Indice del forum

SPIRITO LIBERO E INDOMITO. IL FORUM DI CHI NON AMA CANTARE NEL CORO DEI PIU'.



PortalPortale  blogBlog  AlbumAlbum  Gruppi utentiGruppi utenti  Lista degli utentiLista degli utenti  GBGuestbook  Pannello UtentePannello Utente  RegistratiRegistrati 
 FlashChatFlashChat  FAQFAQ  CercaCerca  Messaggi PrivatiMessaggi Privati  StatisticheStatistiche  LinksLinks  LoginLogin 
 CalendarioCalendario  DownloadsDownloads  Commenti karmaCommenti karma  TopListTopList  Topics recentiTopics recenti  Vota ForumVota Forum

ALLA MERCE' DI UNA BANDA DI PAZZI CRIMINALI.
Utenti che stanno guardando questo topic:0 Registrati,0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti registrati: Nessuno

Vai a pagina 1, 2  Successivo
 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> ATTUALITA'
PrecedenteInvia Email a un amico.Utenti che hanno visualizzato questo argomentoSalva questo topic come file txtVersione stampabileMessaggi PrivatiSuccessivo
Autore Messaggio
Anonymous

Ospite















MessaggioInviato: Lun Ago 20, 2007 6:56 pm    Oggetto:  ALLA MERCE' DI UNA BANDA DI PAZZI CRIMINALI.
Descrizione:
Rispondi citando

Citazione:




Bush Executive Order: Criminalizing the Antiwar Movement.

Global Research, July 20, 2007


The Executive Order entitled "Blocking Property of Certain Persons Who Threaten Stabilization Efforts in Iraq" provides the President with the authority to confiscate the assets of whoever opposes the US led war.
A presidential Executive Order issued on July 17th, repeals with the stroke of a pen the right to dissent and to oppose the Pentagon's military agenda in Iraq.

The Executive Order entitled "Blocking Property of Certain Persons Who Threaten Stabilization Efforts in Iraq" provides the President with the authority to confiscate the assets of "certain persons" who oppose the US led war in Iraq:

"I have issued an Executive Order blocking property of persons determined to have committed, or to pose a significant risk of committing, an act or acts of violence that have the purpose or effect of threatening the peace or stability of Iraq or the Government of Iraq or undermining efforts to promote economic reconstruction and political reform in Iraq or to provide humanitarian assistance to the Iraqi people."

In substance, under this executive order, opposing the war becomes an illegal act.

The Executive Order criminalizes the antiwar movement. It is intended to "blocking property" of US citizens and organizations actively involved in the peace movement. It allows the Department of Defense to interfere in financial affairs and instruct the Treasury to "block the property" and/or confiscate/ freeze the assets of "Certain Persons" involved in antiwar activities. It targets those "Certain Persons" in America, including civil society organizatioins, who oppose the Bush Administration's "peace and stability" program in Iraq, characterized, in plain English, by an illegal occupation and the continued killing of innocent civilians.

The Executive Order also targets those "Certain Persons" who are "undermining efforts to promote economic reconstruction", or who, again in plain English, are opposed to the confiscation and privatization of Iraq's oil resources, on behalf of the Anglo-American oil giants.

The order is also intended for anybody who opposes Bush's program of "political reform in Iraq", in other words, who questions the legitimacy of an Iraqi "government" installed by the occupation forces.

Moreover, those persons or nongovernmental organizations (NGOs), who provide bona fide humanitarian aid to Iraqi civilians, and who are not approved by the US Military or its lackeys in the US sponsored Iraqi puppet government are also liable to have their financial assets confiscated.

The executive order violates the First, Fourth and Fifth Amendments of the US Constitution. It repeals one of the fundamental tenets of US democracy, which is the right to free expression and dissent. The order has not been the object of discussion in the US Congress. Sofar, it has not been addressed by the US antiwar movement, in terms of a formal statement.

Apart from a bland Associated Press wire report, which presents the executive order as "an authority to use financial sanctions", there has been no media coverage or commentary of a presidential decision which strikes at the heart of the US Constitution..

