Indice del forum

SPIRITO LIBERO E INDOMITO. IL FORUM DI CHI NON AMA CANTARE NEL CORO DEI PIU'.



PortalPortale  blogBlog  AlbumAlbum  Gruppi utentiGruppi utenti  Lista degli utentiLista degli utenti  GBGuestbook  Pannello UtentePannello Utente  RegistratiRegistrati 
 FlashChatFlashChat  FAQFAQ  CercaCerca  Messaggi PrivatiMessaggi Privati  StatisticheStatistiche  LinksLinks  LoginLogin 
 CalendarioCalendario  DownloadsDownloads  Commenti karmaCommenti karma  TopListTopList  Topics recentiTopics recenti  Vota ForumVota Forum

Parafrasando Giorgio...
Utenti che stanno guardando questo topic:0 Registrati,0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti registrati: Nessuno

Vai a pagina Precedente  1, 2, 3, 4  Successivo
 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> LE ARMI E LA LEGGE.
PrecedenteInvia Email a un amico.Utenti che hanno visualizzato questo argomentoSalva questo topic come file txtVersione stampabileMessaggi PrivatiSuccessivo
Autore Messaggio
Anonymous

Ospite















MessaggioInviato: Mar Nov 27, 2007 12:30 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

E poi fate il vostro dovere



Facciamo sentire la nostra voce
Torna in cima
Adv



MessaggioInviato: Mar Nov 27, 2007 12:30 am    Oggetto: Adv






Torna in cima
Anonymous

Ospite















MessaggioInviato: Mar Nov 27, 2007 10:36 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Chris Steelhard ha scritto:
E poi fate il vostro dovere

[/code]

Facciamo sentire la nostra voce


Le mie 4 mail le ho già spedite Wink
Torna in cima
Anonymous

Ospite















MessaggioInviato: Mar Nov 27, 2007 10:42 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Questo il testo del mio:

Citazione:

Egregio Professore, da un primo esame del disegno di legge del Suo Ministero circa le nuove normative in materia di acquisto e detenzione armi, si ricava la spiacevole impressione che il Suo simpatico soprannome di “Dottor Sottile” ne esca alquanto offuscato.

Di poco più giovane di Lei, ho prestato servizio nell’Arma dei Carabinieri e pratico amatorialmente da quasi quarant’anni discipline sportive legate alle armi da fuoco; sono inoltre stato anche specialista di procedure aziendali e ritengo di essere abituato a ricostruire l’ordine dal caos.

Le conseguenze che si possono facilmente immaginare da tale proposta sono, in primis, di assoluta, inutile ed inefficace complicazione della vita alla maggioranza dei cittadini interessati da tali norme; in secundis, di creare uno spaventoso aggravio di lavoro alle Forze dell’Ordine coinvolte e, infine, di non affrontare il problema della sicurezza in materia di armi senza creare pregiudizio appunto a quella maggioranza sana di cittadini che pratica lo sport delle armi o, spesso suo malgrado, desidera o necessita (non per propria colpa) di detenere un’arma.

Molto più saggio sarebbe, a mio sommesso parere, rendere obbligatorio a chiunque desiderasse anche solo acquistare e, conseguentemente, detenere un’arma, il conseguimento di un titolo di porto subordinato a corso di formazione con prova pratica finale e “corsi di mantenimento” periodici che valgano a mantenere ben chiari nella mente i concetti fondamentali della sicurezza nel maneggio delle armi.

Converrà con me che solo la conoscenza approfondita e la pratica costante rendono affidabili le persone, e non solo in materia di armi. Gli appassionati di armi onesti e coscienziosi, vasta schiera cui chi le scrive si pregia di appartenere, sono persone che hanno ben chiaro il significato delle armi e il costante pericolo che esse rappresentano se in mani impreparate.

Sarebbe estremamente ingiusto, oltre che inutile ed inefficace, penalizzare la maggioranza di chi ha sempre rispettato le leggi dello stato e, principalmente, quelle del buon senso e della enorme responsabilità che deriva dal possesso di un’arma.

Distinti saluti,
Firma


Rolling Eyes
Torna in cima
Anonymous

Ospite















MessaggioInviato: Mar Nov 27, 2007 2:22 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Riporto qui di seguito il testo di una lettera rielaborata da 1moa e pubblicata su TG (da me sottoposta ad una minima "correzione bozza") che sarebbe cosa buona firmare e inviare per posta tradizionale alla sede del Ministero dell'Interno e/o alla Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Ne arrivassero a decine, meglio ancora a centinaia, sarebbero un segno tangibile e visibile di una categoria di elettori che ha coscienza della propria maturità.

