante certezze…

Ibis ha scritto:
Come diceva il poeta latino Orazio: sono un uomo, e nulla della sfera dell'umano mi è estraneo.


Appunto…, sono un essere umano…

ugo ha scritto:
educazione? quale? e chi può insegnare cosa? io posso cercare di trasmettere quel poco che sono.
Ibis ha scritto:
Mi sembra un'ottima scusa per scrollarci di dosso le nostre responsabilità


E quindi te la prendi tanto con chi, eventualmente, vuole solo veder sancito il fatto che ha deciso, senza obbligo legale, di prendersi cura dell’altro sé stesso e col quale, eventualmente, anche prendersi la responsabilità di una creatura che, molto spesso, altrimenti non avrebbe chi lo facesse...
Anonymous - Lun Lug 30, 2007 12:07 pm
Oggetto:
Ibis ha scritto:
Mi sembra di avere già chiarito che a me non importa un fico secco se due vivono sotto lo stesso tetto, la vita privata delle persone non mi interessa.


E allora due persone che, sotto lo stesso tetto, hanno deciso di unire i propri destini, avere reciproco affetto, onorarsi e rispettarsi in ricchezza e povertà, in salute e malattia, nella buona come nella cattiva sorte, e che magari lo fanno da oltre due decenni, perché non dovrebbero avere lo stesso diritto di vedersi sanciti e riconosciuti come coppia?

Solo perché non possono “fisiologicamente” avere figli?

No almeno al 50%, perché una coppia omosessuale femminile può tranquillamente decidere di avere figli in maniera naturale; quindi questa non può essere la discriminante.

E se, per ipotesi, si trattasse di una donna rimasta vedova incinta che, stufatasi dell’idiozia (e dell’ignoranza sessuale) della maggior parte dei maschi (specie di impostazione arabo/mediterranea) abbia scelto una donna come compagna perché ha scoperto che spesso una donna sa capire molto meglio un’altra donna?

Amenoché tu non voglia discriminare il fatto che la loro unione non è stata benedetta dalla santa madre chiesa…, e se fosse stata invece sancita dal buddismo? O dallo sciamano di una sperduta isola del Mar dello Sprofondo che pratica una religione più umana e meno “divina” di altre?

Ma non sarebbe corretto discriminare coppia omo maschile da coppia omo femminile. E allora come facciamo? E come faremmo poi se fosse sterile la coppia etero?

Oppure vogliamo affermare tout-court che il fatto che una coppia etero decida di unire i propri destini, avere reciproco affetto, onorarsi e rispettarsi in ricchezza e povertà, in salute e malattia, nella buona come nella cattiva sorte, ha maggior valore rispetto alla coppia omo che fa esattamente lo stesso?

Quindi, come vedi, il tuo atteggiamento in realtà va a negare un diritto a chi fa esattamente le stesse cose che si suppone tu faccia, e che l’unica cosa che non fa come te è il sesso…, cioè, come giustamente dice Ugo, qualcosa che in fin dei conti assorbe meno di 50 giorni a fronte di circa 22.000 giorni (per eccesso) di periodo di vita con potenzialità sessuale, cioè circa 1/440 della nostra vita adulta.

Ibis ha scritto:
Anche tra i gay, visto che sono esseri umani come tutti gli altri ci sono le persone intelligenti e ci sono gli imbecilli. Quindi il problema dove sta?


Appunto…, dove sta?

Ibis ha scritto:
Naturalmente quando non fà di certe scelte una ragione di vita, quindi quanto affermi non può valere per tutti.


E chi sei tu, cui non importa della vita privata altrui, per decidere delle scelte di vita altrui, massimamente se fatte in piena coscienza ed onestà intellettuale?
Anonymous - Lun Lug 30, 2007 12:33 pm
Oggetto:
Ibis ha scritto:
Io direi invece che ce li hanno imposte senza alcuna possibilità di contestarle, ce li hanno inculcate sin da bambini tramite la scuola tramite i mass-media etc. etc.”


…hai dimenticato la parrocchia, poi il mito del “vero uomo e vero maschio”, John Wayne e il mito della frontiera americana, il cacciatore bianco in Africa assieme ad Hemingway e via di seguito…, gli italiani grandi amatori…

Quando io ero bambino Moby Dick era la balena assassina…, oggi sappiamo di dover proteggere le balene dall’estinzione…, i pellirosse americani dei selvaggi sanguinari e incivili mentre i bianchi erano “buoni, belli e bravi”…, esattamente come i fascisti cattivoni ed i “liberatori” americani…

Ibis ha scritto:
mi limiterò a citare un detto latino:"est modus in rebus".


Infatti, da tutti gli esempi che hai lì citato, si evince soltanto che in tutte le cose debba esserci l’opportuna misura, igiene, buonsenso etc…, e infatti i problemi igienici dell’apparato genito-urinario e quelli “meccanici” e igienici della zona ano-rettale non sono certamente appannaggio esclusivo degli omosessuali…, tutt’altro…, tanto per fare un esempio la sifilide era sconosciuta nel Nuovo Mondo prima dell’arrivo dei progreditissimi, civilissimi e religiosissimi (ma sporchissimi) europei…

Rolling Eyes
Anonymous - Lun Lug 30, 2007 7:13 pm
Oggetto:
Citazione:

Mi fa piacere constatare che continui ad attingere a piene mani al tuo deposito di verità universali rivelate a te solo…, ne consegue che i gays che conosco io sono ancor più disonesti, perché hanno deciso di avere figli (manco adottarli, proprio fecondazione di una signora gay col seme di un medico gay) e allevarli, forse non meglio ma sicuramente non peggio di altre coppie…, almeno a quanto mi è dato sapere e vedere...

E infatti è a questo che si vuole arrivare, esattamente ad un "businness", usando i bambini come giocattoli, esattamente come sta facendo la coppia da te specificata. Caspita che onestà nei riguardi della sacralità della vita! Il paragone che fai(ne meglio ne peggio) con le coppie naturali è semplicemente fuori luogo.Fino a prova contraria l'umanità è andata avanti con questo tipo di coppia, che è quella giusta. I figli sono un atto d'amore e non il frutto di esperimenti. Certo è che se si continuerà di questo passo, verrà certamente fuori una "disumanità", ma temo, e non solo io, che prima di arrivare a tanto saremo cancellati. Questa d'altra parte è l'analisi di tanti sociologhi. Ma senza andare ai sociologhi, esistono degli scritti di un certo Spengler sulla fine dell'occidente, scritti che risalgono ancora prima dell'ultima guerra. E' stato una persona lungimirante, come pochi altri purtroppo. La cecità invece appartiene alla stragrande maggioranza, drogata dai massmedia e dai tanti ciarlatani che affollano le piazze del mondo. Certo non vivremo(purtroppo)tanto da poter fare una piccola scommessina sui risultati di tante belle idee. Adesso devo uscire, pertanto continuerò più tardi.
Anonymous - Lun Lug 30, 2007 9:46 pm
Oggetto:
Ibis ha scritto:

E infatti è a questo che si vuole arrivare, esattamente ad un "businness", usando i bambini come giocattoli, esattamente come sta facendo la coppia da te specificata.


Quanto ti piace sproloquiare di cose che non conosci, di persone che non hai mai visto e con cui non hai mai parlato, di cui non sei mai stato ospite..., al mio paese si dice "cacare senno"...

Citazione:
Caspita che onestà nei riguardi della sacralità della vita! Il paragone che fai (né meglio né peggio) con le coppie naturali è semplicemente fuori luogo.
CUT
I figli sono un atto d'amore e non il frutto di esperimenti.
Fino a prova contraria l'umanità è andata avanti con questo tipo di coppia, che è quella giusta.


Una volta di più parli di ciò che non conosci..., poi la sacralità della vita e che i figli siano frutto di un atto d'amore sono, ad essere educati, altre di quelle bugie ripetute miliardi di volte.

Non nego che qualche volta possa darsi che i figli siano un atto d'amore ma nella maggior parte dei casi della gente comune nella vita di tutti i giorni in tutto il mondo, si tratta di uno "strappo"..., che però ha fatto la "mouche"...

E guarda caso un figlio voluto, pensato, desiderato E' un frutto d'amore e, checché tu ne possa pensare, amore e sesso sono pochissimo correlati..., il sesso è semplicemente un meccanicismo della natura mortale, l'amore esprime l'anima immortale, quello che distingue il cielo dalla terra...

Citazione:
Certo è che se si continuerà di questo passo, verrà certamente fuori una "disumanità", ma temo, e non solo io, che prima di arrivare a tanto saremo cancellati.


Difficile che l'homo cosiddetto sapiens possa essere cancellato tanto facilmente..., salvo che non lo faccia da solo con una bella catastrofe nucleare..., quanto alla "disumanita" c'è sempre stata e le tue parole ne sono una patente dimostrazione...

Citazione:
Questa d'altra parte è l'analisi di tanti sociologhi. Ma senza andare ai sociologhi,


Conosco insigni professori, sociologhi, psicologi cui non affiderei la prescrizione di un'aspirina o la redazione di una tabella condominiale...

Citazione:
esistono degli scritti di un certo Spengler sulla fine dell'occidente, scritti che risalgono ancora prima dell'ultima guerra.


La natura ed il suo piano se ne fregano di oriente, occidente e quant'altro..., inoltre alla natura non frega una beneamata f@v@ se l'umano si riproduce con un rapporto o in provetta..., la natura esiste per le specie viventi e non viceversa...

Da tutti tuoi scritti fin qui, nonostante tu ti riempia la bocca di sacralità e di altri alati concetti ed elevati pensieri, a mio parere emerge invece una grande aridità e disumanità..., tutto quello che non è come tu pensi che debba essere, per te è sporco e sbagliato..., i sentimenti per te esistono solo se codificati e incasellati..., non credo fosse questo il significato di "ama il prossimo tuo come te stesso"... e neppure il concetto sottinteso a "chi è senza peccato..." o, se vuoi, "sepolcri imbiancati di fuori..."

Manca forse amore alle poesie di Saffo?

Question
Anonymous - Mar Lug 31, 2007 2:00 am
Oggetto:
Citazione:

Giusto per quanto ti riguarda, ma se a te dei predetti bimbi “nun te ne po’ fregà de meno”, mi spieghi che k@§§* te ne frega a te se qualcun altro vuole invece adottarli? Mica obbliga te a farlo…, tanto più che tu non hai:

Guarda caso i suddetti bimbi che con un'altissima percentuale soffriranno di problemi psicologici più o meno gravi prima o poi potrei ritrovarmeli in classe. E visto che mi dici più avanti che parlo di cose che non conosco, potrei dirti la stessa cosa anch'io. Sai quali e quanti problemi può evidenziare un bambino adottato persino da una coppia etero. Hai mai visto un ragazzo che si ficca la matita nell'orecchio, o un altro che vuole tornare al paese d'origine, e chi più ne ha più ne metta. Problemi che dalla scuola passeranno poi alla società, che di problemi ne ha già abbastanza. Ma quello che ho detto è solo una piccola frazione.
Citazione:

Appunto…, perché allora aggiungerti il guaio di continuare a preoccuparti di quello che gli altri vogliono fare se lo vogliono fare per motivi e con intenzioni oneste e legali?

La strada del male è lastricata di buone intenzioni. Ammesso che poi queste buone intenzioni ci siano, e non si tratti invece dello più schifoso egoismo.
Citazione:

Oppure, dato che appartieni all'eletta schiera dei depositari della verità assoluta sai già in partenza che le motivazioni sono immonde ed illegali

Te l'ho già detto. Certe verità come i proverbi vengono dall'esperienza, e l'esperienza ci dice che tutti i tentativi volti a sostituire la famiglia tradizionale sono falliti, come fallirà anche questo. Non si tratta di essere depositari, e potrei dire la stessa cosa anche a te visto che anche tu hai la pretesa di essere nel giusto, ma vedi con le parole si può dimostrare tutto. De Sade di cui ti ho già parlato con ragionamenti apparantemente logici ti dimostra che anche l'assasino ha diritto di uccidere.
Citazione:

Rispondo con una domanda: ma chi ha detto solo a te e solo a quelli che la pensano come te che è giusto quello che pensate?

Nessuno vi ha detto che la vita del mondo va comunque avanti per prova ed errore e che senza provare un errore non si può provare una soluzione, e tutto questo in un divenire continuo?

Quello che succede intorno a noi prova in modo inequivocabile che la strada imboccata è sbagliata. Tanti avevano avvertito delle possibili conseguenze che puntualmente si sono avverate. Il fatto è che tornare poi indietro non è così facile come si crede, e intanto i danni li devono piangere tutti. Ad esempio, in tempi non sospetti, quando ancora il fenomeno non destava alcuna preoccupazione, io insieme ad un amico avevamo intutito che l'immigrazione avrebbe dato a lungo andare dei gravi problemi. Ci siamo beccati del razzista da quelli stessi che oggi ci danno piena ragione, e ora come si fa a tornare indietro? La materia che insegno mi ha insegnato a sua volta ad usare la logica. Se a cominciare dai nostri governanti usassimo tutti la logica(ma non quella del profitto)tante cose andrebbero molto meglio.
Citazione:

Più che pronunziata era scritta su un bel cartello orgogliosamente esibito (a proposito, a quando un Mafia Pride?)

E perchè no! In Olanda esiste il partito dei pedofili, per quale motivo non ci dovrebbe essere un mafia pride.
Citazione:

Piacere tutto tuo…, magari ad un figlio potrebbe non fregargliene una benemata f@v@…, mi ricorda il discorso di una cretinetta con cui son stato in giovane età, che mi disse papale papale che se fossi stato sterile non mi avrebbe sposato…, sterile non sono ma certo non l’ho sposata…,

Questa era una delle tante cose collegate alla famiglia tradizionale, ma visto che ne stai parlando ti dirò che quantomento dovremmo avere dei doveri verso chi ci ha consentito di essere quello che siamo, oltre ad averci donato la vita. Certamente poi il figlio se ne può anche fregare e magari depositare il padre in un ospizio. Questa mi sembra sia l'umanità che auspichi. Se tuo figlio lo farà con te voglio vedere poi cosa ne penserai. Ma a questo punto c'è poi da chiedersi se vale la pena mettere al mondo figli.
Citazione:

Questa me la spieghi, per favore…, perché suona male…

Perché il gay onesto con se stesso(e ce ne sono)sa benissimo che certe cose non può pretenderle.
Citazione:

Anche qui la tua solita presunzione di depositario della verità, come se socialismo e comunismo non avessero dato alcunché alla storia ed alla vita dell’uomo e solo il capitalismo fosse la soluzione

Comunismo e capitalismo sono ambedue figli dell'illuminismo, solo che il capitalismo ha vinto. Riguardo al comunismo e quello che ha dato alla storia potresti domandarlo agli 80.000.000 milioni di morti di cui è responsabile. Ma non credo che ci sia bisogno di questo. E sufficiente guardare cosa ha lasciato nelle nazioni dove è stato al potere. Ha fatto e fà danni persino dove non è stato al potere, basta guardare allo sfascio della scuola e di altre isituzioni. Beh, se ha dato tutto questo non mi sembra ci si possa rallegrare.
Citazione:

Il nuovo non è mai migliore o peggiore, ma semplicemente diverso ed è proprio al cambiamento che l’uomo è maggiormente restio, ed è proprio il cambiamento che manda avanti il mondo…

Che il nuovo sia diverso non cè dubbio, ma necessariamente deve essere peggiore o migliore, non scherziamo. Il mondo va avanti solo dal punto di vista teconologico, nulla di più. E anche se guardiamo le cose da questo punto di vista non semprte le innovazioni tecnologiche hanno dato risultati positivi.
Citazione:

Quante certezze una volta di più…, che invidia che ho…, quanto vivrei meglio anche io con tante certezze…

Nell'atto sessuale la donna può fingere, ma l'uomo, ed è una cosa risaputa, non può se non c'èil desiderio.
Citazione:

E quindi te la prendi tanto con chi, eventualmente, vuole solo veder sancito il fatto che ha deciso, senza obbligo legale, di prendersi cura dell’altro sé stesso e col quale, eventualmente, anche prendersi la responsabilità di una creatura che, molto spesso, altrimenti non avrebbe chi lo facesse...

Una domanda, ma la creatura ha in questo una possibilità di scelta? Lasciamo stare poi il fatto che nell'età della ragione vedrà i compagni con un papà ed una mamma. Ma tanto che importa quello che gli passerà per la testa. Ma io vorrei sapere con quale diritto si vuole imporre ad una creatura una coppia del genere. E sarei poi io il depositario della verità.
Citazione:

E allora due persone che, sotto lo stesso tetto, hanno deciso di unire i propri destini, avere reciproco affetto, onorarsi e rispettarsi in ricchezza e povertà, in salute e malattia, nella buona come nella cattiva sorte, e che magari lo fanno da oltre due decenni, perché non dovrebbero avere lo stesso diritto di vedersi sanciti e riconosciuti come coppia?

Lasciando stare da parte la retorica, qualcuno impedisce loro di stare insieme? No, e allora? Vorrebbero la cerimonia del matrimonio? Questa si che è arroganza, derivata solo da frustrazione e livore contro la coppia normale, con la pretesa di equipararsi ad essa. Un pò come l'ipocrisia che a tutti i livelli riempie la nostra vita. Così lo spazzino si deve chiamare operatore ecologico, un altro si deve chiamare non vedente, come se le parole cambiassero qualcosa. Tutte cose volute da una ben nota parte politica, la qual pretende che tutti gli uomini siano uguali, ma siccome questo è una cosa impossibile, tenta di farlo con le parole. Se le suddette coppie poi si vogliono tutelare, esiste il diritto privato,e quindi anche questo è un falso problema.
Citazione:

No almeno al 50%, perché una coppia omosessuale femminile può tranquillamente decidere di avere figli in maniera naturale; quindi questa non può essere la discriminante.

Quale delle due deve avere il figlio? Cosa intendi per modo naturale? Lo sai che anche un uomo potrebbe portare avanti una gravidanza con un ovulo impiantato nella milza? In ogni caso chi è il papà? Chi è la mamma? Quante di queste coppie potrebbero portare avanti un figlio senza problemi psicologici. Anzi proprio la psicologia afferma che un bambino di questi a tutte le probabilità di diventare lui stesso un omosessuale?
Citazione:

E se, per ipotesi, si trattasse di una donna rimasta vedova incinta che, stufatasi dell’idiozia (e dell’ignoranza sessuale) della maggior parte dei maschi (specie di impostazione arabo/mediterranea) abbia scelto una donna come compagna perché ha scoperto che spesso una donna sa capire molto meglio un’altra donna?

Non capisco proprio questo ragionamento. Se la donna in questione non è omosessuale starà da sola o andrà alla ricerca di un nuovo compagno. Non saranno mica tutti ignoranti in materia di sesso. E poi che c'entra l'impostazione arabo/mediterranea. Tralasciando gli arabi di cui non conosco le usanze in questo campo, sei forse stato nei letti degli altri per stabilire quanto hai affermato. Forse gli svedesi sono migliori di noi? Oppure gli inglesi? E se si vuoi elencarne i motivi.
Citazione:

Amenoché tu non voglia discriminare il fatto che la loro unione non è stata benedetta dalla santa madre chiesa…, e se fosse stata invece sancita dal buddismo? O dallo sciamano di una sperduta isola del Mar dello Sprofondo che pratica una religione più umana e meno “divina” di altre?

Portami un esempio di qualche religione che accetta una cosa del genere. In ogni caso non mi interessano le religioni, poiché ragiono con la mia testa, e sono io che mi devo convincere.
Citazione:

Ma non sarebbe corretto discriminare coppia omo maschile da coppia omo femminile. E allora come facciamo? E come faremmo poi se fosse sterile la coppia etero?

L a sterilità di una coppia etero fà parte anch'essa della natura, perché gli altri animali sono tutti fecondi? Quindi dov'è il problema. Il filgio o se lo adotta o ne fà a meno, molto semplice.
Citazione:

Oppure vogliamo affermare tout-court che il fatto che una coppia etero decida di unire i propri destini, avere reciproco affetto, onorarsi e rispettarsi in ricchezza e povertà, in salute e malattia, nella buona come nella cattiva sorte, ha maggior valore rispetto alla coppia omo che fa esattamente lo stesso?

