Indice del forum

SPIRITO LIBERO E INDOMITO. IL FORUM DI CHI NON AMA CANTARE NEL CORO DEI PIU'.



PortalPortale  blogBlog  AlbumAlbum  Gruppi utentiGruppi utenti  Lista degli utentiLista degli utenti  GBGuestbook  Pannello UtentePannello Utente  RegistratiRegistrati 
 FlashChatFlashChat  FAQFAQ  CercaCerca  Messaggi PrivatiMessaggi Privati  StatisticheStatistiche  LinksLinks  LoginLogin 
 CalendarioCalendario  DownloadsDownloads  Commenti karmaCommenti karma  TopListTopList  Topics recentiTopics recenti  Vota ForumVota Forum

UNA VERA REPUBBLICA DEI CITTADINI.
Utenti che stanno guardando questo topic:0 Registrati,0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti registrati: Nessuno


 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> ATTUALITA'
PrecedenteInvia Email a un amico.Utenti che hanno visualizzato questo argomentoSalva questo topic come file txtVersione stampabileMessaggi PrivatiSuccessivo
Autore Messaggio
Anonymous

Ospite















MessaggioInviato: Mar Giu 26, 2007 10:08 am    Oggetto:  UNA VERA REPUBBLICA DEI CITTADINI.
Descrizione:
Rispondi citando

Leggo volentieri e ospito ancor più volentieri la proposta di Calabrialibre, in dieci punti, per un'Italia punto e a capo.

Dieci punti di democrazia.


1. Introduzione delle primarie per legge, al di fuori delle logiche partitiche, promozione della democrazia popolare e partecipata;


2. Immediata riduzione del 50% del costo della politica, degli apparati dei partiti e dei sindacati, delle consulenze e riduzione drastica di tutti i privilegi e benefit a queste categorie referenti. Prelievo a favore del fondo sociale per i pubblici dipendenti che appartengono (Stipendi e pensioni d’oro) alle fasce reddituali più alte;

3. Costituzione di un fondo sociale con i risparmi della politica e con l’utilizzo dei beni confiscati, per alleviare le problematiche delle classi meno abbienti, per la tutela della maternità e dei minori, introduzione di norme più severe per le violenze su soggetti più deboli (anche immigrati), costituzione di una agenzia nazionale per la tutela della maternità e dell’infanzia;

4. Istituzioni di nuclei territoriali di monitoraggio e controllo della spesa pubblica e dell’etica comportamentale in relazione alla pubblica amministrazione, sorteggiati da appositi elenchi, di cittadini e professionisti che si rendono gratuitamente disponibili, con rinnovo ogni sei mesi, della metà dei membri, coordinato da un magistrato, il nucleo può emettere eventuali atti di censura, e segnalazioni all’autorità giudiziaria;

5. Legge sull’informazione e sul conflitto d’interessi, depenalizzazione del reato di diffamazione in relazione alle opinioni espresse nei confronti degli amministratori pubblici, politici o manager di imprese a partecipazione pubblica. Sviluppo delle attività di ricerca, per l’istruzione e per la diffusione della cultura, riqualificazione del corpo docente, nuove regole di reclutamento per il mondo accademico;

6. Riforma del lavoro, formazione specializzata, redazione di elenchi pubblici per comparto e rotazione degli iscritti, nella pianta organica della pubblica amministrazione, anche ricorrendo al sorteggio, compresi i soggetti che aderiscono alle agenzie interinali, sottoposizione al contributo sociale per i proventi percepiti dallo svolgimento di attività sportive, di spettacolo, per le vincite a lotterie, giochi e scommesse, lasciti o eredità non dirette e degli utili non reinvestiti in azienda aldilà di una certa soglia. Introduzione di sistemi di premialità e meritocrazia, lotta al familismo ed al nepotismo, affermazione della pari dignità e della corretta competizione.