Broader implications

The criminalization of the State is when the sitting President and Vice President use and abuse their authority through executive orders, presidential directives or otherwise to define "who are the criminals" when in fact they they are the criminals.

This latest executive order criminalizes the peace movement. It must be viewed in relation to various pieces of "anti-terrorist" legislation, the gamut of presidential and national security directives, etc., which are ultimately geared towards repealing constitutional government and installing martial law in the event of a "national emergency".

The war criminals in high office are intent upon repressing all forms of dissent which question the legitimacy of the war in Iraq.

The executive order combined with the existing anti-terrorist legislation is eventually intended to be used against the anti-war and civil rights movements. It can be used to seize the assets of antiwar groups in America as well as block the property and activities of non-governmental humanitarian organizations providing relief in Iraq, seizing the assets of alternative media involved in reporting the truth regarding the US-led war, etc.

In May 2007, Bush issued a major presidential National Security Directive (National Security and Homeland Security Presidential Directive NSPD 51/HSPD 20), which would suspend constitutional government and instate broad dictatorial powers under martial law in the case of a "Catastrophic Emergency" (e.g. Second 9/11 terrorist attack).

On July 11, 2007 the CIA published its "National Intelligence Estimate" which pointed to an imminent Al Qaeda attack on America, a second 9/11 which, according to the terms of NSPD 51, would immediately be followed by the suspension of constitutional government and the instatement of martial law under the authority of the president and the vice-president. (For further details, see Michel Chossudovsky, Bush Directive for a "Catastrophic Emergency" in America: Building a Justification for Waging War on Iran? June 2007)

NSPD 51 grants unprecedented powers to the Presidency and the Department of Homeland Security, overriding the foundations of Constitutional government. It allows the sitting president to declare a “national emergency” without Congressional approval. The implementation of NSPD 51 would lead to the de facto closing down of the Legislature and the militarization of justice and law enforcement.

"The President shall lead the activities of the Federal Government for ensuring constitutional government...."

Were NSPD 51 to be invoked, Vice President Dick Cheney, who constitutes the real power behind the Executive, would essentially assume de facto dictatorial powers, circumventing both the US Congress and the Judiciary, while continuing to use President George W. Bush as a proxy figurehead.

NSPD 51, while bypassing the Constitution, nonetheless, envisages very precise procedures which guarantee the powers of Vice President Dick Cheney in relation to "Continuity of Goverment" functions under Martial Law:

"This directive shall be implemented in a manner that is consistent with, and facilitates effective implementation of, provisions of the Constitution concerning succession to the Presidency or the exercise of its powers, and the Presidential Succession Act of 1947 (3 U.S.C. 19), with consultation of the Vice President and, as appropriate, others involved. Heads of executive departments and agencies shall ensure that appropriate support is available to the Vice President and others involved as necessary to be prepared at all times to implement those provisions." (NSPD 51, op cit.)

The executive order to confiscate the assets of antiwar/peace activists is broadly consistent with NSPD 51. It could be triggered even in the absence of a "Catastrophic emergency" as envisaged under NSPD 51. It repeals democracy. It goes one step further in "criminalizing" all forms of opposition and dissent. to the US led war and "Homeland Security" agenda.






Twisted Evil


Ultima modifica di Anonymous il Dom Set 02, 2007 7:00 pm, modificato 1 volta in totale
Torna in cima
Adv



MessaggioInviato: Lun Ago 20, 2007 6:56 pm    Oggetto: Adv






Torna in cima
Anonymous

Ospite















MessaggioInviato: Mar Ago 21, 2007 5:20 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

L’EGEMONIA USA HA PRODOTTO UN’ALLEANZA MILITARE TRA RUSSIA E CINA

DI PAUL CRAIG ROBERTS
Online Journal

Questa settimana le forze armate russe e cinesi stanno conducendo un'esercitazione militare congiunta che coinvolge un grande numero di truppe e di veicoli da combattimento. Le ex repubbliche sovietiche di Tajikistan, Kyrgkyzstan, e Kazakstan stanno partecipando. Altri paesi sembrano pronti ad unirsi all'alleanza militare.