Direi che non fà esattamente lo stesso, in quanto una coppia gay o è unita dal vizio, oppure ci sono sotto degli interessi, o mi vorresti dire che il "compagno" di Versace stava con lui per amore e non per approfittare della sua ricchezza. Dovrei credere ad una simile barzelletta. Sinora di queste coppie che si rispettano, in salute e povertà etc. etc. non ne ho conosciute. Ma chissà, forse ci sarà l'eccezione che conferma la regola.
Citazione:

Quindi, come vedi, il tuo atteggiamento in realtà va a negare un diritto a chi fa esattamente le stesse cose che si suppone tu faccia, e che l’unica cosa che non fa come te è il sesso…, cioè, come giustamente dice Ugo, qualcosa che in fin dei conti assorbe meno di 50 giorni a fronte di circa 22.000 giorni (per eccesso) di periodo di vita con potenzialità sessuale, cioè circa 1/440 della nostra vita adulta.

Questo rapporto tra le giornate si e le giornate no, mi fà un po ridere. Quello che si fà in un giorno spesso decide dei nostri destini, quindi la quantità non c'entra niente, anche perché la sessualità, in questo caso deviata, può influenzare in modo decisivo il nostro carattere, le nostre azioni, e così via.
Asserisci poi che l'unica cosa che non fà come me è il sesso, come se il sesso fosse una componente di poca importanza. Freud fa dipendere tutte le nostre proprio dalla vita sessuale, e non credo abbia tutti i torti. Esiste più di un caso in cui una sessualità distorta incide notevolmente nel lavoro, nei rapporti con gli altri, poiché come ha detto anche Ugo, è vissuta male. Parlo con cognizione di causa, in quanto queste cose le ho toccate con mano. Quando poi queste persone occupano posti di responsabilità, il danno che ne deriva è notevole. Essendo personalmente un insegnante, nel caso specifico mi riferisco a dirigenti scolastici. Almeno tre casi di questi li ho potuti constatare, ed ho potutto osservare la totale mancanza di equilibrio, a discapito del buon andamento. Quindi non mi si venga a parlare dei 50 giorni.
Anonymous - Mar Lug 31, 2007 2:39 am
Oggetto:
Citazione:

Quanto ti piace sproloquiare di cose che non conosci, di persone che non hai mai visto e con cui non hai mai parlato, di cui non sei mai stato ospite..., al mio paese si dice "cacare senno"...

Ah certo, se lo dici tu che sono cose che non conosco, che non ho mai visto. Forse hai fatto indagini sulla mia vita. Tu che invece ne conosci in quantità industriale così mi pare di capire da quello che scrivi ne sai molto di più, beato te!
Citazione:

Una volta di più parli di ciò che non conosci..., poi la sacralità della vita e che i figli siano frutto di un atto d'amore sono, ad essere educati, altre di quelle bugie ripetute miliardi di volte.

Anche qui hai ragione! L'umanità è arrivata dove è arrivata grazie alle coppie gay ed all'educazione che hanno saputo impartire. Bugie ripetute miliardi di volte. E perchè non la dici tu la verità.
Citazione:

Non nego che qualche volta possa darsi che i figli siano un atto d'amore ma nella maggior parte dei casi della gente comune nella vita di tutti i giorni in tutto il mondo, si tratta di uno "strappo"..., che però ha fatto la "mouche"...

Ed anche se fosse uno strappo sono i risultati che contano. Ma vedo che anche qui sei stato nel letti delle persone, ed hai potuto stilare una statistica.
Citazione:

E guarda caso un figlio voluto, pensato, desiderato E' un frutto d'amore e, checché tu ne possa pensare, amore e sesso sono pochissimo correlati..., il sesso è semplicemente un meccanicismo della natura mortale, l'amore esprime l'anima immortale, quello che distingue il cielo dalla terra...

Parole, parole,parole. Nel caso in questione il figlio è solo un frutto di puro egoismo, anzi non lo chiamerei neppure frutto, ma solo un acquisto. Riguardo all'amore c'è già il saggio di Alberoni "innamoramento ed amore" che spiega in modo esauriente la cosa.
Citazione:

Difficile che l'homo cosiddetto sapiens possa essere cancellato tanto facilmente..., salvo che non lo faccia da solo con una bella catastrofe nucleare..., quanto alla "disumanita" c'è sempre stata e le tue parole ne sono una patente dimostrazione...

Non intendevo l'homo sapiens, ma il nostro tipo di società. E' una cosa ormai certa che verrà cancellato. Quanto alla disumanità, devo rispondere solo alla mia coscienza, quindi il tuo affondo non mi tange. Come dice il proverbio: "ride bene chi ride ultimo", anche se sarà una magra consolazione, poichè ci sarà da piangere per tutti.
Citazione:

Conosco insigni professori, sociologhi, psicologi cui non affiderei la prescrizione di un'aspirina o la redazione di una tabella condominiale...

Ad eccezione di quelli che magari la pensano come te , naturalmente.
Citazione:

La natura ed il suo piano se ne fregano di oriente, occidente e quant'altro..., inoltre alla natura non frega una beneamata f@v@ se l'umano si riproduce con un rapporto o in provetta..., la natura esiste per le specie viventi e non viceversa...

Ma questa dove l'hai letta?
Citazione:

Da tutti tuoi scritti fin qui, nonostante tu ti riempia la bocca di sacralità e di altri alati concetti ed elevati pensieri, a mio parere emerge invece una grande aridità e disumanità..., tutto quello che non è come tu pensi che debba essere, per te è sporco e sbagliato..., i sentimenti per te esistono solo se codificati e incasellati..., non credo fosse questo il significato di "ama il prossimo tuo come te stesso"... e neppure il concetto sottinteso a "chi è senza peccato..." o, se vuoi, "sepolcri imbiancati di fuori..."

Manca forse amore alle poesie di Saffo?

E poi sarei io a sproloquiare e ad essere depositario di verità. Stai facendo affermazioni e riporti citazioni che non hanno ne capo ne coda, interpretandol tra l'altro secondo la tua convenienza, pensieri che hanno delle valenze ben più profonde, perché dovresti anche ricordarti che Gesù disse poi "và e non peccare più" Sentimenti codificati e incasellati, ma che vuol dire e a quali sentimenti ti riferisci.
Ho letto le poesie di Saffo, ma non vedo cosa c'entrano in questo contesto.
Anonymous - Mar Lug 31, 2007 3:25 am
Oggetto:
Citazione:

Quanto all’animo umano mi fa piacere apprendere che ci sia chi sa già tutto da millenni…, si vede proprio che io sono rimasto a oltre 2 millenni fa, al buon vecchio Socrate che affermava solo di non sapere

Citare Socrate serve a ben poco, primo perché non si può ridurre questo filosofo a due parole, parole che vanno inquadrate nel suo pensiero e non estrapolate dando come al solito,un significato di convenienza. Secondo, se ci dovessimo attenere scrupolosamente a queste parole, dovremmo sederci senza muovere un dito perché non sappiamo niente. oppure dovremmo accettare tutto, sempre in virù di queste parole; chi ha ragione? Lo stupratore o la persona stuprata? Non si può dire, perchè sappiamo di non sapere. Ma per fortuna il mondo va avanti, perché sappiamo benissimo che la mattina ci dobbiamo alzare per andare a lavorare, altrimenti non si mangia, e tante altre cose. E quindi meglio lasciare la filosofia, la quale è solo una disciplina speculatva, da parte.
Riguardo all'animo ed alla psiche umana, certamente si sa tutto da millenni, tanto che nella storia vari personaggi hanno fatto la loro fortuna sfruttando proprio la psicologia umana, la psicologia da strada e non quella dei libri, esempio Cagliostro che di scuola non ne voleva sentire. D'altra parte è sufficiente confrontare concetti di religioni o di culture tra loro lontane geograficamente, per notare come questi concetti sorprendentemente siano uguali tra loro. Se poi i moderni hanno scoperto qualcosa di nuovo, che qualcuno me lo venga a dire.
Citazione:

hai dimenticato la parrocchia, poi il mito del “vero uomo e vero maschio”, John Wayne e il mito della frontiera americana, il cacciatore bianco in Africa assieme ad Hemingway e via di seguito…, gli italiani grandi amatori…

Quando io ero bambino Moby Dick era la balena assassina…, oggi sappiamo di dover proteggere le balene dall’estinzione…, i pellirosse americani dei selvaggi sanguinari e incivili mentre i bianchi erano “buoni, belli e bravi”…, esattamente come i fascisti cattivoni ed i “liberatori” americani…

Questo cosa a che vedere con quello che ho detto?
Citazione:

Infatti, da tutti gli esempi che hai lì citato, si evince soltanto che in tutte le cose debba esserci l’opportuna misura, igiene, buonsenso etc…, e infatti i problemi igienici dell’apparato genito-urinario e quelli “meccanici” e igienici della zona ano-rettale non sono certamente appannaggio esclusivo degli omosessuali…, tutt’altro…, tanto per fare un esempio la sifilide era sconosciuta nel Nuovo Mondo prima dell’arrivo dei progreditissimi, civilissimi e religiosissimi (ma sporchissimi) europei…

Acc. quanta confusione che fai! Intanto gli uomini da che mondo e mondo si sono sempre spostati in cerca di nuove terre e di conseguenza si portavano dietro anche le malattie locali, ma in compemso ne riportavano indietro delle altre non certo migliori della sifilide. D'altra parte è una cosa nota che le peggiori malattie sono quelle delle regioni calde. La sifilide è una malattia tipica che riguarda la sfera sessuale, come d'altra parte l'influenza riguarda l'apparato respiratorio, oppure la colite che riguarda l'apparato digerente, ma questo cosa vuol dire? La sifilide non si prende tanto facilmente se si osservano certe norme, tanto è vero che gli istituti dermoceltici sono stati tutti chiusi. Tra l'altro non si conosce il paese d'origine di questa malattia, che in Italia chiamavano "mal francese", mentre in Francia la addebitavano ad altri e così via. Non vedo il paragone con quello che può capitare in un rapporto omo, dove certe cose accadrebbero lo stesso anche con determinate precauzioni.
Poi non capisco questa specie di livore verso gli europei sporchi e cattivi, ma tu cosa sei? Ma perché le altre popolazioni sono migliori? e in che cosa? Erano migliori gli aztechi che facevano sacrifici umani, specie dei prigionieri di guerra, oppure gli jivaros dell'Amazzonia che tagliavano teste. Non hanno avuto solo la possibilità o lo spirito di viaggiare altrimenti avrebbero fatto come e peggio degli europei.
Anonymous - Mar Lug 31, 2007 11:53 am
Oggetto:
Citazione:
La strada del male è lastricata di buone intenzioni. Ammesso che poi queste buone intenzioni ci siano, e non si tratti invece dello più schifoso egoismo.
CUT
Guarda caso i suddetti bimbi che con un'altissima percentuale soffriranno di problemi psicologici più o meno gravi prima o poi potrei ritrovarmeli in classe.


E tu, naturalmente, senza sapere, vedere e conoscere sei in grado di leggere nell’animo degli uomini e anche predire il futuro…, beato te…

Citazione:
Te l'ho già detto. Certe verità come i proverbi vengono dall'esperienza, e l'esperienza ci dice che tutti i tentativi volti a sostituire la famiglia tradizionale sono falliti, come fallirà anche questo.


Qui nessuno sta parlando di sostituire la famiglia eterosessuale…, una volta di più giudico da quello che vedo…, paradossalmente la mia “famiglia tradizionale” è andata a donne perdute molto facilmente, la famiglia “non tradizionale” che conosco funziona perfettamente…, per me, opinione personalissima, significa semplicemente che se ci sono i sentimenti le cose funzionano comunque, altrimenti non funziona una mazza…, è l’unione fra le persone il legame vero, è l’onestà intellettuale…, il concetto è sempre quello cristiano espresso da Frà Cristoforo: “Omnia munda mundis.”

Alla fine "le chiacchiere stanno a zero", sono i fatti che contano e i fatti sono che io, facente parte di famiglia etero, ho avuto un matrimonio completamente sfasciato (nonostante tutta la mia buona volontà); loro, coppia di lesbiche (come le chiameresti tu) hanno un matrimonio felice e due figlie normalissime, belle, affettuose e in niente diverse dal resto delle loro coetanee, nel bene e nel male.
Questi sono i fatti in questo caso specifico...

Che poi, statisticamente, sia possibile aspettarsi unioni omo fallite è ovvio..., però rimane il fatto che le difficoltà e gli ostacoli avvicinano di più le persone e, se cementano un'unione invece di romperla, è probabile che il legame così formato sia mediamente più solido; e le coppie omo, di solito, affrontano maggiori difficoltà...

Citazione:
Quello che succede intorno a noi prova in modo inequivocabile che la strada imboccata è sbagliata.
CUT
quelli stessi che oggi ci danno piena ragione,


Sai, come ho già detto, si va avanti per prova ed errore…, anche a me, di solito, danno ragione mediamente dopo 20 anni…

Citazione:
Questa era una delle tante cose collegate alla famiglia tradizionale, ma visto che ne stai parlando ti dirò che quantomeno dovremmo avere dei doveri verso chi ci ha consentito di essere quello che siamo, oltre ad averci donato la vita.


Il dovere di rendere nonni i ns. genitori? Interessante teoria…
Donato la vita? Interessante anche questa…, e i “colpi scappati” con conseguente “matrimonio riparatore” come li consideriamo?

Citazione:
Certamente poi il figlio se ne può anche fregare e magari depositare il padre in un ospizio. Questa mi sembra sia l'umanità che auspichi. Se tuo figlio lo farà con te voglio vedere poi cosa ne penserai


Prima di tutto non lo permetterei io, perché sono abituato a risolvere da solo i miei problemi.

Comunque non c’è pericolo che ciò avvenga…, come ti dicevo, la mia poderosa famiglia “tradizionale” ha operato alla perfezione, perché per difendere quei “valori”, quella “sacralità” di cui tu tanto parli, non ha esitato a mettere due padri contro due figli…, io non sono neppure andato al funerale di mio padre, semplicemente per non sputare in faccia a tutta la famiglia, madre, fratelli, cugini, zio…,

Mio figlio? Quando non ci si parla da ormai 13 anni sai quanto k@§§* frega a lui di me e a me di lui…

Questo è un esempio non infrequente di “famiglia tradizionale”…, ahh, a proposito, tre su quattro di quelli che ritenevano loro dovere “salvare” la mia famiglia “tradizionale” e se ne credevano capaci, si sono poi trovati separati e divorziati anch’essi…, vedi che succede a sputare per aria, a guardare la pagliuzza nell’occhio del vicino e a non vedere la trave nel proprio?

Soprattutto, vedi i danni che si fanno quando si pretende di imporre alla gente il proprio modo di pensare?

Question
Anonymous - Mar Lug 31, 2007 11:59 am
Oggetto:
Citazione:
Ma a questo punto c'è poi da chiedersi se vale la pena mettere al mondo figli.


La domanda offre lo spunto per una lunga discussione fra “avere figli” e “mettere al mondo figli”, e sarebbe anche abbastanza attinente al tema in discussione…

Citazione:
Perché il gay onesto con se stesso (e ce ne sono) sa benissimo che certe cose non può pretenderle.


Bontà tua l’ammettere che ci siano gay onesti, che però diventano disonesti nel momento in cui non la pensano come te…, che oltre tutto hai il diritto di definire quello che può o non può pretendere…

Citazione:
Comunismo e capitalismo sono ambedue figli dell'illuminismo, solo che il capitalismo ha vinto.


Premesso che condivido in massima parte la tua opinione storica sui danni del comunismo, sono però dell’opinione che si tratti di una vittoria di Pirro…, stavo per partire su questo tema ma andrei decisamente OT su quello in discussione; però mi interessa anche questa e quindi la proporrò in un altro topic.

Citazione:
Che il nuovo sia diverso non c’è dubbio, ma necessariamente deve essere peggiore o migliore, non scherziamo.


No, è semplicemente diverso…, può essere più o meno ADATTO alla necessità del momento ma, di solito, l’essere vivente muta per adattarsi all’ambiente che si crea attorno a lui…, quindi alla diversità di solito consegue il cambiamento e al cambiamento consegue la diversità…, tutto si trasforma, in un divenire continuo…, non vi è nulla sotto il sole che non si sia trasformato, cioè sia diventato diverso da quello che era e da quello che sarà…

Citazione:
Il mondo va avanti solo dal punto di vista tecnologico, nulla di più. E anche se guardiamo le cose da questo punto di vista non sempre le innovazioni tecnologiche hanno dato risultati positivi.


In totale disaccordo sul concetto generale: il mondo si muove nella propria direzione.

Parzialmente in accordo sulla parte relativa alla tecnologia, nel senso che tanta innovazione tecnologica è stata portata avanti solo in base alla logica del profitto che, se mi consenti, è propria del capitalismo: creare falsi bisogni per aumentare i consumi inutili per continuare a produrre per continuare ad arricchirsi.

Ibis ha scritto:
L'omosessuale, se tale è dalla nascita, non può mettere al mondo alcun figlio, né fingersi etero, perché è una cosa impossibile.

Hook ha scritto:
Quante certezze una volta di più…, che invidia che ho…, quanto vivrei meglio anche io con tante certezze.

Ibis ha scritto:
Nell'atto sessuale la donna può fingere, ma l'uomo, ed è una cosa risaputa, non può se non c'è il desiderio.


Ulteriori incrollabili certezze…

Rolling Eyes
Anonymous - Mar Lug 31, 2007 12:29 pm
Oggetto:
Citazione:
Una domanda, ma la creatura ha in questo una possibilità di scelta?


I figli non hanno e non hanno mai avuto possibilità di scelta…, non si sono mai potuti scegliere i genitori, quindi la domanda non ha alcun senso…, poi, ripeto, potrà anche darsi il caso che qualche “creatura” decida che è meglio l’orfanotrofio, che lì abbia maggiori possibilità di crescere felice, sano, accudito, amato, soprattutto VOLUTO da chi nell’orfanotrofio ci lavora…, e di solito ci lavora per denaro...

Però, se è possibile quanto sopra io ritengo, personalmente, a maggior ragione possibile che un’altra “creatura” trovi le stesse condizioni (a dir poco) fuori di quell’orfanotrofio in una coppia che voglia DARE affetto.

E l’affetto lo dà la coppia che lo ha, omo o etero che sia…, perché si può dare solo quello che si ha, indipendentemente dal tipo di coppia che si è…

Citazione:
Lasciamo stare poi il fatto che nell'età della ragione vedrà i compagni con un papà ed una mamma.


I bambini vedono con i propri occhi finché gli adulti non gli fanno vedere le cose con i propri…, mio figlio intorno ai suoi tre anni mi vide una volta a carnevale vestito da "Tootsie"; il suo commento fu simpaticissimo: "Che bello! Adesso ho due mamme!" Very Happy

Si torna sempre al finale di “In&Out”…, tutto il paese si alza a proclamarsi gay assieme al suo professore, perché quello che conta è che lui è l’ottima persona che è e che l’esser gay è del tutto incidentale…, se vuoi posso ricordarti Shakespeare: “Una rosa sarebbe diversa se la chiamassi con un altro nome?”

Cos’è meglio per un bambino, secondo te che conosci e vedi tante cose: crescere in una famiglia etero di delinquenti (come se mancassero) o in una omo di persone oneste?

Già, dimenticavo, per te un omo che vuole una famiglia è disonesto molto più disonesto di un mafioso...

Citazione:
Ma tanto che importa quello che gli passerà per la testa. Ma io vorrei sapere con quale diritto si vuole imporre ad una creatura una coppia del genere. E sarei poi io il depositario della verità.