7. Inibizione al voto ed alla partecipazione alle campagne elettorali, di tutti coloro che sono condannati per reati associativi, soprattutto per i reati di stampo mafioso; reale estrazione a sorte per la composizione dei seggi elettorali, con esclusione di tutti coloro che hanno subito condanne penali, tranne che per reati di opinione. Informatizzazione dell’esercizio del voto, previa istituzione di osservatori autonomi di controllo.

8. Accelerazione dell’azione processuale per i politici, dirigenti e funzionari della pubblica amministrazione, sospensione e successiva decadenza degli eletti in caso di rinvio a giudizio o condanna, per reati associativi o contro l’ambiente o il pubblico patrimonio, licenziamento per i dipendenti della pubblica amministrazione, colpevoli degli stessi reati, esclusione da ogni beneficio per i condannati per reati percepiti dalla pubblica opinione come più gravi;

9. Individuazione di casi di facile ed ingiustificato arricchimento. Verifica patrimoniale per i manager pubblici, i consulenti di enti pubblici, i politici e i pubblici amministratori. Inasprimento delle pene e dei controlli sui reati finanziari (Insider Trading). Verifica degli investimenti con contributi pubblici. Confisca dei beni dei quali non è possibile verificare o giustificare la provenienza, in caso di elusione delle norme sugli investimenti con sostegno pubblico o di soggetti che non abbiano tenuto comportamenti fiscali corretti nei dieci anni precedenti alla verifica. Immediata concessione in uso dei beni confiscati ad associazioni ed organizzazioni solo per finalità di pubblica utilità.

10. Revisione delle regole nel sistema bancario, assicurativo, sanitario, della comunicazione, gestione rifiuti e dell’energia a tutela degli utenti contro monopoli, oligopoli e le lobbies. Nuova regolamentazione per l’accesso alle professioni, abbattimento delle barriere in tutti i settori, per favorire la concorrenza e l’occupazione. Authority rafforzate, con poteri sanzionatori certi ed efficienti.


Per me sono tutti punti pienamente condivisibili.
Torna in cima
Adv



MessaggioInviato: Mar Giu 26, 2007 10:08 am    Oggetto: Adv






Torna in cima
Anonymous

Ospite















MessaggioInviato: Mar Giu 26, 2007 4:45 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

quoto.
prendo un sonnifero pesante stanotte e rileggo tutto magari riesco a vederlo per 8 ore sto sogno
Torna in cima
Anonymous

Ospite















MessaggioInviato: Mar Giu 26, 2007 7:25 pm    Oggetto:  Re: UNA VERA REPUBBLICA DEI CITTADINI.
Descrizione:
Rispondi citando

CptHook ha scritto:
Leggo volentieri e ospito ancor più volentieri la proposta di Calabrialibre, in dieci punti, per un'Italia punto e a capo.
.............................................................cut....................................
Per me sono tutti punti pienamente condivisibili.


Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!



UTOPIAAAAAAAAAAA

Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
Torna in cima
Anonymous

Ospite















MessaggioInviato: Mar Giu 26, 2007 9:43 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