Questa nuova potente alleanza militare è la vera risposta alle illusioni dei neoconservatori sull'egemonia Usa. I neocon credono che gli Usa siano l'autorità suprema al mondo e possano dettare il corso degli eventi. Gli idioti neoconservatori hanno realmente scritto articoli, letti da russi e cinesi, sul perché gli Usa debbano usare la loro superiorità militare per assicurarsi un'egemonia su Russia e Cina.

I cinici credono che i neoconservatori siano solo propagandisti del complesso militare e della sicurezza, come Bush e Cheney, che vengono pagati per reiniziare la guerra fredda a beneficio dei profitti dell'industria degli armamenti. Ma il fatto è che i neocon credono realmente alle loro illusioni sull'egemonia americana.

La Russia e la Cina hanno assistito abbastanza alle aggressioni non provocate dell'amministrazione Bush nel mondo per prendere sul serio le intenzioni dei neocon. Dal momento che gli Usa hanno dimostrato di non riuscire ad occupare la città irachena di Bagdad nonostante cinque anni di sforzi quasi certamente non possono occupare la Russia o la Cina. Questo vuol dire che il conflitto verso il quale i neocon stanno spingendo sarà un conflitto nucleare.

In un tentativo di ottenere un vantaggio in un conflitto nucleare i neocon stanno posizionando missili anti-missile balistico sui confini sovietici della Polonia e della Repubblica Ceca. Questa è una stupida provocazione dal momento che i russi possono eliminare i missili antimissile con l'uso di missili da crociera. I neocon sono persone che desiderano la guerra ma non sanno nulla di essa. Da ciò derivano i fallimenti Usa in Iraq e Afghanistan.

Reagan e Gorbachev hanno posto fine alla guerra fredda. Eppure le amministrazioni Usa dopo Reagan hanno rotto gli accordi e i patti. Gli Usa hanno gratuitamente portato i missili antimissile della Nato sui confini della Russia. Il regime Bush ha iniziato una guerra di propaganda contro il governo russo di V. Putin.

Questi sono atti di aggressione gratuita. Entrambi i governi russo e cinese stanno cercando di destinare risorse al loro sviluppo economico non alle loro forze armate. Eppure sono entrambi costretti dall'atteggiamento aggressivo dell'America a rinnovare le loro forze armate.

Gli americani devono riuscire a capire ciò che il regime neocon di Bush non può capire: uno scambio nucleare tra Usa, Russia e Cina stabilirebbe l'egemonia degli scarafaggi.

In appena sei anni e mezzo il regime Bush ha distrutto l'atteggiamento benevolo del mondo verso gli Usa. Oggi l'influenza americana nel mondo è limitata al pagamento di decine di milioni di dollari ai capi corrotti di governi stranieri come quelli dell'Egitto e del Pakistan. Il regime Bush pensa addirittura che dal momento che ha comprato e pagato Musharraf egli si farà da parte e permetterà a Bush di compiere attacchi aerei dentro al Pakistan. Bush è così cieco di fronte al pericolo che in questo modo egli provocherebbe una rivoluzione islamica all'interno del Pakistan che deporrà il fantoccio Usa e metterà di fronte al Medioriente uno Stato islamico armato con armi nucleari?

Considerando l'instabilità e i pericoli che abbondano, l'atteggiamento aggressivo del regime Bush va oltre l'avventatezza. Il regime Bush è il regime più irresponsabilmente aggressivo che il mondo abbia visto dai tempi di Hitler.

Se solo una qualche dolce giovane si offrisse volontaria per fare un pompino a Bush in modo che si possa ottenere l'impeachment prima che ci porti all’Armageddon!