Infatti: la creatura cresciuta nella famiglia di delinquenti etero ha ottime chances di diventare delinquente…, d’altronde anche tu affermi che la creatura cresciuta nella famiglia omo ha ottime chances di diventare omosessuale e, come abbiamo già rilevato, tu metti la mafia e l’omosessualità sullo stesso piano delinquenziale…, no, per la precisione per te la mafia è una delinquenza minore rispetto all'omosessualità.

L'omosessualità secondo te mina la società alle radici, la mafia invece la protegge...

Citazione:
Lasciando stare da parte la retorica, qualcuno impedisce loro di stare insieme? No, e allora?


Sì invece! Quelli come te che li considerano diversi e che insegnano agli altri a considerarli diversi. Quelli che non sanno guardare oltre l’involucro esterno, che giudicano il contenuto in base al contenitore, che non sanno immaginare i sentimenti e non possono concepire che anche fra omosessuali possano esserci veri sentimenti.

A posizioni invertite, se tu etero fossi in minoranza e gli omo in maggioranza ti negassero il diritto alla libertà che faresti, che diresti?

Citazione:
Vorrebbero la cerimonia del matrimonio? Questa si che è arroganza, derivata solo da frustrazione e livore contro la coppia normale, con la pretesa di equipararsi ad essa.


Siamo alle solite: “omnia munda mundis” non va bene per un cristianissimo come te che è più cristiano di Cristo…

Premesso il fatto che io personalmente trovo spesso uno squallido esibizionismo (ad essere buono) tutto l’orpello dietro la cerimonia del matrimonio, una inutile messa in scena, sia esso etero o omo, non riesco proprio a capire perché il desiderio di veder riconosciuto il proprio status di coppia, con tutti i relativi diritti e doveri, debba essere motivato da frustrazione e livore e non, per esempio, dagli stessi motivi di una coppia etero…, mi sfugge proprio…

...già, l'omosessuale non può avere veri sentimenti..., è un essere imperfetto per propria scelta volontaria...

Rolling Eyes
Anonymous - Mar Lug 31, 2007 12:59 pm
Oggetto:
Citazione:
Un pò come l'ipocrisia che a tutti i livelli riempie la nostra vita. Così lo spazzino si deve chiamare operatore ecologico,


L’educazione ed il rispetto sono ipocrisia? Può essere, talvolta è così, non lo nego. Però ti racconto un fatto successo a me, ai miei dieci anni, appena arrivato a Firenze, 5° elementare, scuola nuova, ambiente nuovo.

Lite con compagno di classe, becco un cazzotto alla bocca dello stomaco a cui non ero certo preparato. La mia unica reazione, tipica del meridionale, è stata chiamarlo “figlio di uno spazzino”.

D’altronde ai miei genitori, nello stesso periodo, pareva inverosimile che a Firenze l’operatore ecologico la domenica si lavasse e si vestisse e uscisse con moglie e figli senza sembrare assolutamente uno spazzino.

Noi meridionali (mi ci metto anagraficamente) in questo siamo veramente pessimi, snob, culi che non hanno mai visto camicia…, i miei genitori al tempo si preoccupavano perché frequentavo il figlio di un barbiere…

Citazione:
come se le parole cambiassero qualcosa.


Premesso che una rosa sarà sempre una rosa anche cambiandole il nome, è però anche vero che le parole cambiano molte cose dato che possono contribuire a mantenere il rispetto che è dovuto a tutti coloro che rispettano.

Se io dico che non capisci un k@§§* è un conto, se ti dico che i nostri punti di vista divergono fortemente è un altro…, le parole sono una componente fondamentale della buona educazione che, a sua volta, è necessaria per mettere in pratica il rispetto degli altri, senza il quale è quasi impossibile ottenere il proprio.

Citazione:
Tutte cose volute da una ben nota parte politica, la qual pretende che tutti gli uomini siano uguali, ma siccome questo è una cosa impossibile, tenta di farlo con le parole.


Certamente, allo stato attuale, gli uomini non sono tutti uguali ma ciò non toglie che, a maggior ragione, il rispetto sia dovuto, soprattutto da chi ha di più.

Citazione:
Se le suddette coppie poi si vogliono tutelare, esiste il diritto privato,e quindi anche questo è un falso problema.


Se le tutela il diritto privato perché non deve tutelarle il diritto pubblico che è ancor meno soggetto ad “interpretazioni di parte”?

Citazione:
Quale delle due deve avere il figlio?


Risposta tecnica: quella che risulta medicamente più adatta ad affrontare una gravidanza, per esempio; oppure quella che risulta maggiormente motivata ad affrontarne i rischi. Tutte e due, una volta per ciascuna…, ha importanza?

Citazione:
Cosa intendi per modo naturale?


Attraverso un normale rapporto sessuale; mi concederai che almeno per la donna omosessuale ciò sia possibile?

Citazione:
Lo sai che anche un uomo potrebbe portare avanti una gravidanza con un ovulo impiantato nella milza?


Ne ho letto e ho letto anche che, al momento, è solo un discorso estremamente "tecnico", forsa si potrebbe persino fare ma. al momento, è poco più di una teoria.

Personalmente comunque non sono interessato e, probabilmente, anche troppo vecchio…, chissà, forse da giovane… Laughing Laughing Laughing

Idea
Anonymous - Mar Lug 31, 2007 3:09 pm
Oggetto:
Citazione:
In ogni caso chi è il papà? Chi è la mamma?


Quanti figli adottati non hanno mai saputo chi era il padre e chi la madre? Quanti genitori adottivi hanno dato amore più che se fossero figli loro? Ha veramente importanza sapere chi sono i genitori “biologici”?

Le due ragazze che io conosco comunque lo sanno perfettamente, e gli sono affezionatissime pur non vivendo con lui e con “lo zio” e, per quanto mi risulta, non hanno alcun problema psicologico diverso dalle altre ragazze della loro età…, può darsi dipenda dal fatto che in Olanda la cosa è accettata e, infatti, entrambe le coppie hanno contratto regolare matrimonio, legalizzando quindi tutti gli obblighi che comporta, nonché, ovviamente, i diritti.

Citazione:
Quante di queste coppie potrebbero portare avanti un figlio senza problemi psicologici?


Perché, secondo te tutte le coppie etero sono il paradiso della serenità psicologica? A me personalmente non sembra…, come se non si sentissero mai notizie di figli che ammazzano i genitori o viceversa, o di fratelli che si ammazzano…

Citazione:
Anzi proprio la psicologia afferma che un bambino di questi ha tutte le probabilità di diventare lui stesso un omosessuale.


A parte che altrettanti studiosi affermano che l’omosessualità abbia anche una forte componente genetica (1), quindi non vedo come siano buoni solo i tuoi scienziati e non i miei..., ho letto certe $tr*n§@te del famoso Bollea che non stanno né in cielo né in terra...

Citazione:
Non capisco proprio questo ragionamento. Se la donna in questione non è omosessuale starà da sola o andrà alla ricerca di un nuovo compagno.


E se dopo aver provato i compagni volesse provare le compagne?

Citazione:
Non saranno mica tutti ignoranti in materia di sesso.


Molto più di quanto tu non pensi…, e parlo con cognizione di causa dato che sono spesso stato il “padre confessore” di molte donne.
Comunque sarebbe bene chiedere alle donne cosa pensano realmente dei loro partners maschi…, ne vengono fuori delle belle…

Citazione:
E poi che c'entra l'impostazione arabo/mediterranea?


C’entra parecchio, nel senso che ancor oggi in molta parte d’Italia l’uomo non riesce ad accettare la parità sessuale con la donna e questa è proprio una caratteristica dei popoli del bacino mediterraneo…, non dimenticare che fino a non molti anni fa avevamo anche noi il “delitto d’onore” che, guarda caso, era sempre quello commesso dall’uomo sulla donna e quasi mai il contrario.

D’altronde ricordo un gruppo di professori, una quarantina d’anni fa, discutere dottamente in treno circa la necessità delle esperienze pre-matrimoniali per gli uomini ma assolutamente non per le donne…, e quando chiesi, da 17enne maligno, con chi avrebbero dovuto farle quelle esperienze rimasero a bocca aperta come tanti allocchi…

Citazione:
sei forse stato nei letti degli altri per stabilire quanto hai affermato.


Te l’ho detto, le donne parlano volentieri con me…, mi hanno visto spesso solo come amico…, qualche volta per mia sfortuna...

Citazione:
Forse gli svedesi sono migliori di noi? Oppure gli inglesi? E se sì vuoi elencarne i motivi.


Il motivo principale è che hanno una visione maggiormente paritetica del rapporto con la donna…, tutto qui..., se per religione, cultura, educazione, tradizione non saprei, probabilmente per tutti i fattori insieme..., d'altronde Emmeline Pankhurst non era certo italiana..., e la cosa strana è che alcune religioni nordiche, che pure si richiamano alla Bibbia più che al Vangelo, consentano anche alle donne di essere sacerdoti...

(1) -


Arrow
Anonymous - Mar Lug 31, 2007 3:37 pm
Oggetto:
Citazione:
Direi che non fa esattamente lo stesso, in quanto una coppia gay o è unita dal vizio,


Scusa, tu stesso ammetti l’esistenza di omosessuali che consideri accettabili; come fanno ad essere accettabili se sono uniti dal vizio? Di più, come ho già detto, come fa questo “vizio”, che assomma al massimo ad 1/440 di una vita adulta media a tenere insieme una coppia negli altri 439/440 della vita? All’anima del collante potente!

Citazione:
oppure ci sono sotto degli interessi, o mi vorresti dire che il "compagno" di Versace stava con lui per amore e non per approfittare della sua ricchezza. Dovrei credere ad una simile barzelletta.


Bè, mi pare che di coppie etero che stanno insieme per interesse ce ne siano a bizzeffe, o vuoi dirmi che non è vero? Vorresti per caso negare i matrimoni “combinati” per unire i patrimoni?
Oppure la famosa frase: “Intanto lo sposi, l’amore poi verrà col tempo”? O di matrimoni cercati proprio per "sistemarsi", sia di uomini che di donne?

Citazione:
Sinora di queste coppie che si rispettano, in salute e povertà etc. etc. non ne ho conosciute.


Siccome tu non le conosci vuol dire che non esistono? Principio interessante…, anche io non ho mai visto e toccato con mano tante cose eppure credo a chi mi dice che esistono…

Citazione:
Questo rapporto tra le giornate si e le giornate no, mi fa un po’ ridere.


Dimostra solo che non è l’attività sessuale a tenere insieme una coppia, semplice…, d’altronde anche tu affermi che la quantità non c’entra niente e se è per questo, aggiungo io, anche il sesso in sé e per sé NON E’ il collante di una coppia.

Citazione:
anche perché la sessualità, in questo caso deviata, può influenzare in modo decisivo il nostro carattere, le nostre azioni, e così via.


Deviata in quanto non orientata esclusivamente alla riproduzione? Perché, come diceva anche Ugo, il sesso riproduttivo è veramente la minima parte della vita sessuale di una coppia.

Poi, come molti altri, anche tu fai una gran confusione fra causa ed effetto:

è il carattere quello che influenza le azioni e le scelte, anche sessuali e non viceversa…, possiamo quindi provare a definire quali variabili organiche genetiche, quindi interne prima di tutto, creino la "base caratteriale", e poi ANCHE educazionali, ossia esterne, possano influenzare il carattere…, infatti c’è sempre chi ritiene meglio avere un figlio mafioso piuttosto che omosessuale, e quella è decisamente una variabile (dis)educazionale esterna…

Arrow
Anonymous - Mar Lug 31, 2007 4:04 pm
Oggetto:
Citazione:
Asserisci poi che l'unica cosa che non fa come me è il sesso, come se il sesso fosse una componente di poca importanza.


Già detto: credi forse che il sesso possa tenere insieme una coppia? Domandalo alle donne..., e anche a qualche uomo... Sad

Citazione:
Freud fa dipendere tutte le nostre proprio dalla vita sessuale, e non credo abbia tutti i torti.


Freud scriveva 100 ani fa ed era figlio del suo tempo, quando in Inghilterra si mettevano i mutandoni alle gambe dei pianoforti, per dirne una, e non si nominavano le gambe ma bensì si parlava di “arti inferiori” (lower limbs)…, molti altri studiosi dopo di lui hanno tratto conclusioni diverse, come è logico che avvenga man mano che si conosce di più…, d’altronde qualche secolo fa guai a dire che il sole non girava attorno alla terra e, prima ancora, a dire che la terra era sferica e non piatta, come d’altronde sosteneva ancora a fine ‘800 il presidente boero Paul Kruger, mangiabibbie come tutti i boeri dell’epoca…

Citazione:
Esiste più di un caso in cui una sessualità distorta incide notevolmente nel lavoro, nei rapporti con gli altri, poiché come ha detto anche Ugo, è vissuta male.


Una volta di più fai confusione fra causa ed effetto: la sessualità viene vissuta male perché è considerata distorta e non il contrario.

D’altronde, se tu per primo sostieni che un omosessuale vero non riesce ad avere rapporti con le donne (non è vero, dato che mi raccontano cose diverse) mi dici come fa a vivere bene una sessualità che non sente sua?

E come potrebbe fare a vivere in pace con sé stesso una sessualità che gli dicono essere sbagliata, sporca, turpe? Secondo te predispone ad una lieta e serena vita di relazione?

Citazione:
Quando poi queste persone occupano posti di responsabilità, il danno che ne deriva è notevole. Essendo personalmente un insegnante, nel caso specifico mi riferisco a dirigenti scolastici.


Già…, se invece il personaggio in questione è il cosiddetto “mandrillo” o anche “porco” solo con ragazzine o ragazze, invece va tutto bene?

Qual è secondo te la differenza fra un “mandrillo” che insidia una tua figlia o un tuo figlio? Sei contento perché nel primo caso il “mandrillo” è anche un maschione conclamato?

E, ancora, secondo te c’è una differenza se il “mandrillo” è invece una “mandrilla” ed eventualmente c’è differenza se la “mandrilla” insidia una figlia piuttosto che un figlio?

Nota: il verbo “insidiare” è usato per specificare la non con sensualità dell’atto.

Arrow
Anonymous - Mar Lug 31, 2007 4:46 pm
Oggetto:
Citazione:
Hook ha scritto:
La natura ed il suo piano se ne fregano di oriente, occidente e quant'altro..., inoltre alla natura non frega una beneamata f@v@ se l'umano si riproduce con un rapporto o in provetta..., la natura esiste per le specie viventi e non viceversa...
Ibis ha scritto:
Ma questa dove l'hai letta?


Banale ragionamento del sottoscritto…

Citazione:
Citare Socrate serve a ben poco, primo perché non si può ridurre questo filosofo a due parole, parole che vanno inquadrate nel suo pensiero e non estrapolate dando come al solito,un significato di convenienza.


Il concetto è quello che per quanto si possa conoscere vi sarà sempre moltissimo altro da conoscere…, è come il concetto di eternità o di infinito…

Citazione:
Secondo, se ci dovessimo attenere scrupolosamente a queste parole, dovremmo sederci senza muovere un dito perché non sappiamo niente. oppure dovremmo accettare tutto, sempre in virtù di queste parole; chi ha ragione?


Esattamente il contrario: quelle parole implicano che siamo immersi in un divenire di cui siamo una parte infinitesimale ed è proprio questo istinto che ci portiamo dentro a ricercare sempre più il nuovo, a scoprire sempre qualcosa di più del mistero che ci circonda quello che rende interessante questo velocissimo passaggio in questa vita.

Non ci riproduciamo solo perché la natura ci spinge a farlo ma perché dentro di noi c’è questa spinta: alcuni lasceranno di sé solo un figlio, altri un libro o una scoperta, o entrambi…, è l’illusione che qualcosa resterà di noi…

… e allora, in questo processo, che differenza farà se il prossimo Leonardo (omosessuale anche lui) oppure Ghandi, oppure Gesù (figlio illegittimo anche lui, a tutti gli effetti), oppure Buddha, oppure Mozart, o Lloyd Wright, o Fleming, o Rubbia, sarà figlio “carnale” di un maschietto ed una femminuccia (o anche concepito in provetta e poi “impiantato” nell’utero di una omosessuale) oppure un trovatello adottato da una coppia, etero o omo che sia?

E’ il risultato quello che conta (soprattutto in termini di “natura”)…, cosa sappiamo noi quanti di questi personaggi esistono come bambini in qualche parte del mondo che, trovando l’occasione e l’ambiente propizi, potrebbero rivelarsi e far del bene (o del male) al mondo?

Citazione:
Hook ha scritto:
hai dimenticato la parrocchia, poi il mito del “vero uomo e vero maschio”, John Wayne e il mito della frontiera americana, il cacciatore bianco in Africa assieme ad Hemingway e via di seguito…, gli italiani grandi amatori… Quando io ero bambino Moby Dick era la balena assassina…, oggi sappiamo di dover proteggere le balene dall’estinzione…, i pellirosse americani dei selvaggi sanguinari e incivili mentre i bianchi erano “buoni, belli e bravi”…, esattamente come i fascisti cattivoni ed i “liberatori” americani…
Ibis ha scritto:
Questo cosa a che vedere con quello che ho detto?


Significa che le cose cambiano e cambia la percezione delle cose…

Rolling Eyes
Anonymous - Mar Lug 31, 2007 4:53 pm
Oggetto:
Citazione:
La sifilide non si prende tanto facilmente se si osservano certe norme, tanto è vero che gli istituti dermoceltici sono stati tutti chiusi.


Sì, grazie principalmente a quegli “innaturali” preservativi moderni da te citati più su (che esistevano anche nell’antichità) e da quell’altra diavoleria che è la penicillina…

Citazione:
Poi non capisco questa specie di livore verso gli europei sporchi e cattivi, ma tu cosa sei?


Non è livore…, è un semplicissimo “chi è senza peccato…”, se vuoi si tratta di banale onestà intellettuale…

Citazione:
Erano migliori gli aztechi che facevano sacrifici umani, specie dei prigionieri di guerra, oppure gli jivaros dell'Amazzonia che tagliavano teste.


Erano migliori i roghi delle streghe? E il famigerato “Malleus maleficarum”? E la Notte di San Bartolomeo?

E comunque le cosiddette “guerre dei fiori” degli aztechi alla fin fine erano dei crudeli combattimenti ritualizzati, per di più concordati, ma anche qui non vedo molta differenza con i “ludi gladiatorii”…, pensa un attimo alla rivolta di Spartaco…, e sì che i Romani erano anche un popolo “civile”…, e che dire anche dei sacrifici umani dei Fenici a Moloch o a Baal?

Citazione:
Non hanno avuto solo la possibilità o lo spirito di viaggiare altrimenti avrebbero fatto come e peggio degli europei.