c'è qualcosa da limare ma in teoria potrebbe portare a qualche cambiamento.
in primis nessun professionista si muoverebbe senza un adeguato compenso, chi regalerebbe 6 mesi di lavoro ?(è vero che ne regaliamo 5 in tasse, ma sarebbe addirittura peggiorativo).il nepotismo in quale settore? se intendiamo la res pubblica va bene, ma massacrarmi di fatica per lasciare uno studio avviato a chicchessia mi pesa un poco. le pensioni d'oro? dipende, se sono soldi che lo stato ha regalato a senatori etc, potrei anche essere d'accordo, ma se sono versamenti fatti o trattenuti sullo stipendio, a questo punto mi sento derubato 2 volte. questo non significa che non si debba partire con il cambiamento, tutto è in evoluzione e si deve evolvere per sopravvivere.allora, perche non partiamo dal far funzionare a dovere quello che abbiamo? esempio: l'italia importa materie prime, metalli e derivati della plastica, legno e quant'altro. possibile che dobbiamo importare materie riciclate da altre nazioni e le nostre devono affogarci? l'immondizia di napoli, quanto gas di città svilupperebbe? quanti quintali di fertilizzante, quanti metalli poveri o di valore gettati a casaccio . e se la fiat di melfi iniziasse a produrre scocche e parti delle auto in produzione con i materiali riciclati in loco?
il servizio antiincendio costa in maniera spopositata, aqbbiamo qualche milione di disoccupati a vario titolo, perchè a fronte dell'assegno di disoccupazione questi signori non prestano il loro servizio per tener puliti i boschi, o altri lavori socialmente utili? sarebbe semplicissimo, ti rechi all'ufficio del lavoro, ti dichiari disoccupato e loro ti mettono a disposizione della squadra di rifacimento strade, o pulizia boschi o spiagge, o alle coltivazione per biomassa o biocarburanti. questi soldi non peserebbero a vuoto sulla mia busta paga, ridurrebbero i costi dell'amministrazione della cosa pubblica.vogliamo far funzionare la scuola? quello che di tasse ci viene tolto per la pubblica istruzione può essere suddiviso in due tranches, la prima divisa equamente tra gli istituti, la seconda attribuita a seconda dei meriti dei vari istituti, che si vedrebbero attribuire una certificazione di qualità in base alla preparazione degli studenti e dei risultati nei campi della ricerca da parte delle università. stessa cosa per la pubblica amministrazione, servizio ospedaliero e dei trasporti. ammettendo che per assurdo lo stipendio di chi gestisce la pulizia dei vagoni ferroviari dipenda direttamente dalla valutazione degli utenti, quanto aumenterebbe la qualità dei servizi?
Torna in cima
Anonymous

Ospite















MessaggioInviato: Gio Lug 05, 2007 9:44 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Continuo ad ospitare con grande piacere le iniziative de "La repubblica dei cittadini"; possiamo anche non apprezzare o aver simpatia per alcuni o tutti i personaggi ma, se non altro, qualcuno si muove, ci prova, si alza sulle zampe di dietro, si rende visibile, si espone in prima persona.
Per me questo è ALTAMENTE apprezzabile e deve avere risalto.

-------------------------------------------------------------------------------------



Il Nostro progetto comprende la Presentazione al Parlamento di cinque Petizioni Popolari (come previsto dal'Art.50 della Costituzione).


LEGGI LE PETIZIONI a:


Cominciando da quella sulla SANITA' PUBBLICA vorremmo avviare una riflessione con i nostri lettori.

PETIZIONE SULLA SALUTE.

La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell'individuo e interesse della collettività ( art.32 della Costituzione)

I tempi delle liste di attesa per i ricoveri programmati e gli interventi chirurgici, per le visite specialistiche, gli esami diagnostici, soprattutto ad alta tecnologia come TAC, Ecografie, Dopler, Risonanza Magnetica ecc e per gli esami diagnostici non invasivi come le Colonscopie ecc sono eccessivamente lunghi, nonostante leggi e decreti prevedano tempi più rapidi. I cittadini il più delle volte, preoccupati e stanchi di aspettare, scelgono, a pagamento, strutture private...


MANDATECI STORIE, ESPERIENZE E RIFLESSIONI SU QUESTO, ATTUALISSIMO E FONDAMENTALE TEMA.

CLICCATE QUI
e mettete in oggetto 'la nostra salute'. grazie.

LA NOSTRA INIZIATIVA NASCE CONTANDO SULLA PARTECIPAZIONE E IL DIALOGO TRA TUTTI I CITTADINI CHE VOGLIONO PARTECIPARE E DIALOGARE PER 'INVENTARE' UN NUOVO MODO DI FARE POLITICA...