Paul Craig Roberts [email :
] è stato Assistante Secretario al Tesoro dell’amministrazione Reagan. E’ autore di “Supply-Side Revolution : An Insider's Account of Policymaking in Washington”; “Alienation and the Soviet Economy” e “Meltdown: Inside the Soviet Economy”, ed è coautore con Lawrence M. Stratton di “The Tyranny of Good Intentions : How Prosecutors and Bureaucrats Are Trampling the Constitution in the Name of Justice”.
Titolo originale:"US hegemony spawns Russian-Chinese military alliance"

Fonte:

10.08.2007
Torna in cima
Anonymous

Ospite















MessaggioInviato: Mar Ago 21, 2007 5:34 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Credo di non poter maggiormente quotare l'autore...

...siamo nelle mani di una pericolosissima banda di teste di k@§§* e, in un modo o nell'altro, i nostri governi ci si appecoronano...

Twisted Evil
Torna in cima
Anonymous

Ospite















MessaggioInviato: Mar Ago 21, 2007 5:43 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Questa una protesta intelligente, a mio parere:



Tempesta telefonica sul Comune di Vicenza.

La Rete Lilliput ha organizzato una pioggia di telefonate sul centralino del Comune di Vicenza che continuerà ogni lunedì.

[ZEUS News -
- 20-08-2007]

Rete Lilliput è uno dei movimenti cosidetti "noglobal" più attivi nel Nordest e tra i più vivaci nell'esprimere e organizzare la protesta popolare contro la realizzazione della grande base militare USA al Dal Molin in Vicenza.

Tra le iniziative non violente che la Rete ha messo su per tenere viva la mobilitazione antibase c'è anche una tempesta telefonica, cioè un particolare tipo di lotta finora poco diffusa in Italia. Lunedì 13 agosto i militanti (e quanti si sono uniti al loro appello) hanno tempestato di telefonate il numero del centralino della sede del Comune di Vicenza, lo 0444.221111, dalle 9 alle 13, in pratica bloccandolo e isolando telefonicamente il Comune e i suoi uffici.

La protesta nasce dal fatto che il Comune di Vicenza ha dato il via libero a un'opera dall'impatto ambientale gravoso che viene contrastato dalla maggior parte dei cittadini vicentini, di destra, sinistra o centro che siano.

La protesta continuerà nei prossimi lunedì con le stesse caratteristiche, una protesta senza particolari costi personali e sociali.

L'unico effetto collaterale non voluto potrebbe essere, in caso di forte successo dell'iniziativa, a causa di un volume elevatissimo di traffico, una congestione della centrale telefonica del centro di Vicenza, cui appartiene il numero comunale, rendendo così inaccessibili anche i centralini di polizia, carabinieri, prefettura, ospedale.

Questo potrebbe costare ai promotori dell'inziativa una denuncia per interruzione di pubblico servizio, ma l'eventualità potrebbe verificarsi solo nel caso le chiamate fossero davvero decine di migliaia in pochi minuti.
Torna in cima
Anonymous

Ospite















MessaggioInviato: Mar Ago 21, 2007 6:05 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando



GRAN BRETAGNA: IL MISTERIOSO CASO DELLE TRAME TERRORISTICHE SCOMPARSE.

DI NORM DIXON - Green Left Weekly

I lettori dei giornali inglesi vengono aggrediti in continuazione da titoli truculenti che gridano alla "minaccia" di "trame terroristiche" potenzialmente catastrofiche, di "fanatisti islamici" catturati in mirabolanti raid notturni. Dettagli "agghiaccianti", rivelati da "fonti" anonime del governo e della polizia, sottolineano che dovremmo accettare lo "scambio" fra i nostri diritti civili e la "sicurezza"; così gli editoriali rassicurano la popolazione spaventata. Ma trascorsi mesi o anni, la scoperta che molte di quelle "trame" non sono in realtà mai esistite viene sepolta dal più recente scandalo sessuale o dall’ultimo caso di taglieggiamento, quando non viene addirittura taciuta.