Arrow
Torna in cima
Anonymous

Ospite















MessaggioInviato: Mar Nov 27, 2007 2:24 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

1moa ha scritto:


Vorrei con la presente esprimere a nome mio e di moltissimi altri appassionati di armi (cacciatori-tiratori) il mio disappunto sulle nuove restrizioni proposte in materia di armi.
Trovo il provvedimento inutile e oneroso per chi vuole essere in regola con la legge, mentre a NULLA servirà per chi decide di delinquere con un arma che in ogni caso riuscirà ad ottenere tramite i canali della malavita.
Il fatto poi che il Governo emetta una norma sull’onda emotiva di un fatto sì truce, ma circoscritto, per di più senza consultare nessuna categoria di settore, la dice lunga sulla qualità politica e intellettuale delle nostre istituzioni.
Prevedere il nulla osta, sicuramente a pagamento, anche per la detenzione e visite periodiche più "stringenti", non impedirà a nessuno di fare una strage se questa è la sua vera "ambizione".

Recenti fatti di sangue hanno visto dottori dare il loro placet sulla “”sanità di mente”” per l’acquisto di armi da fuoco a persone che nella comunità locale erano ben note come psichicamente instabili, oppure, come il caso di Guidonia, hanno mostrato un lavoro a compartimenti stagni delle varie amministrazioni statali; l’esercito allontanava per turbe psichiche un suo uomo, ma non comunicava nulla alla Questura che avrebbe potuto ritirare immediatamente il porto d’armi al soggetto interessato, evitando così la strage.

C’è una costante in tutti questi fatti: tutti sapevano dei disturbi di questi "soggetti" ma nessuno è intervenuto.
Le tragedie sopra citate sarebbero state evitate se le norme già vigenti fossero state fatte rispettare come previsto dal loro contenuto medesimo.
A cosa serve complicare ulteriormente le norme quando lo Stato non è in grado di far rispettare quelle che già ha e non usa quelle più semplici, più scontate, del buon senso?
Questa nuova norma aumenterà a dismisura il lavoro delle Questure, i costi per i cittadini senza vantaggi diretti per alcuno.

Ma forse quello di aumentare i costi per i cittadini è il vero interesse di questo Stato.

Non è aumentando gli oneri per i cittadini e complicando gli adempimenti per le Questure che si potrà evitare l´inevitabile follia umana.
Dall’odierna proposta di restrizione sulle armi si evince solo un populismo spicciolo e scarsa serietà istituzionale.
Restrizioni che non identificano e fermano il soggetto affetto da turbe psichiche intenzionato a fare una strage.
Se il Ministro dell’Interno desidera veramente "…restituire tranquillità alla collettività...", come da nota introduttiva al provvedimento, renda le strutture esistenti più efficaci ed efficienti, dia strumenti concreti alle Forze di Polizia, dia alle Aziende Sanitarie Locali gli strumenti informativi adeguati per segnalare alle Questure o ai comandi C.C. eventuali anomalie comportamentali (assunzione di droghe, psicofarmaci, segni di disagio sociale ecc..), in modo che possano tempestivamente intervenire, obblighi i vari enti statali ed i privati a segnalare ogni persona affetta da turbe psichiche agli organi preposti, responsabilizzi i medici di base a “segnalare” i casi a rischio.



Arrow
Torna in cima
Anonymous

Ospite















MessaggioInviato: Mar Nov 27, 2007 2:25 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Citazione:


Il medico di famiglia è l´unico medico che conosce vita, morte e miracoli non solo del suo paziente, ma anche del contesto sociale e familiare in cui vive.
E´ lui che prescrive i farmaci e ha in mano la completa cartella sanitaria dei pazienti affetti da turbe psichiche; pertanto è sufficiente che il medico segnali realmente, pena sanzioni penali esemplari, all´autorità di P.S. i pazienti “”a rischio””.
Non solo, ma le Questure dovrebbero segnalare alle ASL l´elenco dei cittadini titolari di porto d´armi, in modo che quest’ultime provvedano ad informare ed allertare i singoli medici curanti che dovranno essere obbligati ad informare la ASL e la Questura su ogni possibile cambiamento della situazione fisico-psichico-attitudinale di un loro paziente titolare di porto d´armi.
In tal modo ci sarebbe un controllo costante, magari rafforzato dalla famosa visita collegiale ogni tre anni.
L´unico medico che sa tutto, anche il semplice pettegolezzo su un paziente, è il suo medico di famiglia e non uno psichiatra o un neurologo che lo vede per 5 minuti e nulla sa del contesto sociale e familiare in cui vive.