LA RUBRICA "NOI, I CITTADINI"

l'abbiamo aperta proprio per conoscere le vostre proposte, per discuterne, perchè ognuno possa raccontare il proprio disagio ma che voglia anche proporre e impegnarsi...
SCRIVI ALLA RUBRICA
mettendo in oggetto IO, CITTADINO

Elio Veltri risponde alle mail che avete inviato alla rubrica NOI,I CITTADINI leggi


Abbiamo anche un blog, se vuoi partecipare CLICCA QUI


Milano - 9 luglio 2007 - h. 21.00 - Spazio Teatro - Via Fratelli Zola 89

Ingresso con sottoscrizione libera

“Italiopoli, oltre la repubblica delle banane… dove gli impuniti vivono felici e contenti” - una serata con Oliviero Beha che presenterà il suo ultimo libro “Come resistere nella palude di Italiopoli”.



Al dibattito, che avrà inizio alle 21.00, parteciperanno, tra gli altri, Elio Veltri e Peter Gomez, giornalista de L’Espresso. La serata è organizzata dal gruppo milanese degli Amici di Beppe Grillo, anche detti Grilli Altoparlanti – movimento di cittadini che si mobilita sulla scia del blog del celebre comico.

C’è bisogno di una nuova riserva indiana, un posto segreto dove incontrarsi, carbonari del nuovo millennio che vogliono trasformare il disgusto in energia positiva e propositiva.

Questo libro duro e spiazzante è un manuale di sopravvivenza. E’ un breviario per chi crede ancora nella possibilità di reagire e invertire la marcia della nostra italica degenerazione.Degenerazione della politica, con una classe dirigente senza qualità e senza coraggio intellettuale. Uomini e donne da Bagaglino, la trasmissione televisiva in cui i comici non devono più fare lo sforzo di drammatizzare comicamente la realtà: i fatti e la cronaca bastano da soli a far ridere una platea grassa e benestante. Un’etica ormai sbrindellata e fatta a pezzi da decenni di malaffare e di corruzione. Una complementarità sempre più stucchevole tra destra e sinistra.

E ancora: il degrado della tv, l’economia da far west (chi arriva prima prende tutto), l’informazione a comando, l’inquinamento reale e metaforico. Un grido di rabbia fuori dal Palazzo del potere. Contro ogni convenienza. Contro ogni opportunismo. Contro i furbi e i famosi da reality. Contro un Paese che ha azzerato la memoria del passato e la questione del futuro.

Un Paese che naviga a vista, verso la deriva.

Per ulteriori informazioni:

Associazione “Grilli Altoparlanti Milano”: uno dei numerosi gruppi di “Amici di Beppe Grillo” formatisi spontaneamente dopo la nascita del blog di Beppe Grillo. Non un fan club, ma un gruppo di persone che condividono lo spirito critico con cui Beppe Grillo analizza, nel suo blog e nei suoi spettacoli, le informazioni e i fatti di questo tempo. Il gruppo si organizza per favorire una corretta informazione, stimolando le persone a prendere coscienza delle disfunzioni del nostro sistema politico-istituzionale che tanta influenza esercitano sulla nostra vita quotidiana.

Ufficio stampa Amici di Beppe Grillo di Milano

Tommaso Zampagni - Tel: 338 2740408 - Odette Di Maio- Tel: 339 7770039

e-mail:


Forum:
Torna in cima
Anonymous

Ospite















MessaggioInviato: Gio Lug 05, 2007 1:09 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Ripeto, democrazia, ovvero potere del popolo o ancora autoamministrazione diretta, sono utopie. Il popolo, come entità, è simile ad un bambino, semplicemente non è in grado di autoamministrarsi perchè ognuno, sempre, mette in campo la sua idea o le sue necessità, interpretandole come la migliore o le più urgenti, rispetto a tutte le altre. Così facendo, non si arriva mai da nessuna parte in quanto è sufficente che ci sia una maggioranza che per strumeni o convenienze sia indirizzata in un certo senso, per mettere in piedi porcate inimmaginabili.
Torna in cima
Anonymous

Ospite















MessaggioInviato: Sab Set 15, 2007 3:32 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