Il 10 agosto 2006 il vice commissario della Polizia Metropolitana londinese, Paul Stephenson, ha dichiarato che un piano per "provocare morte e distruzione inaudita" e "sterminio su scala inimmaginabile" era appena stato sventato grazie all’arresto di 24 individui. "Crediamo che l’obiettivo dei terroristi fosse quello di introdurre esplosivi su aerei di linea, nascondendoli nei bagagli a mano, per farli detonare in volo", sosteneva Stephenson. Tutti i mass media d’Inghilterra e del mondo hanno strombazzato queste affermazioni.

Tuttavia, dopo pochi giorni, le terribili accuse contro le persone catturate, così come le avevano descritte ai media le "fonti" anonime della polizia e del governo britannico, hanno iniziato ad essere più chiare.

L’affermazione secondo la quale un attacco sarebbe stato "imminente" era falsa. Le 10 persone accusate di gravi reati di terrorismo non avevano mai fatto una prenotazione, né acquistato un biglietto aereo; alcuni di loro non avevano neanche il passaporto.
A quanto sembra, solo uno di loro aveva cercato su internet gli orari dei voli. Non c’era nessuna bomba.
Le affermazioni secondo le quali le persone arrestate avrebbero avuto intenzione di distruggere 10-12 voli di linea erano "teoriche ed esagerate", come ammesso da un ufficiale britannico al New York Times il 28 agosto.
Le illazioni circa una complessa "connessione pakistana" tra gli attentatori e Al Qaeda sono sparite. La possibilità di fabbricare "bombe liquide" mescolando insieme prodotti di uso comune nelle toilette degli aerei in volo è stata smentita dagli esperti.

Messinscena

Gareth Pierce, avvocato del ragazzo di 17 anni accusato nel processo di possedere materiale "atto alla preparazione di atti di terrorismo", ha dichiarato il 31 agosto al Chicago Tribune che la polizia aveva volutamente distorto la natura del materiale trovato a casa della madre del ragazzo per avallare i propri grandiosi proclami.
Secondo la polizia sarebbero stati rinvenuti "messaggi suicidi", una mappa dell’Afghanistan e un manuale per la fabbricazione di esplosivi.

Ciò che in realtà era stato trovato, ha spiegato Pierce al Tribune, erano testamenti scritti da persone che avevano combattuto in Bosnia più di 10 anni prima.
L’accusato aveva solo sei anni quando questo materiale fu messo in quella scatola! "Non sono messaggi suicidi. Sono semplici testamenti. Chiamarli messaggi suicidi è stato assolutamente vergognoso", ha detto Pierce.

I testamenti furono trovati in una scatola appartenuta al padre del ragazzo – poi divorziato ed andato a vivere altrove – all’epoca in cui gestiva un’associazione benefica a favore dei profughi musulmani bosniaci. La scatola conteneva anche una rudimentale cartina disegnata dal fratello minore del ragazzo quando era bambino.
C’era anche un libro con schemi di circuiti elettrici che, quand’anche fosse stato utile per costruire una bomba, non lo era di certo per il tipo di bomba che secondo la polizia il ragazzo aveva tentato di costruire.

Il 4 settembre la Associated Press ha scritto che la pubblica accusa ha comunicato a un tribunale londinese che i detenuti non verranno processati fino a marzo del 2008. Fino a quella data resteranno in carcere e i dettagli fondamentali del procedimento a loro carico rimarranno segreti.

Menzogne e invenzioni

Reggeranno, di fronte a un tribunale, le accuse mosse dai media e dal governo britannico?
Non se verrà posta in evidenza la lunga sequela di bugie, esagerazioni e falsificazioni operate dalla polizia, dal governo e dai media inglesi riguardo ai recenti casi di "terrorismo".

Come ha evidenziato Craig Murray, ex ambasciatore britannico in Uzbekistan, in un articolo comparso sul suo sito il 14 agosto, "Degli oltre 1000 musulmani inglesi arrestati in base alle leggi antiterrorismo, solo il 12% sono stati poi accusati di qualche reato.
Si tratta di una semplice persecuzione, su larga scala, dei cittadini musulmani. Di coloro che sono stati accusati, l’80% sono poi stati prosciolti.
La maggior parte dei pochissimi – poco più del 2% degli arrestati – che sono stati condannati, lo è stata per atti che non hanno nulla a che vedere con il terrorismo, ma per reati di poco conto che la polizia aveva scoperto mentre passava al setaccio le vite di quelle persone che aveva distrutto".