Come gli europei certamente, essendo anch’essi del genere homo cosiddetto sapiens…, peggio non lo so…, direi che le armi “moderne” siano nate in Europa…, e in effetti è stato facile distruggere gli aztechi…, basta guardare a quanto pochi erano i conquistadores e a quanta strage son riusciti a fare…, e non dimentichiamo, nel mucchio delle stragi, i pellirosse americani che, coscientemente o incoscientemente, lottavano anche loro per la loro “patria”…, come gli aztechi, gli inca etc…

Aggiungo che non mi risulta che l’Europa fosse stata attaccata da tutti costoro…
Anonymous - Mar Lug 31, 2007 9:10 pm
Oggetto:
Hummmmmmmmmm eppure voi due a forza di parlarne..............................
Anonymous - Mar Lug 31, 2007 10:45 pm
Oggetto:
inserisco un concetto al volo se no mi perdo nella lettura, la famiglia attuale è composta mediamente da un solo genitore, il/ i figli e gente +o- di passaggio.
le solide famiglie con entrambi i genitori sono scomparse ed i punti di riferimento stanno cambiando, basta vedere i media per i minori, i programmi sono incentrati su un minore e difficilmente si parla di entrambi i genitori, questo per non creare un senso di vuoto nei piccoli spettatori meno fortunati.
domanda per ibis: mediamente quanti alunni per classe hanno entrambi i genitori che convivono?
quanti invece un genitore ed un estraneo ed in ultimo, quanti un solo genitore?
se anche da te è la stessa cosa ci dovrebbero essere una maggioranza di famiglie con uno solo dei genitori.
se tanto mi da tanto la famiglia come esempio educativo ci ha abbandonati, a meno che non si vogliano prendere ad esempio le famiglie di extracomunitari, molto più solide delle nostre.
sempre per ibis, quante lingue parlano i tuoi studenti e quante ne riesci a conprendere?
quante religioni sono professate nelle tue classi? in questo caos quanto credi possa contare l'identità sessuale dei genitori invece del loro credo o della presenza di entrambi? (e nei casi limite della moralità e dell'essere incensurati o a piede libero)
non credo che quegli idioti diciottenni che si ammazzano in auto all'uscita dalla disco o che si fanno di coca o che violentano in gruppo siano tutti figli adottivi di genitori gay.
eppure sono fortemente disturbati, non hanno valori ne punti di riferimento e spesso la colpa non la si può attribuire a scarsa attenzione da parte dei genitori.
ritieni che un'idea della sessualità confusa od inversa come quella degli omosessuali possa creare turbe ad un adolescente?
al livello di quello che si scaricano tra di loro con i telefonini? al livello di quello che possono trovare su internet?
oppure può essere come prendersi una cottarella per la compagna di scuola che però è di religione islamica o indu, o per una signora di mezza età che corrisponde le sue attenzioni.. il tuo discorso sulla necessità che un bimbo cresca in un ambiente moralmente sano e con principi adamantini è giusto, il problema è trovare famiglie di questo tipo.
Anonymous - Mar Lug 31, 2007 11:36 pm
Oggetto:
ho appena finito di leggere gli altri post, concordo appieno con entambi.
ibis ha ragione quando dice che siamo agli sgoccioli di questa civiltà, ed il cap ha ragione nel dire che il genere umano è quello che muta più velocemente di qualsiasi altra specie.
semplicemente effetto e causa.
ma solo eliminando la causa si elimina l'effetto, e credo che l'omosessualità sia tra le minori cause a cui imputare la fine della civiltà monoraziale, monoreligiosa e monosessuale.
anzi, la frontiera della civiltà si sposta ancora più avanti, inquanto riconoscendo come fatto assunto la pratica della ***** **** che comunque compone le abitudini sessuali dell'uomo, una coppia etero formata da umano e specie diversa, avrebbe il diritto di adottare?
e chi dei due farebbe la parte della bestia? (non mi venite a dire che una lupa non sarebbe una ottima allevatrice di gemelli).
in passato con una dispensa potevi contrarre matrimonio tra consanguinei e senza dispensa potevi contrarre la peste.
oppure in caso di defalliance potevi sempre contare sull'operoso aiuto del compare per aver qualche figlio in giro per casa.
ad esempio molto caro era ai miei avi l'uso ed abuso improprio delle domestiche che poi convolavano a giuste nozze con un poco di dote ed un pezzetto di terreno, questo naturalmente sopportato dall'algida e fortemente cattolica consorte, la quale aborriva la terrena debolezza della carne e preferiva avere marmocchietti in giro per casa che poi si dividessero l'eredità.
quanto di morale c'era in questo? e vogliamo parlare invece di quanti neonati non hanno mai visto il primo sole perchè figli illeggittimi o di famiglie troppo povere o troppo stupide?
quello non è nulla, ancora negli anni 50/60 i bimbi venivano dichiarati solo quando si era sicuri che sopravvivessero.
e le nutrici, le badanti, le dame di compagnia, gli andirivieni di inservienti più o meno fidati in entrambe le camere dei coniugi ed a volte del signorino?
o l'unico giaciglio della famiglia di mezzadri, dove tutta la famiglia si stringeva per scaldarsi e qualche volta c'era qualche errore di persona?
da come la vedo io il sesso è sempre stata una cosa sporca e questo dà ad esso quella carica di perversione che lo rende il piacere per eccellenza.
errore degli errori, noi ci stiamo concentrando su bianco e nero, gay o etero, dimenticandoci di quella immensa distesa grigia che si trova tra i due colori, i bisessuali, gli indecisi, i curiosi e gli annoiati.
quanti non fanno distinzione di sesso? e questa categoria come la vogliamo chiamare? avrà dei diritti, infondo sono per la maggior parte sposati o lo sono stati, hanno avuto figli o li avranno; come dovremmo giudicarli?
Anonymous - Mer Ago 01, 2007 1:19 am
Oggetto:
Citazione:

La domanda offre lo spunto per una lunga discussione fra “avere figli” e “mettere al mondo figli”, e sarebbe anche abbastanza attinente al tema in discussione…

La differenza non è poi così sostanziale, se vengono allevati in una famiglia dove c'è la figura del padre e della madre, poichè hanno bisogno di tutti e due, e non è una cosa che dico io, fermo restando i problemi che possono dare i figli adottati specie se grandicelli.
Citazione:

Bontà tua l’ammettere che ci siano gay onesti, che però diventano disonesti nel momento in cui non la pensano come te…, che oltre tutto hai il diritto di definire quello che può o non può pretendere…

Diciamo che le cose potrebbero stare proprio in questo modo. Il gay onesto conosce i suoi limiti, ed ecco perchè esistono gay così onesti da opporsi a certe proposte. E se lo dicono loro...
Citazione:

No, è semplicemente diverso…, può essere più o meno ADATTO alla necessità del momento ma, di solito, l’essere vivente muta per adattarsi all’ambiente che si crea attorno a lui…, quindi alla diversità di solito consegue il cambiamento e al cambiamento consegue la diversità…, tutto si trasforma, in un divenire continuo…, non vi è nulla sotto il sole che non si sia trasformato, cioè sia diventato diverso da quello che era e da quello che sarà…

Certo, ad esempio il fiume Lambro, che è diventato un fiume completamente morto, con l'acqua di colore antracite, non è che faccia schifo, ma è solo diverso perché è frutto del continuo divenire.
Citazione:

E tu, naturalmente, senza sapere, vedere e conoscere sei in grado di leggere nell’animo degli uomini e anche predire il futuro…, beato te…

In questo caso non c'è ne presente ne futuro, ma solo esperienza. Predire il futuro?In tantissimi casi non è necessario essere maghi, basta usare la logica.
Citazione:

Qui nessuno sta parlando di sostituire la famiglia eterosessuale…, una volta di più giudico da quello che vedo…, paradossalmente la mia “famiglia tradizionale” è andata a donne perdute molto facilmente, la famiglia “non tradizionale”

Senza a stare a chiaccherare sullo sfascio dei matrimoni altrimenti ce ne andiamo fuori, nonstante la cosa sia collegata allo sfascio della nostra società, che sarà cancellata, le tue affermazioni mi sembrano un pò deliranti: "basta che ci siano i sentimenti", ma stiamo scherzando, non vedo a questo punto perché un bimbo invece di essere adottato da una coppia non possta essere adottato da un terzetto, non ha importanza di quale sesso, basta che ci siano i sentimenti!
Stai oltretutto citando un fatto di tua conoscenza, ma di questo non ne puoi fare una regola, ne sei dentro la testa di queste ragazze, ne sai cosa riserba loro il futuro. Da insegnante ti posso dire che spesso i ragazi hanno lati che neppure i genitori conoscono. Statisticamente poi, forse sarebbe meglio informarsi su quelle nazioni dove certi esperimenti(perché di esperimenti si tratta)li fanno da parecchi anni ed informarsi sui risultati.
Citazione:

Sai, come ho già detto, si va avanti per prova ed errore…, anche a me, di solito, danno ragione mediamente dopo 20 anni…

Purché sia possibile tornare indietro, gli errori potrebbero essere pure fatali,
Citazione:

Il dovere di rendere nonni i ns. genitori? Interessante teoria…
Donato la vita? Interessante anche questa…, e i “colpi scappati” con conseguente “matrimonio riparatore” come li consideriamo?

Non è certamente uno dei doveri codificati, neanche quello di tenere in casa i vecchi è un dovere. I colpi scappati(io ne sono un esempio)ci hanno in ogni caso donato la vita, perché avrebbero potuto come fanno molti oggi gettarci nel cassonetto della spazzatura, o abortire nel migliore dei casi. Vedi, una volta non esistevano i contratti scritti, ma esisteva la parola data, anch'essa non codificata. Insieme agli altri che ti ho specificato, sono dei valori, valori da te(e da tanti altri)misconosciuti, e quando una società perde determinati valori è destinata miseramente a soccombere, ed è quindi inutile parlare.
Citazione:

Prima di tutto non lo permetterei io, perché sono abituato a risolvere da solo i miei problemi.

Ti auguro di tutto cuore ci risolverli sempre da solo, anche se finora non ho visto nessuno che ne sia capace. Per il resto è inutile che fai sempre l'esempio della tua famiglia, le famiglie sono milioni, e se tutte avessero avuto determinati problemi, non sarebbe esistita neppure l'Italia.
Citazione:

In totale disaccordo sul concetto generale: il mondo si muove nella propria direzione

E quale sarebbe questa direzione se è lecito?
Anonymous - Mer Ago 01, 2007 2:31 am
Oggetto:
Citazione:

Ulteriori incrollabili certezze…

Forse tu sarai particolare, ma tutte le persone di sesso maschile che conosco per poter compiere l'atto sessuale hanno necesssità di un piccolo particolare, senza il quale si può correre pure il rischio di passare per impotenti.
Citazione:

I figli non hanno e non hanno mai avuto possibilità di scelta…, non si sono mai potuti scegliere i genitori, quindi la domanda non ha alcun senso…, poi, ripeto, potrà anche darsi il caso che qualche “creatura” decida che è meglio l’orfanotrofio, che lì abbia maggiori possibilità di crescere felice, sano, accudito, amato, soprattutto VOLUTO da chi nell’orfanotrofio ci lavora…, e di solito ci lavora per denaro...

Certamente i figli naturali, ed è naturale non possono avere scelta, perché sicuramente avranno un padre ed una madre, anche questa una cosa del tutto naturale, mentre non è affatto naturale che abbiano due madrei o due padri, e se poi ci sono i sentimenti perchè non possono averne anche tre?
Citazione:

E l’affetto lo dà la coppia che lo ha, omo o etero che sia…, perché si può dare solo quello che si ha, indipendentemente dal tipo di coppia che si è…

L'ho già detto: la strada del male è lastricata di buone intenzioni. Anche donna Prassede era convinta di fare del bene.
Citazione:

I bambini vedono con i propri occhi finché gli adulti non gli fanno vedere le cose con i propri…, mio figlio intorno ai suoi tre anni mi vide una volta a carnevale vestito da "Tootsie"; il suo commento fu simpaticissimo: "Che bello! Adesso ho due mamme!"

Ma nessun adulto potrà mai convincerli che una coppia omo può mettere al mondo figli.
Citazione:

Si torna sempre al finale di “In&Out”…, tutto il paese si alza a proclamarsi gay assieme al suo professore, perché quello che conta è che lui è l’ottima persona che è e che l’esser gay è del tutto incidentale…, se vuoi posso ricordarti Shakespeare: “Una rosa sarebbe diversa se la chiamassi con un altro nome?”

Non ho visto questo film. Riguardo alla frase di Shakespeare sarei curioso in che contesto è stata pronunciata.
Citazione:

Cos’è meglio per un bambino, secondo te che conosci e vedi tante cose: crescere in una famiglia etero di delinquenti (come se mancassero) o in una omo di persone oneste?

Ti posso assicurare per l'esperienza accumulata, che i figli di delinquenti sono molto spesso e più di quanto tu non creda, ragazzi affettuosi ed educati, perché delinquenti o no hanno alle spalle una famiglia che li segue.
Citazione:

Infatti: la creatura cresciuta nella famiglia di delinquenti etero ha ottime chances di diventare delinquente…, d’altronde anche tu affermi che la creatura cresciuta nella famiglia omo ha ottime chances di diventare omosessuale e, come abbiamo già rilevato, tu metti la mafia e l’omosessualità sullo stesso piano delinquenziale…, no, per la precisione per te la mafia è una delinquenza minore rispetto all'omosessualità.

L'omosessualità secondo te mina la società alle radici, la mafia invece la protegge...

La mafia esiste da secoli, e la società con i suoi valori è andata avanti lo stesso. Lo sfascio della famiglia e di tante altre istituzioni non è dovuto affatto alla mafia.
Citazione:

Sì invece! Quelli come te che li considerano diversi e che insegnano agli altri a considerarli diversi. Quelli che non sanno guardare oltre l’involucro esterno, che giudicano il contenuto in base al contenitore, che non sanno immaginare i sentimenti e non possono concepire che anche fra omosessuali possano esserci veri sentimenti.

A posizioni invertite, se tu etero fossi in minoranza e gli omo in maggioranza ti negassero il diritto alla libertà che faresti, che diresti?

Intanto sono diversi e su questo non c'è dubbio. Il contenuto spesso coincide col contenitore. E visto che hai citato Shakespeare dovresti ricordarti di quello che dice a Calibano: "sei brutto dentro come sei brutto fuori". E quelli che si fanno i seni finti e si travestono da donna sarei curioso di sapere quali alti sentimenti hanno, a parte il fatto che potrebbe essere anche un reato, almeno una volta lo era, in quanto ci si poteva mascherare solo per carnevale e invece per questi individui è carnevale tutti i giorni, e vorresti dirmi che non sono diversi e magari affidargli un bambino. In ogni caso nessuno impedisce loro di farsi la propria vita.
L'altra domanda che poni è solo una barzelletta, che non merita alcuna risposta
Citazione:

Siamo alle solite: “omnia munda mundis” non va bene per un cristianissimo come te che è più cristiano di Cristo…

Premesso il fatto che io personalmente trovo spesso uno squallido esibizionismo (ad essere buono) tutto l’orpello dietro la cerimonia del matrimonio, una inutile messa in scena, sia esso etero o omo, non riesco proprio a capire perché il desiderio di veder riconosciuto il proprio status di coppia, con tutti i relativi diritti e doveri, debba essere motivato da frustrazione e livore e non, per esempio, dagli stessi motivi di una coppia etero…, mi sfugge proprio…

Non mi pare di avere affermato che dipendo dal cristianesimo, anzi in determinati punti lo contesto. Secondariamente il matrimonio è semre stato un momento importante nella vita di ciascuno di noi, così come lo è la laurea , la prima comunione etc. Da che mondo è mondo, e in tutte le civiltà i momenti importanti vengono celebrati con cerimonie più o meno ipocrite, se così ti piace, e quindi non cim vedo proprio nulla di così deleterio. Poi se a te la cosa non piace nesuno ti obbliga. Ripeto, nessuno impedisce a due persone di stare insieme, e se proprio dobbiamo riconoscere lo status di coppia con un atto pubblico, a questo punto perché non riconoscere lo stesso status ad un coppia di etero dello stesso sesso. Perché non potrebbero stare insieme due amici che si rispettano recipricamente ed avere diritti e doveri di una qualsiasi coppia. Per esempio uno potrebbe formare una coppia con un altro molto più giovane di lui, ed avendo gli stessi diritti e doveri di una qualsiasi coppia, alla morte di quello più anziano, l'altro avrà diritto alla reversibilità della pensione; un bel modo per sbarcare il lunario senza smuovere un chiodo, e pantalone naturalmente paga. Alla fine le motivazioni vere sono queste, ma se è questo che si vuole....
Citazione:

L’educazione ed il rispetto sono ipocrisia? Può essere, talvolta è così, non lo nego. Però ti racconto un fatto successo a me, ai miei dieci anni, appena arrivato a Firenze, 5° elementare, scuola nuova, ambiente nuovo...

La causa del fatto che tu citi è da imputare alla considerazione che si aveva e che si ha tuttora di certi lavori. Il rispetto non si dimostra con le parole ma con i fatti. Personalmente ho sempre insegnato che tutti i lavori hanno uguale dignità, perchè tutti contribuiscono al buon funzionamento della società. Quello che conta è la persona e non il lavoro che fà.
Citazione:

Certamente, allo stato attuale, gli uomini non sono tutti uguali ma ciò non toglie che, a maggior ragione, il rispetto sia dovuto, soprattutto da chi ha di più.

Come sopra, il rispetto si dimostra con i fatti. A cosa serve se chiamo lo spazzino operatore ecologico e poi lo tratto come una scopa?
Citazione:

Se le tutela il diritto privato perché non deve tutelarle il diritto pubblico che è ancor meno soggetto ad “interpretazioni di parte”?

E allora se è per questo tutela molto di più il diritto privato.
Citazione:

Risposta tecnica: quella che risulta medicamente più adatta ad affrontare una gravidanza, per esempio; oppure quella che risulta maggiormente motivata ad affrontarne i rischi. Tutte e due, una volta per ciascuna…, ha importanza?

Appunto un gioco!
Citazione:

Attraverso un normale rapporto sessuale; mi concederai che almeno per la donna omosessuale ciò sia possibile?

Ma se è omo dovrebbe rifiutare un rapporto etero, ah scusami mi dimenticavo che è un gioco dove prima si sceglie chi delle due deve portare a tremine una gravidanza, poi si sceglie lo stallone. Una domanda, ma quest'ultimo lo fà gratis oppure ha un prezzo a seconda se è uno così così, oppure è uno stallone doc scelto in una catalogo per coppie ricche etc. etc. Però quanto sentimento!
Anonymous - Mer Ago 01, 2007 3:32 am
Oggetto:
Citazione:

Quanti figli adottati non hanno mai saputo chi era il padre e chi la madre? Quanti genitori adottivi hanno dato amore più che se fossero figli loro? Ha veramente importanza sapere chi sono i genitori “biologici”?

E infatti e proprio per questo che sorgono problemi, non appena questi ragazzi sanno di essere adottati. La ricerca della loro origine e della loro identità provoca loro gravi turbe pischiche, anche se non in tutti. Io personalmente sono d'accordo con l'adozione, ovviamente di coppie etero, ma l'adottato dovrebbe essere un neonato e la sua origine cancellata. Mi rendo conto che non è un problema facilmente risolvibile, la mia è solo un'idea, se qualcuno ne ha di mgliori...
Poi citi l'Olanda come il paese dove hai conosciuta questa coppia, e adesso ci siamo. Hai citato proprio la nazione dove molti si stanno cominciando ad interrogare su tante cosette, evidentemente perché i risultati non sono stati quelli sperati, e guarda caso abbiamo visto proprio un gay dichiarato come Pym schierarsi contro quest'andazzo, ma in Italia dove siamo ammalati di esterofilia non facciamo altro che copire le cose, ovviamente sbagliate, degli altri paesi Quando gli altri si accorgono che hanno sbagliato, noi invece cominciamo a copiare la cosa sbagliata.
Citazione:

Perché, secondo te tutte le coppie etero sono il paradiso della serenità psicologica? A me personalmente non sembra…, come se non si sentissero mai notizie di figli che ammazzano i genitori o viceversa, o di fratelli che si ammazzano…

Come al solito vai agli estremi. Mi pare di aver detto che le famiglie in Italia sono milioni, vuoi che siano tutte perfette? Forse gli insegnanti sono tutti delle ottime persone? Oppure i medici sono tutti geni?
Citazione:

A parte che altrettanti studiosi affermano che l’omosessualità abbia anche una forte componente genetica (1), quindi non vedo come siano buoni solo i tuoi scienziati e non i miei..., ho letto certe $tr*n§@te del famoso Bollea che non stanno né in cielo né in terra...

Allora in questo caso sarebbe quasi come una malattia. In ogni caso lo hanno provato? Hanno trovato il gene dell'omosessualità? Non mi risulta, e poi cosa cambierebbe?. Di Bollea non ho letto niente. Ma se è uno scienziato lo puoi solo contestare con argomenti scientifici e non perchè sembrano sciocchezze a te. Non ci sono scienziati miei o tuoi, per quanto mi riguarda deve essere tutto provato, questo dice il metodo sperimentale.
Citazione:

E se dopo aver provato i compagni volesse provare le compagne?

