Indice del forum

SPIRITO LIBERO E INDOMITO. IL FORUM DI CHI NON AMA CANTARE NEL CORO DEI PIU'.



PortalPortale  blogBlog  AlbumAlbum  Gruppi utentiGruppi utenti  Lista degli utentiLista degli utenti  GBGuestbook  Pannello UtentePannello Utente  RegistratiRegistrati 
 FlashChatFlashChat  FAQFAQ  CercaCerca  Messaggi PrivatiMessaggi Privati  StatisticheStatistiche  LinksLinks  LoginLogin 
 CalendarioCalendario  DownloadsDownloads  Commenti karmaCommenti karma  TopListTopList  Topics recentiTopics recenti  Vota ForumVota Forum

8 SETTEMBRE 1943
Utenti che stanno guardando questo topic:0 Registrati,0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti registrati: Nessuno


 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> LUCI E OMBRE DELLA STORIA
PrecedenteInvia Email a un amico.Utenti che hanno visualizzato questo argomentoSalva questo topic come file txtVersione stampabileMessaggi PrivatiSuccessivo
Autore Messaggio
Anonymous

Ospite















MessaggioInviato: Lun Set 10, 2007 1:58 pm    Oggetto:  8 SETTEMBRE 1943
Descrizione:
Rispondi citando

Tratto da



SARDEGNA -10 SETTEMBRE 1943- Nei pressi di Cagliari è acquartierata la Nembo. Il maggiore Rizzati prese il comando di un consistente numero di uomini che non accettano il comportamento del re e di badoglio.Volevano seguire i camerati della 90° divisione tedesca diretti in Corsica. Il colonnello Alberto Bechi Luserna, rientrato da El Alamein e Capo di Stato maggiore del Nembo, prova a fermarli e convincerli a rientrare sotto il suo comando per muovere verso la Puglia- Era scortato da alcuni Carabinieri paracadutisti. Al km 141 della statale Carlo Felice,viene fermato da un posto di blocco dei Paracadutisti, coda della colonna in partenza. Dopo una accesa discussione,compie un movimento della mano verso la pistola,forse involontario, mentre rientra in auto. Il posto di blocco dei Paracadutisti reagisce con una raffica di MAB e lo abbatte, insieme a un carabiniere. Per quel gesto un paracadutista (Cosimo) fu in seguito processato ed incarcerato ingiustamente ( aveva reagito a una minaccia). Tentò di scagionarlo il Ten Lucio Grimani, testimone oculare della provocazione di Bechi Luserna, ma non fu ascoltato.
Torna in cima
Adv



MessaggioInviato: Lun Set 10, 2007 1:58 pm    Oggetto: Adv






Torna in cima
Anonymous

Ospite















MessaggioInviato: Lun Set 10, 2007 2:00 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Tratto da


Ho sempre usato cancellare dalla mia mente i momenti brutti.
Penso sia il segreto della mia longevità . Quando ieri ho sentito che si stava commemorando in televisione l'otto settembre 1943, sono trasecolato.

E' la prima volta che si commemora una giornata di lutto.

E' luttuoso perdere la guerra, ma perderla come abbiamo fatto noi, tradendo l'alleato, lasciando allo sbando un milione e mezzo di soldati e cinquanta milioni di italiani che non sapevano nemmeno più chi applaudire o chi fischiare, è mostruoso.

Sono risalito con la mente a sessanta anni prima per cercare di ricordare come ho vissuto io quella brutta giornata.

Premetto che noi prigionieri alla sconfitta ci eravamo un po' allenati. Risaliva al giorno che ci avevano catturati e rinchiusi nei campi di concentramento.

Avevamo avuto anche l'opportunità di commentare gli avvenimenti, che ci avevano toccati in prima persona, e quindi ne parlavamo con cognizione di causa.

Già la caduta del fascismo ci aveva fatto subodorare che qualcosa di losco era in atto.

Quando, un mese dopo, la medaglia d'oro Ettore Muti fu assassinato dai carabinieri, ne avemmo la conferma.

Già alla fine di luglio gli inglesi avevano posto la condizione della collaborazione.

Consisteva nel firmare un documento che imponeva di non arrecare danni al materiale bellico inglese, di essere inquadrati in reparti comandati da ufficiali inglesi e di vestire un'uniforme fornita dagli inglesi.

Tutto ciò non era permesso dal regolamento militare italiano, e le pene andavano dalla perdita dei diritti civili alla pena di morte.

Lavoravo in un campo d'aviazione gestito dai neozelandesi.

Facevo il cuoco alla mensa sottufficiali. Giocavo nella squadra di calcio rappresentativa dell'Italia nel Medio Oriente. Insomma, me la passava benino, anzi, molto bene.