Alle 4 di notte del 2 giugno [2006], circa 250 poliziotti, alcuni dei quali indossavano tute protettive contro le armi chimiche, fecero irruzione in una casa di Forest Gate, nella zona est di Londra.
Secondo la polizia all’interno della casa vi sarebbe stata una bomba chimica. Svegliati dal rumore delle porte che venivano abbattute, le due famiglie che vivevano nella casa pensarono a un assalto di rapinatori. Mohammed Abdul Kahar fu colpito al torace da un proiettile della polizia, che non si era curata di identificarsi o di dare un avvertimento, mancando di poco il cuore.

Lo squallido Sun di Rupert Murdoch il 3 giugno iniziò subito a diffondere il panico antislamico, pur non avendo l’ombra di una prova: "UNA BOMBA CHIMICA in possesso di terroristi islamici avrebbe potuto esplodere in qualunque momento, stando a quanto temuto dalla polizia.
Si ritiene che l’ordigno fosse progettato per liberare una nube tossica in un luogo affollato, uccidendo centinaia di persone. Gli agenti più esperti sono convinti che fosse stata realizzata per un "imminente" attacco nel Regno Unito…
Ieri notte si è tenuta una caccia frenetica per trovare la bomba prima che i fanatici potessero attivarla. Una fonte esperta della polizia ha affermato: "Siamo assolutamente certi che l’ordigno esista e che avrebbe potuto essere utilizzato in un attentato suicida o attivato con un controllo a distanza".

Per non essere da meno, il Times di Murdoch riferiva il 3 giugno del ritrovamento di un "letale giubbotto per attentati chimici suicidi".
Non era mai esistita nessuna bomba né giubbotti suicidi. Kahar e suo fratello furono detenuti per otto giorni senza accuse sulla base della Legge Atiterrorismo (2000) prima di essere rilasciati. "L’unico crimine che ho commesso è quello di essere asiatico e di portare la barba lunga", disse Kahar alla BBC il 13 giugno. "Non hanno avuto neppure la decenza di scusarsi".

"Mercurio rosso"

Uno degli esempi più bizzarri di come il governo, la polizia e i media britannici lavorino di comune accordo per fabbricare la paura del terrorismo, si ebbe quando il noto "finto sceicco" Mazher Mahmood, in realtà un giornalista del viscido News of the World di Murdoch che ha l’abitudine di travestirsi con abiti arabi per ingannare personaggi celebri e meno celebri e spingerli a compromettersi, insieme a un agente di polizia sotto copertura, tentarono nel 2004 di incastrare tre persone in una trama terroristica "virtuale".

Mahmood si offrì di vender loro una sostanza radioattiva immaginaria, il "mercurio rosso", dicendo che avrebbe potuto essere usata per la fabbricazione di una "bomba sporca".
I tre, comunque, sembravano più interessati al fatto che, secondo Mahmood, il mercurio rosso sarebbe stato anche utile per ripulire le banconote segnate. Dopodichè il poliziotto in incognito si offrì di acquistare la sostanza dai tre individui al prezzo di 300.000 dollari al chilo.

Con l’approvazione del procuratore generale del governo Laburista, i tre idioti vennero arrestati da una squadra antiterrorismo il 24 settembre 2004.
Furono accusati di aver tentato di procurarsi fondi e materiali per il terrorismo e di essere in possesso di una "sostanza altamente pericolosa a base di mercurio" per usi terroristici.
Il giorno dopo, News of the World strillava in prima pagina: "Poliziotti antiterrorismo intervengono dopo la scoperta, fatta da News of the World, di un’asta di materiale radioattivo".
Il mercurio rosso, stando alle bufale che News of the World sbolognava ai suoi sventurati lettori, era "una letale sostanza sviluppata dagli scienziati russi durante la Guerra Fredda per costruire bombe nucleari portatili".