Non credo possa accadere questo in una donna sicuramente etero. La cosa penso che le farebbe schifo solo a pensarci, come mi disse una volta un'amica. Ma poi provare cosa?
Citazione:

Molto più di quanto tu non pensi…, e parlo con cognizione di causa dato che sono spesso stato il “padre confessore” di molte donne.
Comunque sarebbe bene chiedere alle donne cosa pensano realmente dei loro partners maschi…, ne vengono fuori delle belle…

Ti dirò che se è per questo sono stato e sono il "confessore" di molte donne grandi e piccole, ma questo non mi consente di esprimere giudizi, perchè anche in questo caso si parla di milioni di individui, ed anche dalla parte femminile non sempre ci si predispone in modo giusto verso i rapporti sessuali.
Citazione:

C’entra parecchio, nel senso che ancor oggi in molta parte d’Italia l’uomo non riesce ad accettare la parità sessuale con la donna e questa è proprio una caratteristica dei popoli del bacino mediterraneo…, non dimenticare che fino a non molti anni fa avevamo anche noi il “delitto d’onore” che, guarda caso, era sempre quello commesso dall’uomo sulla donna e quasi mai il contrario.

Non sono d'accordo, in quanto è una cosa che non mi risulta. Sicuramente ci saranno dei casi come quelli che tu dici,ma ormai non sono più la regola, soprattutto nei giovanissimi, dove ormai è addirittura la donna a prendere l'inziativa. Questo me lo devi concedere, perché con i giovanissimi ci lavoro. Riguardo al delitto d'onore, norma giustamente cancellata dal codice, se lo facessero i mussulmani direbbero subito che è cultura.
Citazione:

D’altronde ricordo un gruppo di professori, una quarantina d’anni fa, discutere dottamente in treno circa la necessità delle esperienze pre-matrimoniali per gli uomini ma assolutamente non per le donne…, e quando chiesi, da 17enne maligno, con chi avrebbero dovuto farle quelle esperienze rimasero a bocca aperta come tanti allocchi…

Con una prostituta naturalmente, era la risposta ovvia, ma forse avranno avuto delle remore a dirlo.
Citazione:

Te l’ho detto, le donne parlano volentieri con me…, mi hanno visto spesso solo come amico…, qualche volta per mia sfortuna...

Questa è una cosa che abbiamo in comune. Pensa che ho un'amica che mi considera il fratello che non ha mai avuto.
Citazione:

Il motivo principale è che hanno una visione maggiormente paritetica del rapporto con la donna…, tutto qui..., se per religione, cultura, educazione, tradizione non saprei, probabilmente per tutti i fattori insieme

Sarà anche vero, ma intanto a Taormina il maschio siciliano ha sempre fatto strage di svedesi.
Adesso sono un pò stanco e quindi continuerò domani. Mi si perdonino gli eventuali erori di ortografia, di sintassi, etc. Ma se dovessi stare attento pure a questo si farebbe l'alba, e già sono l tre e mezza.
Anonymous - Mer Ago 01, 2007 11:19 am
Oggetto:
Citazione:
Hook ha scritto:
La domanda offre lo spunto per una lunga discussione fra “avere figli” e “mettere al mondo figli”
Ibis ha scritto:
La differenza non è poi così sostanziale, se vengono allevati in una famiglia dove c'è la figura del padre e della madre, poiché hanno bisogno di tutti e due, e non è una cosa che dico io,


Mi sono espresso male, io intendevo sottolineare la differenza fra la “casualità” dell’avere un figlio e la “intenzionalità” del metterlo al mondo…, il punto, a mio parere, è proprio questo e, da questo punto di vista, qualunque processo alle intenzioni della famiglia omo tu possa fare, è certo che a una coppia omo è estremamente improbabile che un figlio venga per caso…

Citazione:
Hook ha scritto:
Bontà tua l’ammettere che ci siano gay onesti, che però diventano disonesti nel momento in cui non la pensano come te…, che oltre tutto hai il diritto di definire quello che può o non può pretendere…
Ibis ha scritto:
Diciamo che le cose potrebbero stare proprio in questo modo. Il gay onesto conosce i suoi limiti, ed ecco perché esistono gay così onesti da opporsi a certe proposte. E se lo dicono loro...


Ci risiamo…, siccome la pensano come te sono onesti, altrimenti sono disonesti…

Citazione:
Certo, ad esempio il fiume Lambro, che è diventato un fiume completamente morto, con l'acqua di colore antracite, non è che faccia schifo, ma è solo diverso perché è frutto del continuo divenire.


Il divenire, la trasformazione, il progresso che, concordo in parte con te, in tante cose certamente non è perfetto (e come potrebbe?) vanno avanti per prova ed errore.
La persona intelligente impara e si sforza di evitare di rifare lo stesso errore…, il Lambro è morto, come tanti altri fiumi, ed è un peccato da cui si spera che chi deve imparare impari. A suo tempo era morto pure il Tamigi ma sono riusciti a ripulirlo almeno in gran parte.

Citazione:
Hook ha scritto:
E tu, naturalmente, senza sapere, vedere e conoscere sei in grado di leggere nell’animo degli uomini e anche predire il futuro…, beato te…
Ibis ha scritto:
In questo caso non c'è ne presente ne futuro, ma solo esperienza. Predire il futuro? In tantissimi casi non è necessario essere maghi, basta usare la logica.


Capisco…

Rolling Eyes
Anonymous - Mer Ago 01, 2007 11:26 am
Oggetto:
Citazione:
Senza a stare a chiacchierare sullo sfascio dei matrimoni altrimenti ce ne andiamo fuori, nonostante la cosa sia collegata allo sfascio della nostra società, che sarà cancellata


Se così sarà vorrà dire che sarà avvenuto secondo natura…, sarà stata (giustamente, secondo il piano della natura) cancellata la società meno adatta a sopravvivere.

E allora, visto che chi dovrebbe presumibilmente cancellarci, ha un fortissimo senso della famiglia tradizionale (padre padrone e moglie/mogli in burkha), una fortissima coesione sociale dettata dalla legge religiosa della Sharia (và a farti saltare con i tuoi nemici per la gloria di Allah), una massa di popolo molto superiore alla nostra con una fame e una sete superiori alle nostre, come ti ho già detto sarà avvenuto secondo natura e quindi perché ti ink@§§i?

Siamo noi i contro natura ai quali non sta bene la Sharia…

Oppure vorresti fare nostri alcuni principi della Sharia? Così, tanto per rinforzare la nostra società…

Citazione:
le tue affermazioni mi sembrano un pò deliranti: "basta che ci siano i sentimenti", ma stiamo scherzando, non vedo a questo punto perché un bimbo invece di essere adottato da una coppia non possa essere adottato da un terzetto, non ha importanza di quale sesso, basta che ci siano i sentimenti!


Bè, non mi sembrava di delirare nell’affermare che il sentimento onesto e sincero nei rapporti fra le persone sia la base di costruzione dei migliori rapporti interpersonali prima e, conseguentemente, sociali dopo…

Comunque tu devi avere qualche problema di cui non ti rendi conto: possibile che tu non riesca a vedere e a considerare l’esistenza di persone oneste e pulite che però non condividono le tue idee?

Quand’anche un bambino fosse adottato da un nucleo familiare di più persone che fra loro vanno d’accordo, che si rispettano e si stimano, che vivono e lavorano onestamente, pagano le tasse ed insegnano il rispetto delle leggi e magari anche l’amore per la cultura, quale sarebbe secondo te il problema?

Te lo dico io: che siccome non si attengono alle regole che per te e altri sono codificate, ciò non va bene. Mi ricorda molto alcune risposte idiote che sentivo dare da colleghi sia ad altri colleghi che, peggio, a clienti: non è previsto nel manuale delle procedure.

Ma è stato l’uomo a scrivere il manuale o il manuale a scrivere l’uomo? Perché se è stato l’uomo non vedo perché l’uomo non possa modificarselo.

E perché ogni uomo non deve essere libero di scrivere il suo manuale se lo fa con onestà di intenti e senza rubare niente ad altri?

Question
Anonymous - Mer Ago 01, 2007 1:13 pm
Oggetto:
Citazione:
tutte le persone di sesso maschile che conosco per poter compiere l'atto sessuale hanno necessità di un piccolo particolare, senza il quale si può correre pure il rischio di passare per impotenti.


E tu sei convinto che un omosessuale maschio non riesca ad aver rapporti con una donna? Guarda che ti sbagli…

Citazione:
Certamente i figli naturali, ed è naturale non possono avere scelta, perché sicuramente avranno un padre ed una madre, anche questa una cosa del tutto naturale, mentre non è affatto naturale che abbiano due madri o due padri, e se poi ci sono i sentimenti perché non possono averne anche tre?


In natura, in massima parte, si ha l’accoppiamento eterosessuale (tralasciamo le varie partenogenesi ed altre diverse istanze di diversa differenziazione sessuale che pure si danno) però…, però, in tanta parte del mondo animale (ergo, in natura) molto spesso l’allevamento della prole è demandato alle femmine della specie, spesso anche senza contributo del maschio neppure sotto forma di “alimenti”, e qualche volta invece, più di rado, al maschio della specie e, principalmente, molto spesso a tutto il branco.

Citazione:
Hook ha scritto:
E l’affetto lo dà la coppia che lo ha, omo o etero che sia…, perché si può dare solo quello che si ha, indipendentemente dal tipo di coppia che si è…
Ibis ha scritto:
L'ho già detto: la strada del male è lastricata di buone intenzioni. Anche donna Prassede era convinta di fare del bene.


Anche i preti al seguito dei conquistadores dicevano che andavano a portare la luce della fede e ad insegnare l'amore di Cristo…, tutti gli eserciti hanno i cappellani militari o i mullah o che altro…, anche le Guardie Rosse pensavano di fare il bene della Cina…

Citazione:
Non ho visto questo film. Riguardo alla frase di Shakespeare sarei curioso in che contesto è stata pronunciata.


"In&Out"
è una breve (circa 1h15’) ma gradevolissima commedia brillante americana con Kevin Kline, Tom Selleck e altri ottimi attori. Merita vederla per il garbo, l’intelligenza e la delicatezza con cui affronta il problema.

La frase shakespeariana la pronuncia Giulietta nella scena del balcone.

Citazione:
Hook ha scritto:
Cos’è meglio per un bambino, secondo te che conosci e vedi tante cose: crescere in una famiglia etero di delinquenti (come se mancassero) o in una omo di persone oneste?
Ibis ha scritto:
Ti posso assicurare per l'esperienza accumulata, che i figli di delinquenti sono molto spesso e più di quanto tu non creda, ragazzi affettuosi ed educati, perché delinquenti o no, hanno alle spalle una famiglia che li segue.


Non hai risposto alla domanda…,
Anonymous - Mer Ago 01, 2007 2:42 pm
Oggetto:
Citazione:
Hook ha scritto:
L'omosessualità secondo te mina la società alle radici, la mafia invece la protegge...
Ibis ha scritto:
La mafia esiste da secoli, e la società con i suoi valori è andata avanti lo stesso. Lo sfascio della famiglia e di tante altre istituzioni non è dovuto affatto alla mafia.


Capisco…, la mafia è dunque un ricostituente per la società, o almeno un placebo…

Citazione:
Intanto sono diversi e su questo non c'è dubbio. Il contenuto spesso coincide col contenitore. CUT "sei brutto dentro come sei brutto fuori"


Non c’è dubbio…, come sempre…

Citazione:
E quelli che si fanno i seni finti e si travestono da donna sarei curioso di sapere quali alti sentimenti hanno,


Non lo so…, per me personalmente stanno alla pari con quei vecchi ex-maschioni che si fanno ancora la coda di cavallo ai capelli ormai grigi, a quei giovani che si riempiono di piercing e tatuaggi, a quelle donne che arrancano su tacchi altissimi…, di manifestazioni di patente idiozia ne abbiamo sotto gli occhi tutti i giorni…, quali sentimenti hanno gli imbecilli? Non lo so…, ognuno è libero di essere imbecille come gli pare finché la sua libertà non sconfina nella mia…

Citazione:
Hook ha scritto:
A posizioni invertite, se tu etero fossi in minoranza e gli omo in maggioranza ti negassero il diritto alla libertà che faresti, che diresti?
Ibis ha scritto:
L'altra domanda che poni è solo una barzelletta, che non merita alcuna risposta


No…, è un ragionamento per assurdo…, dovrebbe esserti familiare…

Citazione:
Ripeto, nessuno impedisce a due persone di stare insieme, e se proprio dobbiamo riconoscere lo status di coppia con un atto pubblico, a questo punto perché non riconoscere lo stesso status ad una coppia di etero dello stesso sesso.


Scusa: definisci una coppia di etero dello stesso sesso…, scherzo, eri stanco…, intendevi probabilmente coppia di sesso omologo senza rapporto sessuale, come si evince dal seguito:

Citazione:
Perché non potrebbero stare insieme due amici che si rispettano reciprocamente ed avere diritti e doveri di una qualsiasi coppia. Per esempio uno potrebbe formare una coppia con un altro molto più giovane di lui, ed avendo gli stessi diritti e doveri di una qualsiasi coppia, alla morte di quello più anziano, l'altro avrà diritto alla reversibilità della pensione; un bel modo per sbarcare il lunario senza smuovere un chiodo, e pantalone naturalmente paga. Alla fine le motivazioni vere sono queste, ma se è questo che si vuole....


E chi proibisce che ciò accada con qualunque coppia etero e senza rapporto sessuale? Ed è accaduto ed accade…, ho già parlato di matrimonio d’interesse mi pare…, fossi in te però non me ne preoccuperei tanto…, ci sono ancora troppi “maschioni” timorosi di passar da “ricchioni”…

Citazione:
Quello che conta è la persona e non il lavoro che fà.


Esattamente…, è la qualità delle persone quella che fa la differenza…

Citazione:
Hook ha scritto:
Attraverso un normale rapporto sessuale; mi concederai che almeno per la donna omosessuale ciò sia possibile?
Ibis ha scritto:
Ma se è omo dovrebbe rifiutare un rapporto etero, ah scusami mi dimenticavo che è un gioco dove prima si sceglie chi delle due deve portare a termine una gravidanza, poi si sceglie lo stallone. Una domanda, ma quest'ultimo lo fa gratis oppure ha un prezzo a seconda se è uno così così, oppure è uno stallone doc scelto in una catalogo per coppie ricche etc. etc. Però quanto sentimento!


Premesso il fatto che ancor oggi sono tantissime le donne che tutti i giorni “subiscono” il rapporto etero per “dovere coniugale”, quando una donna vuole raggiungere un obiettivo, sa essere molto più motivata e determinata di molti uomini, a maggior ragione se quell’obiettivo è la maternità.
Quindi “subire” un rapporto etero non è certo un problema o una cosa inusitata…

Comunque, in genere, ci si rivolge ad una banca del seme, ove disponibile o, in alternativa, a una persona che si conosce, si stima, si ritiene sana e capace…

Il donatore in questione, che conosciamo personalmente, è un medico inglese, un anatomo-patologo, elegante, colto, brillante, ottimo cuoco, religioso, una colonna della sua chiesa, ed è omosessuale, sposato ad un nostro ex-collega, persona di notevole coraggio fisico, grande umorista, ottimo tecnico di computer, discreto scrittore e di onestà incredibile.

Una volta che non aveva molta voglia di lavorare gli suggerii di darsi malato, cosa credibilissima dato che da venti anni ormai vive con un cuore non suo; ricevetti una risposta un pò dura circa il fatto che non si sognava proprio di approfittare della sua situazione…

Exclamation
Anonymous - Mer Ago 01, 2007 3:36 pm
Oggetto:
Citazione:
Hook ha scritto:
Ha veramente importanza sapere chi sono i genitori “biologici”?
Citazione:
E infatti e proprio per questo che sorgono problemi, non appena questi ragazzi sanno di essere adottati. La ricerca della loro origine e della loro identità provoca loro gravi turbe psichiche, anche se non in tutti.


Più che altro tendo a pensare che ci possa essere un trauma derivante dallo scoprire che c’è stato un rifiuto di loro che anche tutto l’amore dei genitori ha problemi a compensare.

D’altra parte posso pensare invece che il sapere di essere stati fortemente voluti, a dispetto di tutte le contrarietà e gli ostacoli che possano essere stati frapposti, dovrebbe/potrebbe rafforzare la sicurezza nell’affetto dei genitori, quali che siano.


Citazione:
Io personalmente sono d'accordo con l'adozione, ovviamente di coppie etero, ma l'adottato dovrebbe essere un neonato e la sua origine cancellata. Mi rendo conto che non è un problema facilmente risolvibile, la mia è solo un'idea, se qualcuno ne ha di migliori...


Posso essere d’accordo…, a parte l'ovviamente etero...

Citazione:
Poi citi l'Olanda come il paese dove hai conosciuta questa coppia, e adesso ci siamo.


Paese che ha un’antica tradizione di libertà di espressione, a cominciare da quella religiosa come poterono scoprire, per loro fortuna, gli Ugonotti, tanto per fare un esempio.

Citazione:
Hook ha scritto:
Perché, secondo te tutte le coppie etero sono il paradiso della serenità psicologica?
Ibis ha scritto:
Come al solito vai agli estremi. Mi pare di aver detto che le famiglie in Italia sono milioni, vuoi che siano tutte perfette? Forse gli insegnanti sono tutti delle ottime persone? Oppure i medici sono tutti geni?


Oppure tutti gli omosessuali sono degenerati, depravati, pedofili etc?

Citazione:
Hook ha scritto:
A parte che altrettanti studiosi affermano che l’omosessualità abbia anche una forte componente genetica
Ibis ha scritto:
Allora in questo caso sarebbe quasi come una malattia.


A proposito di mutazioni genetiche che hanno impatto sulla tipizzazione genito-sessuale dai un’occhiata qui:



E’ una scoperta relativamente recente (1942) di una sindrome che deriva da un’anomalia cromosomica.

Da allora ad oggi la scienza è andata avanti verso lo studio e la mappatura del genoma umano.
Non sarei sorpreso se da tali studi si arrivasse ad individuare quelle differenze a livello genico che determinano l’orientamento sessuale.

Citazione:
In ogni caso lo hanno provato? Hanno trovato il gene dell'omosessualità? Non mi risulta, e poi cosa cambierebbe?


Vedi sopra per le prime due domande. Quanto alla terza direi che accertare le cause fisiologiche potrebbe essere un buon inizio per cominciare a capire che non si tratta di vizio, perversione, degenerazione e, soprattutto, cosa peraltro già abbastanza patente, che non esistono maschi al 100% o femmine al 100%.

Citazione:
Di Bollea non ho letto niente. Ma se è uno scienziato lo puoi solo contestare con argomenti scientifici e non perché sembrano sciocchezze a te.


Bè, è uno psicologo, quindi si occupa di una scienza che non mi sento di assimilare alla fisica o alla matematica. Comunque al riguardo amplierò in altra occasione.

Citazione:
Non ci sono scienziati miei o tuoi, per quanto mi riguarda deve essere tutto provato, questo dice il metodo sperimentale.


Anche la scienza ha i suoi tempi…, quello che non è provato oggi non è detto che non lo sarà domani…, questa è proprio la ragion d’essere della scienza.

Citazione:
Ma poi provare cosa?


Se non provi non lo scopri, questo dice il metodo sperimentale…

Citazione:
anche dalla parte femminile non sempre ci si predispone in modo giusto verso i rapporti sessuali.


Roberto Gervaso, nel suo simpaticissimo “Se vuoi che t’ami” (l’avessi letto a 20 anni! Purtroppo non lo aveva ancora scritto…) dice che “la festa si svolge a casa della donna”…, buona educazione vuole che in casa altrui ci si comporti come preferisce il padrone, in questo caso la padrona di casa…

Citazione:
Hook ha scritto:
C’entra parecchio, nel senso che ancor oggi in molta parte d’Italia l’uomo non riesce ad accettare la parità sessuale con la donna e questa è proprio una caratteristica dei popoli del bacino mediterraneo…,
Ibis ha scritto:
Non sono d'accordo, in quanto è una cosa che non mi risulta.


Scusa, in che mondo vivi? E comunque che non risulti a te non significa che non esista...