Eravamo un quarantina di prigionieri.

Fui l'unico a non firmare la cooperazione. Ormai gli altri mi guardavano con sospetto.

Gli unici a congratularsi con me furono i neozelandesi.

Dicevano che ero stato l'unico a comportarsi con onore.

Fui subito trasferito al campo 321 e rinchiuso in un gabbia isolata assieme ad altri otto.

Gabbia sta per "age ", un rettangolo di terreno di cento metri per cinquanta.

Avevamo un tenda, delle brandine decenti, ed eravamo trattati bene anche sotto il profilo alimentare da un comandante di campo sudafricano che cercava di non farci mancare nulla, e che si divertiva a passare di sera qualche ora con noi, ed a mangiare gli spaghetti che lui ci portava in omaggio e che noi cucinavamo.

Ai quattro angoli di tutte le gabbie erano stati piazzati altoparlanti che ci trasmettevano gli ordini del giorno ed un sommario delle notizie, un pochino manipolate dagli inglesi.

Dopo le otto di sera erano silenziosi, perchè verso quell'ora molti andavano a dormire.

La sera dell'otto settembre era per noi come una di tante altre sere. Stavamo preparando il sugo per gli immancabili spaghetti che sarebbero arrivati assieme al comandante di campo. Arrivò alle nove. Come al solito, un po' per celia ed un po' per rispetto, ci schierammo ai lati dell'ingresso della tenda per salutarlo stando sull'attenti.
Generalmente accettava l'omaggio sorridendo come ad uno scherzo e rispondeva militarmente. Quella sera era buio in volto , si fermò prima di passare fra noi e disse " Come ir ".

Pensammo di aver combinato qualcosa di grave, soprattutto perchè non aveva con se i soliti spaghetti. Ci raccogliemmo attorno a lui. Ci disse, con quel poco di italiano che aveva appreso stando con noi: " Per voi la guerra è finita. L'Italia ha chiesto l'armistizio. Per noi continua ".

Si sentiva che aveva un groppo alla gola. Il gruppo si sciolse in silenzio. Ognuno si allontanò per piangere per conto suo. Un soldato si vergogna delle proprie lacrime. Dopo un po' il capitano De Pangher, triestino e nostro capo gabbia, ci chiamò uno per uno.

Ci disse: " Cantiamo per piangere il nostro dolore ". Il comandante del campo si avviò verso l'uscita. De Pangher lo chiamò e lo pregò di rimanere con noi.

Accettò. Cantammo quasi sottovoce l'inno a Roma. L'emozione riempiva la melodia di stonature. Terminata, la ricominciammo, a voce più alta. Alla fine, il capo campo sudafricano ci pregò di ripeterla, per far capire agli altri chi noi eravamo. Questa volta, più che cantarla la gridammo. Il capo campo aveva gli occhi bagnati di lacrime come tutti noi e tentava di cantare con noi la nostra rabbia. Dalle gabbie che ci circondavano i prigionieri cooperatori ci guardavano, ancora ignari di quanto era successo.

Alla fine si allontanarono in silenzio, forse un tantino vergognosi. Questo è quanto mi resta di quella triste giornata.

Par. Emilio Camozzi
Torna in cima
Anonymous

Ospite















MessaggioInviato: Lun Set 10, 2007 2:30 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Mio padre al tempo era già prigioniero in Kenya dal '41, credo..., tornò in Italia il 10 gennaio '47..., il motivo te lo lascio immaginare...

Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
Torna in cima
Anonymous

Ospite















MessaggioInviato: Lun Set 10, 2007 2:36 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Anni fa vidi un ciclostile intitolato " I NON "
C'erano storie dei non collaboratori... molto toccanti ... una in particolare... in uno dei famosi campi arriva un camion pieno di Xa, gli occupanti del campo erano tutti pre 8 settembre e non conoscevano l'inno della Xa che questi cantavano scendendo dal camion ... alla strofa "nostri fratelli prigionieri o morti... noi vi giuriamo ...ecc" quasi tutto il campo si mise a piangere. Che esperienze hanno passato questa gente di altri tempi...
Torna in cima
Anonymous

Ospite















MessaggioInviato: Lun Set 10, 2007 2:52 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Già, mio padre era un di quei "NON"...
Torna in cima
Anonymous

Ospite















MessaggioInviato: Mer Set 12, 2007 11:07 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Shocked
Mi inchino all'onore di quegli uomini.
ciao
Torna in cima
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> LUCI E OMBRE DELLA STORIA Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Puoi scaricare files da questo forum





SPIRITO LIBERO E INDOMITO. IL FORUM DI CHI NON AMA CANTARE NEL CORO DEI PIU'. topic RSS feed 
Powered by MasterTopForum.com with phpBB © 2003 - 2008