All stessa stregua dei programmi di Beppe Grillo, il quale è meglio che continui a fare il comico, trovo molti punti discutibili in questo decalogo di Calabrialibre. Intanto sarei curioso di sapere a quale parrocchia appartengono queste persone, in quanto non credo affatto nell'apoliticità.
Già dai primi punti si parla di prelievi alle fasce reddituali più alte, e vorrei sapere con quale diritto, visto che stiamo parlando di diritti acquisiti, Caso mai si cambiano le norme che prevedono certe pensioni in modo che nessuno in futuro possa più usufruirne. Questa proposta mi puzza molto di una certa ideologia, ma andiamo avanti ed esattamente al terzo punto, dove si parla di beni confiscati. Quali beni si dovrebbero confiscare? ed anche in questo caso con quale diritto? A chi bisognerebbe confiscarli?A meno che non si parli chiaramente di beni che derivano da illeciti che siano a loro volta dimostrati.
Discutibile anche il quarto punto sui cittadini che si rendono gratutitamente disponibili. Mi sembra una cosa non tanto facile trovare gente disposta a perdere tempo gratis. Ma poi questa censura come dovrebbero emetterla, a maggioranza assoluta? All'unanimità? E siamo poi certi dell'integrità di questi cittadini? Oppure il fatto che ogni sei mesi cambino mette al sicuro da casi di corruzione? Niente affatto, come dice il proverbio: l'occasione fà l'uomo ladro. Le cose potrebbero addirittura peggiorare, perché le bocche da cucire diventerebbero di più.
Andiamo avanti con l'altro punto. e cioé con l'informazione e sul conflitto di interessi. A parole è facile, ma a realizzare una norma equa su questo punto è impossibile, a meno che non si ceda all'arbitrio. Dipoi un opinione è una cosa,e la diffamazione è un'altra, evitiamo di giocare con le parole per poter dire tutto di tutti. Per il resto sono cose già sentite, ma fra il dire e il fare...
Anche al sesto punto si parla, come del resto fà Prodi, anzi peggio, di prelievi sulle vincite, sui lasciti etc. Anche qui ripeto, con quale diritto? A parte che le vincite sono già tassate all'origine, con quale diritto la pubblica amministrazione dovrebbe appropiarsi di soldi che provengono da piccoli investimenti privati. Il gioco è infatti un piccolo investimento.
Non continuo perché sarebbe troppo lunga, ma anche altri punti sono molto discutibili, e questo dimostra con quanta faciloneria si possa scrivere un decalogo, dimenticando che la messa in pratica di certe idee(alcune persino ingiuste)è tutta un'altra cosa. Questi signori dimenticano infine un altro proverbio: fatta la legge trovato l'inganno. Non solo, ma che spesso il rimedio è peggiore del male.
Torna in cima
Anonymous

Ospite















MessaggioInviato: Sab Set 15, 2007 3:46 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Citazione:

La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell'individuo e interesse della collettività ( art.32 della Costituzione)

Ecco un esempio pratico di come sia difficile mettere in atto una norma che in se stessa è sacrosanta. La salute ha un costo sempre più alto, e i soldi non si possono stampare. Cosa facciamo, li prendiamo a Berlusconi, come qualcuno propone? Benissimo, una volta presi i soldi a Berlusconi li distribuiamo ad ogni italiano in parti uguali per curarsi. Dopodiché, visto che la cifra procapite è una cosa del tutto irrisoria, bisognerà provvedere ancora. Ma a rifare i soldi ci penserà ancora Berlusconi? Mi sembra un'ipotesi molto remota. E allora cosa si fà? Qualcuno ha qualche proposta da fare? Ricordando sempre però quanto si difficile poi metterle in pratica.
Torna in cima
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> ATTUALITA' Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Puoi scaricare files da questo forum





SPIRITO LIBERO E INDOMITO. IL FORUM DI CHI NON AMA CANTARE NEL CORO DEI PIU'. topic RSS feed 
Powered by MasterTopForum.com with phpBB © 2003 - 2008