Citazione:
Sicuramente ci saranno dei casi come quelli che tu dici, ma ormai non sono più la regola, soprattutto nei giovanissimi, dove ormai è addirittura la donna a prendere l'iniziativa.


Che non siano più la regola è da dimostrare. Quanto all’addirittura: in che senso addirittura?

Citazione:
Hook ha scritto:
e quando chiesi, da 17enne maligno, con chi avrebbero dovuto farle quelle esperienze rimasero a bocca aperta come tanti allocchi…
Ibis ha scritto:
Con una prostituta naturalmente, era la risposta ovvia, ma forse avranno avuto delle remore a dirlo.


Stavano parlando della “purezza” necessaria nella donna…, e comunque una prostituta cos’è una bambola gonfiabile somigliante ad una donna?

Citazione:
Sarà anche vero, ma intanto a Taormina il maschio siciliano ha sempre fatto strage di svedesi.


Embè, al maschio italico, pardon, siciliano, nessuna sfugge e tutto si perdona, è lui che tiene alta la bandiera…

Rolling Eyes
Anonymous - Gio Ago 02, 2007 3:52 am
Oggetto:
Citazione:

Scusa, tu stesso ammetti l’esistenza di omosessuali che consideri accettabili; come fanno ad essere accettabili se sono uniti dal vizio? Di più, come ho già detto, come fa questo “vizio”, che assomma al massimo ad 1/440 di una vita adulta media a tenere insieme una coppia negli altri 439/440 della vita? All’anima del collante potente!

Ragionamento un pò contorto, ma anche la sigaretta è un vizio e non fà differenza se uno ne fuma 10 o 40, ma sempre vizio resta. Poi indipendentemente dal vizio una persona può avere altri interessi che possono accomunarlo con altra gente. Pertanto se ad un omo piaceà la musica, avrà con me una cosa in comune ed uno spunto di discussione. Secondariamente come fai a stilare certe percentuali? Dove e quante sono queste coppie omo che hanno questo rapporto così duraturo. Se esistono, forse ci sarà un altro collante che potrebbe benissimo essere l'interesse di uno dei due o qualche altra convenienza reciproca, ed in ultima analisi l'amicizia, ma questa e una cosa che può accadere ad una coppia di amici etero.
Citazione:

Bè, mi pare che di coppie etero che stanno insieme per interesse ce ne siano a bizzeffe, o vuoi dirmi che non è vero? Vorresti per caso negare i matrimoni “combinati” per unire i patrimoni?
Oppure la famosa frase: “Intanto lo sposi, l’amore poi verrà col tempo”? O di matrimoni cercati proprio per "sistemarsi", sia di uomini che di donne?

Vero, ma il punto è che da questi matrimoni fatti per interesse, ora come in passato, viene fuori una normalissima famiglia ed anche abbastanza sana tutto sommato, ne potrei tirar fuori una lunga lista. D'altra parte come ho specificato questo tipo di matrimoni ci sono sempre stati, ma non hanno provocato alcun sconvolgimento sul piano sociale. Questa è la cosa che conta. Ma ci sono anche quelli fatti, a torto o a ragione, solo per amore, mentre nel caso specificato e in tanti altri simili c'è solo tanto squallore.
Citazione:

Siccome tu non le conosci vuol dire che non esistono? Principio interessante…, anche io non ho mai visto e toccato con mano tante cose eppure credo a chi mi dice che esistono…

Che qualcuno me le faccia conoscere.
Citazione:

Dimostra solo che non è l’attività sessuale a tenere insieme una coppia, semplice…, d’altronde anche tu affermi che la quantità non c’entra niente e se è per questo, aggiungo io, anche il sesso in sé e per sé NON E’ il collante di una coppia.

Sicuramente il sesso da solo non è il collante di una coppia, ma è una componente importante, ed anche questa è una cosa che non dico io. Se il sesso in una coppia non va, puoi stare tranquiilo che le cose non vanno molto bene, ed è inutile in sistere su che cosa tiene unita queela coppia. Il più delle volte è solo apparenza, per scoprire poi che quella coppia e semplivemente separata in casa, e se stanno insieme è solo per convenienza reciproca. Come sopra ho già detto, molte rappresentanti del gentil sesso si sono confessate con il sottoscritto, ma se non si fossero confessate avrei giurato che le cose a casa loro andavano benissimo.
Citazione:

Deviata in quanto non orientata esclusivamente alla riproduzione? Perché, come diceva anche Ugo, il sesso riproduttivo è veramente la minima parte della vita sessuale di una coppia.

E questo cosa vuoil dire se si tratta di una coppia etero? Assolutamente nulla.
Citazione:

Poi, come molti altri, anche tu fai una gran confusione fra causa ed effetto:

è il carattere quello che influenza le azioni e le scelte, anche sessuali e non viceversa…, possiamo quindi provare a definire quali variabili organiche genetiche, quindi interne prima di tutto, creino la "base caratteriale", e poi ANCHE educazionali, ossia esterne, possano influenzare il carattere…, infatti c’è sempre chi ritiene meglio avere un figlio mafioso piuttosto che omosessuale, e quella è decisamente una variabile (dis)educazionale esterna…

Allora se è tutto qui, dobbiamo accettare anche la pedofilia, la ***** ****, la necrofilia, la gerontofilia, etc.etc. Se uno sta bene con un animale, perchè criticarlo? Tanto come nel caso dell'omosessualità non fà male a nessuno, è una cosa che riguarda lui e l'animale. Se poi si pensa ci siano anche delle componenti genetiche, e quindi nessuno di noi ha colpa delle proprie azione, dobbiamo giustificare necessariamente tutti.
Il fatto è che io non la penso così, se uno fà una cosa sbagliata non mi domando affatto le cause, o quantomeno meno me le domando dopo che gli ho impedito di fare la cosa sbagliata.
Citazione:

Già detto: credi forse che il sesso possa tenere insieme una coppia? Domandalo alle donne..., e anche a qualche uomo...

Ti ho già risposto, e poi se non esiste l'attrazione fisica un rapporto di coppia non ha alcuna probabilità di cominciare. Quindi il sesso è una componente essenziale. In seguito ovviamente non potrrà essere solo il sesso a tenere unita una coppia, poichè il calo del desiderio è una cosa fisiologica, e questo per vari motivi.
Citazione:

Freud scriveva 100 ani fa ed era figlio del suo tempo, quando in Inghilterra si mettevano i mutandoni alle gambe dei pianoforti, per dirne una, e non si nominavano le gambe ma bensì si parlava di “arti inferiori” (lower limbs)…, molti...

Freud è sempre attuale, poiché nessuno ha detto niente di nuovo se non rimaneggiare i suoi pensieri. D'altra parte se un tizio qualsiasi vuol fare psicanalisi sarà obbligato a leggere almeno uno dei tanti scritti di Freud: "l'interpretazione dei sogni". Certi scritti sono per tutti i tempi, e poi come dargli torto se fa discendere tutto dalla sfera sessuale, quando ci sono riferimenti sessuali persino nella pubblicità di una mozzarella.
Citazione:

Una volta di più fai confusione fra causa ed effetto: la sessualità viene vissuta male perché è considerata distorta...

Ma perché non lo è? Ma non scherziamo.
Citazione:

D’altronde, se tu per primo sostieni che un omosessuale vero non riesce ad avere rapporti con le donne (non è vero, dato che mi raccontano cose diverse) mi dici come fa a vivere bene una sessualità che non sente sua?

Intanto stai parlando di persone che solo per vizio sperimentano tutto, bisessuali come qualcuno li chiama. Ne conosco qualcuno, ma finora non ne ho conosciuto uno che abbia un minmo di equilibrio. La ricerca forsennata di nuove sensazioni, anche la droga ne è un esempio, non porta niente di positivo, e qui ci sarebbe da aprire un'altra discussione. Secondariamente nessuno obbliga qualcuno a vivere una sessualità che non è sua. Poi se dovessimo soddisfare quello che ognuno di noi sente, ci sarebbe da ridere. Mi fà venire in mente Alberto Sordi che voleva fare l'americano. Ora se uno nasce con certi attributi e certi ormoni può sentirsi quello che vuole, ma quello che conta è quello che è, e non quello che si sente. Se poi questo sentire sfocia in penosi tentativi di camuffare addirittura la persona allora siamo al cattivo gusto ed allo squallore. Quanti se ne vedono ormai per le strade, che si atteggiano a donne fatali, quando si vede benissimo da tantissimi particolari a quale sesso appartengono.
Citazione:

Già…, se invece il personaggio in questione è il cosiddetto “mandrillo” o anche “porco” solo con ragazzine o ragazze, invece va tutto bene?

Mai capitati personaggi del genere, ed in ogni caso si possono benissimo bloccare. Se poi questo "mandrillo" capita ragazze che ci stanno, non vedo cosa imputargli se fà bene poi il suo lavoro. Nel caso invece da me citato il lavoro è fatto male, perché già ci si parte da una situazione vissuta male che influenza quasi tutte le azioni. Inoltre il "mandrillo"(mai visto), non se ne fà un grave problema se la cosa gli va male, prima o poi gli andrà bene, mentre nel caso da me citato i problemi sono parecchi. Infatti un dirigente omo avrebbe non poche difficoltà a soddisfare le sue voglie per vari motivi. Vedi, il paragone non regge. Del resto, dirigenti donnaioli ne ho incontrati, ma le loro azioni erano così soft da non dare fastidio a nessuno, a parte poi che facevano benissmo il loro lavoro. Quando la vita sessuale va bene, e non lo dico io, l'individuo vive molto meglio tutte le altre situazioni, compreso il lavoro.
Citazione:

Il concetto è quello che per quanto si possa conoscere vi sarà sempre moltissimo altro da conoscere…, è come il concetto di eternità o di infinito…

Esatto, solo che dai tempi di Socrate ad ora quali sono questi progressi della conoscenza, a parte quella scientifica, che abbiamo fattto?
Citazione:

Esattamente il contrario: quelle parole implicano che siamo immersi in un divenire di cui siamo una parte infinitesimale ed è proprio questo istinto che ci portiamo dentro a ricercare sempre più il nuovo, a scoprire sempre qualcosa di più del mistero che ci circonda quello che rende interessante questo velocissimo passaggio in questa vita.

Se si eccettuano le belle parole resta ben poco. Ma cosa sarebbe il nuovo? Forse l'omosessualità? Ma non avete sempre detto che esiste da che mondo è mondo? E allora? Il nuovo può venire solo dalla scienza, ma per quanto riguarda l'uomo, sono secoli e secoli che non scoprono proprio niente di nuovo.
Citazione:

Non ci riproduciamo solo perché la natura ci spinge a farlo ma perché dentro di noi c’è questa spinta: alcuni lasceranno di sé solo un figlio, altri un libro o una scoperta, o entrambi…, è l’illusione che qualcosa resterà di noi…

E questa spinta da dove viene? Perché illusione? Anche Wotan dice"tutti moriremo, anch'io morirò. Ma quello che noi avremo fatto resterà imperituro". Altro concetto comune a tutte le culture. D'altra parte anche noi lo abbiamo visto. Un Cristoforo Colombo, ad esempio sarà sempre ricordato. Lui come tanti non li abbiamo mai visti eppure li conosciamo. E' come se avessero una vita eterna.
Citazione:

… e allora, in questo processo, che differenza farà se il prossimo Leonardo (omosessuale anche lui) oppure Ghandi, oppure Gesù (figlio illegittimo anche lui, a tutti gli effetti), oppure Buddha, oppure Mozart, o Lloyd Wright, o Fleming, o Rubbia, sarà figlio “carnale” di un maschietto ed una femminuccia (o anche concepito in provetta e poi “impiantato” nell’utero di una omosessuale) oppure un trovatello adottato da una coppia, etero o omo che sia?

Quello che dici è molto riduttivo. Le implicazioni di certe scelte toccano tutta la società, sin dalle fondamenta, mentre tu stai semplificando tutto come se si trttasse di scegliere un tipo di pizza piuttosto che un'altra. Una civiltà si può anche autodistruggere per scelte sbagliate, e non sarà certo la nascita di un altro Leonardo a salvarla. Ammesso poi che la modernità possa dare uomini di questo genere.
Citazione:

E’ il risultato quello che conta (soprattutto in termini di “natura”)…, cosa sappiamo noi quanti di questi personaggi esistono come bambini in qualche parte del mondo che, trovando l’occasione e l’ambiente propizi, potrebbero rivelarsi e far del bene (o del male) al mondo?

Alcuni risultati già ci sono e non sono certo positivi.
Citazione:

Significa che le cose cambiano e cambia la percezione delle cose…

Si, ma certe cose non cambiano affatto. Le bugie storiche sono un'altra cosa che non vedo in questa discussione.
Citazione:

Sì, grazie principalmente a quegli “innaturali” preservativi moderni da te citati più su (che esistevano anche nell’antichità) e da quell’altra diavoleria che è la penicillina…

Grazie soprattutto all'igiene, che tra l'altro ha debellato anche altre cause di malattia, e quindi il preservativo c'entra poco. Questa malattia si prendeva soprattutto nei bordellli, cone in questo posto l'hanno beccata tanti personaggi famosi. In altri tipi di rapporto il pericolo resta sempre, per quanta igiene si possa adottare, ed allora bisogna ricorrere ai ripari usando appunto mezzi meccanici ed altro poichè una certa parte del nostro corpo è fatta per altri scopi, ed è sciocco contestarlo. Tra l'altro il mezzo meccanico preserva da certe infezioni, ma non può evitare altre conseguenze, diciamo più o meno seccanti.
Citazione:

Erano migliori i roghi delle streghe? E il famigerato “Malleus maleficarum”? E la Notte di San Bartolomeo?

A parte che dovresti forse informarti un pò meglio su questo periodo di storia, i roghi delle streghe ed altro sono cose passate da lunga pezza, ma in ogni caso sono sempre meglio dei sacrifici umani. La strage di S.Bartoleomeo è una delle tanti stragi che tutt'ora avvengono. Mi pare di aver detto che sull'animo umano si tutto da tempo, e fatti come questi possono solo provarlo. In ogni caso sono fatti legati a perticolari periodi storici. Resta il fatto che in tante cose abbiamo fatto dei paasi in avanti, mentre per quanto riguarda gli jivaros fino a quando sono esistiti hanno tagliato sempre teste. Non parlo delle guerre dei fiori ne dei gladiatori, ma di sacrifici umani. Per quanto riguarda Spartaco, dobbiamo andare a guardare le norme di allora che prevedevano gli schiavi. Spartaco ha infranto delle norme ed ha pagato duramente, poichè a quel tempo non si andava tanto per il sottile. Ma se andiamo a cosa ha dato Roma, tutto il resto diventa di seondaria importnza, basti pensare al diritto romano che si studia ancora nelle università. Ma poi i fenici, Baal... mi pare che ci stamo allargando troppo, ma cosa c'entrano. Hanno forse lasciato qualcosa questi che nomini? Vediamo cosa ha dato l'Europa in termini di cultura e non solo, e mettiamo tutto su una bilancia. Ma in ogni caso tutto questo a me interessa poco, sono europeo e pertanto sarò in ogni caso dalla parte degli europei. Quindi affannarsi a fare una lista dei crimini europei serve a ben poco. Anzi direi a tutti quelli che lo fanno, che per coerenza dovrebbero abbandonare la situazione di benessere in cui si trovano, poiché questa situazione potrebbe derivare da tutte quelle infamità commesse in passato, sempre per onesta intellettuale.
Citazione:

Aggiungo che non mi risulta che l’Europa fosse stata attaccata da tutti costoro…

Ho detto che non ne hanno avuto la possibilità. In una corsa vince chi arriva prima, e prima sono arrivati gli europei. Ma mi sa che ci stiamo allontanando dal tema della discussione, che tra l'altro non porterà a niente poiché ognuno rimarrà fermo nelle proprie posizioni. Ma il tempo, come si dice è galantuomo. Per il momento buona notte, poiché si sono fatte le quattro.
Anonymous - Gio Ago 02, 2007 3:34 pm
Oggetto:
Citazione:
Hook ha scritto:
Scusa, tu stesso ammetti l’esistenza di omosessuali che consideri accettabili; come fanno ad essere accettabili se sono uniti dal vizio?
Ibis ha scritto:
Ragionamento un pò contorto, ma anche la sigaretta è un vizio e non fa differenza se uno ne fuma 10 o 40, ma sempre vizio resta.


Paragone un po’ sbilanciato, a mio parere…

Citazione:
Poi indipendentemente dal vizio una persona può avere altri interessi che possono accomunarlo con altra gente. Dove e quante sono queste coppie omo che hanno questo rapporto così duraturo. Se esistono, forse ci sarà un altro collante che potrebbe benissimo essere l'interesse di uno dei due o qualche altra convenienza reciproca, ed in ultima analisi l'amicizia, ma questa è una cosa che può accadere ad una coppia di amici etero.


Vizio, interesse, bontà tua anche l’amicizia…, la stima reciproca non ti è passata per la mente, l’affetto guai a nominarlo…, ma se sommi stima, attrazione, anche amicizia e sesso che cosa ottieni?

Citazione:
Vero, ma il punto è che da questi matrimoni fatti per interesse, ora come in passato, viene fuori una normalissima famiglia ed anche abbastanza sana tutto sommato, ne potrei tirar fuori una lunga lista.


Prova a proporlo oggi ad una donna moderna di media intelligenza e cultura…

Citazione:
D'altra parte come ho specificato questo tipo di matrimoni ci sono sempre stati, ma non hanno provocato alcun sconvolgimento sul piano sociale. Questa è la cosa che conta.


Certo che no sul piano sociale…, la regola era “Il marito parla e la donna stà zitta…” e comunque era la donna che ne sopportava le conseguenze…, certo che era quella la cosa che contava: che tutto continuasse ad andare come era sempre andato…, esattamente quello che vogliono gli integralisti islamici…

Citazione:
Ma ci sono anche quelli fatti, a torto o a ragione, solo per amore, mentre nel caso specificato e in tanti altri simili c'è solo tanto squallore.


Intanto spiegami perché un matrimonio fatto solo per amore dovrebbe essere stato fatto “a torto o a ragione”…, poi spiegami una volta di più perché in un rapporto fra due persone che si stimano, che si rispettano, che si amano (hanno affetto reciproco), che si prendono cura reciproca, dovrebbe invece esserci “solo tanto squallore” perché l’espressione della loro sessualità è diversa dalla tua…

Citazione:
Hook ha scritto:
Siccome tu non le conosci vuol dire che non esistono? Principio interessante…, anche io non ho mai visto e toccato con mano tante cose eppure credo a chi mi dice che esistono…
Ibis ha scritto:
Che qualcuno me le faccia conoscere.


Reciproco a molte tue affermazioni…

Arrow
Anonymous - Gio Ago 02, 2007 3:59 pm
Oggetto:
Citazione:
Se il sesso in una coppia non va, puoi stare tranquillo che le cose non vanno molto bene, ed è inutile insistere su che cosa tiene unita quella coppia. Il più delle volte è solo apparenza, per scoprire poi che quella coppia è semplicemente separata in casa, e se stanno insieme è solo per convenienza reciproca.


Dunque ti sta bene che una coppia etero stia insieme per convenienza ma non che lo faccia, se lo fa, una coppia omo…

Citazione:
Hook ha scritto:
Deviata in quanto non orientata esclusivamente alla riproduzione? Perché, come diceva anche Ugo, il sesso riproduttivo è veramente la minima parte della vita sessuale di una coppia.
Ibis ha scritto:
E questo cosa vuol dire se si tratta di una coppia etero? Assolutamente nulla.


Vuol dire molto semplicemente che tu parli di sessualità deviata e io ti chiedo perché deviata.

Appurato che il sesso riproduttivo della coppia etero è infinitesimale rispetto al sesso di piacere, è evidente che non può essere la mancanza del fine riproduttivo a qualificare la sessualità omo come deviata…, quindi, evidentemente deve esserci un altro motivo per definirlo deviato…, ma se, come già detto e ripetuto, due persone stanno insieme perché si piacciono, si stimano, si rispettano, si prendono cura reciproca, perché definire deviato il loro modo di procurarsi il piacere sessuale?