I tre restarono in carcere fino al loro proscioglimento, avvenuto due anni dopo.
Durante il processo, che costò oltre un milione di sterline, la pubblica accusa affermò che "la posizione della Corona è che l’esistenza o inesistenza del mercurio rosso è irrilevante" e chiese alla giuria di non "fossilizzarsi" su questo punto. Per fortuna la giuria non gli diede retta.

Autogol a Manchester

La squadra inglese governo-polizia-media segnò un autogol nell’aprile 2004, quando 400 poliziotti di Greater Manchester catturarono 10 curdi iracheni.
A guidare il linciaggio fu sempre il Sun, il quale pubblicò una storia completamente inventata che recitava: "Il progetto di un attentato suicida per uccidere migliaia di tifosi alla partita Manchester United-Liverpool di sabato prossimo è stato clamorosamente sventato nella giornata di ieri. Poliziotti armati hanno arrestato 10 sospetti terroristi in un blitz avvenuto all’alba.
I vertici dell’Intelligence ritengono che fanatici di Al Qaeda progettassero di farsi esplodere in mezzo a 67.000 ignari tifosi. Una fonte rivela: "Il bersaglio era lo stadio di Old Trafford".
I fanatici islamici progettavano di sedersi in punti differenti per provocare la massima strage. Avevano già comprato i biglietti per posti in diverse posizioni dello stadio, stando a quanto affermato ieri sera dalla polizia".

Tutta la fantastica storia, nonché le presunte accuse della polizia contro i curdi, erano state costruite su informazioni trapelate dagli ambienti di polizia riguardo al "ritrovamento" di un paio di matrici di biglietti di una vecchia partita del Manchester United in casa di uno dei sospettati.
Costui era davvero un fanatico: un fanatico del Manchester United, che aveva conservato le matrici come souvenir dell’unica partita a cui lui e un suo amico avevano assistito! I biglietti erano stati comprati sottobanco, il che spiega perché si riferissero a zone diverse dello stadio. Le 10 persone vennero rilasciate senza accuse.

Il riflusso della Ricina

Tra le finte "minacce terroristiche" inventate dal governo britannico, quella sfruttata con maggiore cinismo fu forse l’annuncio fatto dalla polizia nel gennaio 2003, secondo il quale sarebbero stati "sventati i piani di una cellula terroristica di utilizzare in un attacco il veleno noto come Ricina".

Il 7 gennaio alcuni ministri del governo inglese annunciarono che "tracce di Ricina" erano state rinvenute in un appartamento ispezionato dalla polizia.
Il primo ministro Tony Blair sfruttò questo "piano" per rafforzare la campagna propagandistica a favore della guerra contro l’Iraq di Saddam Hussein.
Blair se ne uscì con la ridicola affermazione che il rinvenimento della Ricina, che è letale solo se iniettato direttamente nel flusso sanguigno di un individuo, sarebbe stata la prova che "questo pericolo [delle armi di distruzione di massa] è effettivo e concreto e incombe su di noi. Il suo potenziale è enorme".

In seguito, anche il Segretario di Stato americano Colin Powell fece riferimento a questa presunta "cellula terroristica" durante il suo discorso al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, il 5 febbraio 2003, sostenendo la necessità di una guerra contro l’Iraq se Hussein non avesse abbandonato le sue inesistenti armi di distruzione di massa.
Powell affermò che si trattava di una prova del "sinistro legame tra l’Iraq e la rete terroristica di Al Qaeda".

La verità era che non c’era nessuna cellula di Al Qaeda e nessun Ricin. Nel giorno stesso in cui il governo annunciava la scoperta delle "tracce di Ricina" nell’appartamento, gli esami compiuti nei laboratori di ricerca del governo stesso, a Porton Down, evidenziavano che la Ricina non esisteva. Questi risultati vennero tenuti segreti dal governo per più di due anni.