Non è mettendo una marca da bollo in più che si evita una strage.

Se la tendenza dello Stato è di togliere agli onesti cittadini l’uso sportivo e l’uso caccia delle armi da fuoco, sulla falsariga di quanto successo in altri Stati europei, Le rammento che proprio nella “”perfida Albione”” i malviventi, sicuri di non trovare una pericolosa resistenza da parte dell’inerme civile, hanno portato il numero di crimini a livelli inimmaginabili, enormemente superiore al numero di reati esistenti quando il povero cittadino poteva andare in poligono a divertirsi a far centro su un foglio di carta.
Si sa che il criminale non va in armeria a comprare una pistola, ha ben altri negozi dove rifornirsi ……… Albania ………. Montenegro ………….

In realtà mi sembra che settori del governo cerchino un “”neo proibizionismo oplofilo”” che non farà altro che emettere norme inutili, “norme da manifesto elettorale”, oltre al fatto di mettere al tappeto un’industria armiera, dalla secolare tradizione, mettendo alla porta una marea di famiglie che vivono grazie a questo mercato. Ha mai pensato all’indotto ?
Senza parlare della perdita di voti da parte di cittadini esasperati da leggi vessatorie che non portano ad alcun miglioramento.

Tutto questo perché in Italia le leggi vengono fatte “sull’onda emotiva”, perché non si è capaci, o non si ha la volontà, di rendere effettive le Leggi vigenti. Lo Stato italiano è il primo ad essere conscio della sua incapacità; infatti, non a caso, è costretto di tanto in tanto a emettere provvedimenti di grazia o di regimi alternativi al classico strumento di pena: il carcere.
Invito, in conclusione, a proporre un dialogo più serio e meno "emotivo" sulla materia, dialogando con le varie categorie di settore quali UITS, associazioni venatorie et simila. Forse ne potrà uscire un progetto meno vessatorio, meno populistico, più realistico e sicuramente più equilibrato e incline alla "tranquillità della collettività" di tutti i cittadini, oplofili e non.

___________, 26.11.2007


L’ELETTORE

Torna in cima
Anonymous

Ospite















MessaggioInviato: Mar Nov 27, 2007 6:05 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

io una letterina l'ho scritta.
un po di tempo fa partecipai a un progetto di proposta di legge... tutto quello che serviva sapere e applicare era descritto in 5 pagine... e a parere di diversi operatori era più completa della legislazione attuale... che bei sogni
Torna in cima
Anonymous

Ospite















MessaggioInviato: Mar Nov 27, 2007 6:29 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Ragazzi diamoci da fare con la letterina scritta..., anche "di là" è piaciuto il mio suggerimento di mandarla anche per posta tradizionale (sì, per questo argomento ho rotto "il voto del silenzio", in certi casi è necessario...).

Giustamente 1moa suggerisce di mandare a quel frescone del mortadella e al suo sottopanza con la faccia da topo..., come suggerimento mio suggerisco di indirizzare come segue:

Presidenza del Consiglio dei Ministri
All'attenzione del Presidente del Consiglio p.t.
Palazzo Chigi - Piazza Colonna, 370
00187 Roma RM

Ministero dell'Interno
All'attenzione del Ministro dell'Interno p.t.
Palazzo Viminale
Via Agostino Depretis 7
00184 Roma RM

dove p.t., per chi non lo sapesse, sta per "pro tempore". Questo perché nessuno possa trincerarsi dietro il fatto che era stato scritto a Prodi o ad Amato e che, cambiando eventualmente il governo o il ministro, la cosa non riguardi più il successore.

Ricordarsi anche, a tal riguardo, di firmarsi:

l'Elettore xxxyyy

Mi raccomando, fatelo e fatelo fare a tutti quelli che conoscete..., sennò è inutile lamentarsi quando non usano la vaselina... Evil or Very Mad
Torna in cima
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> LE ARMI E LA LEGGE. Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a pagina Precedente  1, 2, 3, 4  Successivo
Pagina 3 di 4

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Puoi scaricare files da questo forum





SPIRITO LIBERO E INDOMITO. IL FORUM DI CHI NON AMA CANTARE NEL CORO DEI PIU'. topic RSS feed 
Powered by MasterTopForum.com with phpBB © 2003 - 2008