Tanto più che, anche stavolta, i casi sono due:

“qualcuno” ha creato l’umano come l’ha creato e, se gli ha dato la possibilità di provar attrazione e piacere omosessuale, evidentemente lo ha previsto (oppure non glie ne frega niente)…, difficile pensare che il creato possa superare il creatore; quindi tu, umano creato come tutti gli altri, non hai il diritto di criticare l’opera del tuo creatore…, e non venirmi a parlare della natura perché anche la natura sarebbe una creazione e non un creatore…

oppure l’umano è frutto del caso, e allora, visto che uno ha la possibilità di provare attrazione e piacere omosessuale e un altro no perché colpevolizzare chi non ha colpa di quello che gli piace, finché non commette reato?

Citazione:
Hook ha scritto:
è il carattere quello che influenza le azioni e le scelte, anche sessuali e non viceversa…, possiamo quindi provare a definire quali variabili organiche genetiche, quindi interne prima di tutto, creino la "base caratteriale",
Ibis ha scritto:
Allora se è tutto qui, dobbiamo accettare anche la pedofilia, la ***** ****, la necrofilia, la gerontofilia, etc. etc. Se uno sta bene con un animale, perché criticarlo?


Forse perché l’animale non è consenziente…, nel caso del pedofilo perché commette un reato…, nel caso del necrofilo perché, una volta di più, manca il consenso della controparte… e quanto alla gerontofilia, bè, caro prof., quello è uno dei casi più frequenti di rapporto dettato dall’interesse ma, se vi è il consenso delle parti, come pensi di definirla legalmente prima, e di punirla dopo?
E poi, sii sincero, ma tu la scacceresti Lolita se ti venisse a cercare?

Citazione:
Se poi si pensa ci siano anche delle componenti genetiche, e quindi nessuno di noi ha colpa delle proprie azione, dobbiamo giustificare necessariamente tutti.


Non ho detto questo…, ho detto che è necessario comprendere le cause che producono certi effetti e lavorare per prevenirle…

Arrow
Anonymous - Gio Ago 02, 2007 4:07 pm
Oggetto:
Citazione:
Il fatto è che io non la penso così, se uno fa una cosa sbagliata non mi domando affatto le cause, o quantomeno meno me le domando dopo che gli ho impedito di fare la cosa sbagliata.


Posto che la cosa che tu chiami sbagliata sia un reato previsto dalla legge…, altrimenti lo commetti tu il reato…

Citazione:
Hook ha scritto:
Freud scriveva 100 ani fa ed era figlio del suo tempo,
Ibis ha scritto:
Freud è sempre attuale, poiché nessuno ha detto niente di nuovo se non rimaneggiare i suoi pensieri.


Bè, se ti sei letto l’articolo sulla sindrome di Klinefelter avrai notato come una combinazione cromosomica influenzi anche la psiche; al tempo di Freud però non era stata ancora studiata e scoperta. Idem dicasi per la altre codifiche genetiche che quasi certamente sono alla base della connotazione sessuale.
Ergo, Freud non potrà restare attuale a lungo o in toto; sarà soltanto un altro degli scienziati che hanno studiato l’uomo.

D’altronde, esempio diretto e banale: le alterazioni tiroidee provocano, fra l’altro, variazioni della libido…, cosa questa sconosciuta a Freud…, io non ho la tiroide e la sostituisco, almeno in parte, con 100 mcg. di tiroxina sodica…, guarda un po’ che dipendenza chimica…

Citazione:
Hook ha scritto:
Una volta di più fai confusione fra causa ed effetto: la sessualità viene vissuta male perché è considerata distorta...
Ibis ha scritto:
Ma perché non lo è? Ma non scherziamo.


Se ti ricordi la Bibbia, Adamo ed Eva provarono la vergogna della loro nudità solo DOPO il peccato originale…, c’entra poco ma serve a rinforzare il concetto che la vergogna è in massima parte esogena, deriva quindi dal condizionamento sociale. Per esempio le vahinè tahitiane che accolsero i marinai del Bounty certo non si vergognavano della loro nudità…, nell’Inghilterra vittoriana si coprivano le gambe dei pianoforti, nella Creta minoica le donne esibivano il seno con orgoglio…, ergo il tuo “distorta” implica solo che tu e altri la vedete tale…

Citazione:
stai parlando di persone che solo per vizio sperimentano tutto


Definisci vizio…

Citazione:
Ora se uno nasce con certi attributi e certi ormoni può sentirsi quello che vuole, ma quello che conta è quello che è, e non quello che si sente.


Spiegami come riesci a discriminare l’essere dal sentire visto, intanto, che siamo “esseri senzienti”; spiegami poi anche come fai a discriminare dato che è abbastanza noto, ormai, che appunto le differenze ormonali influenzano il sentire e quindi l’essere…, vedi anche il banalissimo esempio della tiroide…

Citazione:
Quanti se ne vedono ormai per le strade, che si atteggiano a donne fatali, quando si vede benissimo da tantissimi particolari a quale sesso appartengono.


Sembrano appartenere…

Arrow
Anonymous - Gio Ago 02, 2007 4:10 pm
Oggetto:
Citazione:
Hook ha scritto:
Già…, se invece il personaggio in questione è il cosiddetto “mandrillo” o anche “porco” solo con ragazzine o ragazze, invece va tutto bene?
Ibis ha scritto:
Mai capitati personaggi del genere, ed in ogni caso si possono benissimo bloccare.


Ah sì?

Citazione:
Se poi questo "mandrillo" capita con ragazze che ci stanno, non vedo cosa imputargli se fa bene poi il suo lavoro


E se sono ragazzi, invece?

Citazione:
Nel caso invece da me citato il lavoro è fatto male, perché già ci si parte da una situazione vissuta male che influenza quasi tutte le azioni.


Che strano…, pensavo che qualunque situazione vissuta male, incluso il matrimonio etero, potesse ripercuotersi sul resto…

Citazione:
Mai capitati personaggi del genere
CUT
Inoltre il "mandrillo"(mai visto)
CUT
Del resto, dirigenti donnaioli ne ho incontrati,


Scusa, come differenzi tu il donnaiolo dal mandrillo?

Citazione:
ma le loro azioni erano così soft da non dare fastidio a nessuno


Questo bisognerebbe chiederlo fondamentalmente all’oggetto delle attenzioni…, però, certo, facevano benissimo il loro lavoro e quindi…

Citazione:
Quando la vita sessuale va bene, e non lo dico io, l'individuo vive molto meglio tutte le altre situazioni, compreso il lavoro.


Ma questo concetto è valido sia a livello etero che omo…

Citazione:
Hook ha scritto:
Il concetto è quello che per quanto si possa conoscere vi sarà sempre moltissimo altro da conoscere…, è come il concetto di eternità o di infinito…
Ibis ha scritto:
Esatto, solo che dai tempi di Socrate ad ora quali sono questi progressi della conoscenza, a parte quella scientifica, che abbiamo fatto?


Bè, per esempio abbiamo riconosciuto che la schiavitù è un male, che la donna ha pari diritti all’uomo…, e comunque stiamo parlando di circa 2.500 anni di storia…, pochini nell’ambito dell’evoluzione…

Arrow
Anonymous - Gio Ago 02, 2007 4:13 pm
Oggetto:
Citazione:
Il nuovo può venire solo dalla scienza, ma per quanto riguarda l'uomo, sono secoli e secoli che non scoprono proprio niente di nuovo.


Ah, capisco…

Citazione:
E questa spinta da dove viene? Perché illusione? Anche Wotan dice "tutti moriremo, anch'io morirò. Ma quello che noi avremo fatto resterà imperituro". Altro concetto comune a tutte le culture.


Altra illusione comune a tutte le culture…

Citazione:
Hook ha scritto:
… e allora, in questo processo, che differenza farà se il prossimo Leonardo (omosessuale anche lui) oppure Ghandi, oppure Gesù (figlio illegittimo anche lui, a tutti gli effetti), oppure Buddha, oppure Mozart, o Lloyd Wright, o Fleming, o Rubbia, sarà figlio “carnale” di un maschietto ed una femminuccia (o anche concepito in provetta e poi “impiantato” nell’utero di una omosessuale) oppure un trovatello adottato da una coppia, etero o omo che sia?
Ibis ha scritto:

Quello che dici è molto riduttivo. Le implicazioni di certe scelte toccano tutta la società, sin dalle fondamenta, mentre tu stai semplificando tutto come se si trattasse di scegliere un tipo di pizza piuttosto che un'altra.


Non comprendo in cosa io sia riduttivo ; tu dici che è ciò che l’uomo lascia di sé, quello che conta. Io mi limito ad osservare che non mi pare abbia importanza da dove provenga quell’uomo, tutto qui…

Citazione:
Una civiltà si può anche autodistruggere per scelte sbagliate, e non sarà certo la nascita di un altro Leonardo a salvarla. Ammesso poi che la modernità possa dare uomini di questo genere.


E che ne sai? Tutto può capitare…

Citazione:
Hook ha scritto:
E’ il risultato quello che conta (soprattutto in termini di “natura”)…, cosa sappiamo noi quanti di questi personaggi esistono come bambini in qualche parte del mondo che, trovando l’occasione e l’ambiente propizi, potrebbero rivelarsi e far del bene (o del male) al mondo?
Ibis ha scritto:
Alcuni risultati già ci sono e non sono certo positivi.


E altri ci sono e non sono negativi…

Citazione:
Ma mi sa che ci stiamo allontanando dal tema della discussione, che tra l'altro non porterà a niente poiché ognuno rimarrà fermo nelle proprie posizioni.


Concordo: ormai (all’apparenza) è solo un esercizio dialettico, un duello intellettuale…, se sei d’accordo possiamo chiuderlo qui senza vincitori o vinti, sennò diventa peggio di una guerra di trincea…, e alla fine mi tocca bannare entrambi per eccessiva occupazione di banda…

Very Happy
Anonymous - Gio Ago 02, 2007 4:47 pm
Oggetto:
Citazione:
Sarà anche vero, ma intanto a Taormina il maschio siciliano ha sempre fatto strage di svedesi.


Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

Anonymous - Gio Ago 02, 2007 9:34 pm
Oggetto:
cavoli mi avete escluso dal discorso. come disse tarzan nessuno mi cita.
ma nessuno risponde alla domanda, quante sono le famiglie con un solo genitore biologico, quelle in cui ad accudire i figli ci sono i nonni o zii o peggio ancora asili nido, colleggi scuole full time (dove full stà per pazzi). l'essere buoni genitori oggigiorno è trovare come e dove parcheggiare al meglio i figli.
anzi, molti prestano maggior attenzione a dove parcheggiano l'auto.
per ibis, domanda da fare agli alunni, quanto tempo passano in media in famiglia con i genitori i tuoi studenti?
e qual'è la qualità del tempo trascorso con loro?
a seconda dell'età tra ripetizioni, attività sportive e tempo trascorso con i compagni o soli a casa, i genitori li vedono forse solo a colazione ed a cena ed in entrambi i casi con pochissimo tempo da dedicarsi reciprocamente.
e questo non da già adolescenti ma da molto prima. il caro vecchio rapporto genitori/figli è andato a farsi benedire prima dei paninari.
Anonymous - Dom Ago 05, 2007 2:50 am
Oggetto:
Citazione:

Mi sono espresso male, io intendevo sottolineare la differenza fra la “casualità” dell’avere un figlio e la “intenzionalità” del metterlo al mondo…, il punto, a mio parere, è proprio questo e, da questo punto di vista, qualunque processo alle intenzioni della famiglia omo tu possa fare, è certo che a una coppia omo è estremamente improbabile che un figlio venga per caso…

E questo cosa vorrebbe dire, che la coppia omo adotterebbe un figlio per dargli amore e non come un giocattolo, fermo restando quelli che sono i diritti del bambino, e cioé soprattutto quello di avere un padre ed una madre, perché questa è la natura.
Citazione:

Ci risiamo…, siccome la pensano come te sono onesti, altrimenti sono disonesti…

Si, se pensano di poter adottare un bambino. Zeffirelli, noto gay, ha definito ciò un abominio, e se lo dice un gay, tra l'altro di spessore.
Citazione:

Se così sarà vorrà dire che sarà avvenuto secondo natura…, sarà stata (giustamente, secondo il piano della natura) cancellata la società meno adatta a sopravvivere.

Non è affatto un discorso di sopravvivenza, almeno secondo quelle che sono le leggi della natura.
Citazione:

E allora, visto che chi dovrebbe presumibilmente cancellarci, ha un fortissimo senso della famiglia tradizionale (padre padrone e moglie/mogli in burkha), una fortissima coesione sociale dettata dalla legge religiosa della Sharia (và a farti saltare con i tuoi nemici per la gloria di Allah), una massa di popolo molto superiore alla nostra con una fame e una sete superiori alle nostre, come ti ho già detto sarà avvenuto secondo natura e quindi perché ti ink@§§i?

Ti puoi mettere l'animo in pace che questo avverrà, e non sono io a dirlo, a meno che nel frattempo non si cambi rotta, ma a stare a sentire te ed altri che vorrebbero proseguire su una certa strada sono un pò pessimista. D'altra parte i segnali sono abbastanza evidenti. Abbiamo letto Oriana Fallaci che ha ragione quasi al 100%. Altri hanno seguito la stessa scia, è fresco di questi giorni l'uscita di un libro scritto da un tedesco il quale ribadisce le stesse cose della Fallaci. Le testimonianze che poi giungono da certe città non fanno che avallare questi scritti. La natura in questo non c'entra proprio niente, sono ben altre le variabili. Io ho parlato di scomparsa di civiltà, non di persone fisiche, le quali prima poi saranno costrette a farsi crescere la barba islamica con tutti gli annessi e connessi. Non c'entra neanche il numero, in quanto l'Europa potrebbe benissimo tenerli a bada come del resto ha sempre fatto. Vinceranno per vari motivi, prima di tutto hanno un'identità che non rinnegano, e non certo come noi che ci battiamo il petto per i mali che abbiamo fatto in passato, e poi, piaccia o non hanno il senso della famiglia, e tante famiglie formano una patria. Così era l'Europa, ed è per questo che è arrivata dove è arrivata. Quando manca la famiglia una società è destinata a scomparire, dopo aver assistito allo sfascio di tutte le istituzioni. E' una cosa del resto che vediamo giorno per giorno, a cominciare dallo sfascio della scuola, che dovrebbe essere la seconda agenzia educativa dopo la famiglia. Una società come quella che propugni, con figli nati in provetta, allevati da coppie omo è semplicemente una società dove sono banditi i valori essenziali, una società priva di qualsiasi umanità, e no potrà resistere nello scontro con una società dove questi valori sono ancora vivi, insieme ad altri punti di riferimento, giusti o sbagliati che siano.
Citazione:

Siamo noi i contro natura ai quali non sta bene la Sharia…

Oppure vorresti fare nostri alcuni principi della Sharia? Così, tanto per rinforzare la nostra società…

Io personalmente no, ma prima o poi saremo costretti ad accettarli. Tieni presente quel povero regista olandese, sgozzato per aver osato nella sua terra di aver fatto un flim sulle donne islamiche. Direi che è più probabile che sia tu a volerle queste cose.
Citazione:

Bè, non mi sembrava di delirare nell’affermare che il sentimento onesto e sincero nei rapporti fra le persone sia la base di costruzione dei migliori rapporti interpersonali prima e, conseguentemente, sociali dopo

Mi pare che la tua sia una fissazione: se due persone oneste etc. etc. Ma dove sta scritto che le persone oneste possano fare qualsiasi cosa? Ma dove l'hai vista questa equazione?
Citazione:

Comunque tu devi avere qualche problema di cui non ti rendi conto: possibile che tu non riesca a vedere e a considerare l’esistenza di persone oneste e pulite che però non condividono le tue idee?

Fammene conoscere qualcuna di queste persone oneste e pulite.
Citazione:

Quand’anche un bambino fosse adottato da un nucleo familiare di più persone che fra loro vanno d’accordo, che si rispettano e si stimano, che vivono e lavorano onestamente, pagano le tasse ed insegnano il rispetto delle leggi e magari anche l’amore per la cultura, quale sarebbe secondo te il problema?

Ma che cosa intendi per nucleo familiare? Ancora il significato di famiglia non è stato cambiato nel dizionario. Due o tre persone che si conoscono, magari dello stesso sesso che decidono di convivere formano un nucleo familiare? Ma neanche per sogno. Persone che si rispettano, che si stimano etc. ma fammele un pò vedere. Qual'è il problema? Tanti. Ma ci vedo tanto di marxismo anche in questo: Il bimbo è di tutti, ma che fine abbiano fatto queste idee lo sappiamo tutti.
Citazione:

E perché ogni uomo non deve essere libero di scrivere il suo manuale se lo fa con onestà di intenti e senza rubare niente ad altri?

Questa poi! Allora se ne vada in cima ad una montagna, e se poi crede di essere un superman, si scriva pure il suo manuale. Se i romani avessero ragionato così non sarebbero usciti neanche dalle mura di Roma. Neppure gli anarchici ragionerebbero in questo modo. Ti ripeto ancora che "la strada del male è lastricata di buone intenzioni", e la persona onesta potrebbe essere pure cretina, credendo di poter fare non so cosa.
Citazione:

E tu sei convinto che un omosessuale maschio non riesca ad aver rapporti con una donna? Guarda che ti sbagli…

Ma se tu stesso hai affermato e parlato di una sessualità che certi individui non sentono propria, come potrebbero avere un normale rapporto senza desiderio? E' una cosa impossibile da realizzare. Non si tratta allora di omosessuali, ma di bisessuali se così vogliamo chiamarli.
Citazione:

In natura, in massima parte, si ha l’accoppiamento eterosessuale (tralasciamo le varie partenogenesi ed altre diverse istanze di diversa differenziazione sessuale che pure si danno) però…,

Abbiamo già detto che l'uomo ha delle cose che lo differenziano dagli altri animali. In ogni caso , ogni specie animale ha delle determinate abitudini che nel corso dei millenni non sono mai cambiate, e mi riferisco algli animali allo stato naturale e non a quelli in cattività.
Citazione:

Anche i preti al seguito dei conquistadores dicevano che andavano a portare la luce della fede e ad insegnare l'amore di Cristo…, tutti gli eserciti hanno i cappellani militari o i mullah o che altro…, anche le Guardie Rosse pensavano di fare il bene della Cina…

E allora è una ragione di più per evitare di imboccare certe strade, anche se il paragone da te fatto non credo che calzi a pennello. Sono osservazioni che derivano solo dal tuo modo di pensare e li porti ad esempio. Non vedo che male abbiano fatto i cappellani miltari, almeno quelli che io ho conosciuto.
Citazione:

No…, è un ragionamento per assurdo…, dovrebbe esserti familiare…

Appunto è un ragionamento assurdo, come proibire di mangiare o bere.
Citazione:

Scusa: definisci una coppia di etero dello stesso sesso…,

Una coppia è fatta di due persone o sbaglio?
Citazione:

E chi proibisce che ciò accada con qualunque coppia etero e senza rapporto sessuale? Ed è accaduto ed accade…, ho già parlato di matrimonio d’interesse mi pare…, fossi in te però non me ne preoccuperei tanto…, ci sono ancora troppi “maschioni” timorosi di passar da “ricchioni”…

Beh, se è quello che vuoi non vedo cosa ci sia da aggiungere, resta però il fatto che le pensioni vengono pagate con i contributi di tutti e non solo con i tuoi, e se permetti una pensione ottenuta con mezzi furbeschi e disonesti mi darebbe molto fastidio.
Citazione:

"In&Out"
è una breve (circa 1h15’) ma gradevolissima commedia brillante americana con Kevin Kline, Tom Selleck e altri ottimi attori. Merita vederla per il garbo, l’intelligenza e la delicatezza con cui affronta il problema.

La frase shakespeariana la pronuncia Giulietta nella scena del balcone.