Nell’aprile 2005, quattro persone vennero prosciolte dalle accuse di cospirazione nella preparazione di atti di terrorismo, mentre le accuse contro altri quattro individui vennero lasciate cadere.
Una sola persona, Kamel Bourgass, fu incarcerata in base alla più lieve accusa di "aver cospirato per turbare l’ordine pubblico attraverso l’uso di veleni e/o esplosivi", fondata sul possesso di "ricette" per la Ricina e su prove dei suoi tentativi di prepararlo.
In ogni caso, il 20 aprile 2005, l’Independent riferiva che "il professor Alistair Hay, uno dei tossicologi più famosi d’Inghilterra, ha affermato che i tentativi di Bourgass di fabbricare armi tossiche con le sue piccole quantità di ingredienti e il suo rudimentale laboratorio, erano assolutamente dilettanteschi e impossibili da portare a termine".

Versione originale:

Norm Dixon
Fonte:

Link:

International News, Green Left Weekly #683, 13 settembre 2006

Versione italiana:

Fonte:
Torna in cima
Anonymous

Ospite















MessaggioInviato: Mer Ago 22, 2007 6:46 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

Torna in cima
Anonymous

Ospite















MessaggioInviato: Mer Ago 22, 2007 7:01 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Estrapolo solo questo:

Citazione:
questo "Occidente" che sta ponendo le condizioni di una guerra nucleare sul suolo europeo, nel silenzio generale…


Twisted Evil
Torna in cima
Anonymous

Ospite















MessaggioInviato: Mer Ago 22, 2007 7:12 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!




Backup: L'Altreuropamerichisraele.

Un testo (del settembre 2004) davvero eccezionale di Raniero La Valle sull’agonia e la vocazione dell’Occidente.
Dal “New American Century”, il nuovo secolo americano, al tentativo di stabilire un raccordo, un dialogo, una convergenza tra l’altra Europa, l’altra America e l’altro Israele.
E’ lungo, ma va letto fino in fondo perché ne vale veramente la pena.


Non sto dicendo che è la fine del mondo, e non lo dirò perché nessuno mi ascolterebbe, e perché io penso che il mondo sarà salvato.

Ma dico che quale è progettato e perseguito il nuovo secolo americano è la fine dell’Occidente, e questa è un’ipotesi che merita di essere vagliata, ed è una parola che può essere ascoltata.




Com’è noto il progetto del nuovo secolo americano (“Project for the New American Century”) è stato avanzato nel corso degli anni ‘90 del secolo scorso, il Novecento, dalla destra neoconservatrice americana, che poi nel 2000 attraverso Bush si è insediata alla Casa Bianca e che dopo l’11 settembre ha imposto tale progetto come politica ufficiale degli Stati Uniti.

Dunque la data di inizio della realizzazione di questo progetto è il 14 settembre 2001, tre giorni dopo il crollo delle Torri Gemelle, quando Bush andò ad annunciare la nuova politica dal pulpito della National Cathedral di Washington. Pertanto è il 14 settembre, e non 1’11 settembre, il giorno più lungo, quello dopo il quale nulla sarebbe stato più come prima.

Come è altresì noto il progetto del nuovo secolo americano è stato promulgato in modo formale attraverso il documento sulla nuova “Strategia della Sicurezza Nazionale degli Stati Uniti” del settembre 2002, in cui in buona sostanza si affermava che in un mondo infido e nemico l’unica sicurezza per gli Stati Uniti era il dominio, il controllo del mondo; gli Stati Uniti come potere sovrano, non solo “superiorem non recognoscens”, che cioè non riconosce alcun potere al di sopra di sé, secondo la classica teoria della sovranità, ma anche “aequalem non recognoscens”, cioè che non permette che alcuno sia eguale a sé, che è la neo moderna teoria dell’unica sovranità universale.

Arrow
Torna in cima
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> ATTUALITA' Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a pagina 1, 2  Successivo
Pagina 1 di 2

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Puoi scaricare files da questo forum





SPIRITO LIBERO E INDOMITO. IL FORUM DI CHI NON AMA CANTARE NEL CORO DEI PIU'. topic RSS feed 
Powered by MasterTopForum.com with phpBB © 2003 - 2008