Ora noto che gli americani ti piacciono, ma a me la filmografia americana di questo tipo non piace tanto, e di conseguenza non ho alcuna curiosità di vederlo. Penso che la frase di Giulietta stia meglio nella tragedia.
Citazione:

Premesso il fatto che ancor oggi sono tantissime le donne che tutti i giorni “subiscono” il rapporto etero per “dovere

Ma quante sono queste donne che subiscono questo rapporto? Ah capitano, ma dove vivi? Il resto delle tue affermazioni si commenta poi da se, neppure le contesto, e poi parli di amore, di umanità, beh, meglio lasciar perdere.
Citazione:

Più che altro tendo a pensare che ci possa essere un trauma derivante dallo scoprire che c’è stato un rifiuto di loro che anche tutto l’amore dei genitori ha problemi a compensare.

D’altra parte posso pensare invece che il sapere di essere stati fortemente voluti, a dispetto di tutte le contrarietà e gli ostacoli che possano essere stati frapposti, dovrebbe/potrebbe rafforzare la sicurezza nell’affetto dei genitori, quali che siano.

Di fatto nella maggioranza dei casi non è così.
Citazione:

Paese che ha un’antica tradizione di libertà di espressione, a cominciare da quella religiosa come poterono scoprire, per loro fortuna, gli Ugonotti, tanto per fare un esempio.

I buchi si vedono quando la neve si scioglie. E adesso li stanno vedendo gli stessi olandesi, e qualche moschea l'hanno cominciata a incendiare. Chissà se non sarebbe meglio. "eius regio, cuius religio", invece di parlare sempre di libertà, come se gli uomini in stragrande maggioranza sapessero dare un giusto significato a questa parola.
Citazione:

Oppure tutti gli omosessuali sono degenerati, depravati, pedofili etc?

Assolutamente no, e infatti tanti non sono d'accordo con i loro, se così si può dire, colleghi.
Citazione:

E’ una scoperta relativamente recente (1942) di una sindrome che deriva da un’anomalia cromosomica.

Stiamo parlando di gene dell'omosessualità, e non di anomalie cromosomiche. Come se tutti gli omo avessero poi quest'anomalia, altra cosa da dimostrare.
Le mutazioni genetiche, portano cambiamenti molto più evidenti, e possono essere casuali o per cause artificiali, ed inoltre possono essere vantaggiose o svantaggiose.
Citazione:

Vedi sopra per le prime due domande. Quanto alla terza direi che accertare le cause fisiologiche potrebbe essere un buon inizio per cominciare a capire che non si tratta di vizio, perversione, degenerazione e, soprattutto, cosa peraltro già abbastanza patente, che non esistono maschi al 100% o femmine al 100%.

Quest'altra teoria non provata a livello scientfifico, l'ho letta diversi anni fa, ed evito di commentarla. Sarà qualche altra scoperta come l'andropausa, salvo poi a dare di quest'altra parola una spiegazione poco convincente e poco scientifica. E' sorprendente come tutte le scoperte fatte negli ultimi anni, non provate a livello scientifico, tendono tutte ad un fine, e cioè a quello di livellare. L'ultima che ho letta, di un altro cervellone è che non esiste l'intelligenza, spiegando a modo suo, che quasi quasi tutti gli uomini sono intelligenti allo stesso modo.
Citazione:

Bè, è uno psicologo, quindi si occupa di una scienza che non mi sento di assimilare alla fisica o alla matematica. Comunque al riguardo amplierò in altra occasione.

Categoria che non amo alla follia.
Citazione:

Anche la scienza ha i suoi tempi…, quello che non è provato oggi non è detto che non lo sarà domani…, questa è proprio la ragion d’essere della scienza.

Citazione:

Se non provi non lo scopri, questo dice il metodo sperimentale…

Certo, solo che non stiamo parlando solo di scienza, ma anche di cose che con la scienza non hanno niente a che vedere.
Citazione:

Roberto Gervaso, nel suo simpaticissimo “Se vuoi che t’ami” (l’avessi letto a 20 anni! Purtroppo non lo aveva ancora scritto…) dice che “la festa si svolge a casa della donna”…, buona educazione vuole che in casa altrui ci si comporti come preferisce il padrone, in questo caso la padrona di casa…

Cosa ha a che vedere con quello che ho detto?
Citazione:

Scusa, in che mondo vivi? E comunque che non risulti a te non significa che non esista...

Esattamente in questo mondo, non solo, ma con le famiglie ci lavoro. Certi ragionamenti si fanno con i grandi numeri, e non con qualche caso di nostra conoscenza. Se poi credi di saperne più di me in questo campo, cosa vuoi che ti dica?
Citazione:

Che non siano più la regola è da dimostrare. Quanto all’addirittura: in che senso addirittura?

Non c'è assolutamente nulla da dimostrare, vedi di informarti. Ma scherzi? Le abitudini sono radicalmente cambiate. 40 e più anni fa, ad una certa ora, in giro si vedevano soltanto persone di sesso maschile, e delle coppie, ma donne sole non se ne vedeva l'ombra. Se raramente se ne vedeva qualcuna, ovviamente abbastanza matura, era considerata alla stregua di una prostituta. Al giorno d'oggi, a qualsiasi ora si vedono ragazzine, sole o in compagnia di altre amiche o amici a tutte le ore del giorno e della notte. Per l'addirittura ti pongo una domanda: ma ai tuoi tempi quante volte succedeva che era la donna, in modo evidente, a prendere delle iniziative. "A quello ancora non me lo sono foxxxxo". Hai sentito ai tuoi tempi frasi del genere dette da una ragazza?. E se si quante volte? Sei mai entrato in una scuola in un bagno femminile e leggere quello che c'è scritto sulle pareti? Hai mai intercettato uno dei tanti bigliettini che gli alunni di una classe si inviano tra di loro? Ma tu di quello che accade non ne hai la minima idea? E mi dici dove vivo, e parli ancira di maschio mediterraneo? Ah capitano, aggiornati!
Anonymous - Dom Ago 05, 2007 5:37 pm
Oggetto:
Nikita ha scritto:
Citazione:
Sarà anche vero, ma intanto a Taormina il maschio siciliano ha sempre fatto strage di svedesi.


Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

Che cosa sai di Taormina, città ad alta concentrazione turistica a mezz'ora da casa mia? Hai mai visto un bagnino fare delle tacche su un ombrellone? Tante tacche quanto le conquiste di una stagione. Hai mai visto poi qualcuno portare trofei come slip di carta usa e getta(cose che usavano in Svezia Quando noi non avevamo neppure i fazzolettini di carta). Evito di continuare con fatti del genere, ed aggiungo che non so in queste situazioni se erano più cretini questi signori o erano più cretine le straniere che si mettevano con loro. Se poi andiamo ancora indietro nel tempo, si dovrebbe citare una Maria Ciliakus, giornalista svedese che venne in Sicilia per farsi una storiella con un assassino come Giuliano, poiché al di là delle leggende era solo un assassino, e neanche tanto intelligente. Come vedi le risate sono fuori luogo.
Anonymous - Dom Ago 05, 2007 6:52 pm
Oggetto:
Citazione:

Paragone un po’ sbilanciato, a mio parere…

Opinione del tutto rispettabile, come tutte le opinioni.
Citazione:

Vizio, interesse, bontà tua anche l’amicizia…, la stima reciproca non ti è passata per la mente, l’affetto guai a nominarlo…, ma se sommi stima, attrazione, anche amicizia e sesso che cosa ottieni?

Stima, affetto, etc. ma sono tutte cose che prescindono da qualsiasi rapporto sessuale.
Citazione:

Prova a proporlo oggi ad una donna moderna di media intelligenza e cultura…

Non è cambiato assolutamente nulla in questo o vuoi che ti faccia nomi e cognomi.
Citazione:

Certo che no sul piano sociale…, la regola era “Il marito parla e la donna stà zitta…” e comunque era la donna che ne sopportava le conseguenze…, certo che era quella la cosa che contava: che tutto continuasse ad andare come era sempre andato…, esattamente quello che vogliono gli integralisti islamici…

Si nell'ottocento. Per quanto riguarda gli integralisti, otterranno prima o poi quello che vogliono, tanto più che ci sono addirittura degli italiani imbecilli che si convertono all'islam.
Citazione:

Intanto spiegami perché un matrimonio fatto solo per amore dovrebbe essere stato fatto “a torto o a ragione”…, poi spiegami una volta di più perché in un rapporto fra due persone che si stimano, che si rispettano, che si amano (hanno affetto reciproco), che si prendono cura reciproca, dovrebbe invece esserci “solo tanto squallore” perché l’espressione della loro sessualità è diversa dalla tua…

E' un confronto che non regge , stiamo parlando di una cosa che è nella natura e che serve ad un determinato scopo, mentre l'altra non serve affatto. E poi fammi vedere una buona volta queste coppie che si stimano, che pagano le tasse etc. E non parliamo di sessualità, ma di surrogato.
Citazione:

Reciproco a molte tue affermazioni…

Di quali se lecito?
Citazione:

Dunque ti sta bene che una coppia etero stia insieme per convenienza ma non che lo faccia, se lo fa, una coppia omo…

E chi lo impedisce? Caxxi loro, ma che rimangano loro.
Citazione:

Vuol dire molto semplicemente che tu parli di sessualità deviata e io ti chiedo perché deviata...

Mi pare di averlo già detto diverse volte, perché ripeterlo ancora? Inoltre è solo un surrogato della sessualità perché bisogna ricorrere a mezzi del tutto artificiosi, Secondariamente riguardo al sesso riproduttivo e a quello di piacere, anche qui c'è una precisa logica. L'uomo non ha i periodi di calore cpme gli altri animali, e quindi tocca a lui darsi una controllata, altrimenti ci sarebbe una gravidanza ad ogni rapporto. I mezzi esistono e sono del tutto naturali, centinaia di persone li usano senza ricorrere a pillole od altro. Riguardo al creatore, e lo ripeto ancora, Egli ha creato cose positive e cose negative, anche questa una cosa logica, altrimenti come si fanno i raffronti, e nessuno lo critica per questo, tutt’altro. Se l 'asse della terra non fosse inclinato non esisterebbero le stagioni, come vedi il creatore ha pensato proprio a tutto.
Citazione:

Forse perché l’animale non è consenziente…, nel caso del pedofilo perché commette un reato…, nel caso del necrofilo perché, una volta di più, manca il consenso della controparte… e quanto alla gerontofilia, bè, caro prof., quello è uno dei casi più frequenti di rapporto dettato dall’interesse ma, se vi è il consenso delle parti, come pensi di definirla legalmente prima, e di punirla dopo?
E poi, sii sincero, ma tu la scacceresti Lolita se ti venisse a cercare?

Ti sbagli, in quanto l'animale spesso è pure consenziente, come se fosse una coppia anche in questo caso. Consenso o no sono deviazioni, il succo è questo, e potrmmo aggiungerne ancora. Riguado alla gerontofilia, quello che tu proponi è solo un aspetto, in quanto anch'essa è una deviazione.
Lolita io l'ho scacciata, in quanto sono abbastanza intelligente da distinguere un'infatuazione giovanile da un innamoramento, e di conseguenza non ho approfittato di una ragazzina di 13 anni, e per questo sono stato anche ringraziato. La gratifica ricevuta è stata molto più bella di un'eventuale avventuretta.
Citazione:

Posto che la cosa che tu chiami sbagliata sia un reato previsto dalla legge…, altrimenti lo commetti tu il reato…

Nessuna legge impedisce di fumare, ma è una cosa appurata che fumare è sbagliato, e pertanto bisogna adoperarsi per evitare questo.
Citazione:

Bè, se ti sei letto l’articolo sulla sindrome di Klinefelter avrai notato come una combinazione cromosomica influenzi anche la psiche; al tempo di Freud però non era stata ancora studiata e scoperta. Idem dicasi per la altre codifiche genetiche che quasi certamente sono alla base della connotazione sessuale.

E allora siamo là, dobbiamo considerare certi comportamenti alla stregua delle malattie. D'altra parte in un altro post tu parli di anomalie cromosomiche. Se sono anomalie devono essere anomale anche le conseguenze. Riguardo Freud, la sua teoria è sganciata dalle possibili alterazioni fisiologiche o cromosomiche. I sogni si interpretano in un certo modo, indipendentemente se uno ha la tiroide o meno. In ogni caso ancora non c'è stato nessuno alla sua altezza. Ricordo quello che mi disse un amico psicologo, il quale ogni volta che leggeva qualcosa di nuovo o seguiva qualche corso di aggiornamento, alla fine scopriva che le stesse cose le aveva già dette Freud.
Citazione:

Se ti ricordi la Bibbia, Adamo ed Eva provarono la vergogna della loro nudità solo DOPO il peccato originale…, c’entra poco ma serve a rinforzare il concetto che la vergogna è in massima parte esogena, deriva quindi dal condizionamento sociale. Per esempio le vahinè tahitiane che accolsero i marinai del Bounty certo non si vergognavano della loro nudità…, nell’Inghilterra vittoriana si coprivano le gambe dei pianoforti, nella Creta minoica le donne esibivano il seno con orgoglio…, ergo il tuo “distorta” implica solo che tu e altri la vedete tale…

Stiamo parlando di altre cose, la leggenda da te citata ha solo dei significati intrinsechi, anche questi comuni a tutte le culture. Stiamo parlando di sessualità distorta e non di seni scoperti o altro. Che sia distorta e che sia solo un surrogato è stato ampiamente spiegato, quindi non mi fare ripetere sempre le stesse cose.
Citazione:

Definisci vizio…

Esiste il dizionario per questo: abitudine inveterata e pratica costante di ciò che è male.
Citazione:

Spiegami come riesci a discriminare l’essere dal sentire visto, intanto, che siamo “esseri senzienti”; spiegami poi anche come fai a discriminare dato che è abbastanza noto, ormai, che appunto le differenze ormonali influenzano il sentire e quindi l’essere…, vedi anche il banalissimo esempio della tiroide…

E questo cosa vuol dire? Te lo dico io, che bisogna accettare tutto e tutti, visto che è colpa degli ormoni.
Citazione:

Sembrano appartenere…

Capitano! Suppongo che devo prenderla per amenità. La conosci la differenza tra i caratteri sessuali primari e quelli secondari?
Anonymous - Lun Ago 06, 2007 1:16 am
Oggetto:
Citazione:

E se sono ragazzi, invece?

Intanto mi pare un pò difficile al giorno d' oggi che dei ragazzi lascino fare il primo maiale che incontrano, ma poi quanti casi di questo genere conosci?
Citazione:

Che strano…, pensavo che qualunque situazione vissuta male, incluso il matrimonio etero, potesse ripercuotersi sul resto…

Certo, anche altre situazioni vissute male si possono ripercuotere sul resto, ma un conto è andare in macchima a 50km allora, e un conto è andare a 150km allora. L'incidente può capitare in tutti e due i casi, ma è molto più probabile che accada nel secondo caso. Un conto è partire col piede giusto, ed un conto è partire col piede sbagliato.
Citazione:

Scusa, come differenzi tu il donnaiolo dal mandrillo?

il donnaiolo in genere è moòto più discreto del mandrillo, il quale per l'appunto assomiglia più ad un animale. Il primo sa dove può arrivare, mentre il secondo passa come un rullo compressore.
Citazione:

Ma questo concetto è valido sia a livello etero che omo…

Certamente, ma come ho già detto, un conto è partire col piede giusto ed un conto col piede sbagliato, e quindi nel secondo caso difficilmente si può vivere bene, perché si è sempre portati a fare un confronto, e ci si accorgerà immancabilmente che non si potrà mai essere una donna o un uomo a seconda dei casi. Questo è uno, a mio avviso. dei principali motivi di una sessualità vissuta male e le conseguenti frustrazioni.
Citazione:

Questo bisognerebbe chiederlo fondamentalmente all’oggetto delle attenzioni…, però, certo, facevano benissimo il loro lavoro e quindi…

Già fatto, ed il risultato è che ne dicon gran bene.
Citazione:


Bè, per esempio abbiamo riconosciuto che la schiavitù è un male, che la donna ha pari diritti all’uomo…, e comunque stiamo parlando di circa 2.500 anni di storia…, pochini nell’ambito dell’evoluzione…

Concetti che ancora non tutti hanno assimilato, in quanto la schiavitù(da noi sotto altre forme)esiste ancora e non in tutte le società donna ed uomo hanno pari diritti. Ma questo in ogno caso non c'entra, poiché neppure nell'antica Grecia esistevano gli schiavi. Il punto è che, cosa già detta, sull'animo umano si sa tutto, altrimenti come avrebbe fatto Platone a descrivere la situazione che stiamo vivendo. L'uomo uno sxxxxzo era e tale è rimasto, e se non è cambiato in 2500 anni, non credo che ci siano speranze.
Citazione:

Altra illusione comune a tutte le culture…

Sbaglio o vorresti contestare l'esperienza di secoli e secoli, non ti sembra di esagerare? Mi ricordi quello che disse una volta una persona semplice ma saggia ad un'altra persona: "signora, ma lei vorrebbe cambiare il mondo?". Mi pare che la stessa cosa vorresti fare tu, ma il mondo e l'umanità resteranno sempre gli stessi, a dispetto mio e tuo, e forse è giusto che sia così.
Citazione:

E che ne sai? Tutto può capitare…

Ricordo quello che disse una volta un tizio che ci faceva lezione di vocalità: "l'arte è sofferenza". A me non diceva niente di nuovo in quanto è stato sempre una cosa che avevo sempre pensato. Ma come può una società appiatttita(soprattutto verso il basso)e programmata dare uomini di un certo spessore? Ed infatti non succede, a meno che non si considerino uomini di spessore i cialtroni che riempiono le pagine dei giornali con le loro prodezze.
Citazione:

E altri ci sono e non sono negativi…

Ah davvero?
Citazione:

Concordo: ormai (all’apparenza) è solo un esercizio dialettico, un duello intellettuale…, se sei d’accordo possiamo chiuderlo qui senza vincitori o vinti, sennò diventa peggio di una guerra di trincea…, e alla fine mi tocca bannare entrambi per eccessiva occupazione di banda…

Non avevo ancora finito di rispondere alle tue considerazioni, ammesso che non me ne sia sfuggita qualcuna; e quindi possiamo anche chiudere come dici tu senza vincitori ne vinti, ma d'altra parte non era questo lo scopo, in quanto la cosa era immaginabile. In effetti stiamo poi occupando un sacco di spazio, magari a discapito di altri argomenti.
Anonymous - Lun Ago 06, 2007 1:32 am
Oggetto:
Citazione:

cavoli mi avete escluso dal discorso. come disse tarzan nessuno mi cita.
ma nessuno risponde alla domanda, quante sono le famiglie con un solo genitore biologico, quelle in cui ad accudire i figli ci sono i nonni o zii o peggio ancora asili nido, colleggi scuole full time (dove full stà per pazzi). l'essere buoni genitori oggigiorno è trovare come e dove parcheggiare al meglio i figli...

Ciao Ugo, non sei stato escluso, in quanto dovevo finire di rispondere ad Hook. Hai perfettamente ragione nelle tue osservazioni. Tutto quello che hai puntualizzato risponde al vero. Ti posso solo dire che anche questo fa parte dello sfascio generale che riguarda la società in cui viviamo, e adesso asèettiamo solo il colpo di grazia.
Citazione:

per ibis, domanda da fare agli alunni, quanto tempo passano in media in famiglia con i genitori i tuoi studenti?
e qual'è la qualità del tempo trascorso con loro?

A parte che non conta la quantità ma la qualità, ti posso solo dire in base alla mia esperienza che là dove c'è una famiglia alle spalle, che segue e si interessa delle sorti del figlio le cose vanno molto meglio, Se poi la famiglia è di stampo tradizionale(cosa abbastanza rara)e non dà mai ragione al ragazzo, le cose vanno ancora meglio. Ovviamente come in ogni cosa ci sono le dovute eccezioni, ma certe considerazioni si fanno sempre sui grandi numeri.
Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Powered by phpBB2 Plus based on phpBB